Header CFTI

The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence under the following heading

Date Time Lat Lon Rel Io Imax Sites Nref Me Rme Location Country
05 06 168815:3041.28314.567b111121603927!SannioItaly

Comments

Space-time parameters

The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence
(under the following heading:
Date time lat long Io Imax sites ref Earthquake Location
1688 06 05 15 30 -- 41.28 14.57 0.0 11.0 0 392 Sannio


The revision was based on 392 accounts:
The results are summarized by 251 synoptic comments.

Previous catalogues and reasons of the corrections

The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence
(under the following heading:
Date time lat long Io Imax sites ref Earthquake Location
CFT 1688 06 05 15:30 41.28 14.57 11.0 11.0 216 382 Sannio
PFG 1688 06 05 16:15 41.32 14.57 11.0 - - - Campania


PFG = Catalogo dei terremoti italiani dall anno 1000 al 1980, PFG/CNR
ING = Catalogo dei terremoti italiani dal 1456 a.C. al 1980, ING

State of earthquakes review

Questo evento era stato oggetto di una prima revisione nell’edizione precedente del Catalogo ING-SGA (Boschi et al. 1995) (1), nel corso della quale era stata revisionata la bibliografia del Catalogo PFG (1985), erano state analizzate molte fonti edite ed era stata sviluppata una ricerca archivistica mirata solo ad alcune situazioni documentarie.
Per la presente revisione, è stata condotta una ricerca archivistica sistematica per reperire nuove informazioni che permettessero di migliorare gli effetti per siti già noti, e di aggiungere nuovi siti all’area degli effetti. Complessivamente, la conoscenza di questo evento nel tempo risulta sensibilmente migliorata anche riguardo al numero dei siti: dalle 150 località menzionate dalla sintesi di Baratta (1901), si è passati alle 197 località valutate da Serva (1985) (2), alle attuali 215 località, per le quali è ora disponibile anche un quadro di riferimento storico e istituzionale più chiaro. Qui di seguito si presenta la sintesi complessiva della revisione.
Sono state reperite tutte le fonti utilizzate da Baratta (1901) (3), costituite dalle opere di Barra (1688) (4), Magnati (1688) (5), Sarnelli (1688) (6), Sportelli (1688) (7), Bonito (1691) (8), Bulifon (1693) (9), Piperni (1699) (10), da una relazione a stampa ("Vera e distinta relatione..." 1688) (11), e da varie storie locali ottocentesche.
Sono state sviluppate diverse linee di ricerca, in relazione alle sedi archivistiche in cui si conserva la documentazione afferente ai due antichi stati interessati: il Regno di Napoli e, per l’area di Benevento, lo Stato della Chiesa. Questa impostazione generale della ricerca ha permesso di reperire una ricca documentazione diretta e ufficiale, caratterizzata dall’elevato dettaglio descrittivo, non solo riguardo agli effetti immediati del terremoto sul patrimonio edilizio, ma anche riguardo ai molti elementi del contesto istituzionale che hanno guidato la ricostruzione.
Per quanto riguarda il Regno di Napoli, la ricerca svolta all’Archivio di Stato di Napoli, è stata sviluppata secondo due linee: da un lato l’analisi della documentazione amministrativa e fiscale, dall’altro la corrispondenza conservata nella Segreteria del viceré. È stata svolta anche una ricerca all’Archivo General di Simancas, in Spagna, dove si conserva la corrispondenza fra il governo centrale spagnolo e il Regno di Napoli. Per quanto riguarda lo Stato pontificio, la ricerca è stata svolta all’Archivio di Stato di Roma, dove si conserva l’Archivio della Camera pontificia, e all’Archivio Segreto Vaticano, dove si conservano le corrispondenze fra la Segreteria di Stato e i vescovi e le relazioni ufficiali dei vescovi sulle loro diocesi, dirette alla Sacra Congregazione del Concilio.
Diamo qui di seguito un quadro più analitico della tipologia delle fonti reperite e utilizzate.
All’Archivio di Stato di Napoli la ricerca è stata condotta sulla documentazione della Segreteria del viceré e della Regia Camera della Sommaria. Della Segreteria del viceré sono stati utilizzati 21 documenti, costituiti da suppliche, corrispondenze sui danni, richieste di interventi riguardanti prevalentemente edifici di proprietà pubblica (fortezze, torrioni, palazzi ecc.) (12). L’archivio della Camera della Sommaria costituiva il grande "filtro" in cui confluivano, fra le altre, anche le pratiche per le richieste di esenzione fiscale: nella serie "Notamentorum" sono stati reperiti numerosi documenti relativi agli interventi amministrativi e fiscali attuati dal governo centrale a Napoli e nei territori delle provincie del regno colpite dal terremoto. Si tratta complessivamente di 55 documenti, di cui 19 riguardano edifici di Napoli danneggiati (13), 13 riguardano richieste di esenzioni e relazioni di danni (14), e 18 riguardano provvedimenti fiscali e ordini di pagamento relativi all’emergenza indotta dal terremoto (15). Nello stesso fondo sono state reperite anche 6 richieste presentate da ecclesiastici, da nobili e dalla comunità di Benevento per ottenere aiuti dal governo spagnolo (16).
All’Archivo General di Simancas, in cui si conserva la documentazione del governo centrale spagnolo, nei fondi "Secretaría de Estado" e "Secretarías Provinciales" sono stati reperiti 6 documenti relativi ai danni a Napoli e nei paesi del regno e agli interventi necessari (17).
Anche la documentazione diplomatica ha fornito informazioni di notevole interesse: presso l’Archivio di Stato di Venezia, nel fondo Senato-Dispacci, sono state reperite 13 lettere scritte da Napoli dall’agente veneziano Antonio Maria Vincenti, contenenti informazioni sui danni alla città (18).
Per quanto riguarda l’area governata dalla Chiesa, presso l’Archivio di Stato di Roma, nel fondo Camerale I, sono stati reperiti 5 chirografi (19), di cui 3 di Innocenzo XI e 2 di Alessandro VIII, indirizzati al tesoriere generale. I tre chirografi di Innocenzo XI riguardano le principali disposizioni prese dalla Camera pontificia, a cui afferiva l’area di Benevento, per rilevare l’entità dei danni e stabilire alcuni provvedimenti; i due chirografi di Alessandro VIII del 1690 riguardano invece sgravi concessi ad affittuari e appaltatori della Camera apostolica.
La gravità dei danni causati dal terremoto indussero a una serie di interventi amministrativi importanti anche per la storia urbanistica di Benevento. Nell’archivio della Congregazione del Buon Governo (serie II, "Atti per luoghi") sono state vagliate in modo sistematico le pratiche relative al periodo 1688-1742 (bb.474-476). Sono emerse 51 pratiche contenenti suppliche, relazioni, perizie e disegni riguardanti i danni e i progetti di ricostruzione (20) a Benevento.
Presso l’Archivio Segreto Vaticano, la ricerca ha preso in esame la documentazione afferente alla Segreteria di Stato, utilizzando due importanti serie: le lettere dei "Vescovi" (vol.76), da cui sono emerse 6 lettere dei vescovi di Alife e di Telese, e del governatore di Benevento con descrizioni di effetti locali (21); e le corrispondenze conservate nel fondo "Nunziatura di Napoli", che raccoglie una fitta corrispondenza fra il nunzio, monsignor Muti e il segretario di Stato: sono state utilizzate 32 lettere (22). In questa documentazione vi sono numerose e dettagliate informazioni sui danni a Napoli, sui primi interventi di soccorso, sulle necessità della ricostruzione e sulle numerose scosse che seguirono dopo il 5 giugno.
Una relazione dettagliata e contemporanea dell’evento riguardante Benevento è stata reperita, sempre presso l’Archivio Segreto Vaticano, nel fondo "Carpegna" (23). Presso lo stesso archivio, sono state vagliate le relazioni ufficiali che i vescovi inviavano alla Sacra Congregazione del Concilio sullo stato delle loro diocesi. Sono state utilizzate 5 relazioni riguardanti le diocesi di Benevento, Venosa e Sant’Agata dei Goti, in cui anche in anni successivi, questo terremoto veniva menzionato come ragione di grave spesa per il restauro degli edifici danneggiati (24).
Sempre nell’ambito della ricchissima documentazione ecclesiastica, sono state eseguite ricerche presso alcuni archivi vescovili: hanno dato esito positivo le ricerche condotte nell’Archivio della chiesa collegiata di S.Maria Maggiore di Montecalvo Irpino (25), e nell’Archivio della curia di Vieste (26).
La ricerca sulle iscrizioni ha dato un contributo positivo. Sono state reperite 6 epigrafi che ricordano danni sismici: due riguardano i restauri alle cattedrali di Ariano Irpino e di Avellino (27); le altre quattro sono conservate a Benevento: di queste, una fu collocata nell’oratorio privato, dedicato a S.Filippo Neri, dell’Arcivescovado di Benevento per volontà del Cardinale Orsini, sopravvissuto al crollo dell’edificio (28); una fu posta a memoria del restauro della torre campanaria della cattedrale (29); un’altra fu collocata nella chiesa di S.Bartolomeo (30) e l’ultima in quella di S.Sofia (31).
Sistematica è stata anche la ricerca sulle fonti edite. Un’importante testimonianza è costituita dall’opera di Magnati (1688) (32), abate del Santo Offizio di Napoli, correttore e ordinario della Real Casa e Chiesa di S.Maria del Popolo; egli dedicò la sua opera, che per molti aspetti precorse quella di Bonito, al re di Spagna Carlo II. Magnati, che fu testimone diretto, prese in esame non solo gli effetti a Napoli, ma anche nel territorio colpito.
Sono state inoltre utilizzate 7 relazioni a stampa, di cui 5 in lingua italiana (33), una in spagnolo (34) e una in francese (35), elemento che dimostra la risonanza di questo terremoto nella cultura dell’epoca.
Anche le gazzette del tempo conservano elementi descrittivi su questo terremoto: sono state utilizzate 5 corrispondenze afferenti a una testata (36).
Sul terremoto a Benevento scrissero Orsini (1688) (37), il cui testo fu pubblicato anche in spagnolo (38), Sarnelli (1688, 1691) (39) e Piperni (1699) (40). D’interesse scientifico sono 3 lettere di Bulifon, scienziato e naturalista, pubblicate nel 1693, ma in realtà contemporanee all’evento (41); un’altra opera dello stesso autore è stata reperita manoscritta nel fondo sismico della Biblioteca della Società di Storia Patria di Napoli (42). Di particolare interesse risulta il contributo di Bonito (1691) (43), che nel suo repertorio riporta per questo terremoto la testimonianza oculare del nipote Andrea d’Afflitto, monaco olivetano, vicario del monastero di Santa Caterina Novella di Galatina. In questa fonte si menziona come riferimento cronologico della scossa il rito liturgico del "vespro" monastico; a questo proposito è stato vertificato che in epoca moderna tale liturgia veniva praticata "a metà pomeriggio" (Belfinger 1892) (44) e non al tramonto del sole, come è attualmente, elemento che sembra effettivamente far coincidere questa indicazione cronologica con quella della scossa principale.
Informazioni su effetti sismici sono contenute anche nelle lettere di Sarnelli (1740) (45). L’opera di Sportelli (1688) (46) è invece dedicata solo agli effetti che il terremoto ebbe a Napoli.
Questo evento ha lasciato un segno nella memoria storiografica: è infatti ricordato in molte opere generali e di storia locale (Perrotta 1737; Vari 1927; Scandone 1950; Acocella 1951) (47) e in contributi recenti (Passaro 1980) (48); non era tuttavia stato finora oggetto di studi specifici sulla base di documentazione archivistica.

Note

(1)
Boschi E., Ferrari G., Gasperini P., Guidoboni E., Smriglio G. e Valensise G.
Catalogo dei forti terremoti in Italia dal 461 a.C. al 1980, ING-SGA.
Bologna 1995
(2)
Serva L.
The earthquake of June 5, 1688 in Campania, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.44-47.
Roma 1985
(3)
Baratta M.
I terremoti d’Italia. Saggio di storia, geografia e bibliografia sismica italiana (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1979).
Torino 1901
(4)
Barra C.
Partenope languente per l’accaduto terremoto a 5 giugno 1688.
Napoli 1688
(5)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(6)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(7)
Sportelli G.
Napoli flagellata da Dio con l’horribilissimo Terremoto accaduto a’ cinque di Giugno ad hore vent’uno il giorno di Sabato vigilia della Pentecoste nell’anno 1688.
Napoli 1688
(8)
Bonito M.
Terra tremante, o vero continuatione de’ terremoti dalla Creatione del Mondo sino al tempo presente (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1980).
Napoli 1691
(9)
Bulifon A.
Lettera di Antonio Bulifon all’Altezza Serenissima di Cosimo III Gran Duca di Toscana, ragguagliandola d’alcune cose notabili avvenute nella fiorita Terra di Cerreto doppo il tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, in "Lettere memorabili, istoriche, politiche, ed erudite scritte, e raccolte da Antonio Bulifon", vol.2, pp.44-47.
Napoli 1693
Bulifon A.
Lettera di Antonio Bulifon all’Eccellentiss[imo] Sig. D.Gio[vanni] Francesco Pacecco, Mendoza, e Sandoval, Duca d’Useda, Conte di Mont’Albano, Viceré, e Capitan Generale del Regno di Sicilia, &c. Si da pieno, ed accuratissimo ragguaglio del Tremuoto, successo li 5 Giugno 1688 in Napoli, in "Lettere memorabili, istoriche, politiche, ed erudite scritte, e raccolte da Antonio Bulifon", vol.3, pp.73-113.
Napoli 1693
(10)
Piperni P.
Benevento caduto nell’anno 1688 a Benevento risorto nel 1698.
Napoli 1699
(11)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
(12)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.130, Lettera del Procuratore del Collegio di Napoli della Compagnia di Gesù alla Segreteria del viceré relativo alla richiesta di sessanta cantara di ferro per riparare il collegio dalla rovina causata dal terremoto del 5 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.124, Lettera di Manuel Madera Governatore delle città di Escala e Cavielo che chiede alla Segreteria del viceré di ottenere otto giorni di licenza per poter riparare la sua casa di Napoli danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 25 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.94, Nota alla Segreteria del viceré in cui si chiedono delucidazioni sui danni causati dal terremoto del 5 giugno 1688 e sul numero di persone morte, Napoli 21 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.93, Comunicazione alla Segreteria del viceré relativa alle carceri della Vicaria che danneggiate dal terremoto del 5 giugno 1688 non possono più custodire carcerati, Napoli giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.78, Lettera di supplica del conte di Casalduni Michele Sariano che sottoposto a giudizio su accusa di alcuni suoi vassalli chiede alla Segreteria del viceré che gli venga lasciato il tempo di recuperare i cadaveri e gli averi sepolti sotto le macerie dei suoi possedimenti di Ponte e Casalduni distrutti dal terremoto del 5 giugno 1688, Casalduni 26 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.266, Relazione di A.De Natale alla Segreteria del viceré sui danni subiti nel Real Presidio di Pizzo falcone a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 17 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.229, Lettera alla Segreteria del viceré di Gaetano Panicho della città di Fosca che danneggiato dal terremoto del 5 giugno 1688 chiede di non esser molestato per debiti, Fosca 19 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.215, Lettera della duchessa di Jelsi alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di una somma di denaro anticipata dai suoi crediti per porre riparo ai danni causati alle sue terre dal terremoto del 5 giugno 1688, Jelsi 19 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.157, Lettera del presidente N.Grassia responsabile dell’Arsenale di Napoli alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di materiale per riparare la chiesa della Compagnia danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 18 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.138, Lettera del duca di Parete Reggente del Presidente del Consiglio alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di controllo del Palazzo della Vicaria e delle altre carceri della città di Napoli colpita dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 7 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.156, Lettera del castellano di Capua alla Segreteria del viceré relativa ai danni riportati dal castello di Capua in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Capua 6 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.73, Lettera di F.Correale alla Segreteria del viceré volta ad ottenere il permesso di ritornare a Sorrento per riparare la casa della madre colpita dal terremoto del 5 giugno 1688, Sorrento 12 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.72, Supplica alla Segreteria del viceré di N.De Turro che inquisito per omicidio a Montefusco e scampato al terremoto del 5 giugno 1688 chiede la grazia, Napoli 9 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.34, Memoriale in cui il Marchese di Mirabella chiede alla Segreteria del viceré di non essere molestato per debiti dato lo stato di povertà in cui versa a causa del terremoto che ha danneggiato le sue proprietà, Napoli 9 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.252, Lettera in cui si chiede alla Segreteria del viceré di provvedere al più presto alle riparazioni della sala della Tesoreria danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.79, Lettera del segretario di giustizia di Capua alla Segreteria del viceré sui danni del terremoto del 5 giugno 1688, Capua 10 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.157, Lettera del preposto della Casa Professa della Compagnia del Gesù di Napoli alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di materiale per riparare la chiesa della Compagnia danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 16 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.251, Lettera in cui Rodrigo Correa de Castelblanco Governatore del Torrione del Carmine di Napoli chiede alla Segreteria del viceré la riparazione dei danni causati dal terremoto del 5 giugno 1688 alla fortezza, Napoli 9 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.185, Comunicazione alla Segreteria del viceré relativa alla ronda effettuata la notte del 9 giugno a Napoli mentre per la città continua il timore del terremoto, Napoli 9 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.180, Lettera alla Segreteria del viceré relativa ai danni riportati dalla città di Napoli e dal palazzo della Vicaria a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.177, Memoriale in cui il Marchese di Mirabella scampato alla morte perché al momento del terremoto del 5 giugno 1688 era a Napoli chiede alla Segreteria del viceré di non essere molestato per debiti dato lo stato di povertà dovuto al terremoto che ha causato danni alle sue proprietà e la morte dei suoi parenti, Napoli 9 giugno 1688.

