Header CFTI

The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence under the following heading

Date Time Lat Lon Rel Io Imax Sites Nref Me Rme Location Country
11 05 194706:32:1538.6516.517b8925400665.7!Calabria centraleItaly

Comments

Space-time parameters

The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence
(under the following heading:
Date time lat long Io Imax sites ref Earthquake Location
1947 05 11 06 32 15 38.65 16.52 0.0 9.0 0 66 Calabria centrale


The revision was based on 66 accounts:
The results are summarized by 269 synoptic comments.

Previous catalogues and reasons of the corrections

The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence
(under the following heading:
Date time lat long Io Imax sites ref Earthquake Location
CFT 1947 05 11 06:32 38.65 16.52 8.0 9.0 254 65 Calabria centrale
PFG 1947 05 11 06:32 38.70 16.57 9.0 - - - Mar Ionio


PFG = Catalogo dei terremoti italiani dall anno 1000 al 1980, PFG/CNR
ING = Catalogo dei terremoti italiani dal 1456 a.C. al 1980, ING

State of earthquakes review

È stata revisionata la bibliografia del Catalogo ed è stata sviluppata una ricerca bibliografica e archivistica. La documentazione ufficiale reperita all’Archivio Centrale dello Stato, all’Archivio di Stato di Catanzaro e all’Archivio del Genio Civile di Catanzaro ha contribuito a chiarire il quadro generale dell’evento, in precedenza assai scarsamente analizzato dall’ambiente sismologico. Nel fondo Ministero dell’Interno dell’Archivio Centrale dello Stato (serie Gabinetto, Telegrammi Ufficio Cifra) sono state reperite le informative del prefetto di Catanzaro, relative alla segnalazione dei danni causati dal terremoto nei paesi del versante ionico della provincia e alla richiesta di interventi di primo soccorso per le popolazioni danneggiate. Una segnalazione di danni, riguardante i comuni di Monasterace, Stilo, Bivongi, Pazzano e Camini, giunse anche dal prefetto di Reggio Calabria. Presso l’Archivio di Stato di Catanzaro (Prefettura) sono state individuate le relazioni dell’ufficio provinciale del Genio Civile sui lavori pubblici in corso nei mesi di giugno e luglio 1947, riguardanti, in particolare, la costruzione di ricoveri provvisori per i senzatetto di Isca sullo Ionio, Petrizzi, Badolato, Satriano, Sant’Andrea Apostolo dello Ionio, Santa Caterina dello Ionio, Stalettì, Guardavalle, Chiaravalle Centrale e Soverato. Di rilievo le pratiche e gli atti amministrativi conservati nell’Archivio del Genio Civile di Catanzaro: si tratta in prevalenza dei progetti di costruzione di alloggi stabili per le famiglie rimaste prive di casa nei paesi colpiti dal terremoto; in qualche caso (Isca sullo Ionio, Petrizzi, Badolato, Amaroni, Sant’Andrea Apostolo dello Ionio, Squillace, Davoli, Fossato Serralta, San Floro) le pratiche sono corredate dai risultati delle perizie eseguite per accertare l’abitabilità degli edifici danneggiati. Riscontri positivi sono stati ottenuti, in sede locale, negli archivi comunali di Cenadi, Centrache e Soveria Mannelli.
È stata analizzata la rassegna di notizie pubblicata da Agamennone (1948) (1), che utilizzò le cartoline di indagine macrosismica pervenute all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica di Roma; le informazioni che ne sono derivate hanno contribuito alla definizione del quadro dei risentimenti più esterni alla zona di maggiore danneggiamento. Sono state vagliate, inoltre, le cronache giornalistiche pubblicate dai quotidiani dell’epoca (8 testate). Gli studi più recenti sull’evento (Barbano et al. 1980 (2); Bottari et al. 1985 (3)) hanno tratto le informazioni sugli effetti dagli stessi materiali utilizzati da Agamennone e da rapporti interni, non pubblicati, prodotti da studiosi dell’ING, derivati dalle stesse fonti; non hanno, perciò, aggiunto notizie significative al quadro già noto.

Note

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(2)
Barbano M.S., Cosentino M., Lombardo G. e Patané G.
Isoseismal maps of Calabria and Sicily earthquakes (Southern Italy).
Catania 1980
(3)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

Effects in the social context

Il terremoto causò 4 morti e oltre 140 feriti; circa 1.300 famiglie rimasero senza abitazione. L’impatto sulla realtà socio-economica dei paesi danneggiati e sulla struttura amministrativa dello Stato fu accentuato dalla complessa situazione dei primi anni del secondo dopoguerra. La richiesta immediata di ricoveri per i senzatetto non poté essere soddisfatta che in minima parte; le sollecitazioni inoltrate dal prefetto di Catanzaro consigliarono il governo a richiedere l’aiuto delle autorità alleate per la fornitura di tende da campo. Il 7 ottobre 1947 fu emanato un decreto legge che stanziava un miliardo e mezzo di lire (a cui in sede di ratifica furono aggiunti altri 160 milioni) per finanziare la costruzione di alloggi stabili per le persone rimaste prive di casa, la riparazione o ricostruzione degli edifici di proprietà dello Stato, e per l’erogazione di un sussidio alle opere di riparazione o ricostruzione degli edifici di proprietà degli enti locali e dei privati, e degli edifici di culto. Tenendo conto della portata del danno subito, il Provveditorato regionale alle opere pubbliche della Calabria stabilì interventi di prima e di seconda urgenza. I lavori furono frazionati in vari progetti assegnati a diversi appaltatori, allo scopo di accelerare i tempi e di coinvolgere quanto più possibile l’imprenditoria edile locale. Le opere di ricostruzione furono concepite anche come uno strumento di intervento sul mercato del lavoro, caratterizzato in tutta l’area colpita da elevatissimi tassi di disoccupazione, che l’attività edilizia straordinaria si riprometteva di riassorbire in parte.

Concurrent natural and man-induced destructive events

Nella località di Sellia nei primi mesi del 1942, vi fu una serie di violenti nubifragi che alterarono profondamente il precario equilibrio degli instabili versanti sui quali era edificata parte del centro abitato. L’evento sismico accentuò i dissesti in quelle aree nelle quali le eccezionali evenienze atmosferiche avevano già causato danni di rilievo (1). Nei mesi successivi alla scossa principale ripetute e copiose precipitazioni atmosferiche aggravarono, in alcuni comuni, le condizioni di stabilità degli edifici danneggiati (2).

Note

(1)
Ducci A.
Geologia e litologia della regione di Sellia Superiore (Catanzaro) e loro rapporti con le frane, in "Bollettino del Servizio Geologico", a.71 (1947-49), pp.167-190.
Roma 1950
(2)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.116, fasc.668, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Sant’Andrea Apostolo dello Ionio rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 27 ottobre 1948.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.51, fasc.1143, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Fossato Serralta rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 marzo 1948.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.41, fasc.705, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Davoli rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 26 luglio 1948.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.64, fascc.914-919, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Isca sullo Ionio rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 22 luglio 1948.

Administrative historical affiliations

Gli enti direttamente coinvolti nel censimento e nella valutazione dei danni arrecati dal terremoto furono gli Uffici del Genio Civile di Catanzaro e Reggio Calabria. La ricostruzione fu gestita completamente dall’ufficio catanzarese del Provveditorato regionale alle Opere Pubbliche della Calabria (1).

Note

(1)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.8, fasc.642, Verbale di approvazione del Provveditorato Regionale alle Opere Pubbliche del progetto di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di Badolato, Catanzaro 19 agosto 1948.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.41, fasc.705, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Davoli rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 26 luglio 1948.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.28, fascc.690-691, Verbale di approvazione del Provveditorato Regionale alle Opere Pubbliche del progetto di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di Chiaravalle Centrale, Catanzaro 19 agosto 1948.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.60, fasc.936, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Guardavalle rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 1 marzo 1950.

Social and economic effects

Il Prefetto di Catanzaro nel comunicare al Ministero dell’Interno la prime notizie dell’evento, dispose l’invio di ambulanze e forze dell’ordine nei comuni colpiti (1). Il giorno successivo al terremoto richieste di erogazione immediata di sussidi ed invio di tende per ospitare le popolazioni furono inviate al Ministero dell’Interno, sia dalla autorità locali che da rappresentanti di partiti politici e di associazioni sindacali (2). Il Prefetto di Catanzaro, nel confermare alle autorità centrali la portata dei danni, soprattutto nella località di Isca sullo Ionio, fece richiesta di 1000-1500 tende per la sistemazione temporanea dei senzatetto e stimò necessari 150 milioni di lire per poter dare inizio alla costruzione di baraccamenti ed alle prime urgenti riparazioni. Lo stesso Prefetto si rivolse anche alle autorità civili ed ecclesiastiche del luogo per concordare i piani di intervento e di distribuzione degli aiuti (3). Si stabilì il trasferimento di parte dei detenuti del carcere di Catanzaro negli istituti di pena di Nicastro e Vibo Valentia al fine di evitare il ripetersi del tentativo di rivolta avvenuto il giorno successivo alla scossa principale (4). Nei giorni immediatamente successivi alla scossa la stampa riportò la notizia di un migliaio di famiglie rimaste senza tetto.

Note

(1)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16700, n.16750, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno Pubblica sicurezza e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.

(2)
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16899, Telegramma del segretario provinciale della Democrazia Cristiana di Catanzaro Spasari al ministro dell’Interno Scelba relativo alla richiesta di soccorso per i danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 12 maggio 1947.

Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16892, Telegramma del segretario della Camera del Lavoro di Catanzaro De Luca al Ministero dell’Interno relativo alla richiesta di soccorso per i danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 12 maggio 1947.

