Header CFTI

The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence under the following heading

Date Time Lat Lon Rel Io Imax Sites Nref Me Rme Location Country
10 11 142916:2038.18315.55b6.56.5100044.9MessinaItaly

Comments

Space-time parameters

The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence
(under the following heading:
Date time lat long Io Imax sites ref Earthquake Location
1429 11 10 16 20 -- 38.18 15.55 0.0 6.5 0 4 Messina


The revision was based on 4 accounts:
The results are summarized by 5 synoptic comments.

Previous catalogues and reasons of the corrections

The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence
(under the following heading:
Date time lat long Io Imax sites ref Earthquake Location
- - - - -


PFG = Catalogo dei terremoti italiani dall anno 1000 al 1980, PFG/CNR
ING = Catalogo dei terremoti italiani dal 1456 a.C. al 1980, ING

State of earthquakes review

Questo terremoto è sconosciuto alla tradizione dei cataloghi sismici in uso, ma è menzionato nel catalogo dei terremoti di area bizantina e delle regioni sotto l’influenza bizantina di Evangelatou-Notara (1993) (1). È analizzato in Guidoboni e Comastri (2005) (2), da cui è tratta questa scheda.
La fonte è una notula in margine al codice 103 (fol.25r) della Biblioteca Universitaria di Messina proveniente dal monastero del SS.Salvatore di Messina, pubblicata da Lampros (1922) (3). Per quanto riguarda la localizzazione dell’evento si può supporre, sulla base della provenienza del manoscritto, che il terremoto abbia colpito Messina.

Note

(1)
Evangelatou-Notara F.
I terremoti di Bisanzio dal 13º secolo al 15º. Ricerca storica (in greco).
Athena 1993
(2)
Guidoboni E. e Comastri A.
Catalogue of earthquakes and tsunamis in the Mediterranean area from the 11th to the 15th century.
Roma-Bologna 2005
(3)
Notula sul terremoto del 10 novembre 1429, in S.Lampros, Seconda raccolta di prodigi nei memoriali o nelle cronache, "Neos Ellenomnemon", vol.16, p.410 (in greco).
Athena 1922

Major earthquake effects

Il 10 novembre 1429, circa alle ore 16:20 GMT (le ore 24 secondo l’uso orario "all’italiana") un terremoto, definito "grande e spaventoso", colpì molto probabilmente Messina, dove cadde un merlo da una chiesa.

Bibliography

Author Title Text Value Text Date Place of publ.
Evangelatou-Notara F.I terremoti di Bisanzio dal 13º secolo al 15º. Ricerca storica (in greco).Catalogue1993Athena
Guidoboni E. e Comastri A.Catalogue of earthquakes and tsunamis in the Mediterranean area from the 11th to the 15th century.Catalogue-source2005Roma-Bologna
*Notula sul terremoto del 10 novembre 1429, in S.Lampros, Seconda raccolta di prodigi nei memoriali o nelle cronache, "Neos Ellenomnemon", vol.16, p.410 (in greco).Direct source1922Athena
SGARecupero e integrazione di informazioni su terremoti attualmente sconosciuti ai cataloghi, pt.1, RPT 227/00, Bologna luglio 2000 (rapporto inedito per INGV).Scientific bibliography2000

Felt Localities (1)

Locality Province Lat Lon Intensity
MessinaME38.186915.5492VI-VII

Il terremoto, definito "grande e spaventoso", causò il crollo di un merlo da una chiesa (1).

(1)
Notula sul terremoto del 10 novembre 1429, in S.Lampros, Seconda raccolta di prodigi nei memoriali o nelle cronache, "Neos Ellenomnemon", vol.16, p.410 (in greco).
Athena 1922