(13)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Nota di giorni in cui viene retto il Tribunale, Napoli 5 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo alla visita dei carcerati, Napoli 10 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo ai riti religiosi in occasione del terremoto, Napoli 14 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo all’impossibilità di reggere il Tribunale nel luogo solito e al suo trasferimento a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo al trasferimento del Tribunale agli Studi Pubblici a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di una relazione dell’ingegnere Luca Antonio Natale relativa alle riparazioni del Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 1 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione del marchese di Sant’Eramo relativa ai danni subiti dalla Real Cavallerizza della Madalena in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 3 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione del luogo in cui fu retto il Tribunale in seguito al trasferimento causato dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordinano riparazioni alle lesioni causate al castello di Baia e alle sue cisterne dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 13 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione della mancata erezione del Tribunale recatosi al Consiglio Collaterale per tenervi la relazione dei danni causati dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 30 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordinano riparazioni ai danni subiti dal torrione del Carmine a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una perizia effettuata dall’ingegnere Mario d’Urso e dal maestro muratore Aniello Schisano per le riparazioni necessarie ai Regi Tribunali, alla Regia Camera e ad altre sedi in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 28 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione del trasferimento del Tribunale in seguito a una nuova lesione apertasi nel luogo dove era retto, Napoli 6 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione del memoriale del proprietario di una abitazione sita presso il monastero dei Cappuccini danneggiata in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 ottobre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo alle riparazioni necessarie al Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 29 ottobre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con il quale si ordina alla Camera di concludere le partite per le riparazioni necessarie al Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione del primario relativa alle riparazioni eseguite dal maestro muratore Aniello Schisano a un palazzo, Napoli 18 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione della relazione del primario relativa ai lavori eseguiti nei Regi Studi in occasione del trasferimento dei tribunali in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 dicembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione dei conti del maestro muratore Giovanni Covino partitario di riparazioni eseguite ai Regi Tribunali, Napoli 20 dicembre 1688.

(14)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una carta del percettore di Contado di Molise relativa alle terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una carta del percettore di Capitanata relativa alle terre della provincia che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 28 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una carta del percettore di Terra di Lavoro con cui si comunicano le rovine subite da molte terre della provincia a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 3 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con accluse relazioni dei presidi e dei percettori delle province di Principato Citra e Ultra, Capitanata, Contado di Molise e Terra di Lavoro e del commissario di Campagna, con annessi memoriali delle università per richieste di dilazioni nel pagamento dei pesi fiscali in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 27 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con acclusa relazione dell’Udienza di Lucera relativa ai danni subiti dalle terre della provincia a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré col quale si ordina di esaminare l’acclusa carta del percettore di Terra di Lavoro relativa ai danni causati nella provincia dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 18 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 31 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con acclusa una carta del percettore della Terra di Lavoro con cui si comunica che le terre di Piedimonte d’Alife, Rocca Monfina, Tora e Sessa non hanno subito danni in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 16 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con il quale si ordina di esaminare le relazioni del preside di Montefusco e del preside di Salerno sui danni subiti dalle terre della provincia in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 16 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione relativa ai bilanci mensili di luglio, agosto e settembre rimessi dal percettore di Principato Ultra con il pagamento di riparazioni effettuate al palazzo della Regia Udienza danneggiato dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 18 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con accluse relazioni dei percettori di Principato Ultra e di Salerno relative alle terre che possono pagare i pesi fiscali alla Regia Corte, Napoli 27 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di un’istanza dell’avvocato fiscale contro la sospensione dei pagamenti fiscali di molte terre danneggiate dal terremoto del 5 giugno 1688 fino alla verifica dei danni nelle province di Terra di Lavoro, Salerno, Montefusco, Contado di Molise e Capitanata, Napoli 8 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione del percettore di Contado di Molise con la quale si comunicano i danni subiti dalla terra di Morcone a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 novembre 1688.

(15)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo ad alcuni pagamenti sospesi a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina di rimettergli le relazioni fatte dai percettori circa i danni subiti dalle università delle loro provincie a causa del terremoto dei 5 giugno 1688, Napoli 12 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una carta del percettore di Principato Ultra con cui si comunica il mancato pagamento dei pesi fiscali da parte delle terre della provincia, Napoli 11 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Nota di alcune spese effettuate dal maggiordomo del Regio Palazzo fra cui la celebrazione di una funzione religiosa in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 31 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Istanza dell’avvocato fiscale contro alcune postille aggiunte a una relazione dell’ingegnere Luca Antonio de Natale per riparazioni effettuate in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotamento del ritorno del Tribunale nella sua sede originaria in seguito alla riparazione della lesione causata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 11 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto di Sua Eccellenza con il quale avvisa di avere ordinato ai percettori delle cinque provincie colpite dal terremoto del 5 giugno 1688 di attenersi alla regola stabilita dalla Camera sulle esazioni fiscali, Napoli 16 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione dell’attuario Aniello de Maio relativa al mancato pagamento di penalità da parte di proprietari di abitazioni site nei luoghi proibiti alla costruzione di fabbricati dopo il terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 22 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Terra di Lavoro che continui a esigere i pesi pesi fiscali dalle università stabilite con la consulta della Camera, Napoli 30 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Montefusco un pagamento agli operai che riparano il palazzo della Regia Udienza lesionato in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 30 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Principato Ultra di continuare a esigere i pesi fiscali da una terra danneggiata dal terremoto dei 5 giugno 1688, Napoli 5 ottobre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina un pagamento alla squadra del Ripartimento di Cerreto, Napoli 6 ottobre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina un pagamento al monastero del Carmine di Napoli per le riparazioni delle lesioni causate dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 6 ottobre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina un pagamento alla squadra del Ripartimento di Cerreto, Napoli 8 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Terra di Lavoro di continuare l’esazione fiscale dalla terra di Tora, nonostante una sospensione ordinata a suo beneficio in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina di ordinare al percettore di Contado di Molise di continuare a esigere i pesi fiscali dall’università di Morcone, Napoli 15 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina di redigere le istruzioni da inviare al governatore della Dogana di Foggia e al presidente Guerrero incaricati della visita delle provincie di Capitanata, Contado di Molise, Terra di Lavoro, Principato Citra e Ultra per la verifica dei danni subiti a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 20 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotamento relativa alla spedizione degli ordini ai percettori delle province del Regno incaricati di dare alle università danneggiate dal terremoto del 5 giugno 1688 la notiza della grazia della sospensione dei pagamenti fiscali, Napoli 17 dicembre 1688.

(16)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un un memoriale del monastero del Carmine Maggiore di Napoli relativo alle riparazioni necessarie in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 1 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del duca di Maddaloni relativo al rifiuto delle terre del duca di pagare gabelle a causa dei danni subiti per il terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 10 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di un memoriale della principessa del Colle con cui si comunica la parziale distruzione delle terre di Colle e Circello a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 14 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina di informarlo relativamente a un memoriale dell’università di Benevento che pretende di potere legnare nei territori del Regno per riparare i danni causati dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 2 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di un memoriale del priore e dei padri del monastero del Carmine di Napoli al viceré con il quale si supplica per riparazioni alle mura della chiesa e del campanile danneggiati a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 20 settembre 1688.

(17)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.

Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla lettera del viceré di Napoli conte di Santisteban dell’11 giugno sui danni causati al castello di Sant’Elmo dal terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 9 luglio 1688.

Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla lettera del viceré di Napoli conte di Santisteban del 25 giugno sulla situazione a Napoli e nel Regno in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 23 luglio 1688.

Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 57 (1689), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla richiesta del Capitolo della Cattedrale di Salerno di sovvenzioni per il restauro della chiesa danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 30 marzo 1689.

Archivo General de Simancas, Secretaría de Estado, Negociación de Nápoles, legajo 3319 (1688), Consultas, decretos y notas, Consulta del Consiglio di Stato relativa alla lettera del viceré di Napoli conte di Santisteban dell’11 giugno 1688 sulla sospensione del gioco della "Beneficiata" in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 10 luglio 1688.

Archivo General de Simancas, Secretaría de Estado, Negociación de Nápoles, legajo 3319 (1688), Consultas, decretos y notas, Consulta del Consiglio di Stato relativa alla lettera del viceré di Napoli conte di Santisteban dell’11 giugno 1688 sui danni causati a Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 10 luglio 1688.

(18)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.122, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 8 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.129, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 27 luglio 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.125, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 29 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.128, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 20 luglio 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.131, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 10 agosto 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.127, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 13 luglio 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.150, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 14 dicembre 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.122, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 8 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.125, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 29 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.

(19)
Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.169, p.533, Chirografo del papa Innocenzo XI al tesoriere generale monsignor Giuseppe Renato Imperiale, Roma 7 luglio 1688.

Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.169, pp.535-536, Chirografo del papa Innocenzo XI al tesoriere generale monsignor Giuseppe Renato Imperiale, Roma 22 settembre 1688.

Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.169, pp.533-535, Chirografo del papa Innocenzo XI al tesoriere generale monsignor Giuseppe Renato Imperiale, Roma 4 settembre 1688.

Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.170, pp.44-45, Chirografo del papa Alessandro VIII al tesoriere generale monsignor Ferdinando Raggi, Roma 18 marzo 1690.

Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.170, pp.43-44, Chirografo del papa Alessandro VIII al tesoriere generale monsignor Ferdinando Raggi, Roma 18 marzo 1690.

(20)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Appunto della segreteria del papa alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Monte Cavallo 25 giugno 1688.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica del capitano C.Coscia e altri appaltatori della gabella della carne alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1688].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio A.Undina dell’istanza presentata al Governatore di Benevento da C.Coscia, A.Della Pagliara e altri appaltatori della gabella della carne, Benevento 12 giugno 1688.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica di A.Parziale appaltatore del tabacco alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 20 novembre 1688.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica di G.B.Pirrone appaltatore della gabella del pane alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 2 agosto 1688.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica del notaio C.Festa appaltatore della Cancelleria Criminale alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 26 febbraio 1689.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio A.Fumo dell’istanza presentata al Governatore di Benevento da C.Festa appaltatore della Cancelleria Criminale, Benevento 10 luglio 1688.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore L.A.Eustachi al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 20 maggio 1690.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale della Città di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1690].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.G.Bonaventura alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 2 luglio 1691.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.G.Bonaventura al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 10 novembre 1691.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale della Città di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1691].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica dei maestri fabbricatori A.Piscitiello e G.C.Sciarra appaltatori dei lavori di ricostruzione del ponte di Valentino alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 27 agosto 1695.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale della Città di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 30 luglio 1695.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore C.Tornaquinci Belloni alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 24 luglio 1694.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale della Città di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1694].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.Degli Effetti al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 3 novembre 1696.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale dei Consoli di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1696].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio P.Marano della perizia dei maestri falegnami M.De Angelis e I.Manuto e del maestro fabbricatore P.De Toma dei lavori di restauro necessari nel palazzo della Comunità, Benevento 19 ottobre 1697.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.Degli Effetti al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 6 novembre 1697.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.Degli Effetti al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 10 aprile 1700.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Relazione dell’architetto G.De Nicastro sullo stato del ponte di S.Maria degli Angeli e sui lavori di riparazione necessari, Benevento 6 aprile 1700.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore V.Rota alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 4 giugno 1701.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale del Magistrato di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1701].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Luogotente F.Annubba alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 20 dicembre 1704.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica dei Governatori della chiesa e ospedale della SS.ma Annunziata alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1704].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore N.M.Lercari al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo cardinale Imperiali, Benevento 26 febbraio 1707.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio B.De Leone del Ristretto de tutti li mandati pagati all’infrascritti partitarii per lo spurgo e rispurgo delle strade di questa Città secondo l’ordine di Monsignor Illustrissimo Governatore pro tempore e de’ Signori Deputati per il danno del tremuoto delli 5 giugno 1688 che ha patito questa Città, Benevento [1707].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore N.Lercari al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 16 ottobre 1706.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale del Magistrato di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1706].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore L.Vannicelli al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 2 giugno 1708.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale dei Consoli di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1708].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.B.Spinola al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 21 settembre 1715.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.B.Spinola al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 1 giugno 1715.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale della Città di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1715].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Pianta del olim conservatorio di S.Maria delli Martiri ed altri di canne in tutto 166 palmi 31, [1713].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica del padre Priore e dei padri del convento e ospedale di S.Giovanni di Dio al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1713].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Relazione del Segretario Generale Napoli al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 4 dicembre 1711.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica dei Governatori della chiesa e ospedale della Santissima Annunziata alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1710].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Estratto redatto dal Cancelliere S.Schinosi della proposta del Governatore della chiesa e spedale della SS.ma Annunziata Giordano de Nicastro al General Consiglio della Città di Benevento del 29 settembre 1710.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Luogotenente T.Mansanti al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 12 settembre 1716.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica dell’Abadessa del monastero di S.Vittorino ed altri privati alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1715].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento IV, b.475 (1719-1730), Lettera del Luogotenente F.Annubba al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 27 dicembre 1721.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento IV, b.475 (1719-1730), Supplica dell’Abbate A.Martelli e di P.Pascale alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1721].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Fede del Segretario della Comunità di Benevento O.De Pompei alla Sacra Congregazione del Buon Governo sulla riduzione dei dazi in seguito al terremoto del 1688, Benevento 15 gennaio 1733.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Appunto interno della Sacra Congregazione del Buon Governo, Roma 28 luglio 1733.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Copia autentica redatta dal notaio P.P.D’Auria dell’Obbligo della Communità di Benevento di dovere contribuire la metà della spesa per rifacimento del Palazzo Camerale, Benevento 1 maggio 1694.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Lettera del Governatore G.B.Stella al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 17 aprile 1736.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Appunto del Luogotenente F.Barberi alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1736].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Supplica di A.Gatti alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1735].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Memoriale del Magistrato di Benevento al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [30 aprile 1735].