(3)
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16883, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gabinetto, al Ministero dell’Interno Gabinetto e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai provvedimenti in favore dei danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 12 maggio 1947.

(4)
Il Tempo, 1947.05.13.
Roma 1947

Institutional and administrative response

Il Prefetto di Catanzaro dispose il sopralluogo nei comuni colpiti dell’Ingegnere Capo del Genio Civile (1). Il Ministro dei Lavori Pubblici assegnò al Prefetto di Catanzaro la somma di 30 milioni di lire a titolo di pronto soccorso, in attesa che venisse accertata la reale entità dei danni. Gli accertamenti relativi al numero complessivo di fabbricati danneggiati o resi inabitabili, con questi ultimi suddivisi in edifici riparabili e non, furono condotti da tecnici inviati sul posto dal Ministero dei LL.PP. e secondo criteri di valutazione stabiliti dalla Direzione Generale dei Servizi Speciali di quel dicastero (2). Le richieste di tende per ricovero dei senzatetto non poterono essere espletate dalle autorità governative che in minima parte; le sollecitazioni inoltrate dal Prefetto di Catanzaro consigliarono il governo a richiedere l’aiuto delle autorità alleate per la fornitura di tende da campo (3).

Note

(1)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16700, n.16750, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno Pubblica sicurezza e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.

(2)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.106, fasc.996, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di San Floro rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro s.d.

Il Tempo, 1947.05.13.
Roma 1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16900, n.16970, Telegramma del ministro dei Lavori pubblici Sereni al Ministero dell’Interno Gabinetto e alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gabinetto relativo ai provvedimenti in favore dei danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Roma 13 maggio 1947.

(3)
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16900, n.16970, Telegramma del ministro dei Lavori pubblici Sereni al Ministero dell’Interno Gabinetto e alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gabinetto relativo ai provvedimenti in favore dei danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Roma 13 maggio 1947.

Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.19 (Telegrammi in arrivo dal 24 maggio al 2 giugno), fasc.18500, n.18596, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena al Ministero dell’Interno Gabinetto e al Ministero dei Lavori pubblici Gabinetto relativo alla richiesta di tende per il ricovero dei danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 30 maggio 1947.

Il Tempo, 1947.05.14.
Roma 1947

Reconstructions and relocations

Le relazioni relative all’andamento dei lavori pubblici, compilate dall’Ufficio del Genio Civile di Catanzaro per i mesi di giugno e luglio 1947, segnalarono che erano in corso la costruzione di ricoveri provvisori nelle località dell’area più colpita (1). L’Ufficio del Genio Civile, ai sensi dell’articolo 69 del Regolamento 25 maggio 1895, rilasciò, anche a tre anni di distanza dal terremoto, certificazioni di urgenza relative ai lavori di ricostruzione in alcune località.
La documentazione ufficiale reperita segnala che, in alcune località, i tempi della ricostruzione furono molto lunghi; in qualche caso le abitazioni per i danneggiati furono ultimate a dieci anni di distanza dall’evento sismico (2). Le relazioni tecniche dell’Ufficio del Genio Civile di Catanzaro evidenziarono che le stime prodotte nei giorni seguenti al terremoto, relative al numero di famiglie rimaste senza tetto, dovevano essere riviste in quanto gli eventi atmosferici della stagione invernale avevano compromesso la stabilità degli edifici danneggiati. Altri aggiustamenti, rispetto alle perizie della prima ora, si imponevano secondo l’Ufficio del Genio Civile di Catanzaro, in conseguenza dei vincoli che la legge 22 novembre 1937 n.2105, relativa alle norme edilizie per le aree sismiche, imponeva ai lavori di riparazione degli edifici danneggiati (3). Il Provveditorato regionale alle Opere Pubbliche della Calabria, che programmò i lavori della ricostruzione, suddivise in due categorie d’urgenza i progetti e le successive opere edilizie relative alle nuove abitazioni per i danneggiati. I criteri adottati per stabilire la classificazione tennero conto della portata del danno subito e delle condizioni socio-economiche delle famiglie: si definirono in tal modo i criteri d’intervento e si avviarono ricostruzioni di prima e di seconda urgenza. I lavori furono frazionati in vari progetti assegnati a diversi appaltatori allo scopo, secondo gli intendimenti manifestati dal Provveditorato regionale alle Opere Pubbliche della Calabria, di accelerare i tempi e di coinvolgere l’imprenditoria e la mano d’opera edile locale (4). I materiali utilizzati per le riparazioni e le ricostruzioni, al pari delle tipologie edilizie, furono scelti, secondo quanto attesta la documentazione ufficiale, rispettando la normativa stabilita dalla legge n.2105 1937 (5). Il Provveditorato regionale alle Opere Pubbliche della Calabria suddivise i nuovi fabbricati in diverse classi tipologiche, cinque delle quali vennero adottate per la località di Isca sullo Jonio: tipo A a semplice elevazione con quattro alloggi composti da un vano più gli accessori; tipo A a semplice elevazione con tre alloggi dei quali uno ad un solo vano e due con doppio vano più gli accessori; tipo B a doppia elevazione con dieci alloggi; tipo B a doppia elevazione con sei alloggi; tipo C a doppia elevazione con otto alloggi (6). Tuttavia non è riscontrabile dall’analisi dei verbali e delle perizie rinvenute l’uniformità dei materiali impiegati nelle diverse località (7); notevole influenza sull’andamento e le caratteristiche tecniche dei lavori esercitarono fattori economici quali il costo dei trasporti, della mano d’opera e dei alcuni materiali quali il ferro e il cemento (8). Il consistente numero di nuovi edifici da costruire per alloggiare i senza tetto e le precarie condizioni di stabilità dei suoli dove sorgeva il vecchio centro di Isca sullo Jonio, convinsero l’Ufficio Tecnico del Genio Civile della necessità di costruire le nuove abitazioni nei terreni posti a valle, in prossimità della costa e dello scalo ferroviario, dove si è in seguito sviluppato il centro di Isca Marina (9).

Note

(1)
Archivio di Stato di Catanzaro, Prefettura, coll.111, cat.13/1, Relazione ed elenco dei lavori pubblici in corso nel mese di giugno 1947 (periodo 27 maggio-26 giugno 1947), redatta dall’Ufficio provinciale del Genio Civile.

Archivio di Stato di Catanzaro, Prefettura, coll.111, cat.13/1, Genio civile, Relazione ed elenco dei lavori pubblici in corso nel mese di luglio 1947 (periodo 27 giugno-26 luglio 1947), redatta dall’Ufficio provinciale del Genio Civile.

(2)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.2, fasc.1359, Processo verbale di consegna dei lavori di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati della frazione San Giovanni del comune di Albi, San Giovanni 10 aprile 1950.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.86, fasc.704, Verbale di consegna dall’amministrazione dei Lavori Pubblici all’amministrazione comunale di Olivadi di un fabbricato destinato ai senza tetto del terremoto dell’11 maggio 1947, Olivadi 22 maggio 1951.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.114, fasc.674, Verbale di urgenza dell’ingegnere capo del Genio Civile relativo al progetto di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di San Sostene, Catanzaro 22 marzo 1950.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.121, fasc.790, Certificato di ultimazione dei lavori di costruzione di ricoveri stabili per terremotati nel comune di Satriano, Catanzaro 24 agosto 1957.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.28, fascc.690-691, Verbale di approvazione del Provveditorato Regionale alle Opere Pubbliche del progetto di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di Chiaravalle Centrale, Catanzaro 19 agosto 1948.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.60, fasc.936, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Guardavalle rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 1 marzo 1950.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.51, fasc.1143, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Fossato Serralta rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 marzo 1948.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.8, fasc.642, Verbale di approvazione del Provveditorato Regionale alle Opere Pubbliche del progetto di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di Badolato, Catanzaro 19 agosto 1948.

(3)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.106, fasc.996, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di San Floro rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro s.d.

(4)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.51, fasc.1143, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Fossato Serralta rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 marzo 1948.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.60, fasc.936, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Guardavalle rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 1 marzo 1950.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.28, fascc.690-691, Verbale di approvazione del Provveditorato Regionale alle Opere Pubbliche del progetto di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di Chiaravalle Centrale, Catanzaro 19 agosto 1948.

(5)
Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia, n.298, 27 dicembre 1937, supplemento ordinario, Regio Decreto-Legge 22 novembre 1937-XVI, n.2105, Norme tecniche di edilizia con speciali prescrizioni per le località colpite dai terremoti.
Roma 1937
(6)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.64, fascc.914-919, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Isca sullo Ionio rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 22 luglio 1948.

(7)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.86, fasc.704, Verbale di consegna dall’amministrazione dei Lavori Pubblici all’amministrazione comunale di Olivadi di un fabbricato destinato ai senza tetto del terremoto dell’11 maggio 1947, Olivadi 22 maggio 1951.

Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.3, fasc.994, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Amaroni rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 3 maggio 1950.

(8)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.64, fascc.914-919, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Isca sullo Ionio rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 22 luglio 1948.

(9)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.64, fascc.914-919, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Isca sullo Ionio rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 22 luglio 1948.