(21)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Alife Giuseppe de Lazara al papa Innocenzo XI, Piedimonte 15 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Telese 12 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del governatore di Benevento Luca Antonio Eustachi al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Benevento 27 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 11 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del governatore di Benevento Luca Antonio Eustachi al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Benevento 12 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 19 giugno 1688.

(22)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 5 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 8 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 8 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 8 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 12 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 12 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 19 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 22 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, "Relatione de’ danni patiti in diversi corpi da’ beni dell’abbadia di S.Sofia di Benevento, per causa del orribil terremoto seguito li 5 del corrente mese di giugno del corrente anno 1688" allegata al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo del 22 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 22 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 26 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 29 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 29 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 29 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 3 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 6 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 6 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 10 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 13 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 13 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 17 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 17 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 24 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 27 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 31 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 7 agosto 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 21 agosto 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 31 agosto 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 23 ottobre 1688.

(23)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.

(24)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.121 A, Beneventana I, Relatio status diocesis Beneventanae, Benevento 24 novembre 1753.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.121 A, Beneventana I, Relatio status diocesis Beneventanae, Benevento 26 febbraio 1746.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.121 A, Beneventana I, Relatio status diocesis Beneventanae, Benevento 20 luglio 1737.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.13 B, Sanctae Agathae II, Relatio ad Sacra Limina Apostolorum, Sant’Agata dei Goti 5 novembre 1874.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.862 A, Venusina I, Relatio status diocesis Venusinae, Venosa 6 febbraio 1690.

(25)
Archivio della Chiesa Collegiata di S.Maria Maggiore di Montecalvo Irpino, Registro Sante Visite 1689-1706, Visita e decreti del cardinale V.M.Orsini arcivescovo di Benevento, novembre 1698.

Archivio della Chiesa Collegiata di S.Maria Maggiore di Montecalvo Irpino, Registro Sante Visite 1689-1706, Visita e decreti del cardinale V.M.Orsini arcivescovo di Benevento, ottobre 1695.

Archivio della Chiesa Collegiata di S.Maria Maggiore di Montecalvo Irpino, Registro Sante Visite 1689-1706, Visita e decreti del cardinale V.M.Orsini arcivescovo di Benevento, ottobre 1693.

(26)
Archivio della Curia Vescovile di Vieste, s.s., Giuseppe Pisani, Cronica e memoria di Vieste dall’anno 1664 all’anno 1700 scritte dall’arcidiacono D. Giuseppe Pisani nei fogli 42 a 44, 56 a 79, 118 a 129 di questa platea del 1664.

(27)
Epigrafe posta nella cattedrale di Ariano Irpino in memoria dei danni causati dai terremoti dell’847, 1349, 1456, 1517, 1688, 1694, 1702 e 1732 (1736), in D.Pantosti e G.Valensise, Riconoscere il ‘terremoto caratteristico’: il caso dell’Appennino centro-meridionale, "I terremoti prima del Mille in Italia e nell’area mediterranea. Storia archeologia sismologia", a cura di E.Guidoboni, p.547.
Bologna 1989
Epigrafe posta nella cappella di S.Modestino della Cattedrale di Avellino in memoria del terremoto del 5 giugno 1688, 1697, in N.Gambino, "Cronistoria dei restauri nelle iscrizioni commemorative", p.84.
Avellino 1985
(28)
Epigrafe posta nell’oratorio privato dedicato a S.Filippo Neri nell’Arcivescovado di Benevento a perenne gratitudine dello scampato pericolo del Cardinale Orsini uscito illeso dal terremoto del 5 giugno 1688, 1692, in V.Vari, "I terremoti di Benevento e loro cause", p.29.
Benevento 1927
(29)
Epigrafe commemorativa della ricostruzione della torre campanaria della cattedrale di Benevento voluta dal cardinale Orsini, in J.Ross, "La Puglia nell’800. (La terra di Manfredi)", a cura di V.Zacchino, pp.287-288.
Cavallino 1978
(30)
Epigrafe posta nella basilica di S.Bartolomeo di Benevento in memoria della ricostruzione dopo il terremoto del 5 giugno 1688, 1701, in D.A.Parrino, "Efemeride del Nono orribil Tremuoto accaduto nella Città di Benevento Martedì 14 di Marzo dell’Anno corrente 1702", pp.10-12.
Napoli 1702
(31)
Epigrafe posta nella chiesa di S.Sofia di Benevento in memoria della ricostruzione dopo il terremoto del 5 giugno 1688, in D.A.Parrino, "Efemeride del Nono orribil Tremuoto accaduto nella Città di Benevento Martedì 14 di Marzo dell’Anno corrente 1702", pp.15-17.
Napoli 1702
(32)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(33)
Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.
Napoli-Bologna 1688
Relatione vera e distinta dell’horribile, e spaventoso Terremoto accaduto in Napoli, e in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688, col numero delle città, terre e altri luoghi rovinati.
Napoli 1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Vera, e distinta Relazione dello spaventoso Terremoto occorso nelle Città di Napoli, Benevento, e Salerno, con sua Castelli, e terre circonvicine. Seguito il dì 5, 6 e 7 Giugno 1688.
Firenze 1688
(34)
Individual, y verdadera relacion del horrible y espantoso Terremoto sucedido en Napoles, y mas partes del Reyno el dia 5 de Junio de 1688 con el numero de las Ciudades, tierras, y otros lugares arruinados, como tambien de los que quedaron muertos, y heridos en tan lastimosa tragedia.
Sevilla 1688
(35)
Relation veritable de ce qui est arrivé à Naples & autres lieux circonvoisins, d’un prodigieux tremblement de Terre, le cinquiéme Juin presente Année.
s.l. 1688
(36)
Bologna, 1688.06.22.
Bologna 1688
Bologna, 1688.06.29.
Bologna 1688
Bologna, 1688.07.20.
Bologna 1688
Bologna, 1688.08.03.
Bologna 1688
Bologna, 1688.08.17.
Bologna 1688
(37)
Orsini V.M.
Narrazione de’ prodigii operati dal glorioso S.Filippo Neri nella persona dell’Eminent[issimo] Sig. Cardinale Orsini Arcivescovo di Benevento. In occasione, che rimase sotto le rovine delle sue stanze nel Tremuoto, che distrusse quella Città a’ 5 di Giugno 1688.
Napoli 1688
(38)
Orsini V.M.
Declaracion fielmente traducida del Idioma Italiano, en el nuestro Castellano, publicada por el Em.mo Señor Cardenal Ursini, Arçobispo de Beneve[n]to, de los prodigios obrados por el Glorioso Patriarca S.Phelipe Neri, en su persona, en la ocasion de quedar sepultado en las ruìnas de su mismo Palacio, en el Terremoto que assolò aquella Ciudad en 5 de Iunio de 1688.
Madrid 1688
(39)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Sarnelli P.
Memorie cronologiche de’ Vescovi ed Arcivescovi della Santa Chiesa di Benevento colla serie de’ Duchi, e Principi Longobardi della stessa città.
Napoli 1691
(40)
Piperni P.
Benevento caduto nell’anno 1688 a Benevento risorto nel 1698.
Napoli 1699
(41)
Bulifon F.
Lettera di Filippo Bulifon all’Illustriss[imo] e Reverendiss[imo] Monsignor D.Francesco Maria Pignatelli Arcivescovo di Taranto, inviandogli la narrazione de’ prodigj operati dal Glorioso S.Filippo Neri nella persona dell’Eminentiss[imo] Signor Cardinale Orsini, in "Lettere memorabili, istoriche, politiche, ed erudite scritte, e raccolte da Antonio Bulifon", vol.2, pp.30-43.
Napoli 1693
Bulifon A.
Lettera di Antonio Bulifon all’Altezza Serenissima di Cosimo III Gran Duca di Toscana, ragguagliandola d’alcune cose notabili avvenute nella fiorita Terra di Cerreto doppo il tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, in "Lettere memorabili, istoriche, politiche, ed erudite scritte, e raccolte da Antonio Bulifon", vol.2, pp.44-47.
Napoli 1693
Bulifon A.
Lettera di Antonio Bulifon all’Eccellentiss[imo] Sig. D.Gio[vanni] Francesco Pacecco, Mendoza, e Sandoval, Duca d’Useda, Conte di Mont’Albano, Viceré, e Capitan Generale del Regno di Sicilia, &c. Si da pieno, ed accuratissimo ragguaglio del Tremuoto, successo li 5 Giugno 1688 in Napoli, in "Lettere memorabili, istoriche, politiche, ed erudite scritte, e raccolte da Antonio Bulifon", vol.3, pp.73-113.
Napoli 1693
(42)
Biblioteca della Società Napoletana di Storia Patria di Napoli, Manoscritti, XXII A 10, A.Bulifon, Cronicamerone (1670-1706).

(43)
Bonito M.
Terra tremante, o vero continuatione de’ terremoti dalla Creatione del Mondo sino al tempo presente (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1980).
Napoli 1691
(44)
Bilfinger G.
Die mittelalterlichen Horen und die modernen Stunden. Ein Beitrag zur Kulturgeschichte.
Stuttgart 1892
(45)
Sarnelli P.
Lettere ecclesiastiche di monsignor Pompeo Sarnelli Vescovo di Bisceglie.
Venezia 1740
(46)
Sportelli G.
Napoli flagellata da Dio con l’horribilissimo Terremoto accaduto a’ cinque di Giugno ad hore vent’uno il giorno di Sabato vigilia della Pentecoste nell’anno 1688.
Napoli 1688
(47)
Perrotta G.
La sede degli Aurunci popoli antichissimi dell’Italia. Storiografia della loro antica Città Arunca, e della Vice-Arunca Rocca Monfina.
Napoli 1737
Vari V.
I Terremoti di Benevento e loro cause.
Benevento 1927
Scandone F.
Storia di Avellino, vol.3 (Avellino moderna, 1501-1815).
Avellino 1950
Acocella V.
Storia di Calitri, 2ª ed.
Napoli 1951
(48)
Passaro G.
I terremoti in Irpinia. Cenni storici, in "Civiltà Altirpina", dicembre 1980, pp.5-40.
Avellino 1980

Effects in the social context

L’area colpita apparteneva al Regno di Napoli, governato da un viceré spagnolo; la città di Benevento, invece, apparteneva allo Stato della Chiesa ed aveva un governatore di nomina pontificia. I paesi della campagna costituivano una serie di piccoli potentati locali, in parte demaniali e in parte feudali.
Vi furono circa 10.000 vittime, concentrate soprattutto a Cerreto Sannita, in cui perirono circa 4.000 persone su 8.000 abitanti; a Guardia Sanframondi, dove perirono 1.100 abitanti e a Benevento dove ne perirono circa 2.000 su 7.530 abitanti, equivalente a oltre il 26% del totale; di questi si stimò che circa due terzi (1.600 circa) fossero donne e bambini. Il numero non era ancora comunque dato come definitivo, poiché molti risultavano dispersi e inoltre in città, al momento della scossa, si trovavano parecchi forestieri (circa quattro o cinquecento), a causa delle nuove ordinazioni che il cardinale Orsini aveva intenzione di tenere in quei giorni e per il mercato.
Per la città di Benevento si dispone anche dei dati parziali dei morti per le 8 parrocchie in cui era allora suddiviso il territorio urbano:
parrocchia di S.Donato, 1.013 abitanti, 300 morti circa (30%), in gran parte donne e bambini;
parrocchia di S.Giacomo, 1.039 abitanti, 230 morti (22%);
parrocchia di S.Angelo Porta Somma, 1.012 abitanti, 175 morti (17%);
parrocchia di S.Maria di Costantinopoli, 901 abitanti, 150 morti circa (17%); il numero era incerto perché il parroco era malato;
parrocchia di S.Pietro de Traseris, 802 abitanti, 113 morti (14%);
parrocchia di S.Salvatore in Porta, 1.038 abitanti, 105 morti (10%);
parrocchia di S.Marco de Saveriani, 1.005 abitanti, 75 morti (7,4%);
parrocchia di S.Modesto Abbadia 920 abitanti, 400 morti (44%).
Si ritenne che le vittime nella campagna fossero circa 700.
Per il Regno di Napoli, Napoli esclusa, Magnati (1688) riporta la cifra di 6.000 morti. Rimane tuttavia difficoltoso stabilire la cifra precisa dei morti; infatti, talvolta le fonti furono scritte subito dopo l’evento, quando ancora non era possibile verificare con certezza l’entità del danno. In alcuni casi notizie sul numero dei morti sembrano perciò contrastanti perché si riferiscono a fasi diverse.
Il numero dei morti è influenzato dall’ora del terremoto: in questo caso va ricordato che la scossa principale accadde quando gran parte della popolazione rurale attiva si trovava al lavoro nei campi. Tale elemento, rilevato spesso dalle fonti, fece sì che in molti paesi le vittime furono prevalentemente donne e bambini, e il numero dei morti fu ritenuto basso in relazione alle distruzioni.
La popolazione dei centri colpiti abbandonò le case e abitò a lungo in alloggi di fortuna; i nobili si trasferirono nelle residenze di campagna o nei pressi della costa.
A Benevento, la situazione fu subito gravissima: il rappresentante pontificio inviato da Roma rilevò la necessità di sgomberare le estese macerie e la difficile situazione della popolazione, spesso rifugiata in baracche approntate al momento e collocate in zone malsane. Rilevò anche la difficoltà in cui versava la popolazione delle campagne.
A Napoli, subito dopo la scossa principale, vi furono saccheggi e problemi di ordine pubblico, aggravati dall’assenza della nobiltà e dei rappresentanti del governo. Le carceri furono danneggiate e molti detenuti fuggirono, altri furono rimessi in libertà.
La distruzione di infrastrutture come mulini, frantoi e forni, innescò una crisi alimentare, che fu scarsamente contrastata dai provvedimenti amministrativi.
I lavori di sgombero delle macerie a Napoli furono molto lenti e col passare del tempo la condizione degli edifici colpiti andò peggiorando. Alla fine di giugno, tutte le attività giudiziarie, di governo ed economiche risultavano ancora bloccate. Mancava mano d’opera e materia prima, come ferro, legname, calce e pietre da costruzione.
Gli interventi amministrativi attuati dal governo pontificio per Benevento e per il suo territorio sono testimoniati da 3 chirografi di Innocenzo XI indirizzati al tesoriere generale, e dai documenti della Sacra Congregazione del Buon Governo, preposta al controllo di tutte le spese e della contabilità delle istituzioni periferiche dello Stato Pontificio. All’inizio del settembre del 1688 furono prestati alla città senza interesse 10.000 scudi, 1.000 dei quali furono impiegati per la chiesa e l’ospedale della Santissima Annunziata. A tali somme a fine mese si aggiunsero 4.000 scudi alle stesse condizioni di prestito e da impiegarsi esclusivamente per pagare gli operai impegnati nello sgombero delle macerie. Il trasferimento dei primi 2.000 scudi fu però notevolmente ritardato a causa dell’insicurezza delle strade. Dai chirografi si evince che solo nel luglio 1689 furono stanziati 2.000 o 2.500 scudi a fondo perduto per aiutare i poveri e pagare lo sgombero delle strade dalle macerie.
Anche in questo caso fu applicata la consueta politica pontificia di ripartire un fondo prelevato fiscalmente dalle comunità locali. Per contribuire alla ricostruzione della chiesa di S.Bartolomeo, ad esempio, si propose di ripristinare una tassa che gravava sui pizzicagnoli. Tali misure furono integrate da varie riduzioni di affitti e appalti, come quello della cancelleria civile, rese peraltro necesarie delle condizioni economiche della città. Ancora nel 1735-1736 vi erano contenziosi aperti tra la città di Benevento e la Camera pontificia per il prestito di 10.000 scudi, somma che la comunità non era in grado di restituire del tutto.
Questo terremoto ebbe un forte impatto sull’economia di tutta l’area colpita, e i governi cercarono di porvi rimedio con sgravi fiscali, come quelli concessi dal viceré alle Università (comunità locali) del regno. Anche nel settore privato delle amministrazioni feudali l’impatto economico fu elevato: i patrimoni di alcune famiglie nobiliari, come quello del duca di Maddaloni, che possedeva la contea di Cerreto in cui erano situate Pietraroja, San Lorenzo, San Lorenzello, Guardia Sanframondi, Civitella, Ponte Landolfo e San Lupo, subirono danni economici consistenti.
Affittuari e appaltatori di beni e rendite di proprietà della Chiesa situati nel Beneventano, non riuscirono a pagare i loro impegni; altri, come l’ambasciatore di Venezia e la duchessa di Jelsi, lamentarono difficoltà nel riscuotere i pagamenti loro dovuti, per fuga o decesso dei debitori e confusione generale.
A Benevento i danni furono stimati di circa 117.000 scudi sull’edilizia pubblica, civile e religiosa, e di circa 1 milione di scudi sull’edilizia privata. I mezzi economici messi a disposizione furono molto inferiori ai bisogni e riguardano quasi esclusivamente l’edilizia pubblica ed ecclesiastica. Per la ricostruzione fu suggerito dai periti muratori e dagli architetti di impiegare mattoni o pietre squadrate di tufo, e di utilizzare le rovine delle abitazioni per produrre nuova calce.
A Benevento e nei territori circostanti si crearono forti contrasti tra parti sociali e amministrazioni, per i costi dei lavori di ricostruzione. Nel 1716 e 1721 sorgevano ancora contenziosi tra cittadini e autorità sulle spese e sulle modalità di sgombero delle macerie e per la ricostruzione di edifici. Fragneto l’Abate e le terre di Casalduni furono interessati da un movimento migratorio, che si cercò di arginare.
Per quanto riguarda i provvedimenti di più ampia portata va tenuto presente il diverso assetto istituzionale della zona colpita, che comportò politiche d’intervento differenti e talvolta sovrapposizioni, contrasti, ma anche qualche collaborazione tra le istituzioni del governo pontificio e quelle del Regno di Napoli. Il viceré spagnolo accettò l’istanza dei cittadini del Beneventano che chiedevano di far legna nei territori del Regno, per la necessità di far funzionare le fornaci di fabbricazione della calce; i padri Gesuiti di Napoli fecero appello al viceré e all’Arsenale della città per ottenere il materiale occorrente ai primi interventi di restauro sui loro edifici danneggiati.
Il viceré di Napoli cercò di controllare la levitazione dei costi dei materiali per l’edilizia adottando un calmiere dei prezzi e dei salari. Il successo di tali misure fu tuttavia molto scarso: l’agente diplomatico veneziano a Napoli, Antonio Maria Vincenti, descrisse con molta efficacia la ricerca di manodopera qualificata assoldata con la forza o col denaro e la crescita inevitabile dei prezzi dei materiali da costruzione. Tale provvedimento causò inoltre notevoli tensioni sociali, soprattutto a Napoli.
Il peso economico sostenuto dalle comunità di Benevento fu molto gravoso, perché oltre ai danni privati, si aggiunsero le spese per ripristinare gli edifici pubblici: per esempio, in seguito ai danni ingenti subiti, il palazzo camerale fu evacuato e furono presi in affitto dei locali per far fronte alle necessità. Tale affitto pesò per metà sulla comunità locale; solo più tardi fu stabilito che la ricostruzione del palazzo fosse pagata metà dalla Camera apostolica e metà dalla città, con una spesa totale di 3.831,60 scudi.
Nel Beneventano la ricostruzione fu lenta e spesso male organizzata e diretta. A Benevento, nel 1704, l’Ospedale della Santissima Annunziata, che ospitava le donne in stato di necessità, le carceri femminili e i bambini esposti, era ancora inagibile e fu riaperto verso la fine del 1710; nel 1708 il palazzo magistrale versava ancora in condizioni precarie, al punto che si temeva la dispersione e il danneggiamento degli archivi pubblici. Più scarse sono le informazioni sulle vicende della ricostruzione del patrimonio edilizio privato, che tuttavia, dal complesso della documentazione, appare essere completamente gravata sulle finanze dei privati.

Demography elements

Le fonti reperite talvolta consentono di ricavare dati precisi sugli effetti demografici prodotti dal terremoto; va però sempre tenuto presente che tali dati, pur essendo spesso ufficiali, non erano definitivi, perché i mezzi del tempo non permettevano una conoscenza tempestiva del numero degli abitanti deceduti in seguito alla scossa.
Una relazione ufficiale conservata nel fondo Carpegna dell’Archivio Segreto Vaticano (1) fornisce notizie molto dettagliate circa gli effetti demografici prodotti dal terremoto a Benevento. Si trovano infatti elencati i dati relativi a ciascuna delle otto parrocchie che suddividevano la città e i dati relativi alla città nel suo insieme.
Per quanto riguarda le parrocchie, i dati forniti sono i seguenti:
parrocchia di S.Salvatore in Porta 1.038 abitanti, 105 morti (10%);
parrocchia di S.Angelo Porta Somma 1.012 abitanti, 175 morti (17%);
parrocchia di S.Pietro de Traseris 802 abitanti, 113 morti (14%);
parrocchia di S.Marco de Saveriani 1.005 abitanti, 75 morti (7,4%);
parrocchia di S.Donato 1.013 abitanti, 300 morti circa, in gran parte donne e bambini (30%);
parrocchia di S.Maria di Costantinopoli, 901 abitanti, 150 morti circa (il numero era incerto perché il parroco era malato) (17%);
parrocchia di S.Giacomo 1.039 abitanti, 230 morti (22%);
parrocchia di S.Modesto Abbadia 920 abitanti, 400 morti (44%).
Per quanto riguarda la città nel suo insieme, l’ultimo censimento dava una popolazione di 7.530 abitanti, di cui si stimava ne fossero periti circa 2.000, cioè il 26,5% del totale, per due terzi (1.600 circa) donne e bambini. Il numero non era ancora comunque dato come definitivo, poiché molti risultavano ancora dispersi e inoltre in città, al momento della scossa, si trovavano parecchi forestieri, si stimava in numero di quattro o cinquecento, sia a motivo delle nuove ordinazioni che il cardinale Orsini aveva intenzione di tenere in quei giorni, sia a causa del mercato. A tale proposito le fonti (2) riporta che 14 abitanti di San Salvatore Telesino morirono perché si trovavano a Benevento.
Una lettera datata 12 giugno (3) inviata dal governatore di Benevento, Eustachi, al segretario di Stato, conferma che i morti in città erano forse più di 2.000.
Per il Regno di Napoli una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (4) riporta che vi furono 34 morti a Napoli e 5.980 vittime complessivamente nelle terre del Regno.
Per i centri minori le fonti sottolinenano spesso che, grazie all’orario in cui avvenne la scossa principale (15:30 GMT ca.), la popolazione rurale fu in parte risparmiata dai crolli, poiché si trovava al lavoro nei campi: le vittime nei centri della campagna furono in gran parte donne e bambini.

Note

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.

(2)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.

(3)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del governatore di Benevento Luca Antonio Eustachi al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Benevento 12 giugno 1688.

(4)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.

Concurrent natural and man-induced destructive events

È ricordata una "trave di fuoco" che avrebbe attraversato la valle di Vitulano lasciando dietro sé una scia di vegetazione in fiamme (1). Anche Magnati (1688) (2) riporta la notizia; forse però l’evento fu causato da un fulmine, poiché le fonti tramandano che nei giorni in cui accadde il terremoto vi furono temporali e il tempo era perturbato. Sempre Magnati registra una serie di fenomeni, come il freddo rigido delle ultime stagioni invernali e particolari comportamenti degli animali, la cui segnalazione è tipica del quadro teorico sismologico del tempo. A Benevento una relazione anonima (3) ricorda che dopo la scossa si udì un rumore e un sibilo simile a quello di un lampo, durati il tempo di un Ave Maria, cioè circa 10 secondi; seguì un forte vento. Il vento è segnalato anche in Magnati (1688) (4). Questo riferimento è molto probabilmente un elemento della teoria interpretativa del terremoto, basata ancora su Aristotele.

Note

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(3)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.

(4)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

Elements of the local buildings

La relazione di Carlo Maria Pianetti, inviato del Tesoriere generale del pontefice, sui danni subiti dalla città di Benevento (1), propone alcune osservazioni interessanti sulle tecniche di costruzione utilizzate prima del terremoto e alcuni suggerimenti per la ricostruzione. L’inviato del pontefice osservava che la grande entità dei danni causati dal terremoto derivava dalla qualità dei materiali edilizi utilizzati: le case di Benevento erano infatti costruite con pietre vive e levigate di fiume, per le quali la calce non costituiva un buon legante. Egli rilevava inoltre come le case costruite con mattoni, anziché sassi, benché danneggiate, avevano resistito meglio alle scosse. Di qui il suggerimento di impiegare per la ricostruzione mattoni o pietre (squadrate) di tufo, e di utilizzare le rovine delle abitazioni per produrre nuova calce. Il brano relativo è copiato alla lettera e con l’aggiunta di qualche errore dall’anonimo autore dell’opuscolo "Vera, fedele e distintissima relazione" (2).

Note

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.

(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

Administrative historical affiliations

L’area colpita apparteneva al Regno di Napoli, governato da un viceré spagnolo; la città di Benevento, invece, apparteneva allo Stato della Chiesa ed aveva un governatore di nomina pontificia: nel 1688 era monsignor Eustachi. I paesi della campagna costituivano una serie di piccoli potentati locali, in parte demaniali e in parte feudali.

Social and economic effects

Nei luoghi aperti vennero erette baracche, tende e padiglioni sotto cui molte persone cercarono scampo dai crolli, che continuarono anche dopo il 5 giugno, per il susseguirsi delle scosse e per il maltempo (1), che acuì il disagio delle popolazioni colpite, specialmente nella campagna intorno a Cerreto Sannita, dove molti si ammalarono di febbre (2). A Napoli numerosi abitanti si rifugiarono sulle spiagge (3). La popolazione, sotto la guida del clero, si dedicò a pratiche devozionali (4). L’evento causò un forte sentimento di paura, in seguito al quale andavano diffondendosi voci incontrollate di disastri imminenti; spesso si accendevano dicussioni sulle cause dell’evento, ricorrendo ai più diversi argomenti, come ad esempio quelli astrologici (5).
Il problema dello sciacallaggio, rilevato da relazioni ufficiali, venne segnalato dal vescovo di Cerreto Sannita e dal governatore di Benevento (6). A Napoli, subito dopo la scossa, vi furono saccheggi e problemi di ordine pubblico, aggravati dal fatto che le Carceri rimasero danneggiate e alcuni detenuti furono trasferiti, mentre altri fuggirono o furono rimessi in libertà (7). Le attività di governo subirono rallentamenti e difficoltà dovute al cattivo stato degli edifici pubblici di Napoli, in particolare del Palazzo della Vicaria che ospitava il Tribunale della Regia udienza (8). Secondo i rapporti inviati dall’ambasciatore Antonio Maria Vincenti al Senato di Venezia (9), la città rimase in uno stato di paralisi sia per le difficoltà causate dall’evento nell’immediato, come lo sgombero delle macerie, sia per le ripercussioni che si ebbero col passare del tempo: le attività di governo ed economiche subirono gravi rallentamenti e l’attività giudiziaria rimase bloccata a lungo. A Benevento si verificò un crollo delle attività commerciali. L’emergenza non fu solo abitativa, ma anche alimentare: le strutture produttive, come mulini e forni, erano state in gran parte distrutte e da ciò derivava il rischio di una carestia, cui cercarono di opporsi le iniziative pubbliche, con scarsi risultati (10).
I prezzi dei materiali da costruzione crebbero moltissimo: il governatore di Benevento e il viceré di Napoli cercarono di imporre un calmiere, elemento che causò la scomparsa dal mercato di molta merce, in particolare ferro, legname, calce e pietre (11). La carenza dei materiali da costruzione e di manodopera produsse un generale rallentamento dei lavori di ricostruzione (12), oltre a disordini e alcune risse a Napoli (13).
L’evento ebbe un forte impatto sull’economia di tutta l’area colpita: il patrimonio di alcune famiglie nobiliari, come quella del duca di Maddaloni (14), subì danni molto consistenti; alcune suppliche (15) e due chirografi di Papa Alessandro VIII datati 18 marzo 1690 (16) testimoniano il permanere di difficoltà a far fronte ai propri impegni, da parte di affittuari e appaltatori di beni e rendite di proprietà della Chiesa situati nel Beneventano. Altri, come l’ambasciatore di Venezia e la duchessa di Jelsi, rilevavano difficoltà nel riscuotere pagamenti loro dovuti, per fuga o decesso dei debitori e confusione generale (17).
Per Benevento e i territori circostanti si ha testimonianza di contrasti tra parti sociali e amministrazioni, per i costi dei lavori di ricostruzione; in particolare è evidente la difficoltà finanziaria delle casse comunali (18). Nel 1704 l’Ospedale della Santissima Annunziata, che ospitava le donne in stato di necessità, le carceri femminili e i bambini esposti, era ancora inagibile (19) e fu riaperto solo verso la fine del 1710 (20); nel 1708 il Palazzo Magistrale versava ancora in condizioni precarie, al punto che si temeva la dispersione e danneggiamento degli archivi pubblici (21); nel 1706-1707, le autorità cittadine chiedevano una dilazione della restituzione dei 4000 ducati che avevano avuto in prestito dalla Camera Apostolica per spese relative allo sgombero delle macerie (22). Nel 1713, una supplica dei padri del convento di S.Giovanni di Dio alla Sacra Congregazione del Buon Governo testimonia un contrasto sorto con Don Carlo Carissimo, col quale essi avevano stipulato un contratto di enfiteusi per un lotto di terreno che era da riedificare dopo i danni provocati dal terremoto del 1688 e aggravati da quello del 1702 (23); nel 1716 e 1721 sorgevano ancora contrasti tra cittadini e autorità sulle spese e modalità di sgombero delle macerie e ricostruzione di edifici (24). Documenti datati 1735-1736 testimoniano contenziosi aperti tra la cittadinanza e la Camera Apostolica a causa del prestito di 10.000 scudi concesso all’indomani del terremoto, che la comunità non era in grado di poter restituire del tutto (25).
Alcuni centri particolarmente colpiti furono interessati da un movimento migratorio, che i rappresentanti dell’autorità cercavano di arginare (26).

Note

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 19 giugno 1688.

Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(2)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(3)
Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.
Napoli-Bologna 1688
(4)
Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.
Napoli-Bologna 1688
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.

Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(5)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Breve, però vera relatione del Terremoto succeduto nella Città di Napoli, et altre Parti del Regno il dì Sabato 5 di Giugno vigilia della Sant[issi]ma Pentecoste di quest’Anno 1688 verso le 20 hore, e mezza in 21 colla notitia delle volte, che hà replicato, e suoi effetti cagionati.

Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(6)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 19 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 11 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del governatore di Benevento Luca Antonio Eustachi al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Benevento 12 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 19 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del governatore di Benevento Luca Antonio Eustachi al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Benevento 27 giugno 1688.

(7)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.138, Lettera del duca di Parete Reggente del Presidente del Consiglio alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di controllo del Palazzo della Vicaria e delle altre carceri della città di Napoli colpita dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 7 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.180, Lettera alla Segreteria del viceré relativa ai danni riportati dalla città di Napoli e dal palazzo della Vicaria a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.93, Comunicazione alla Segreteria del viceré relativa alle carceri della Vicaria che danneggiate dal terremoto del 5 giugno 1688 non possono più custodire carcerati, Napoli giugno 1688.

Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla lettera del viceré di Napoli conte di Santisteban dell’11 giugno sui danni causati al castello di Sant’Elmo dal terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 9 luglio 1688.