Theories and observations

P.E. Valle (1) prese in esame le anomalie della velocità di trasmissione delle onde longitudinali e trasversali prodotte dalla scossa principale, basando l’analisi sulle registrazioni strumentali di stazioni di rilevamento sismico europee e africane. L’autore riporta un succinto quadro dell’evento elaborato sulla base delle notizie macrosismiche pervenute all’Istituto Nazionale di Geofisica; commentando il sismo-cartogramma, egli valuta l’intensità massima della scossa principale all’VIII grado MCS, ponendo in evidenza «la irregolarità della distribuzione dell’intensità della scossa nei riguardi degli effetti macrosismici». Valle tracciò la carta dell’area nella quale la scossa fu accompagnata dalla percezione di un "rombo aereo" delimitandola verso nord.
L’analisi delle caratteristiche del terremoto dell’11 maggio 1947 fu inserita da G.M.Cameli (2) nel contesto più ampio di uno studio sulle particolarità evidenziate dalle misurazioni gravimetriche e dalle deduzioni sismo-tettoniche riguardanti l’istmo di Marcellinara. L’autore si impegnò nella definizione del "meccanismo ipocentrale" del terremoto, tentando di individuarne il piano di frattura. L’aspetto di maggiore interesse di questa ricerca è rappresentata dalla verifica dell’analisi matematica sui dati desunti dalle registrazioni strumentali. Il riscontro è condotto attraverso lo studio della sismicità storica della regione e delle sue caratteristiche orografiche, tettoniche e gravimetriche. In questo contesto l’autore attribuì alla scossa dell’11 maggio 1947 una intensità epicentrale dell’VIII grado MCS e concluse il proprio studio indicando il piano di frattura, mettendo in evidenza come lungo la stessa traccia si allinassero la maggior parte degli epicentri dei terremoti storici dell’istmo catanzarese.

Note

(1)
Valle P.E.
Contributo allo studio delle caratteristiche sismiche del Mediterraneo centro-orientale, in "Annali di Geofisica", vol.1 (1948), pp.266-278.
Roma 1948
(2)
Cameli G.M.
Contributo alle conoscenze sismotettoniche della regione istmica a sud di Catanzaro, in "Annali di Geofisica", vol.19 (1966), pp.243-258.
Roma 1966

Associated natural phenomena

Contemporaneamente alla scossa fu notata un’insolita agitazione delle acque e un lieve oscuramento del cielo della durata di pochi secondi nella località di Guardavalle (1). Le segnalazioni giunte attraverso le cartoline macrosismiche all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica sottolinearono episodi di irrequietezza negli animali domestici negli istanti che precedettero la scossa principale. Le stesse fonti rilevarono per più località dell’area epicentrale la contemporaneità di rombi aerei o sotterranei alla scossa principale (2).

Note

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(2)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Major earthquake effects

Il terremoto colpì il versante ionico della Calabria centrale, all’altezza del golfo di Squillace, danneggiando gravemente oltre 20 località della provincia di Catanzaro. Il paese più colpito fu Isca sullo Ionio, dove 295 case (circa 2/3 dell’abitato) crollarono o divennero inabitabili; crolli di abitazioni e gravi danni che resero inagibile parte del patrimonio edilizio furono rilevati a Badolato, Cenadi, Gasperina, Santa Caterina dello Ionio, Sant’Andrea Apostolo dello Ionio, Satriano, Stalettì. La documentazione prodotta dal Genio Civile per alcune delle località più colpite indica, complessivamente, 497 alloggi non abitabili, dei quali 364 non riparabili. Secondo dati della Prefettura di Catanzaro, pubblicati dalla stampa, 340 case furono distrutte e circa altrettante lesionate. In altre 100 località circa, compresi alcuni centri del versante tirrenico, si verificarono danni più leggeri. A Catanzaro la scossa causò il crollo di molti soffitti e lesionò diverse case dei rioni più popolari; a Vibo Valentia furono segnalate leggere lesioni in molte vecchie case. La scossa, a nord, fu sentita fortemente in numerose località della provincia di Cosenza; verso sud fu avvertita leggermente in alcuni centri della provincia di Messina.

Effects on the environment

Il terremoto accentuò l’instabilità dei terreni franosi su cui è edificato l’abitato di Sellia, aggravando i dissesti soprattutto nelle zone già danneggiate dai nubifragi del 1942.

Full Chronology Of The Earthquake Sequence

La scossa principale, verificatasi alle ore 6.32.15 (GMT) dell’11 maggio 1947, fu preceduta, secondo quanto riportò il Bollettino della Società Sismologica Italiana, da alcune scosse premonitrici. Repliche continuate si avvertirono nelle quarantotto ore successive alla scossa principale in tutta l’area epicentrale; il periodo sismico continuò fino al 15 maggio 1947 (1).
10 maggio 1947:
ore 23.40 (GMT), leggera scossa avvertita a Mongiana (2).
11 maggio 1947:
ore 1.00 circa (GMT), leggera scossa avvertita a Spadola (3);
tra le ore 1.00 e le ore 1.30 circa (GMT), due leggere scosse avvertite a Borgia (4);
ore 1.33 circa (GMT) scossa avvertita a Borgia e San Sostene (5);
ore 1.40 circa (GMT), mediocre e brevissima scossa avvertita a San Floro (6);
ore 1.45 circa (GMT), scossa avvertita a Borgia, Olivadi e San Sostene, in quest’ultima località svegliò molte persone addormentate e produsse tremolio di grandi oggetti (7);
ore 1.55 circa (GMT), scossa avvertita a San Floro (8);
ore 2.00 circa (GMT), leggera scossa avvertita da pochi a Dinami; la scossa fu molto forte verificatosi a Squillace e fu probabilmente avvertita anche a Torano Castello (9);
ore 2.20 circa (GMT), piccola scossa avvertita a Simeri e Crichi (10);
ore 2.35 circa (GMT), scossa avvertita ad Argusto (11);
ore 3.15 circa (GMT), scossa avvertita ad Argusto (12);
ore 6.32.15 (GMT), scossa principale classificata con intensità epicentrale di IX grado MCS (13);
ore 6.40 circa (GMT), replica avvertita a Magisano (14);
ore 7.00 circa (GMT), replica avvertita a Girifalco, Olivadi, Francavilla Angitola e Dasà (15);
ore 7.30 circa (GMT), mediocre replica avvertita a San Fili, Sant’Andrea Apostolo dello Ionio, Pizzoni e Scandale (16);
ore 8.12 circa (GMT), forte scossa di replica, accompagnata da rombi, avvertita ad Acquaro, dove causò la caduta di intonaci e lesioni negli edifici; all’incirca alla stessa ora si segnalarono repliche a Curinga, Carolei, Andali e San Pietro a Maida (17);
ore 8.25 circa (GMT), leggera scossa avvertita a Catanzaro, probabilmente avvertita anche a Soveria Simeri, circa alla stessa ora (8.30 GMT) vennero segnalate repliche a San Floro, Cropani e Aiello Calabro (18);
ore 8.35 circa (GMT), scossa di replica avvertita a Sant’Andrea Apostolo dello Ionio e ad Argusto (19);
ore 9.00 circa (GMT), replica avvertita a Francavilla Angitola (20);
ore 9.10 circa (GMT), replica avvertita a Cutro (21);
ore 9.33 circa (GMT), scossa di replica avvertita a Monterosso Calabro e San Sostene (22);
ore 9.40 circa (GMT), replica avvertita a Montauro (23);
ore 9.56 circa (GMT), replica avvertita a Catanzaro e a San Mango d’Aquino (24);
ore 10.47 circa (GMT), replica avvertita a Catanzaro e a San Floro (25);
ore 11.00 circa (GMT), replica avvertita a Catanzaro e a Casabona (26);
ore 11.20 circa (GMT), replica avvertita a Catanzaro, Marcellinara e a Sant’Andrea Apostolo dello Ionio (27);
ore 12.00 circa (GMT), moderata scossa di replica avvertita a Corigliano Calabro (28);
dalle ore 12.15 alle ore 12.45 (GMT) scosse di replica avvertite ad Acquaro e a Sant’Andrea Apostolo dello Ionio (29);
ore 13.18 circa (GMT), replica avvertita ad Andali (30);
ore 13.25 circa (GMT), leggera replica avvertita a Catanzaro (31);
ore 14.00 circa (GMT), leggera scossa avvertita a Melissa (32);
ore 14.30 circa (GMT), lievissima scossa avvertita a Crotone (33);
ore 15.00 circa (GMT), forte scossa di replica a Cirò Superiore, dove causò qualche piccola fenditura in alcune case; fu avvertita anche a Casabona e Umbriatico (34);
ore 18.30 circa (GMT), lieve scossa avvertita a Sant’Andrea Apostolo dello Ionio (35);
nel pomeriggio forte scossa avvertita a Bocchigliero dove causò la caduta di qualche comignolo e lievi fenditure in case di cattiva costruzione (36).
12 maggio 1947:
ore 0.00 circa (GMT), lieve replica avvertita a Scandale (37).
ore 21.00 (GMT), scossa di replica avvertita a Catanzaro (38).
13 maggio 1947:
ore 1.31 (GMT), intensa scossa di replica avvertita a Catanzaro (39).
ore 3.00 (GMT), scossa di replica avvertita a Catanzaro (40);
ore 14.30 circa (GMT), replica abbastanza forte avvertita a San Sostene (41).
14 maggio 1947:
ore 6.30 circa (GMT), leggera replica avvertita a San Nicola dell’Alto (42).
15 maggio 1947:
ore 14.30 circa (GMT), leggera replica avvertita a Calopezzati (43);
ore 15.10 circa (GMT), leggera replica avvertita a Campana (44).