(8)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Nota di giorni in cui viene retto il Tribunale, Napoli 5 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo alla visita dei carcerati, Napoli 10 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo ai riti religiosi in occasione del terremoto, Napoli 14 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo all’impossibilità di reggere il Tribunale nel luogo solito e al suo trasferimento a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo al trasferimento del Tribunale agli Studi Pubblici a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di una relazione dell’ingegnere Luca Antonio Natale relativa alle riparazioni del Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 1 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione del marchese di Sant’Eramo relativa ai danni subiti dalla Real Cavallerizza della Madalena in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 3 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione del luogo in cui fu retto il Tribunale in seguito al trasferimento causato dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordinano riparazioni alle lesioni causate al castello di Baia e alle sue cisterne dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 13 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione della mancata erezione del Tribunale recatosi al Consiglio Collaterale per tenervi la relazione dei danni causati dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 30 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordinano riparazioni ai danni subiti dal torrione del Carmine a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una perizia effettuata dall’ingegnere Mario d’Urso e dal maestro muratore Aniello Schisano per le riparazioni necessarie ai Regi Tribunali, alla Regia Camera e ad altre sedi in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 28 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione del trasferimento del Tribunale in seguito a una nuova lesione apertasi nel luogo dove era retto, Napoli 6 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo alle riparazioni necessarie al Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 29 ottobre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con il quale si ordina alla Camera di concludere le partite per le riparazioni necessarie al Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione della relazione del primario relativa ai lavori eseguiti nei Regi Studi in occasione del trasferimento dei tribunali in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 dicembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione dei conti del maestro muratore Giovanni Covino partitario di riparazioni eseguite ai Regi Tribunali, Napoli 20 dicembre 1688.

(9)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.122, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 8 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.125, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 29 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.

(10)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 11 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 19 giugno 1688.

(11)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.

(12)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.127, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 13 luglio 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.131, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 10 agosto 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.

(13)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.131, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 10 agosto 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.129, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 27 luglio 1688.

(14)
Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.
Napoli-Bologna 1688
Vera, e distinta Relazione dello spaventoso Terremoto occorso nelle Città di Napoli, Benevento, e Salerno, con sua Castelli, e terre circonvicine. Seguito il dì 5, 6 e 7 Giugno 1688.
Firenze 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
(15)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica del capitano C.Coscia e altri appaltatori della gabella della carne alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1688].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica di A.Parziale appaltatore del tabacco alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 20 novembre 1688.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica di G.B.Pirrone appaltatore della gabella del pane alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 2 agosto 1688.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica del notaio C.Festa appaltatore della Cancelleria Criminale alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 26 febbraio 1689.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio A.Fumo dell’istanza presentata al Governatore di Benevento da C.Festa appaltatore della Cancelleria Criminale, Benevento 10 luglio 1688.

(16)
Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.170, pp.43-44, Chirografo del papa Alessandro VIII al tesoriere generale monsignor Ferdinando Raggi, Roma 18 marzo 1690.

Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.170, pp.44-45, Chirografo del papa Alessandro VIII al tesoriere generale monsignor Ferdinando Raggi, Roma 18 marzo 1690.

(17)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.125, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 29 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.215, Lettera della duchessa di Jelsi alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di una somma di denaro anticipata dai suoi crediti per porre riparo ai danni causati alle sue terre dal terremoto del 5 giugno 1688, Jelsi 19 giugno 1688.

(18)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica dei maestri fabbricatori A.Piscitiello e G.C.Sciarra appaltatori dei lavori di ricostruzione del ponte di Valentino alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 27 agosto 1695.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale della Città di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 30 luglio 1695.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore C.Tornaquinci Belloni alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 24 luglio 1694.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale della Città di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1694].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.Degli Effetti al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 3 novembre 1696.

(19)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Luogotente F.Annubba alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 20 dicembre 1704.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica dei Governatori della chiesa e ospedale della SS.ma Annunziata alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1704].

(20)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Estratto redatto dal Cancelliere S.Schinosi della proposta del Governatore della chiesa e spedale della SS.ma Annunziata Giordano de Nicastro al General Consiglio della Città di Benevento del 29 settembre 1710.

(21)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore L.Vannicelli al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 2 giugno 1708.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale dei Consoli di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1708].

(22)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore N.M.Lercari al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo cardinale Imperiali, Benevento 26 febbraio 1707.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio B.De Leone del Ristretto de tutti li mandati pagati all’infrascritti partitarii per lo spurgo e rispurgo delle strade di questa Città secondo l’ordine di Monsignor Illustrissimo Governatore pro tempore e de’ Signori Deputati per il danno del tremuoto delli 5 giugno 1688 che ha patito questa Città, Benevento [1707].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore N.Lercari al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 16 ottobre 1706.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale del Magistrato di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1706].

(23)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica del padre Priore e dei padri del convento e ospedale di S.Giovanni di Dio al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1713].

(24)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Luogotenente T.Mansanti al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 12 settembre 1716.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica dell’Abadessa del monastero di S.Vittorino ed altri privati alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1715].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento IV, b.475 (1719-1730), Lettera del Luogotenente F.Annubba al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 27 dicembre 1721.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento IV, b.475 (1719-1730), Supplica dell’Abbate A.Martelli e di P.Pascale alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1721].

(25)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Lettera del Governatore G.B.Stella al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 17 aprile 1736.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Appunto del Luogotenente F.Barberi alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1736].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Supplica di A.Gatti alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1735].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Memoriale del Magistrato di Benevento al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [30 aprile 1735].

(26)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, "Relatione de’ danni patiti in diversi corpi da’ beni dell’abbadia di S.Sofia di Benevento, per causa del orribil terremoto seguito li 5 del corrente mese di giugno del corrente anno 1688" allegata al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo del 22 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.78, Lettera di supplica del conte di Casalduni Michele Sariano che sottoposto a giudizio su accusa di alcuni suoi vassalli chiede alla Segreteria del viceré che gli venga lasciato il tempo di recuperare i cadaveri e gli averi sepolti sotto le macerie dei suoi possedimenti di Ponte e Casalduni distrutti dal terremoto del 5 giugno 1688, Casalduni 26 giugno 1688.

Institutional and administrative response

Le fonti forniscono informazioni sui primi interventi coordinati dalle istituzioni per alleviare la sofferenza delle popolazioni colpite. I problemi principali, subito dopo l’evento, riguardarono l’ordine pubblico, lo sgombero delle macerie e l’allestimento di ricoveri di fortuna (1). La precaria situazione sanitaria fece sì che a Napoli l’Arcivescovo sospendesse le processioni per paura di contagi (2), mentre a Benevento il Governatore si preoccupò di provvedere alla cremazione dei cadaveri (3) e di evitare che la gente risiedesse in baracche collocate in posizioni insalubri e insicure (4). A Napoli fu anche ordinata la sospensione del gioco del lotto (5); per paura di peggiorare la stabilità degli edifici che minacciavano crolli fu fatto divieto di sparare e fu limitato il transito delle carrozze in città (6). Nel circondario di Benevento anche piccoli feudatari, come il duca di Maddaloni, parteciparono agli aiuti, inviando dei viveri.
Per quanto riguarda i provvedimenti di più ampia portata, va tenuto presente che i territori colpiti dal terremoto in gran parte appartenevano al Regno di Napoli, governato da un viceré spagnolo, ma che la città di Benevento, apparteneva allo Stato della Chiesa ed aveva un governatore di nomina pontificia, mentre i paesi della campagna costituivano una serie di piccoli potentati locali, in parte demaniali e in parte feudali. Ciò comportò politiche d’intervento differenti e talvolta sovrapposizioni e collaborazioni tra le istituzioni del Governo Pontificio e quelle del Regno di Napoli. Il viceré, ad esempio, accettò l’istanza dei cittadini del Beneventano che chiedevano di far legna nei territori del Regno, per la necessità di fabbricare la calce (7); i padri Gesuiti di Napoli, per materiale occorrente ai primi interventi di restauro sugli edifici colpiti, fecero appello al viceré e all’Arsenale della città (8). Richieste di aiuto finanziario nei restauri furono anche avanzate con esito positivo dai padri del Carmine (9).
Gli interventi pontifici su Benevento e il suo territorio sono testimoniati da 3 chirografi di Innocenzo XI indirizzati al Tesoriere Generale (10) e da documenti appartenenti all’Archivio della Sacra Congregazione del Buon Governo, che era preposta al controllo di tutte le spese e della contabilità delle istituzioni periferiche dello Stato Pontificio.
Dai chirografi si evince che nel luglio successivo all’evento furono stanziati 2.000 o 2.500 scudi a fondo perduto per aiutare i poveri e pagare lo sgombero delle strade dalle macerie; all’inizio di settembre furono prestati alla città senza interesse 10.000 scudi, 1.000 dei quali furono impiegati per la chiesa e ospedale della Santissima Annunziata (11). A tali somme a fine mese si aggiunsero 4.000 scudi alle stesse condizioni di prestito e da impiegarsi esclusivamente per pagare gli operai impegnati nello sgombero (12). Da una lettera del governatore di Benevento, monsignor Eustachi, al segretario di Stato (13), si evince però che il trasferimento dei primi 2000 scudi fu notevolmente ritardato a causa dell’insicurezza delle strade.
A tali misure furono unite una serie di riduzioni di affitti e appalti, come quello della cancelleria civile, per altro rese d’obbligo a causa delle condizioni economiche della città (14). Il peso sostenuto dalla comunità locale fu molto gravoso; in seguito ai danni ingenti subiti, il palazzo camerale fu evacuato e di conseguenza furono presi in affitto dei locali per far fronte alle necessità. Tale affitto pesò per metà sulla comunità locale; più tardi inoltre fu stabilito che la ricostruzione del palazzo fosse pagata a metà dalla Camera Apostolica e dalla città, con un dispendio in totale di 3831,60 scudi (15). Documenti del 1706-1707 (16) testimoniano che la comunità non era in grado di restituire nei termini temporali stabiliti i 4000 scudi prestati dalla Camera Apostolica per pagare lo sgombero delle macerie.
Alcune lettere del nunzio di Napoli, monsignor Muti, al segretario di Stato a Roma testimoniano l’elargizione da parte del Pontefice di 50.000 ducati da utilizzare in aiuto dei poveri (17).
Il viceré di Napoli concesse esenzioni fiscali ad alcune Università del Regno (18), un provvedimento che fu preso in via definitiva a molti mesi di distanza dal terremoto. Le fonti archivistiche reperite riportano informazioni relative ad alcuni aspetti degli interventi del governo spagnolo sia a Napoli sia nelle terre delle province colpite dalle scosse.
A Napoli si provvide a trasferire in altra sede il Tribunale della Regia Udienza (19); riguardo agli edifici pubblici danneggiati dal terremoto, furono eseguite perizie e ordinati interventi di restauro (20).
L’analisi delle fonti reperite evidenzia la lentezza decisionale dell’apparato burocratico spagnolo relativamente ai provvedimenti da prendere nei territori danneggiati dall’evento. Le comunità locali infatti provvidero a inviare relazioni e suppliche, affinché si alleviasse in qualche modo lo stato di difficoltà indotto dal terremoto, al governo centrale; questo a sua volta ordinò verifiche e controlli da parte delle istituzioni di ciascuna provincia. Le operazioni furono lunghe e in alcuni casi diedero luogo a valutazioni contrastanti tra i tre livelli amministrativi; in particolare ad alcuni paesi, come Piedimonte d’Alife, Rocca Monfina, Tora, Sessa e Morcone, una volta effettuato il controllo da parte dell’autorità provinciale, non furono concesse esenzioni e sospensioni dai versamenti fiscali (21). Dopo mesi di contrasti tra le varie istituzioni coinvolte, nel dicembre 1688 il viceré prese una decisione concedendo la sospensione dai pagamenti fiscali alle località che ne furono giudicate bisognose (22).
Il viceré cercò inoltre di controllare la levitazione dei costi dei materiali per l’edilizia adottando un calmiere dei prezzi e dei salari (23). Il successo di tali misure fu tuttavia molto scarso: l’ambasciatore veneziano a Napoli, Antonio Maria Vincenti, descrive con molta efficacia la ricerca di manodopera qualificata assoldata con la forza o col denaro e la crescita inevitabile dei prezzi dei materiali da costruzione determinata dalla loro scarsità (24).

Note

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 11 giugno 1688.

(2)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.

(3)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del governatore di Benevento Luca Antonio Eustachi al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Benevento 12 giugno 1688.

(4)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.

(5)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 8 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 12 giugno 1688.

Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretaría de Estado, Negociación de Nápoles, legajo 3319 (1688), Consultas, decretos y notas, Consulta del Consiglio di Stato relativa alla lettera del viceré di Napoli conte di Santisteban dell’11 giugno 1688 sulla sospensione del gioco della "Beneficiata" in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 10 luglio 1688.

(6)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 29 giugno 1688.

(7)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 7 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina di informarlo relativamente a un memoriale dell’università di Benevento che pretende di potere legnare nei territori del Regno per riparare i danni causati dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 2 settembre 1688.

(8)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.157, Lettera del preposto della Casa Professa della Compagnia del Gesù di Napoli alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di materiale per riparare la chiesa della Compagnia danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 16 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.157, Lettera del presidente N.Grassia responsabile dell’Arsenale di Napoli alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di materiale per riparare la chiesa della Compagnia danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 18 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.130, Lettera del Procuratore del Collegio di Napoli della Compagnia di Gesù alla Segreteria del viceré relativo alla richiesta di sessanta cantara di ferro per riparare il collegio dalla rovina causata dal terremoto del 5 giugno 1688.

(9)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di un memoriale del priore e dei padri del monastero del Carmine di Napoli al viceré con il quale si supplica per riparazioni alle mura della chiesa e del campanile danneggiati a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 20 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina un pagamento al monastero del Carmine di Napoli per le riparazioni delle lesioni causate dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 6 ottobre 1688.

(10)
Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.169, p.533, Chirografo del papa Innocenzo XI al tesoriere generale monsignor Giuseppe Renato Imperiale, Roma 7 luglio 1688.

Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.169, pp.533-535, Chirografo del papa Innocenzo XI al tesoriere generale monsignor Giuseppe Renato Imperiale, Roma 4 settembre 1688.

Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.169, pp.535-536, Chirografo del papa Innocenzo XI al tesoriere generale monsignor Giuseppe Renato Imperiale, Roma 22 settembre 1688.

(11)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Estratto redatto dal Cancelliere S.Schinosi della proposta del Governatore della chiesa e spedale della SS.ma Annunziata Giordano de Nicastro al General Consiglio della Città di Benevento del 29 settembre 1710.

(12)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore N.M.Lercari al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo cardinale Imperiali, Benevento 26 febbraio 1707.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio B.De Leone del Ristretto de tutti li mandati pagati all’infrascritti partitarii per lo spurgo e rispurgo delle strade di questa Città secondo l’ordine di Monsignor Illustrissimo Governatore pro tempore e de’ Signori Deputati per il danno del tremuoto delli 5 giugno 1688 che ha patito questa Città, Benevento [1707].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore N.Lercari al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 16 ottobre 1706.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale del Magistrato di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1706].

(13)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del governatore di Benevento Luca Antonio Eustachi al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Benevento 27 giugno 1688.

(14)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Fede del Segretario della Comunità di Benevento O.De Pompei alla Sacra Congregazione del Buon Governo sulla riduzione dei dazi in seguito al terremoto del 1688, Benevento 15 gennaio 1733.

(15)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Appunto interno della Sacra Congregazione del Buon Governo, Roma 28 luglio 1733.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Copia autentica redatta dal notaio P.P.D’Auria dell’Obbligo della Communità di Benevento di dovere contribuire la metà della spesa per rifacimento del Palazzo Camerale, Benevento 1 maggio 1694.

(16)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore N.M.Lercari al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo cardinale Imperiali, Benevento 26 febbraio 1707.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio B.De Leone del Ristretto de tutti li mandati pagati all’infrascritti partitarii per lo spurgo e rispurgo delle strade di questa Città secondo l’ordine di Monsignor Illustrissimo Governatore pro tempore e de’ Signori Deputati per il danno del tremuoto delli 5 giugno 1688 che ha patito questa Città, Benevento [1707].

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore N.Lercari al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 16 ottobre 1706.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale del Magistrato di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1706].

(17)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 29 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 3 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 6 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 10 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 13 luglio 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 17 luglio 1688.

(18)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(19)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Nota di giorni in cui viene retto il Tribunale, Napoli 5 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo alla visita dei carcerati, Napoli 10 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo all’impossibilità di reggere il Tribunale nel luogo solito e al suo trasferimento a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo al trasferimento del Tribunale agli Studi Pubblici a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.

(20)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Nota di giorni in cui viene retto il Tribunale, Napoli 5 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo alla visita dei carcerati, Napoli 10 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo ai riti religiosi in occasione del terremoto, Napoli 14 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo all’impossibilità di reggere il Tribunale nel luogo solito e al suo trasferimento a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo al trasferimento del Tribunale agli Studi Pubblici a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di una relazione dell’ingegnere Luca Antonio Natale relativa alle riparazioni del Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 1 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione del marchese di Sant’Eramo relativa ai danni subiti dalla Real Cavallerizza della Madalena in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 3 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione del luogo in cui fu retto il Tribunale in seguito al trasferimento causato dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordinano riparazioni alle lesioni causate al castello di Baia e alle sue cisterne dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 13 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione della mancata erezione del Tribunale recatosi al Consiglio Collaterale per tenervi la relazione dei danni causati dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 30 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordinano riparazioni ai danni subiti dal torrione del Carmine a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una perizia effettuata dall’ingegnere Mario d’Urso e dal maestro muratore Aniello Schisano per le riparazioni necessarie ai Regi Tribunali, alla Regia Camera e ad altre sedi in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 28 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione del trasferimento del Tribunale in seguito a una nuova lesione apertasi nel luogo dove era retto, Napoli 6 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione del memoriale del proprietario di una abitazione sita presso il monastero dei Cappuccini danneggiata in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 ottobre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo alle riparazioni necessarie al Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 29 ottobre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con il quale si ordina alla Camera di concludere le partite per le riparazioni necessarie al Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione del primario relativa alle riparazioni eseguite dal maestro muratore Aniello Schisano a un palazzo, Napoli 18 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione della relazione del primario relativa ai lavori eseguiti nei Regi Studi in occasione del trasferimento dei tribunali in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 dicembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione dei conti del maestro muratore Giovanni Covino partitario di riparazioni eseguite ai Regi Tribunali, Napoli 20 dicembre 1688.

(21)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con accluse relazioni dei percettori di Principato Ultra e di Salerno relative alle terre che possono pagare i pesi fiscali alla Regia Corte, Napoli 27 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Terra di Lavoro che continui a esigere i pesi pesi fiscali dalle università stabilite con la consulta della Camera, Napoli 30 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Principato Ultra di continuare a esigere i pesi fiscali da una terra danneggiata dal terremoto dei 5 giugno 1688, Napoli 5 ottobre 1688.

(22)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una carta del percettore di Contado di Molise relativa alle terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una carta del percettore di Capitanata relativa alle terre della provincia che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 28 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una carta del percettore di Terra di Lavoro con cui si comunicano le rovine subite da molte terre della provincia a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 3 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con accluse relazioni dei presidi e dei percettori delle province di Principato Citra e Ultra, Capitanata, Contado di Molise e Terra di Lavoro e del commissario di Campagna, con annessi memoriali delle università per richieste di dilazioni nel pagamento dei pesi fiscali in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 27 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con acclusa relazione dell’Udienza di Lucera relativa ai danni subiti dalle terre della provincia a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré col quale si ordina di esaminare l’acclusa carta del percettore di Terra di Lavoro relativa ai danni causati nella provincia dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 18 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 31 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con acclusa una carta del percettore della Terra di Lavoro con cui si comunica che le terre di Piedimonte d’Alife, Rocca Monfina, Tora e Sessa non hanno subito danni in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 16 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con il quale si ordina di esaminare le relazioni del preside di Montefusco e del preside di Salerno sui danni subiti dalle terre della provincia in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 16 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione relativa ai bilanci mensili di luglio, agosto e settembre rimessi dal percettore di Principato Ultra con il pagamento di riparazioni effettuate al palazzo della Regia Udienza danneggiato dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 18 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con accluse relazioni dei percettori di Principato Ultra e di Salerno relative alle terre che possono pagare i pesi fiscali alla Regia Corte, Napoli 27 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di un’istanza dell’avvocato fiscale contro la sospensione dei pagamenti fiscali di molte terre danneggiate dal terremoto del 5 giugno 1688 fino alla verifica dei danni nelle province di Terra di Lavoro, Salerno, Montefusco, Contado di Molise e Capitanata, Napoli 8 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione del percettore di Contado di Molise con la quale si comunicano i danni subiti dalla terra di Morcone a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo ad alcuni pagamenti sospesi a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina di rimettergli le relazioni fatte dai percettori circa i danni subiti dalle università delle loro provincie a causa del terremoto dei 5 giugno 1688, Napoli 12 luglio 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una carta del percettore di Principato Ultra con cui si comunica il mancato pagamento dei pesi fiscali da parte delle terre della provincia, Napoli 11 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Nota di alcune spese effettuate dal maggiordomo del Regio Palazzo fra cui la celebrazione di una funzione religiosa in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 31 agosto 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Istanza dell’avvocato fiscale contro alcune postille aggiunte a una relazione dell’ingegnere Luca Antonio de Natale per riparazioni effettuate in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotamento del ritorno del Tribunale nella sua sede originaria in seguito alla riparazione della lesione causata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 11 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto di Sua Eccellenza con il quale avvisa di avere ordinato ai percettori delle cinque provincie colpite dal terremoto del 5 giugno 1688 di attenersi alla regola stabilita dalla Camera sulle esazioni fiscali, Napoli 16 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione dell’attuario Aniello de Maio relativa al mancato pagamento di penalità da parte di proprietari di abitazioni site nei luoghi proibiti alla costruzione di fabbricati dopo il terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 22 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Terra di Lavoro che continui a esigere i pesi pesi fiscali dalle università stabilite con la consulta della Camera, Napoli 30 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Montefusco un pagamento agli operai che riparano il palazzo della Regia Udienza lesionato in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 30 settembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Principato Ultra di continuare a esigere i pesi fiscali da una terra danneggiata dal terremoto dei 5 giugno 1688, Napoli 5 ottobre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina un pagamento alla squadra del Ripartimento di Cerreto, Napoli 6 ottobre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina un pagamento al monastero del Carmine di Napoli per le riparazioni delle lesioni causate dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 6 ottobre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina un pagamento alla squadra del Ripartimento di Cerreto, Napoli 8 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Terra di Lavoro di continuare l’esazione fiscale dalla terra di Tora, nonostante una sospensione ordinata a suo beneficio in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina di ordinare al percettore di Contado di Molise di continuare a esigere i pesi fiscali dall’università di Morcone, Napoli 15 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina di redigere le istruzioni da inviare al governatore della Dogana di Foggia e al presidente Guerrero incaricati della visita delle provincie di Capitanata, Contado di Molise, Terra di Lavoro, Principato Citra e Ultra per la verifica dei danni subiti a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 20 novembre 1688.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotamento relativa alla spedizione degli ordini ai percettori delle province del Regno incaricati di dare alle università danneggiate dal terremoto del 5 giugno 1688 la notiza della grazia della sospensione dei pagamenti fiscali, Napoli 17 dicembre 1688.

(23)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(24)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.

Reconstructions and relocations

La ricostruzione a Benevento fu lenta e spesso male organizzata e diretta. Nel 1704 l’Ospedale della Santissima Annunziata, che ospitava le donne in stato di necessità, le carceri femminili e i bambini esposti, era ancora inagibile (1) e fu riaperto solo verso la fine del 1710 (2); nel 1708 il Palazzo Magistrale versava ancora in condizioni precarie, al punto che si temeva la dispersione e danneggiamento degli archivi pubblici (3).
Sei epigrafi furono poste a testimonianza dei restauri eseguiti in seguito alla scossa: due riguardano i restauri alle cattedrali di Ariano Irpino e di Avellino (4); le altre quattro sono collocate a Benevento. La prima fu collocata nell’oratorio privato, dedicato a S.Filippo Neri, dell’Arcivescovado di Benevento per volontà del Cardinale Orsini, sopravvissuto al crollo dell’edificio (5); la seconda fu posta a memoria del restauro della torre campanaria della cattedrale (6); la terza fu collocata nella chiesa di S.Bartolomeo (7) e la quarta in quella di S.Sofia (8).

Note

(1)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Luogotente F.Annubba alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 20 dicembre 1704.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica dei Governatori della chiesa e ospedale della SS.ma Annunziata alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1704].

(2)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Estratto redatto dal Cancelliere S.Schinosi della proposta del Governatore della chiesa e spedale della SS.ma Annunziata Giordano de Nicastro al General Consiglio della Città di Benevento del 29 settembre 1710.

(3)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore L.Vannicelli al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 2 giugno 1708.

Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale dei Consoli di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1708].

(4)
Epigrafe posta nella cattedrale di Ariano Irpino in memoria dei danni causati dai terremoti dell’847, 1349, 1456, 1517, 1688, 1694, 1702 e 1732 (1736), in D.Pantosti e G.Valensise, Riconoscere il ‘terremoto caratteristico’: il caso dell’Appennino centro-meridionale, "I terremoti prima del Mille in Italia e nell’area mediterranea. Storia archeologia sismologia", a cura di E.Guidoboni, p.547.
Bologna 1989
Epigrafe posta nella cappella di S.Modestino della Cattedrale di Avellino in memoria del terremoto del 5 giugno 1688, 1697, in N.Gambino, "Cronistoria dei restauri nelle iscrizioni commemorative", p.84.
Avellino 1985
(5)
Epigrafe posta nell’oratorio privato dedicato a S.Filippo Neri nell’Arcivescovado di Benevento a perenne gratitudine dello scampato pericolo del Cardinale Orsini uscito illeso dal terremoto del 5 giugno 1688, 1692, in V.Vari, "I terremoti di Benevento e loro cause", p.29.
Benevento 1927
(6)
Epigrafe commemorativa della ricostruzione della torre campanaria della cattedrale di Benevento voluta dal cardinale Orsini, in J.Ross, "La Puglia nell’800. (La terra di Manfredi)", a cura di V.Zacchino, pp.287-288.
Cavallino 1978
(7)
Epigrafe posta nella basilica di S.Bartolomeo di Benevento in memoria della ricostruzione dopo il terremoto del 5 giugno 1688, 1701, in D.A.Parrino, "Efemeride del Nono orribil Tremuoto accaduto nella Città di Benevento Martedì 14 di Marzo dell’Anno corrente 1702", pp.10-12.
Napoli 1702
(8)
Epigrafe posta nella chiesa di S.Sofia di Benevento in memoria della ricostruzione dopo il terremoto del 5 giugno 1688, in D.A.Parrino, "Efemeride del Nono orribil Tremuoto accaduto nella Città di Benevento Martedì 14 di Marzo dell’Anno corrente 1702", pp.15-17.
Napoli 1702

Associated natural phenomena

È ricordata una "trave di fuoco" che avrebbe attraversato la valle di Vitulano lasciando dietro sé una scia di vegetazione in fiamme (1).

Note

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Major earthquake effects

La scossa avvenne alle ore 15:30 GMT ca. (ore 20 e mezza in orario "all’italiana") ed ebbe effetti disastrosi nei paesi a sud-ovest dei Monti del Matese, nel Beneventano e nell’Irpinia. I massimi effetti distruttivi furono nel Sannio, intorno a Cerreto Sannita, in un’area di circa 30 km di raggio, fra le valli del fiume Calore e del fiume Tammaro. Complessivamente, 117 paesi su di un’area di 50.000 kmq subirono distruzioni; altre 50 località riportarono danni più o meno gravi, ma senza distruzioni. L’area complessiva dei danni si estende per circa 58.000 kmq.
I centri abitati più colpiti furono Cerreto Sannita, Civitella Licinio e Guardia Sanframondi, paesi in cui le distruzioni furono pressoché totali e altissimo fu il numero dei morti nonostante le modeste dimensioni demografiche (da 50 a 75%). A Cerreto Sannita solo tre piccoli edifici ecclesiastici non crollarono completamente, pur rimanendo lesionati; a Civitella Licinio le distruzioni furono così gravi ed estese che le uniche persone sopravissute furono quelle che si trovavano nei campi al lavoro; a Guardia Sanframondi il cumulo di macerie a cui fu ridotto l’abitato rese quasi irriconoscibili persino le tracce degli edifici precedenti.
Altri 13 paesi e villaggi, ubicati nelle attuali province di Benevento e di Avellino, subirono effetti devastanti: Alife, Apice, Casalbore, Casalduni, Fragneto Monforte, Fragneto l’Abate, Massa, Mirabella Eclano, Pietraroja, Pontelandolfo, San Giuliano del Sannio, San Lorenzello, San Lorenzo Maggiore, San Lupo.
Per quanto riguarda gli effetti nei contesti urbani, furono gravemente danneggiate le città di Benevento, soprattutto, di Avellino e di Napoli.
A Benevento su 1.607 abitazioni, solo 325 non crollarono (20%), ma di queste solo 285 risultavano ancora abitabili, sebbene necessitanti di restauri; quindi, 1.322 case (oltre 80%) furono distrutte o gravemente danneggiate. La grande entità dei danni nell’incasato di Benevento derivava, secondo alcuni periti che visionarono gli edifici della città per conto della Camera pontifica, dalla qualità dei materiali edilizi: la maggior parte delle case erano costruite con ciottoli di fiume, per le quali la calce non costituiva un buon legante. Fu inoltre osservato che le case costruite con mattoni, benché danneggiate, resistettero meglio alle scosse.
Mentre per l’edilizia civile minore si ha un quadro d’insieme piuttosto generico, per l’edilizia pubblica ed ecclesiastica le descrizioni dei danni sono particolareggiate: tutti gli edifici pubblici (il palazzo del governatore, la rocca, il palazzo del comune) e tutti gli edifici religiosi (chiese, conventi, monasteri e ospedali) subirono crolli o danni estesi. Crollarono pressoché completamente i conventi e le chiese di S.Domenico e di San Vittorino, la chiesa e ospedale della Santissima Annunziata, le chiese di Santa Maria di Costantinopoli, di Santa Maria degli Angeli e di San Bartolomeo, il palazzo e la chiesa arcivescovili, il conservatorio di S.Maria dei Martiri. Altri 13 edifici ecclesiastici riportarono crolli estesi: le chiese di San Salvatore Porta Somma, Sant’Angelo Porta Somma, Sant’Agostino, San Marco dei Severiani, San Donato, Sant’Angelo, San Modesto, San Pietro de Traseris; le chiese e monasteri di San Pietro, Sant’Agostino, Santa Caterina e Santa Maria del Carmine e l’abbazia di Santa Sofia. Furono lesionati in misura più o meno rilevante tutti i rimanenti edifici religiosi. Danni gravi con crolli estesi riportarono il palazzo del governatore (o apostolico) e l’annessa rocca; i macelli pubblici crollarono; il palazzo comunale riportò danni che con il passare del tempo peggiorarono.
A Napoli complessivamente furono gravemente danneggiati 29 edifici religiosi e 6 edifici pubblici. Tutte le case della città subirono crolli parziali o lesioni; le strade erano ingombre di macerie e numerosissimi edifici dovettero essere puntellati. Tra le chiese più colpite vi furono quella del Gesù Nuovo, della quale crollarono le tre cupole, tre cappelle e tutta la navata sinistra, e quella di San Paolo dei Padri Teatini, della quale crollarono l’atrio e il colonnato della facciata. Ci furono crolli anche nelle chiese di San Lorenzo Maggiore, di Santa Teresa e di Santa Maria della Verità e nei conventi dei Teatini e di San Domenico Maggiore. Lesioni più o meno gravi riportarono il convento dei Gesuiti del Gesù Vecchio e le seguenti 11 chiese: Santa Maria dei Monti dei Pii Operarii, San Giorgio Maggiore dei Pii Operarii, San Nicola dei Pii Operarii, San Martino dei Padri Certosini, Santa Teresa degli Scalzi, San Severino dei Benedettini, l’Annunziata, la Sanità, San Tomaso d’Aquino, San Filippo e Giacomo, Madonna della Pietà. Danni furono rilevati nelle chiese e monasteri di S.Chiara e di S.Maria del Soccorso, e nelle chiese di S.Ligorio e della Croce di Lucca. Riguardo all’edilizia pubblica danni rilevanti riportarono il Castello Nuovo, quello di S.Elmo, la Vicaria (Castel Capuano), da dove furono evacuati i Tribunali e le Carceri, la fortezza del Torrione del Carmine, la sala della Tesoreria, il Palazzo Regio. Alcune porte della città subirono lesioni.
Ad Avellino subirono danni il convento e chiesa di S.Francesco, la chiesa di S.Maria di Costantinopoli, il palazzo vescovile e la Cattedrale.
Il bilancio dei danni sul patrimonio storico architettonico, costituito dalle antiche cattedrali medievali, fu complessivamente molto grave in almeno 8 di questi edifici storici: a Benevento, Alife, Ariano Irpino, Avellino, Cerreto Sannita, Frigento, Napoli e Venosa; subirono danni più leggeri il duomo di Chieti e la cattedrale di Salerno.
Particolari effetti di propagazione sono stati rilevati a Galatina, distante circa 300 km dall’area dei massimi effetti: i monaci del monastero di Santa Caterina Novella furono sorpresi dalla scossa durante la celebrazione del vespro e si arrestarono atterriti: furono lesionati molti edifici, tra i quali il campanile della chiesa di Santa Caterina, che crollò durante la notte successiva alla scossa.
L’area di risentimento fu estesa per 83.000 kmq circa, e interessò 5 attuali regioni: Abruzzo, Lazio, Campania, Molise, Basilicata e Puglia.