Note

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
La Provincia Pavese, 1947.05.14, a.3, n.114.
Pavia 1947
Corriere del Po, 1947.05.13, n.113.
Ferrara 1947
(2)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(3)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(4)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(5)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(6)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(7)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(8)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(9)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(10)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(11)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(12)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(13)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Valle P.E.
Contributo allo studio delle caratteristiche sismiche del Mediterraneo centro-orientale, in "Annali di Geofisica", vol.1 (1948), pp.266-278.
Roma 1948
(14)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(15)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(16)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(17)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(18)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(19)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(20)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(21)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(22)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(23)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(24)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(25)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(26)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(27)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(28)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(29)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(30)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(31)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(32)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(33)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(34)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(35)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(36)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(37)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(38)
Corriere del Po, 1947.05.13, n.113.
Ferrara 1947
(39)
Corriere del Po, 1947.05.13, n.113.
Ferrara 1947
(40)
Corriere del Po, 1947.05.13, n.113.
Ferrara 1947
(41)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(42)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(43)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(44)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Bibliography

Author Title Text Value Text Date Place of publ.
Agamennone G.Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.Bulletin1948Roma
*Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16900, n.16970, Telegramma del ministro dei Lavori pubblici Sereni al Ministero dell’Interno Gabinetto e alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gabinetto relativo ai provvedimenti in favore dei danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Roma 13 maggio 1947.Direct source1947
*Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16900, n.16952, Telegramma del funzionario della Prefettura di Reggio Calabria Calenda al Ministero dei Lavori pubblici e al Ministero dell’Interno Gabinetto relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Reggio Calabria 12 maggio 1947.Direct source1947
*Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16883, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gabinetto, al Ministero dell’Interno Gabinetto e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai provvedimenti in favore dei danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 12 maggio 1947.Direct source1947
*Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16880, Telegramma del sindaco di Stalettì Stanizzi al Ministero dell’Interno relativo ai danni causati nel comune dal terremoto dell’11 maggio 1947, Stalettì 12 maggio 1947.Direct source1947
*Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16822, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministero dell’Interno Gabinetto e Pubblica sicurezza relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.Direct source1947
*Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16700, n.16750, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno Pubblica sicurezza e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.Direct source1947
*Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16892, Telegramma del segretario della Camera del Lavoro di Catanzaro De Luca al Ministero dell’Interno relativo alla richiesta di soccorso per i danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 12 maggio 1947.Direct source1947
*Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16899, Telegramma del segretario provinciale della Democrazia Cristiana di Catanzaro Spasari al ministro dell’Interno Scelba relativo alla richiesta di soccorso per i danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 12 maggio 1947.Direct source1947
*Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.19 (Telegrammi in arrivo dal 24 maggio al 2 giugno), fasc.18500, n.18596, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena al Ministero dell’Interno Gabinetto e al Ministero dei Lavori pubblici Gabinetto relativo alla richiesta di tende per il ricovero dei danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 30 maggio 1947.Direct source1947
*Archivio Comunale di Cenadi, Elenco abitazioni gravemente danneggiate e rese inabitabili dal terremoto del giorno 11 maggio 1947, Cenadi 13 luglio 1948.Direct source1948
*Archivio Comunale di Cenadi, Elenco delle abitazioni distrutte dal terremoto del giorno 11 maggio 1947, Cenadi 13 luglio 1948.Direct source1948
*Archivio Comunale di Centrache, Elenco dei fabbricati fortemente lesionati, parzialmente diroccati, inabitabili per mancanza di stabilità a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Centrache s.d.Direct sources.d.
*Archivio Comunale di Soveria Mannelli, Lettera dell’Ingegnere Capo del Genio Civile di Catanzaro al Sindaco relativa alle modalità di richiesta di contributi da parte dei danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 22 febbraio 1951.Direct source1951
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.106, fasc.996, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di San Floro rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro s.d.Direct sources.d.
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.114, fasc.674, Verbale di urgenza dell’ingegnere capo del Genio Civile relativo al progetto di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di San Sostene, Catanzaro 22 marzo 1950.Direct source1950
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.116, fasc.668, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Sant’Andrea Apostolo dello Ionio rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 27 ottobre 1948.Direct source1948
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.121, fasc.790, Certificato di ultimazione dei lavori di costruzione di ricoveri stabili per terremotati nel comune di Satriano, Catanzaro 24 agosto 1957.Direct source1957
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.139, fasc.1091, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Squillace rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro s.d.Direct sources.d.
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.28, fascc.690-691, Verbale di approvazione del Provveditorato Regionale alle Opere Pubbliche del progetto di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di Chiaravalle Centrale, Catanzaro 19 agosto 1948.Direct source1948
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.2, fasc.1359, Processo verbale di consegna dei lavori di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati della frazione San Giovanni del comune di Albi, San Giovanni 10 aprile 1950.Direct source1950
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.3, fasc.994, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Amaroni rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 3 maggio 1950.Direct source1950
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.41, fasc.705, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Davoli rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 26 luglio 1948.Direct source1948
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.51, fasc.1143, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Fossato Serralta rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 marzo 1948.Direct source1948
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.55, fasc.651, Processo verbale di consegna dei lavori di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di Gasperina, Gasperina 15 giugno 1950.Direct source1950
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.60, fasc.936, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Guardavalle rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 1 marzo 1950.Direct source1950
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.64, fascc.914-919, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Isca sullo Ionio rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 22 luglio 1948.Direct source1948
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.86, fasc.704, Verbale di consegna dall’amministrazione dei Lavori Pubblici all’amministrazione comunale di Olivadi di un fabbricato destinato ai senza tetto del terremoto dell’11 maggio 1947, Olivadi 22 maggio 1951.Direct source1951
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.8, fasc.642, Verbale di approvazione del Provveditorato Regionale alle Opere Pubbliche del progetto di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di Badolato, Catanzaro 19 agosto 1948.Direct source1948
*Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.92, fasc.318, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Petrizzi rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 14 febbraio 1948.Direct source1948
*Archivio di Stato di Catanzaro, Prefettura, coll.111, cat.13/1, Genio civile, Relazione ed elenco dei lavori pubblici in corso nel mese di luglio 1947 (periodo 27 giugno-26 luglio 1947), redatta dall’Ufficio provinciale del Genio Civile.Direct source1947
*Archivio di Stato di Catanzaro, Prefettura, coll.111, cat.13/1, Relazione ed elenco dei lavori pubblici in corso nel mese di giugno 1947 (periodo 27 maggio-26 giugno 1947), redatta dall’Ufficio provinciale del Genio Civile.Direct source1947
Barbano M.S., Cosentino M., Lombardo G. e Patané G.Isoseismal maps of Calabria and Sicily earthquakes (Southern Italy).Scientific bibliography1980Catania
Boschi E., Ferrari G., Gasperini P., Guidoboni E., Smriglio G. e Valensise G.Catalogo dei forti terremoti in Italia dal 461 a.C. al 1980, ING-SGA.Catalogue1995Bologna
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.Scientific bibliography1985Roma
Cameli G.M.Contributo alle conoscenze sismotettoniche della regione istmica a sud di Catanzaro, in "Annali di Geofisica", vol.19 (1966), pp.243-258.Scientific bibliography1966Roma
Carrozzo M.T., Cosentino M., Ferlito A., Giorgetti F., Patané G. e Riuscetti M.Earthquakes catalogue of Calabria and Sicily (1783-1973), CNR, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», vol.93.Catalogue1975Roma
Chiodo G., Currà M.F., Moretti A. e Guerra I.Osservazioni sulla sismicità del Mar Ionio occidentale, in "Atti del 13.o Convegno", Roma 28-30 novembre 1994, CNR-GNGTS, vol.2, pp.915-926.Scientific bibliography1995Roma
*Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).Indirect source1947Ferrara
*Corriere del Po, 1947.05.13, n.113.Indirect source1947Ferrara
Ducci A.Geologia e litologia della regione di Sellia Superiore (Catanzaro) e loro rapporti con le frane, in "Bollettino del Servizio Geologico", a.71 (1947-49), pp.167-190.Scientific bibliography1950Roma
*Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.Indirect source1947Roma
*Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.Indirect source1951Roma
*Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia, n.298, 27 dicembre 1937, supplemento ordinario, Regio Decreto-Legge 22 novembre 1937-XVI, n.2105, Norme tecniche di edilizia con speciali prescrizioni per le località colpite dai terremoti.Direct source1937Roma
*Giornale di Sicilia, 1947.05.13.Indirect source1947Palermo
*Giornale di Sicilia, 1947.05.14.Indirect source1947Palermo
*Giornale di Sicilia, 1947.05.15.Indirect source1947Palermo
*Giornale di Sicilia, 1947.05.17.Indirect source1947Palermo
*Il Tempo, 1947.05.13.Indirect source1947Roma
*Il Tempo, 1947.05.14.Indirect source1947Roma
*Il Tempo, 1947.15.12.Indirect source1947Roma
*Intervista con il signor G.Chillà di Squillace sul terremoto dell’11 maggio 1947 registrata a cura di SGA, Squillace 12 settembre 1990.Direct source1990
*Intervista con la signora A.Chillà di Dasà sul terremoto dell’11 maggio 1947 registrata a cura di SGA, Squillace 12 settembre 1990.Direct source1990
Kárník V.Seismicity of the European Area, 2 voll.Catalogue1968Dordrecht
*La Provincia Pavese, 1947.05.14, a.3, n.114.Indirect source1947Pavia
*L’Ora, 1947.05.13.Indirect source1947Palermo
*L’Ora, 1947.05.14.Indirect source1947Palermo
Manzi E. e Ruggiero V.La casa rurale nella Calabria (Ricerche sulle dimore rurali in Italia, vol.31).Scientific bibliography1987Firenze
*Risorgimento, 1947.05.13.Indirect source1947Napoli
*Risorgimento, 1947.05.14.Indirect source1947Napoli
*Risorgimento, 1947.05.16.Indirect source1947Napoli
*Roma, 1947.05.12.Indirect source1947Napoli
*Roma, 1947.05.13.Indirect source1947Napoli
*Roma, 1947.05.14.Indirect source1947Napoli
*Tempo, settimanale illustrato, 1947.05.24/31, a.9, n.21.Indirect source1947Roma
Valle P.E.Contributo allo studio delle caratteristiche sismiche del Mediterraneo centro-orientale, in "Annali di Geofisica", vol.1 (1948), pp.266-278.Scientific bibliography1948Roma