Effects on the environment

Nei monti del Sannio si aprirono spaccature, spesso con fuoriuscita di gas e acque bituminose, si intorbidarono le acque sorgive e comparvero nuove sorgenti. Dal monte Taburno, che fu visto "aprirsi e richiudersi", si staccò un enorme masso; le montagne di Cervinara furono smosse violentemente; nei pressi di San Giorgio la Molara e di San Marco dei Cavoti furono osservate fenditure di alcuni chilometri. Dal monte Erbano una massa di sassi e pietre si abbatté sul paese di San Lorenzello, dove perirono 400 persone. Vi fu una frana a Montoro e si aprirono fenditure nel terreno a Pomarico. Il corso dei fiumi fu alterato da improvvise mancanze d’acqua seguite da straripamenti; furono segnalate, in particolare, deviazioni e intorbidamenti dei fiumi Sabato e Volturno.

Sequence of the earthquake

A questo terremoto Sarnelli (1) collega altre due scosse avvenute nel febbraio del medesimo anno, rispettivamente i giorni 13 e 14 (quest’ultima sarebbe avvenuta alle ore 22, uso orario all’italiana), senza arrecare danni.
La scossa principale si verificò il 5 giugno alle ore 15:30 GMT ca. (20:30 italiane), e fu preceduta mezz’ora prima da una scossa meno forte (2). A Benevento una relazione anonima (3), depositata nell’Archivio Segreto Vaticano, riporta che alle 15:30 GMT ca. (20:30 italiane) si verificarono due scosse, durate il tempo di un Pater Noster recitato velocemente, cioè circa 13 secondi.
A Napoli, l’ambasciatore di Venezia Antonio Maria Vincenti registrava che la scossa principale durò lo spazio di un credo, cioè circa 20 secondi (4).
Le altre scosse segnalate sono le seguenti:
6 giugno, ore 4:00 GMT ca. (ore 9, secondo l’orario all’italiana) (5);
7 giugno, ore 6:00 GMT ca. (ore 11, secondo l’orario all’italiana) (6);
9 giugno, dopo le ore 1:00 GMT ca. (ore 6, secondo l’orario all’italiana) (7);
diverse scosse il 9 giugno, dopo le ore 22:05 ca. (10 giugno dopo le ore 3, secondo l’orario all’italiana) (8);
14 giugno, ore 5:05 GMT ca. (ore 10, secondo l’orario all’italiana) (9);
17 giugno, un’ora prima dell’alba (10);
17 giugno, a mezzanotte (11);
alcune scosse il 25 giugno, che impaurirono la popolazione a Napoli (12)
tre scosse il 7 dicembre, ore 4:05 GMT ca. (ore 12, secondo l’orario all’italiana) (13).
Una lettera del nunzio apostolico di Napoli informa che nel mese di agosto fu avvertita da qualcuno a Napoli una leggera scossa (14).

Note

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(3)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.

(4)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.122, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 8 giugno 1688.

(5)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.122, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 8 giugno 1688.

(6)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.122, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 8 giugno 1688.

(7)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.

(8)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.

(9)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 15 giugno 1688.

(10)
Bonito M.
Terra tremante, o vero continuatione de’ terremoti dalla Creatione del Mondo sino al tempo presente (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1980).
Napoli 1691
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.

(11)
Bonito M.
Terra tremante, o vero continuatione de’ terremoti dalla Creatione del Mondo sino al tempo presente (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1980).
Napoli 1691
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.

(12)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla lettera del viceré di Napoli conte di Santisteban del 25 giugno sulla situazione a Napoli e nel Regno in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 23 luglio 1688.

(13)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.150, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 14 dicembre 1688.

(14)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 31 agosto 1688.