Felt Localities (254)

Locality Province Lat Lon Intensity
Isca sullo IonioCZ38.600316.5194IX

La scossa fu distruttiva e causò il crollo completo della chiesa e di molte case, altre furono gravemente lesionate; si registrarono 4 morti e una trentina di feriti (1). Secondo la stampa dell’epoca crollarono 300 case e altre furono rese inabitabili per un totale di 400 famiglie senzatetto (2). Il Prefetto di Catanzaro, il giorno successivo alla scossa, comunicò al Ministero dell’Interno che 2/3 delle abitazioni del paese erano da ritenersi completamente distrutte o non riparabili, e il rimanente risultava inabitabile (3). Le perizie ufficiali redatte dall’Ufficio del Genio Civile di Catanzaro riportarono le cifre di 295 alloggi resi inabitabili, 195 dei quali non riparabili (4). Studi recenti avanzano l’ipotesi secondo la quale fattori connessi con la geomorfologia del suolo su cui sorgeva l’abitato, avrebbero contribuito ad amplificare l’entità dei danni causati dal terremoto (5).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16700, n.16750, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno Pubblica sicurezza e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.
1947
(2)
Il Tempo, 1947.05.13.
Roma 1947
(3)
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16883, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gabinetto, al Ministero dell’Interno Gabinetto e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai provvedimenti in favore dei danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 12 maggio 1947.
1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16822, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministero dell’Interno Gabinetto e Pubblica sicurezza relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.
1947
(4)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.64, fascc.914-919, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Isca sullo Ionio rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 22 luglio 1948.
1948
(5)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

BadolatoCZ38.568116.5239VIII

La scossa causò gravi lesioni in molte case (1). Secondo la stampa dell’epoca furono danneggiate 50 case e molte altre rese inabitabili. Le perizie ufficiali verificarono la presenza di 28 alloggi danneggiati e non più riparabili (2). Vi furono 7 feriti e 300 famiglie rimasero senzatetto (3).

(1)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16700, n.16750, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno Pubblica sicurezza e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.
1947
(2)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.8, fasc.642, Verbale di approvazione del Provveditorato Regionale alle Opere Pubbliche del progetto di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di Badolato, Catanzaro 19 agosto 1948.
1948
(3)
Il Tempo, 1947.05.13.
Roma 1947

CenadiCZ38.718316.4144VIII

Il terremoto causò il crollo di 7 case e danneggiò gravemente altre 11 abitazioni, secondo quanto attestò la documentazione prodotta dalle autorità municipali (1).

(1)
Archivio Comunale di Cenadi, Elenco delle abitazioni distrutte dal terremoto del giorno 11 maggio 1947, Cenadi 13 luglio 1948.
1948
Archivio Comunale di Cenadi, Elenco abitazioni gravemente danneggiate e rese inabitabili dal terremoto del giorno 11 maggio 1947, Cenadi 13 luglio 1948.
1948

GasperinaCZ38.738616.5075VIII

La scossa fu rovinosa, lesionò gli edifici, rendendone pericolanti una decina, in seguito demoliti; il terremoto fece crollare tre edifici nelle campagne circostanti; contemporaneamente alla scossa si udirono rombi (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947

Santa Caterina dello IonioCZ38.533616.5214VIII

La scossa fece crollare 2 case, altre 52 subirono larghe e profonde lesioni e divennero in gran parte inabitabili; crollò una navata della chiesa Madre; si registrarono un morto e tre feriti (1).

(1)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16700, n.16750, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno Pubblica sicurezza e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.
1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16822, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministero dell’Interno Gabinetto e Pubblica sicurezza relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.
1947

Sant’Andrea Apostolo dello IonioCZ38.621916.5281VIII

La scossa rovinosa causò il crollo di una navata della chiesa e di molte case, in un grande numero di edifici si ebbero lesioni (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16700, n.16750, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno Pubblica sicurezza e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.
1947
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.116, fasc.668, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Sant’Andrea Apostolo dello Ionio rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 27 ottobre 1948.
1948

SatrianoCZ38.666716.4817VIII

La scossa molto forte causò gravi danni agli edifici: 30 abitazioni subirono crolli parziali, 20 divennero pericolanti. Furono costruiti alloggi per i danneggiati rimasti senza tetto (1).

(1)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.121, fasc.790, Certificato di ultimazione dei lavori di costruzione di ricoveri stabili per terremotati nel comune di Satriano, Catanzaro 24 agosto 1957.
1957
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16700, n.16750, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno Pubblica sicurezza e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.
1947

StalettìCZ38.764216.54VIII

La scossa fu rovinosa ed accompagnata da rombo; crollarono parzialmente alcune case e si aprirono lesioni di grande entità in tutte le altre (1). Il sindaco segnalò al Ministero dell’Interno la distruzione di alcuni edifici, molti furono resi inabitabili; si ebbe a lamentare qualche ferito (2).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(2)
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16880, Telegramma del sindaco di Stalettì Stanizzi al Ministero dell’Interno relativo ai danni causati nel comune dal terremoto dell’11 maggio 1947, Stalettì 12 maggio 1947.
1947

ArgustoCZ38.678916.4364VII-VIII

Scossa rovinosa che causò gravi lesioni negli edifici; 10 case furono lesionate e una divenne pericolante (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16700, n.16750, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno Pubblica sicurezza e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.
1947

BorgiaCZ38.825316.5103VII-VIII

La scossa fu rovinosa, venne preceduta ed accompagnata da rombi e aprì fenditure in alcuni casi gravi negli edifici; si verificarono crolli parziali in qualche casa senza causare vittime (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CentracheCZ38.728316.4297VII-VIII

Il terremoto fu rovinoso; nella documentazione prodotta dalle autorità comunali furono elencati 45 edifici inabitabili perché fortemente lesionati o parzialmente crollati (1).

(1)
Archivio Comunale di Centrache, Elenco dei fabbricati fortemente lesionati, parzialmente diroccati, inabitabili per mancanza di stabilità a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Centrache s.d.
s.d.

Chiaravalle CentraleCZ38.680316.4122VII-VIII

La scossa fu rovinosa e causò la caduta di comignoli e numerose lesioni negli edifici alcuni dei quali furono resi inabitabili (1). I giornali dell’epoca riportarono la notizia di danni alla chiesa Madre; 5 case divennero pericolanti e 20 famiglie rimasero senza tetto (2).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16700, n.16750, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno Pubblica sicurezza e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.
1947
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.28, fascc.690-691, Verbale di approvazione del Provveditorato Regionale alle Opere Pubbliche del progetto di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di Chiaravalle Centrale, Catanzaro 19 agosto 1948.
1948
(2)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947

DavoliCZ38.649416.485VII-VIII

La scossa fu molto forte e causò il crollo parziale di alcuni edifici e gravi lesioni in altri (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947

GuardavalleCZ38.504716.505VII-VIII

La scossa fu rovinosa; si aprirono fenditure in quasi tutti gli edifici, in tutte le costruzioni caratterizzate da scadenti tipologie edilizie e in molte altre ben costruite le lesioni furono gravi. Ventiquattro famiglie, per ordine del Genio Civile, dovettero abbandonare le loro abitazioni (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Monterosso CalabroVV38.716716.2886VII-VIII

Il terremoto fu rovinoso e danneggiò tutte le case, un quarto delle quali gravemente (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

OlivadiCZ38.724416.4233VII-VIII

Il terremoto fu molto forte e accompagnato da rombi aerei, lesionò gravemente le case, venti delle quali furono rese inabitabili (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.86, fasc.704, Verbale di consegna dall’amministrazione dei Lavori Pubblici all’amministrazione comunale di Olivadi di un fabbricato destinato ai senza tetto del terremoto dell’11 maggio 1947, Olivadi 22 maggio 1951.
1951

PetrizziCZ38.700616.4733VII-VIII

La scossa causò lesioni, anche di grave entità, in molte case (1). La perizia di accertamento dei danni redatta dal Genio Civile segnalò 54 alloggi non abitabili, dei quali 48 non riparabili (2).

(1)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947
(2)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.92, fasc.318, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Petrizzi rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 14 febbraio 1948.
1948

San FloroCZ38.836916.5192VII-VIII

La scossa rovinosa causò fenditure anche gravi in molte case e la caduta di parti di edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.106, fasc.996, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di San Floro rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro s.d.
s.d.

San SosteneCZ38.635616.4867VII-VIII

La scossa fu rovinosa, preceduta e accompagnata da rombi aerei; si aprirono fenditure in tutte le case, gravi in alcune e qualche edificio crollò parzialmente; il terremoto causò una vittima (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.114, fasc.674, Verbale di urgenza dell’ingegnere capo del Genio Civile relativo al progetto di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati del comune di San Sostene, Catanzaro 22 marzo 1950.
1950

Soverato SuperioreCZ38.688116.53VII-VIII

La scossa causò lesioni e ingenti danni in molte case (1).

(1)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947
Il Tempo, 1947.05.13.
Roma 1947

SquillaceCZ38.780616.5189VII-VIII

La scossa fu rovinosa e lesionò moltissime case, provocando il crollo parziale di alcune abitazioni (1), in moltissime si osservarono lesioni generalizzate di grande entità (2). Gli alloggi dichiarati inabitabili, secondo la documentazione ufficiale, furono 17, dei quali 11 da demolirsi completamente (3).

(1)
Intervista con il signor G.Chillà di Squillace sul terremoto dell’11 maggio 1947 registrata a cura di SGA, Squillace 12 settembre 1990.
1990
(2)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(3)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.139, fasc.1091, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Squillace rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro s.d.
s.d.

VallefioritaCZ38.775316.4603VII-VIII

La scossa fu rovinosa e accompagnata da rombi sotterranei; si aprirono gravi fenditure in moltissime case e si ebbero crolli parziali in alcuni edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

AlbiCZ39.023916.5967VII

La scossa, molto forte, causò lesioni negli edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

AmaroniCZ38.792216.4464VII

Il terremoto fu molto forte e causò danni agli edifici (1); la documentazione prodotta dal Genio Civile comprovò l’esistenza di 25 alloggi non abitabili dei quali 21 da ricostruirsi completamente (2).

(1)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16700, n.16750, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno Pubblica sicurezza e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.
1947
(2)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.3, fasc.994, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Amaroni rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 3 maggio 1950.
1950

AndaliCZ39.012516.7703VII

La scossa fu molto forte e danneggiò l’abitato (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

BelcastroCZ39.016916.7853VII

Il terremoto fu molto forte e causò gravi fenditure negli edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

BivongiRC38.482216.4528VII

I giornali dell’epoca riportarono la notizia di danni agli edifici (1); confermata dalle comunicazioni ufficiali che intercorsero tra l’autorità prefettizia di Reggio Calabria ed il Ministero dell’Interno (2).

(1)
Il Tempo, 1947.05.13.
Roma 1947
(2)
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16900, n.16952, Telegramma del funzionario della Prefettura di Reggio Calabria Calenda al Ministero dei Lavori pubblici e al Ministero dell’Interno Gabinetto relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Reggio Calabria 12 maggio 1947.
1947

CaminiRC38.431416.4828VII

Le comunicazioni ufficiali che intercorsero tra l’autorità prefettizia di Reggio Calabria ed il Ministero dell’Interno attestarono il verificarsi di danni agli edifici (1).

(1)
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16900, n.16952, Telegramma del funzionario della Prefettura di Reggio Calabria Calenda al Ministero dei Lavori pubblici e al Ministero dell’Interno Gabinetto relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Reggio Calabria 12 maggio 1947.
1947

CapistranoVV38.691716.2892VII

La scossa fu rovinosa e causò gravi fenditure anche in edifici di buona costruzione (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CardinaleCZ38.641916.3872VII

Il terremoto fu molto forte e danneggiò l’abitato (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

CatanzaroCZ38.914216.5858VII

Il terremoto fu molto forte, causò panico nella popolazione, lesioni in molte case e crolli parziali (1).

(1)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947

CicalaCZ39.021116.4861VII

La scossa fu molto forte e causò lesioni in molti fabbricati; il terremoto fu accompagnato da rombi sotterranei (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CortaleCZ38.838116.4114VII

La scossa fu molto forte e causò la caduta di comignoli e l’apertura di fenditure di grave entità negli edifici di non buona costruzione (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CotroneiKR39.158316.7781VII

La località venne inserita, ai sensi del Decreto Legge del 7 ottobre 1947 e successive modificazioni, tra quelle danneggiate della provincia di Catanzaro (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

CropaniCZ38.967216.7819VII

La scossa fu molto forte, avvertita da tutti e causò l’apertura di lesioni in alcune case; fu accompagnata da rombi sotterranei (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CuringaCZ38.825616.3131VII

La scossa fu molto forte e causò lesioni anche gravi in molti edifici; il terremoto fu preceduto da rombi (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Feroleto AnticoCZ38.961716.3878VII

Il terremoto fu molto forte e causò l’apertura di molte fenditure in diversi edifici, tra questi la chiesa Madre e il municio; la scossa fu accompagnata da un lieve rombo (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

FiladelfiaVV38.783116.2919VII

La scossa fu forte e causò l’apertura di lesioni in alcuni fabbricati (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Fossato SerraltaCZ38.99516.58VII

Il terremoto fu molto forte, causò la caduta generalizzata di calcinacci e lesioni gravi in alcuni edifici, che successivamente furono demoliti; contemporaneamente alla scossa si udirono rombi aerei (1). Gli alloggi dichiarati inabitabili dall’Ufficio del Genio Civile di Catanzaro furono 28, tutti giudicati non riparabili (2).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(2)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.51, fasc.1143, Progetto relativo alla costruzione di ricoveri stabili per le famiglie del comune di Fossato Serralta rimaste senza tetto a causa del terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 marzo 1948.
1948

Francavilla AngitolaVV38.777216.2706VII

La scossa molto forte aprì lesioni gravi in alcune case (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

GagliatoCZ38.675616.4619VII

La scossa causò lesioni in molte case (1).

(1)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947

GimiglianoCZ38.972816.5269VII

La scossa fu molto forte: aprì fenditure nella case e causò il crollo parziale della volta della chiesa di S.Maria Assunta in Cielo; contemporaneamente alla scossa si udì un rombo sotterraneo (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

GirifalcoCZ38.822216.4247VII

La scossa fu molto forte e causò fenditure anche grandi in molte case; il terremoto fu preceduto ed accompagnato da rombi (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

JacursoCZ38.845616.38VII

Il terremoto, accompagnato da rombi, fu molto forte e causò fenditure in molti edifici caratterizzati sia da buone che da scadenti tipologie edilizie (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

LimbadiVV38.555315.9661VII

Il terremoto, molto forte e accompagnato da rombo, aprì numerosissime lesioni negli edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MaidaCZ38.857516.3644VII

Il terremoto fu molto forte e danneggiò molti edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MaieratoVV38.706116.1908VII

Il terremoto fu molto forte e causò lesioni alle case (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MarcellinaraCZ38.927816.4939VII

Il terremoto, accompagnato da rombo, fu molto forte, aprì gravi fenditure in alcune case ben costruite e lesioni di lieve entità in molte altre (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MonasteraceRC38.452816.5514VII

I giornali dell’epoca riportarono la notizia di danni agli edifici con gravi lesioni alla chiesa Madre e il crollo di un muro nella chiesa di S.Andrea (1).

(1)
Il Tempo, 1947.05.13.
Roma 1947
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16900, n.16952, Telegramma del funzionario della Prefettura di Reggio Calabria Calenda al Ministero dei Lavori pubblici e al Ministero dell’Interno Gabinetto relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Reggio Calabria 12 maggio 1947.
1947

MongianaVV38.512816.3189VII

Il terremoto, preceduto da rombi sotterranei, fu molto forte e causò lesioni di varia entità nella maggior parte delle case, una delle quali fu resa inabitabile; fenditure si aprirono anche nell’edificio scolastico e negli uffici municipali (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MontauroCZ38.746916.5117VII

La scossa causò lesioni in molte case (1).

(1)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947

MontepaoneCZ38.722216.4969VII

La scossa causò lesioni in molte case (1).

(1)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947

NardodipaceVV38.471716.3428VII

Il terremoto fu forte e preceduto da rombo sotterraneo, lesionò molte case (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

PazzanoRC38.47516.4517VII

I giornali dell’epoca riportarono la notizia di danni agli edifici (1); confermata dalle comunicazioni ufficiali che intercorsero tra l’autorità prefettizia di Reggio Calabria ed il Ministero dell’Interno (2).

(1)
Il Tempo, 1947.05.13.
Roma 1947
(2)
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16900, n.16952, Telegramma del funzionario della Prefettura di Reggio Calabria Calenda al Ministero dei Lavori pubblici e al Ministero dell’Interno Gabinetto relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Reggio Calabria 12 maggio 1947.
1947

PianopoliCZ38.953616.3886VII

La scossa fu molto forte e causò gravi lesioni in alcune case e l’apertura di piccole fenditure in molti edifici; in alcune case di campagna si registrarono crolli parziali (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

PizzoVV38.733316.1586VII

La scossa fu molto forte e causò l’apertura di fenditure di varia entità in diversi edifici, una casa già pericolante crollò (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

PizzoniVV38.622516.2519VII

La scossa, accompagnata da rombi sotterranei, fu molto forte e causò danni (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

PoliaVV38.750616.3117VII

Il terremoto fu molto forte e aprì fenditure anche di grave entità in quasi tutti gli edifici del paese; in concomitanza con la scossa si udirono rombi sotterranei (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Roccella JonicaRC38.323616.4047VII

I giornali dell’epoca riportarono la notizia di danni ai fabbricati (1).

(1)
Il Tempo, 1947.05.13.
Roma 1947

San GiovanniCZ39.018116.5936VII

Il terremoto fu molto forte e causò lesioni anche gravi ad alcuni edifici; furono costruiti 4 alloggi per le famiglie rimaste senza tetto (1).

(1)
Archivio del Genio Civile di Catanzaro, cass.2, fasc.1359, Processo verbale di consegna dei lavori di costruzione di ricoveri stabili per i terremotati della frazione San Giovanni del comune di Albi, San Giovanni 10 aprile 1950.
1950

San Nicola da CrissaVV38.662516.2847VII

Il terremoto, accompagnato da un "rombo aereo", fu molto forte e danneggiò l’abitato (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San Pietro ApostoloCZ39.003316.4692VII

La scossa fu molto forte e causò lesioni anche di grave entità in molte case (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Soriano CalabroVV38.597516.2297VII

Il terremoto molto forte, accompagnato da rombi aerei, causò gravi danni in diverse case ed il crollo parziale di una di esse (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Soveria MannelliCZ39.083316.3706VII

La scossa fu forte e causò molte lesioni negli edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Archivio Comunale di Soveria Mannelli, Lettera dell’Ingegnere Capo del Genio Civile di Catanzaro al Sindaco relativa alle modalità di richiesta di contributi da parte dei danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 22 febbraio 1951.
1951

SpilingaVV38.627215.9044VII

Un "rombo aereo" accompagnò il forte terremoto che causò lesioni, alcune gravi, in molti edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

StiloRC38.476716.4678VII

I giornali dell’epoca riportarono la notizia di danni agli edifici (1), confermata dalle comunicazioni ufficiali che intercorsero tra l’autorità prefettizia di Reggio Calabria ed il Ministero dell’Interno (2).

(1)
Il Tempo, 1947.05.13.
Roma 1947
(2)
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16900, n.16952, Telegramma del funzionario della Prefettura di Reggio Calabria Calenda al Ministero dei Lavori pubblici e al Ministero dell’Interno Gabinetto relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Reggio Calabria 12 maggio 1947.
1947

TirioloCZ38.946716.5086VII

La scossa molto forte, accompagnata da un contemporaneo rombo sotterraneo, produsse caduta di calcinacci e numerose lesioni agli edifici, diverse case risultarono inabitabili (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

AcquaroVV38.55516.1892VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

AmatoCZ38.941716.4628VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

ArenaVV38.562216.2086VI-VII

La località venne inserita, ai sensi del Decreto Legge del 7 ottobre 1947 e successive modificazioni, tra quelle danneggiate della provincia di Catanzaro (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

BrognaturoVV38.601716.3414VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

Caraffa di CatanzaroCZ38.880316.4861VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

CarlopoliCZ39.055316.4558VI-VII

La scossa fu forte, accompagnata da rombo ed aprì fenditure in molte case (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Catanzaro MarinaCZ38.821416.6131VI-VII

Il terremoto fu molto forte, causò panico nella popolazione e danni nelle abitazioni (1).

(1)
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16700, n.16750, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno Pubblica sicurezza e al Ministero dei Lavori pubblici relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.
1947
Il Tempo, 1947.15.12.
Roma 1947
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947

CauloniaRC38.380816.4086VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

Conflenti SuperioreCZ39.066916.2928VI-VII

Il terremoto fu forte ed aprì lesioni negli edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CutroKR39.032516.9822VI-VII

Il terremoto fu forte e causò il distacco di intonaci ed il crollo di cornicioni oltre all’apertura di fenditure in vecchie compagini murarie di alcune case (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

DasàVV38.564216.1958VI-VII

La scossa fu molto forte e causò la caduta di oggetti e calcinacci e l’apertura di fenditure negli edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Intervista con la signora A.Chillà di Dasà sul terremoto dell’11 maggio 1947 registrata a cura di SGA, Squillace 12 settembre 1990.
1990

FabriziaVV38.486116.2989VI-VII

La località venne inserita, ai sensi del Decreto Legge del 7 ottobre 1947 e successive modificazioni, tra quelle danneggiate della provincia di Catanzaro (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

FilogasoVV38.680616.2281VI-VII

La località venne inserita, ai sensi del Decreto Legge del 7 ottobre 1947 e successive modificazioni, tra quelle danneggiate della provincia di Catanzaro (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

FrancicaVV38.615816.0992VI-VII

La località venne inserita, ai sensi del Decreto Legge del 7 ottobre 1947 e successive modificazioni, tra quelle danneggiate della provincia di Catanzaro (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

GerocarneVV38.586716.2189VI-VII

La località venne inserita, ai sensi del Decreto Legge del 7 ottobre 1947 e successive modificazioni, tra quelle danneggiate della provincia di Catanzaro (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

MagisanoCZ39.012516.6275VI-VII

La scossa fu forte e causò lesioni negli edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MesoracaKR39.077216.7892VI-VII

La località venne inserita, ai sensi del Decreto Legge del 7 ottobre 1947 e successive modificazioni, tra quelle danneggiate della provincia di Catanzaro (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

MiglierinaCZ38.946916.4714VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

Motta Santa LuciaCZ39.090816.2897VI-VII

La località venne inserita, ai sensi del Decreto Legge del 7 ottobre 1947 e successive modificazioni, tra quelle danneggiate della provincia di Catanzaro (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

NicastroCZ38.973916.3181VI-VII

La località venne inserita, ai sensi del Decreto Legge del 7 ottobre 1947 e successive modificazioni, tra quelle danneggiate della provincia di Catanzaro (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

PalermitiCZ38.7516.4539VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

Petilia PolicastroKR39.111416.7886VI-VII

La località venne inserita, ai sensi del Decreto Legge del 7 ottobre 1947 e successive modificazioni, tra quelle danneggiate della provincia di Catanzaro (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

PetronàCZ39.042816.7583VI-VII

Il terremoto fu forte e causò l’apertura di fenditure di varia entità in alcune case (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

PlacanicaRC38.413316.4506VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

PlataniaCZ39.005316.32VI-VII

Il terremoto, preceduto da rombi, fu forte e causò la caduta di oggetti e calcinacci, aprendo lesioni in alcuni edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

RiaceRC38.417816.4819VI-VII

La località fu inserita nell’elenco ufficiale dei comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

San Costantino CalabroVV38.630816.0731VI-VII

La scossa fu forte ed accompagnata da rombo; si aprirono fenditure nella case di cattiva costruzione e cadde una casa colonica costruita su terreno instabile (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San Gregorio d’IpponaVV38.642816.1044VI-VII

La scossa fu forte e causò panico nella popolazione e molte fenditure nelle compagini murarie più deboli (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San Vito sullo IonioCZ38.710316.4078VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

SerrastrettaCZ39.012516.4158VI-VII

La località venne segnalata dal Prefetto di Catanzaro tra quelle danneggiate (1).

(1)
Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Gabinetto, Ufficio cifra, 1947, b.17 (Telegrammi in arrivo dall’1 maggio al 13 maggio), fasc.16800, n.16822, Telegramma del prefetto di Catanzaro Solimena alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministero dell’Interno Gabinetto e Pubblica sicurezza relativo ai comuni danneggiati dal terremoto dell’11 maggio 1947, Catanzaro 11 maggio 1947.
1947

SettingianoCZ38.912516.5139VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303.

Sorbo San BasileCZ39.018916.5686VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

SorianelloVV38.591716.2325VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

StignanoRC38.417216.4708VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

TavernaCZ39.020316.5817VI-VII

La scossa forte, preceduta da rombi, causò lesioni agli edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Torre di RuggieroCZ38.650616.3719VI-VII

La località fu inserita tra quelle danneggiate dal terremoto nel disposto del Decreto del 7 ottobre 1947, n.1303 (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.88, n.275 (29 novembre 1947), Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 7 ottobbre 1947, n.1303, Provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1947

VallelongaVV38.645816.2942VI-VII

Il terremoto, accompagnato da rombi, fu molto forte e causò la caduta di comignoli e numerose fenditure negli edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

VazzanoVV38.631716.2467VI-VII

La località venne inserita, ai sensi del Decreto Legge del 7 ottobre 1947 e successive modificazioni, tra quelle danneggiate della provincia di Catanzaro (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

ZagariseCZ38.998916.6625VI-VII

La località venne inserita, ai sensi del Decreto Legge del 7 ottobre 1947 e successive modificazioni, tra quelle danneggiate della provincia di Catanzaro (1).

(1)
Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana, a.92, n.35 (12 febbraio 1951), Legge 9 dicembre 1950, n.1159, Ratifica, con modificazioni, del decreto legislativo 7 ottobre 1947, n.1303, concernente provvedimenti per i danneggiati dal terremoto del 10-11 maggio 1947 nelle provincie di Catanzaro e di Reggio Calabria.
Roma 1951

DecollaturaCZ39.044416.3581VI

La scossa, abbastanza forte, fu seguita da un "rombo aereo"; il terremoto causò l’apertura di lievi lesioni in alcuni edifici di cattiva costruzione (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

JoppoloVV38.58515.8956VI

La scossa fu forte, causò panico nella popolazione e la caduta di calcinacci, oltre all’apertura di lievi lesioni in diversi edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MarcedusaCZ39.026716.8358VI

La scossa fu forte e causò la caduta di calcinacci e l’apertura di leggere fenditure in alcune case (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MiletoVV38.608116.0678VI

La scossa fu forte e produsse lievi danni a vecchie costruzioni con lesioni ai muri e ai tramezzi (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

PentoneCZ38.985616.5831VI

La scossa fu forte e aprì fenditure in alcuni edifici di cattiva costruzione e fu preceduta da rombi aerei (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

SambiaseCZ38.966116.2817VI

La scossa, accompagnata da rombi, fu forte e causò spavento e fuga all’aperto della popolazione; si ebbe la caduta di oggetti e calcinacci e l’apertura di lievi lesioni in edifici mal costruiti (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San CalogeroVV38.573316.0236VI

La scossa, accompagnata da rombi, fu forte e causò spavento e fuga all’aperto della popolazione; si ebbe la caduta di oggetti e calcinacci e l’apertura di lievi lesioni in edifici mal costruiti e nella chiesa del Sacro Cuore di Gesù (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

ScandaleKR39.120616.9594VI

La scossa, accompagnata da rombi sotterranei, fu forte e indusse molti abitanti a uscire dalle case; causò la caduta di oggetti e calcinacci e poche lievi lesioni negli edifici di cattiva costruzione (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

SelliaCZ38.980616.6294VI

La scossa forte fu accompagnata da "rombo aereo", indusse molti abitanti a fuggire all’aperto e causò la caduta di calcinacci e poche lesioni negli edifici di cattiva costruzione (1). L’evento sismico accentuò i dissesti statici degli edifici e dei terreni delle zone danneggiate dai nubifragi del 1942 (2).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
(2)
Ducci A.
Geologia e litologia della regione di Sellia Superiore (Catanzaro) e loro rapporti con le frane, in "Bollettino del Servizio Geologico", a.71 (1947-49), pp.167-190.
Roma 1950

SersaleCZ39.010616.7281VI

Un boato sotterraneo accompagnò la forte scossa che produsse fenditure in alcune case di scadente costruzione (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

SimbarioVV38.610616.3353VI

La scossa molto forte causò la caduta di camini e tegole e leggere lesioni negli edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Soveria SimeriCZ38.946116.6792VI

La scossa è stata valutata di VI grado MCS in un recente studio (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

SpadolaVV38.602816.3372VI

Il terremoto molto forte fece cadere camini e tegole e aprì lievi lesioni negli edifici (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Vibo ValentiaVV38.674716.1022VI

La scossa fu forte e causò leggere lesioni in molte vecchie case (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CrichiCZ38.954216.6389V-VI

La scossa fu molto forte e accompagnata da intensissimo rombo (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Sant’OnofrioVV38.694416.1433V-VI

Il terremoto, accompagnato da rombi sotterranei, fu forte e causò oscillazioni piuttosto pronunciate negli oggetti sospesi (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Serra San BrunoVV38.576116.3297V-VI

La scossa fu molto forte e venne avvertita dalla totalità della popolazione (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

SimeriCZ38.932216.6614V-VI

La scossa fu molto forte e accompagnata da intensissimo rombo (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

StefanaconiVV38.672516.1214V-VI

La scossa fu molto forte e venne avvertita da tutta la popolazione (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

DinamiVV38.527816.1472V

Il terremoto fu abbastanza forte ed accompagnato da "rombi aerei" (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

GeraceRC38.270616.2203V

La scossa fu abbastanza forte e venne avvertita da tutta la popolazione (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

GizzeriaCZ38.980316.2061V

La scossa fu molto forte (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

RoccabernardaKR39.132516.8678V

La scossa fu abbastanza forte ed avvertita da tutta la popolazione, provocando il tremolio delle porte e delle suppellettili (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Rocca di NetoKR39.190317.0022V

La scossa fu abbastanza forte ed avvertita da tutta la popolazione (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San Mango d’AquinoCZ39.057516.1914V

Il terremoto abbastanza forte fu avvertito dalla maggioranza della popolazione (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San Mauro MarchesatoKR39.102816.9253V

Il terremoto abbastanza forte fu avvertito dalla maggioranza della popolazione (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San Pietro a MaidaCZ38.845616.345V

Il terremoto abbastanza forte fu avvertito dalla maggioranza della popolazione (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

TropeaVV38.674415.8983V

La scossa fu abbastanza forte e accompagnata da rombo sotterraneo (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Aiello CalabroCS39.116416.1658IV-V

La scossa fu abbastanza forte (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

AmanteaCS39.131416.0806IV-V

Il terremoto fu abbastanza forte (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

Belmonte CalabroCS39.1616.0792IV-V

La scossa fu abbastanza forte e venne avvertita da tutta la popolazione, soprattutto da coloro che abitavano ai piani superiori, dove gli oggetti sospesi oscillarono vistosamente (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CaroleiCS39.252516.2181IV-V

La scossa fu abbastanza forte (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

Casole BruzioCS39.280816.3308IV-V

La scossa fu abbastanza forte e venne avvertita da molti (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CessanitiVV38.662516.0258IV-V

La scossa fu abbastanza forte ed avvertita da quasi tutti gli abitanti (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

RicadiVV38.625615.8667IV-V

La scossa abbastanza forte e accompagnata da rombi fu avvertita da diverse persone (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Spezzano della SilaCS39.299216.34IV-V

La scossa fu abbastanza forte (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

BonifatiCS39.585615.9019IV

La scossa fu avvertita sensibilmente dalla maggioranza delle persone (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CosenzaCS39.302816.2514IV

La scossa fu avvertita sensibilmente (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CrotoneKR39.080317.1269IV

La scossa fu avvertita sensibilmente (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Reggio di CalabriaRC38.108115.6469IV

La scossa fu avvertita sensibilmente (1).

(1)
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947

RendeCS39.331116.1828IV

La scossa fu avvertita sensibilmente da molte persone (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

RoseCS39.398316.2878IV

La scossa fu avvertita sensibilmente (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

San FiliRC38.456116.0336IV

La scossa è stata valutata di IV grado MCS in un recente studio (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

SanginetoCS39.604215.9133IV

La scossa fu avvertita sensibilmente da molte persone (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

SavelliKR39.311716.7769IV

La scossa venne avvertita sensibilmente da coloro che si trovavano nelle case (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Torano CastelloCS39.504216.1464IV

Il terremoto fu moderata entità (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CasabonaKR39.247516.9578III-IV

La scossa fu avvertita solo da alcune persone (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MessinaME38.186915.5492III-IV

La scossa fu avvertita sensibilmente soprattutto dagli abitanti dei piani superiori delle case (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948
Corriere del Po, 1947.05.12, n.19 (edizione del lunedì).
Ferrara 1947

CastrorealeME38.099215.2108III

La leggera scossa fu avvertita da pochi (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Furci SiculoME37.960815.3806III

La scossa fu leggera e solo poche persone la avvertirono (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Piano di SorrentoNA40.635314.4083III

La scossa fu avvertita leggermente da alcune persone (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San Cosmo AlbaneseCS39.581916.42III

La scossa fu leggera (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Villafranca TirrenaME38.239415.4356III

La scossa fu leggera ed avvertita da pochi (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

AcriCS39.490316.3856II-III

La scossa fu molto leggera (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

TarantoTA40.458317.2464II

La scossa fu leggerissima (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Aci BonaccorsiCT37.598315.1078NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Aci CastelloCT37.554415.1467NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Aci CatenaCT37.602515.1414NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Acquarica del CapoLE39.907518.2489NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

AlbidonaCS39.922216.4689NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

AltomonteCS39.698116.1308NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Barcellona Pozzo di GottoME38.145615.2147NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

BasicòME38.060315.0619NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

BelpassoCT37.589714.9789NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

BiancavillaCT37.643114.8664NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

BocchiglieroCS39.418116.7506NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

BrindisiBR40.636417.9453NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

BuonvicinoCS39.688315.8844NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CalatabianoCT37.820815.2281NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CaltagironeCT37.230614.5203NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CampobassoCB41.556714.6669NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

Capo dell’ArmiRC37.956915.6808NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Capri LeoneME38.085614.73NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CariatiCS39.496716.9489NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Cassano allo IonioCS39.783916.3175NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Castel di LucioME37.886414.3122NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Castiglione di SiciliaCT37.881715.1219NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CastroliberoCS39.307216.1936NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CastrovillariCS39.814216.2022NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Ceglie MessapicoBR40.645317.5164NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CerzetoCS39.506916.1153NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CetraroCS39.515815.9406NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

CiròKR39.379717.0639NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

CisterninoBR40.741417.4267NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Corigliano CalabroCS39.596116.5183NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

CrucoliKR39.423917.0033NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

FalconeME38.117515.08NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

FicarraME38.107514.83NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Fiumefreddo di SiciliaCT37.790815.2044NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

FlorestaME37.987514.9094NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Francavilla FontanaBR40.529217.5831NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Galati MamertinoME38.031414.7717NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

GiarreCT37.723915.1808NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

GrammicheleCT37.213914.6364NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

GranitiME37.889215.2247NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Laino BorgoCS39.953615.9742NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Laino CastelloCS39.946715.9733NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Licodia EubeaCT37.154414.7003NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MalettoCT37.827514.8658NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

ManduriaTA40.398617.6342NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MassafraTA40.588317.1133NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MelissaKR39.303317.0219NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

MirtoME38.084414.7519NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MisterbiancoCT37.518115.0089NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

MontagnarealeME38.130814.9456NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Montalbano EliconaME38.022815.0125NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Motta Sant’AnastasiaCT37.512214.9692NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Novara di SiciliaME38.014415.1297NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

OliveriME38.123615.0603NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

OstuniBR40.729217.5769NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Pace del MelaME38.17515.3089NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

PalagianelloTA40.610316.9744NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

PallagorioKR39.305816.91NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

PargheliaVV38.680815.9228NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

PattiME38.138114.9656NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

PedaraCT37.617815.0614NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

PettineoME37.966114.2911NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Piedimonte EtneoCT37.806715.1767NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

RaddusaCT37.473314.5336NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

RamaccaCT37.384214.6936NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

RandazzoCT37.876714.9478NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

RipostoCT37.730815.2025NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Roccella ValdemoneME37.932215.0086NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Roseto Capo SpulicoCS39.985816.6017NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

RossanoCS39.573616.635NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San DonaciBR40.446417.9222NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San Filippo del MelaME38.168615.2739NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San Gregorio di CataniaCT37.565315.1103NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San Michele di GanzariaCT37.280314.4275NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San Michele SalentinoBR40.6317.6325NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

San Pietro VernoticoBR40.487517.9964NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Santa Domenica VittoriaME37.915814.9625NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Santa Lucia del MelaME38.140315.2811NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

Santa Maria di LicodiaCT37.61514.8892NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Santa Marina SalinaME38.561714.8725NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

SavaTA40.402817.5572NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

SciaccaAG37.507813.0828NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

ScordiaCT37.295314.8428NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

SiracusaSR37.082215.285NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

TorchiaroloBR40.483318.0522NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

TrebisacceCS39.865616.5311NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

TrecastagniCT37.614415.0811NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Tremestieri EtneoCT37.57515.0728NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

TusaME37.983614.2372NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

UcriaME38.045614.8814NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

UmbriaticoKR39.352216.9169NF

Il terremoto non fu avvertito (1).

(1)
Bottari A., Federico B., Lo Giudice E. e Pandolfo C.
The Gulf of Squillace earthquake of May 11, 1947, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.146-147.
Roma 1985

ViagrandeCT37.609715.0975NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948

Zafferana EtneaCT37.692215.1044NF

La scossa non fu avvertita (1).

(1)
Agamennone G.
Spoglio del materiale sismico del 1947 pervenuto all’Ufficio Centrale di Meteorologia e Geofisica, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.41 (1943-48), pp.30-56.
Roma 1948