Bibliography

Author Title Text Value Text Date Place of publ.
Abbati B.Epitome metheorologica de’ tremoti, con la Cronologia di tutti quelli, che sono occorsi in Roma dalla Creazione del Mondo sino agl’ultimi successi sotto il Pontificato del Regnante Pontefice Clemente XI il dì 14 Gennaro giorno di Domenica sù le due della notte meno un quarto, e 2 di Febbraro del corrente anno 1703 con la Relatione non solo di questi, ma dell’Inondatione del Tebro ancora. Aggiuntovi per fine un Catalogo di tutti gli Autori Theologici, Scritturali, Filosofici, Legali, Politici, & Istorici Sacri, e profani, che hanno discorso, e scritto de’ Terremoti.Repertory1703Roma
Acocella V.Storia di Calitri, 2ª ed.Historiographical study1951Napoli
Amiani P.M.Memorie istoriche della città di Fano, 2 voll. (ristampa anastatica, Bologna 1967).Generic information1751Fano
*Archivio della Chiesa Collegiata di S.Maria Maggiore di Montecalvo Irpino, Registro Sante Visite 1689-1706, Visita e decreti del cardinale V.M.Orsini arcivescovo di Benevento, ottobre 1693.Direct source1693
*Archivio della Chiesa Collegiata di S.Maria Maggiore di Montecalvo Irpino, Registro Sante Visite 1689-1706, Visita e decreti del cardinale V.M.Orsini arcivescovo di Benevento, novembre 1698.Direct source1698
*Archivio della Chiesa Collegiata di S.Maria Maggiore di Montecalvo Irpino, Registro Sante Visite 1689-1706, Visita e decreti del cardinale V.M.Orsini arcivescovo di Benevento, ottobre 1695.Direct source1695
*Archivio della Curia Vescovile di Cesena, Editti, bandi e notificazioni, 1688, Notificazione del vescovo cardinale Giovanni Casimiro Denhoff, Cesena 19 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio della Curia Vescovile di Vieste, s.s., Giuseppe Pisani, Cronica e memoria di Vieste dall’anno 1664 all’anno 1700 scritte dall’arcidiacono D. Giuseppe Pisani nei fogli 42 a 44, 56 a 79, 118 a 129 di questa platea del 1664.Direct source1700
*Archivio della Parrocchia di S.Nicola di San Severo, Antonio Irmici, Storia della parrocchia, sec.XIX, copia dattiloscritta 1979.Indirect source1979
*Archivio di Stato di Modena, Biblioteca, Manoscritti, 199, Demetrio Degni, Compendio universale historico o sia istorico intreccio delle cose più memorabili occorse nel mondo dal principio dell’anno 1600 in sin al 1699, sec.XVII.Source chronologically near to the event0017
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina un pagamento alla squadra del Ripartimento di Cerreto, Napoli 8 novembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con il quale si ordina alla Camera di concludere le partite per le riparazioni necessarie al Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 novembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo alle riparazioni necessarie al Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 29 ottobre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione del memoriale del proprietario di una abitazione sita presso il monastero dei Cappuccini danneggiata in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 ottobre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina un pagamento al monastero del Carmine di Napoli per le riparazioni delle lesioni causate dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 6 ottobre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina un pagamento alla squadra del Ripartimento di Cerreto, Napoli 6 ottobre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Principato Ultra di continuare a esigere i pesi fiscali da una terra danneggiata dal terremoto dei 5 giugno 1688, Napoli 5 ottobre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Montefusco un pagamento agli operai che riparano il palazzo della Regia Udienza lesionato in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 30 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Terra di Lavoro che continui a esigere i pesi pesi fiscali dalle università stabilite con la consulta della Camera, Napoli 30 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione dell’attuario Aniello de Maio relativa al mancato pagamento di penalità da parte di proprietari di abitazioni site nei luoghi proibiti alla costruzione di fabbricati dopo il terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 22 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di un memoriale del priore e dei padri del monastero del Carmine di Napoli al viceré con il quale si supplica per riparazioni alle mura della chiesa e del campanile danneggiati a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 20 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione relativa ai bilanci mensili di luglio, agosto e settembre rimessi dal percettore di Principato Ultra con il pagamento di riparazioni effettuate al palazzo della Regia Udienza danneggiato dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 18 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con il quale si ordina di esaminare le relazioni del preside di Montefusco e del preside di Salerno sui danni subiti dalle terre della provincia in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 16 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con acclusa una carta del percettore della Terra di Lavoro con cui si comunica che le terre di Piedimonte d’Alife, Rocca Monfina, Tora e Sessa non hanno subito danni in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 16 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto di Sua Eccellenza con il quale avvisa di avere ordinato ai percettori delle cinque provincie colpite dal terremoto del 5 giugno 1688 di attenersi alla regola stabilita dalla Camera sulle esazioni fiscali, Napoli 16 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotamento del ritorno del Tribunale nella sua sede originaria in seguito alla riparazione della lesione causata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 11 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Istanza dell’avvocato fiscale contro alcune postille aggiunte a una relazione dell’ingegnere Luca Antonio de Natale per riparazioni effettuate in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione del trasferimento del Tribunale in seguito a una nuova lesione apertasi nel luogo dove era retto, Napoli 6 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina di informarlo relativamente a un memoriale dell’università di Benevento che pretende di potere legnare nei territori del Regno per riparare i danni causati dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 2 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 31 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Nota di alcune spese effettuate dal maggiordomo del Regio Palazzo fra cui la celebrazione di una funzione religiosa in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 31 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una perizia effettuata dall’ingegnere Mario d’Urso e dal maestro muratore Aniello Schisano per le riparazioni necessarie ai Regi Tribunali, alla Regia Camera e ad altre sedi in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 28 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordinano riparazioni ai danni subiti dal torrione del Carmine a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione della mancata erezione del Tribunale recatosi al Consiglio Collaterale per tenervi la relazione dei danni causati dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 30 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré col quale si ordina di esaminare l’acclusa carta del percettore di Terra di Lavoro relativa ai danni causati nella provincia dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 18 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con acclusa relazione dell’Udienza di Lucera relativa ai danni subiti dalle terre della provincia a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una carta del percettore di Principato Ultra con cui si comunica il mancato pagamento dei pesi fiscali da parte delle terre della provincia, Napoli 11 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con accluse relazioni dei presidi e dei percettori delle province di Principato Citra e Ultra, Capitanata, Contado di Molise e Terra di Lavoro e del commissario di Campagna, con annessi memoriali delle università per richieste di dilazioni nel pagamento dei pesi fiscali in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 27 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di un memoriale della principessa del Colle con cui si comunica la parziale distruzione delle terre di Colle e Circello a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 14 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordinano riparazioni alle lesioni causate al castello di Baia e alle sue cisterne dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 13 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina di rimettergli le relazioni fatte dai percettori circa i danni subiti dalle università delle loro provincie a causa del terremoto dei 5 giugno 1688, Napoli 12 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del duca di Maddaloni relativo al rifiuto delle terre del duca di pagare gabelle a causa dei danni subiti per il terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 10 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotazione del luogo in cui fu retto il Tribunale in seguito al trasferimento causato dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione del marchese di Sant’Eramo relativa ai danni subiti dalla Real Cavallerizza della Madalena in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 3 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una carta del percettore di Terra di Lavoro con cui si comunicano le rovine subite da molte terre della provincia a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 3 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di una relazione dell’ingegnere Luca Antonio Natale relativa alle riparazioni del Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 1 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un un memoriale del monastero del Carmine Maggiore di Napoli relativo alle riparazioni necessarie in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 1 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una carta del percettore di Capitanata relativa alle terre della provincia che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 28 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una carta del percettore di Contado di Molise relativa alle terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo ad alcuni pagamenti sospesi a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo al trasferimento del Tribunale agli Studi Pubblici a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo all’impossibilità di reggere il Tribunale nel luogo solito e al suo trasferimento a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo ai riti religiosi in occasione del terremoto, Napoli 14 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré relativo alla visita dei carcerati, Napoli 10 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Nota di giorni in cui viene retto il Tribunale, Napoli 5 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con accluse relazioni dei percettori di Principato Ultra e di Salerno relative alle terre che possono pagare i pesi fiscali alla Regia Corte, Napoli 27 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione dei conti del maestro muratore Giovanni Covino partitario di riparazioni eseguite ai Regi Tribunali, Napoli 20 dicembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Annotamento relativa alla spedizione degli ordini ai percettori delle province del Regno incaricati di dare alle università danneggiate dal terremoto del 5 giugno 1688 la notiza della grazia della sospensione dei pagamenti fiscali, Napoli 17 dicembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione della relazione del primario relativa ai lavori eseguiti nei Regi Studi in occasione del trasferimento dei tribunali in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 dicembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina di redigere le istruzioni da inviare al governatore della Dogana di Foggia e al presidente Guerrero incaricati della visita delle provincie di Capitanata, Contado di Molise, Terra di Lavoro, Principato Citra e Ultra per la verifica dei danni subiti a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 20 novembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione del primario relativa alle riparazioni eseguite dal maestro muratore Aniello Schisano a un palazzo, Napoli 18 novembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina di ordinare al percettore di Contado di Molise di continuare a esigere i pesi fiscali dall’università di Morcone, Napoli 15 novembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Terra di Lavoro di continuare l’esazione fiscale dalla terra di Tora, nonostante una sospensione ordinata a suo beneficio in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 novembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione del percettore di Contado di Molise con la quale si comunicano i danni subiti dalla terra di Morcone a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 novembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di un’istanza dell’avvocato fiscale contro la sospensione dei pagamenti fiscali di molte terre danneggiate dal terremoto del 5 giugno 1688 fino alla verifica dei danni nelle province di Terra di Lavoro, Salerno, Montefusco, Contado di Molise e Capitanata, Napoli 8 novembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, ruota II, reg.333 (1700), Notamento della Regia Camera della Sommaria relativo alla relazione del Percettore Provinciale del Principato Ultra sull’Università di Torrecuso danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 1 marzo 1700.Direct source1700
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, Ruota I, reg.139 (1694), Notamento della Regia Camera della Sommaria relativo all’immunità fiscale concessa all’università di Mirabella Eclano danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 27 novembre 1694.Direct source1694
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.266, Relazione di A.De Natale alla Segreteria del viceré sui danni subiti nel Real Presidio di Pizzo falcone a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 17 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.229, Lettera alla Segreteria del viceré di Gaetano Panicho della città di Fosca che danneggiato dal terremoto del 5 giugno 1688 chiede di non esser molestato per debiti, Fosca 19 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.215, Lettera della duchessa di Jelsi alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di una somma di denaro anticipata dai suoi crediti per porre riparo ai danni causati alle sue terre dal terremoto del 5 giugno 1688, Jelsi 19 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.157, Lettera del presidente N.Grassia responsabile dell’Arsenale di Napoli alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di materiale per riparare la chiesa della Compagnia danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 18 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.157, Lettera del preposto della Casa Professa della Compagnia del Gesù di Napoli alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di materiale per riparare la chiesa della Compagnia danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 16 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.79, Lettera del segretario di giustizia di Capua alla Segreteria del viceré sui danni del terremoto del 5 giugno 1688, Capua 10 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.73, Lettera di F.Correale alla Segreteria del viceré volta ad ottenere il permesso di ritornare a Sorrento per riparare la casa della madre colpita dal terremoto del 5 giugno 1688, Sorrento 12 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.72, Supplica alla Segreteria del viceré di N.De Turro che inquisito per omicidio a Montefusco e scampato al terremoto del 5 giugno 1688 chiede la grazia, Napoli 9 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.34, Memoriale in cui il Marchese di Mirabella chiede alla Segreteria del viceré di non essere molestato per debiti dato lo stato di povertà in cui versa a causa del terremoto che ha danneggiato le sue proprietà, Napoli 9 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.252, Lettera in cui si chiede alla Segreteria del viceré di provvedere al più presto alle riparazioni della sala della Tesoreria danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.251, Lettera in cui Rodrigo Correa de Castelblanco Governatore del Torrione del Carmine di Napoli chiede alla Segreteria del viceré la riparazione dei danni causati dal terremoto del 5 giugno 1688 alla fortezza, Napoli 9 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.185, Comunicazione alla Segreteria del viceré relativa alla ronda effettuata la notte del 9 giugno a Napoli mentre per la città continua il timore del terremoto, Napoli 9 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.180, Lettera alla Segreteria del viceré relativa ai danni riportati dalla città di Napoli e dal palazzo della Vicaria a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.177, Memoriale in cui il Marchese di Mirabella scampato alla morte perché al momento del terremoto del 5 giugno 1688 era a Napoli chiede alla Segreteria del viceré di non essere molestato per debiti dato lo stato di povertà dovuto al terremoto che ha causato danni alle sue proprietà e la morte dei suoi parenti, Napoli 9 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.156, Lettera del castellano di Capua alla Segreteria del viceré relativa ai danni riportati dal castello di Capua in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Capua 6 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.138, Lettera del duca di Parete Reggente del Presidente del Consiglio alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di controllo del Palazzo della Vicaria e delle altre carceri della città di Napoli colpita dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 7 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.94, Nota alla Segreteria del viceré in cui si chiedono delucidazioni sui danni causati dal terremoto del 5 giugno 1688 e sul numero di persone morte, Napoli 21 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.124, Lettera di Manuel Madera Governatore delle città di Escala e Cavielo che chiede alla Segreteria del viceré di ottenere otto giorni di licenza per poter riparare la sua casa di Napoli danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 25 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.93, Comunicazione alla Segreteria del viceré relativa alle carceri della Vicaria che danneggiate dal terremoto del 5 giugno 1688 non possono più custodire carcerati, Napoli giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.78, Lettera di supplica del conte di Casalduni Michele Sariano che sottoposto a giudizio su accusa di alcuni suoi vassalli chiede alla Segreteria del viceré che gli venga lasciato il tempo di recuperare i cadaveri e gli averi sepolti sotto le macerie dei suoi possedimenti di Ponte e Casalduni distrutti dal terremoto del 5 giugno 1688, Casalduni 26 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.130, Lettera del Procuratore del Collegio di Napoli della Compagnia di Gesù alla Segreteria del viceré relativo alla richiesta di sessanta cantara di ferro per riparare il collegio dalla rovina causata dal terremoto del 5 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Reggio Emilia, G.C.13 B.Catellani, Bernardino Rosati, Diario delle cose di Reggio dall’anno 1667 all’anno 1724 copiato da un codice della raccolta Turri, sec.XVIII.Source chronologically near to the event0018
*Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.169, p.533, Chirografo del papa Innocenzo XI al tesoriere generale monsignor Giuseppe Renato Imperiale, Roma 7 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.169, pp.533-535, Chirografo del papa Innocenzo XI al tesoriere generale monsignor Giuseppe Renato Imperiale, Roma 4 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.169, pp.535-536, Chirografo del papa Innocenzo XI al tesoriere generale monsignor Giuseppe Renato Imperiale, Roma 22 settembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.170, pp.43-44, Chirografo del papa Alessandro VIII al tesoriere generale monsignor Ferdinando Raggi, Roma 18 marzo 1690.Direct source1690
*Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Chirografi, coll.A, reg.170, pp.44-45, Chirografo del papa Alessandro VIII al tesoriere generale monsignor Ferdinando Raggi, Roma 18 marzo 1690.Direct source1690
*Archivio di Stato di Roma, Camerale III (Comuni), Benevento e Pontecorvo, b.361, tomo 2 (fasc.83), Dogane ed altri effetti camerali in Benevento (1695-1719), n.23 (Pianta, disegno e relazione fatta da Carlo Buratti nel 1702, dello palazzo, rocca e carcere spettante alla Reverenda Camera in Benevento in occasione delle ruine per il terremoto accaduto nel 1702), Pianta del ricinto Murato della Città di Benevento.Direct source1702
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore N.Lercari al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 16 ottobre 1706.Direct source1706
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Appunto della segreteria del papa alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Monte Cavallo 25 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica del capitano C.Coscia e altri appaltatori della gabella della carne alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1688].Direct source1688
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio A.Undina dell’istanza presentata al Governatore di Benevento da C.Coscia, A.Della Pagliara e altri appaltatori della gabella della carne, Benevento 12 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica di A.Parziale appaltatore del tabacco alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 20 novembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica di G.B.Pirrone appaltatore della gabella del pane alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 2 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica del notaio C.Festa appaltatore della Cancelleria Criminale alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 26 febbraio 1689.Direct source1689
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio A.Fumo dell’istanza presentata al Governatore di Benevento da C.Festa appaltatore della Cancelleria Criminale, Benevento 10 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore L.A.Eustachi al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 20 maggio 1690.Direct source1690
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale della Città di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1690].Direct source1690
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.G.Bonaventura alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 2 luglio 1691.Direct source1691
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.G.Bonaventura al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 10 novembre 1691.Direct source1691
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale della Città di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1691].Direct source1691
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica dei maestri fabbricatori A.Piscitiello e G.C.Sciarra appaltatori dei lavori di ricostruzione del ponte di Valentino alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 27 agosto 1695.Direct source1695
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale della Città di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 30 luglio 1695.Direct source1695
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore C.Tornaquinci Belloni alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 24 luglio 1694.Direct source1694
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale della Città di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1694].Direct source1694
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.Degli Effetti al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 3 novembre 1696.Direct source1696
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale dei Consoli di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1696].Direct source1696
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio P.Marano della perizia dei maestri falegnami M.De Angelis e I.Manuto e del maestro fabbricatore P.De Toma dei lavori di restauro necessari nel palazzo della Comunità, Benevento 19 ottobre 1697.Direct source1697
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.Degli Effetti al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 6 novembre 1697.Direct source1697
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.Degli Effetti al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 10 aprile 1700.Direct source1700
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Relazione dell’architetto G.De Nicastro sullo stato del ponte di S.Maria degli Angeli e sui lavori di riparazione necessari, Benevento 6 aprile 1700.Direct source1700
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore V.Rota alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 4 giugno 1701.Direct source1701
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale del Magistrato di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1701].Direct source1701
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Luogotente F.Annubba alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 20 dicembre 1704.Direct source1704
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica dei Governatori della chiesa e ospedale della SS.ma Annunziata alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1704].Direct source1704
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore N.M.Lercari al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo cardinale Imperiali, Benevento 26 febbraio 1707.Direct source1707
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio B.De Leone del Ristretto de tutti li mandati pagati all’infrascritti partitarii per lo spurgo e rispurgo delle strade di questa Città secondo l’ordine di Monsignor Illustrissimo Governatore pro tempore e de’ Signori Deputati per il danno del tremuoto delli 5 giugno 1688 che ha patito questa Città, Benevento [1707].Direct source1707
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale del Magistrato di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1706].Direct source1706
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore L.Vannicelli al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 2 giugno 1708.Direct source1708
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale dei Consoli di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1708].Direct source1708
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.B.Spinola al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 21 settembre 1715.Direct source1715
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.B.Spinola al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 1 giugno 1715.Direct source1715
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale della Città di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1715].Direct source1715
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Pianta del olim conservatorio di S.Maria delli Martiri ed altri di canne in tutto 166 palmi 31, [1713].Direct source1713
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica del padre Priore e dei padri del convento e ospedale di S.Giovanni di Dio al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1713].Direct source1713
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Relazione del Segretario Generale Napoli al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 4 dicembre 1711.Direct source1711
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica dei Governatori della chiesa e ospedale della Santissima Annunziata alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1710].Direct source1710
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Estratto redatto dal Cancelliere S.Schinosi della proposta del Governatore della chiesa e spedale della SS.ma Annunziata Giordano de Nicastro al General Consiglio della Città di Benevento del 29 settembre 1710.Direct source1710
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Luogotenente T.Mansanti al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 12 settembre 1716.Direct source1716
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Supplica dell’Abadessa del monastero di S.Vittorino ed altri privati alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1715].Direct source1715
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento IV, b.475 (1719-1730), Lettera del Luogotenente F.Annubba al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 27 dicembre 1721.Direct source1721
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento IV, b.475 (1719-1730), Supplica dell’Abbate A.Martelli e di P.Pascale alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1721].Direct source1721
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Fede del Segretario della Comunità di Benevento O.De Pompei alla Sacra Congregazione del Buon Governo sulla riduzione dei dazi in seguito al terremoto del 1688, Benevento 15 gennaio 1733.Direct source1733
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Appunto interno della Sacra Congregazione del Buon Governo, Roma 28 luglio 1733.Direct source1733
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Copia autentica redatta dal notaio P.P.D’Auria dell’Obbligo della Communità di Benevento di dovere contribuire la metà della spesa per rifacimento del Palazzo Camerale, Benevento 1 maggio 1694.Direct source1694
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Lettera del Governatore G.B.Stella al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 17 aprile 1736.Direct source1736
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Appunto del Luogotenente F.Barberi alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1736].Direct source1736
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Supplica di A.Gatti alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1735].Direct source1735
*Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento V, b.476 (1731-1742), Memoriale del Magistrato di Benevento al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [30 aprile 1735].Direct source1735
*Archivio di Stato di Roma, Congregazioni particolari deputate, Cause diverse, tomo 38, n.8, Congregazione sopra le materie del terremoto (1707), Nota interna della Congregazione deputata per il terremoto sulle somme erogate dalla Camera Apostolica a favore della città di Benevento danneggiata dai terremoti del 1688 e del 1702, Roma giugno 1703.Direct source1703
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.122, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 8 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.122, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 8 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.131, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 10 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.128, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 20 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.134, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 31 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.129, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 27 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.125, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 29 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.125, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 29 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.150, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 14 dicembre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.127, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 13 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.142, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 19 ottobre 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.132, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 17 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.130, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 3 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio Provinciale dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini di Firenze, Filippo Bernardi, Fondazioni de’ Conventi de’ Capuccini d’Italia, parte seconda, sec.XVIII.Indirect source0018
*Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Breve, però vera relatione del Terremoto succeduto nella Città di Napoli, et altre Parti del Regno il dì Sabato 5 di Giugno vigilia della Sant[issi]ma Pentecoste di quest’Anno 1688 verso le 20 hore, e mezza in 21 colla notitia delle volte, che hà replicato, e suoi effetti cagionati.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.862 A, Venusina I, Relatio status diocesis Venusinae, Venosa 6 febbraio 1690.Direct source1690
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.32 A, Aliphana I, Relazione del vescovo Angelo Maria Porfirio alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Alife 4 aprile 1725.Direct source1725
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.32 A, Aliphana I, Relazione del vescovo Angelo Maria Porfirio alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Alife 15 aprile 1720.Direct source1720
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.32 A, Aliphana I, Relazione del vescovo Angelo Maria Porfirio alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Alife 31 agosto 1704.Direct source1704
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.32 A, Aliphana I, Relazione del vescovo Giuseppe de Lazara alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Alife 25 marzo 1700.Direct source1700
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.32 A, Aliphana I, Relazione del vescovo Giuseppe de Lazara alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Alife 1 marzo 1696.Direct source1696
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.13 B, Sanctae Agathae II, Relatio ad Sacra Limina Apostolorum, Sant’Agata dei Goti 5 novembre 1874.Indirect source1874
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.32 A, Aliphana I, Relazione del vescovo Giuseppe de Lazara alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Alife 20 giugno 1693.Direct source1693
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.121 A, Beneventana I, Relatio status diocesis Beneventanae, Benevento 20 luglio 1737.Direct source1737
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.121 A, Beneventana I, Relatio status diocesis Beneventanae, Benevento 26 febbraio 1746.Direct source1746
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.121 A, Beneventana I, Relatio status diocesis Beneventanae, Benevento 24 novembre 1753.Direct source1753
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.32 A, Aliphana I, Relazione del vescovo Giuseppe de Lazara alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Alife 29 ottobre 1690.Direct source1690
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.32 A, Aliphana I, Relazione del vescovo Giuseppe de Lazara alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Alife 1 maggio 1689.Direct source1689
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 8 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 22 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 15 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 29 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 5 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 8 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 8 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 22 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 26 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 29 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 29 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 15 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 15 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 19 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 12 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 12 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, "Relatione de’ danni patiti in diversi corpi da’ beni dell’abbadia di S.Sofia di Benevento, per causa del orribil terremoto seguito li 5 del corrente mese di giugno del corrente anno 1688" allegata al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo del 22 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 6 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 13 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 10 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 23 ottobre 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 31 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 27 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 17 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 24 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 17 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 3 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 6 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 31 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 13 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 21 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 7 agosto 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.114, Lettera del nunzio apostolico Lorenzo Casoni arcivescovo di Cesarea al segretario di Stato cardinale Fabrizio Spada, Napoli 30 maggio 1693.Direct source1693
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 19 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 11 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del governatore di Benevento Luca Antonio Eustachi al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Benevento 12 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del governatore di Benevento Luca Antonio Eustachi al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Benevento 27 giugno 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Telese 12 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera dell’arcivescovo di Genova Giulio Vincenzo Gentile al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Genova 3 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Alife Giuseppe de Lazara al papa Innocenzo XI, Piedimonte 15 luglio 1688.Direct source1688
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.96, Lettera del governatore di Benevento Valerio Rota al segretario di Stato cardinale Fabrizio Paolucci, Benevento 16 marzo 1702.Indirect source1702
*Archivo General de Simancas, Secretaría de Estado, Negociación de Nápoles, legajo 3319 (1688), Consultas, decretos y notas, Consulta del Consiglio di Stato relativa alla lettera del viceré di Napoli conte di Santisteban dell’11 giugno 1688 sulla sospensione del gioco della "Beneficiata" in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 10 luglio 1688.Direct source1688
*Archivo General de Simancas, Secretaría de Estado, Negociación de Nápoles, legajo 3319 (1688), Consultas, decretos y notas, Consulta del Consiglio di Stato relativa alla lettera del viceré di Napoli conte di Santisteban dell’11 giugno 1688 sui danni causati a Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 10 luglio 1688.Direct source1688
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla lettera del viceré di Napoli conte di Santisteban del 25 giugno sulla situazione a Napoli e nel Regno in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 23 luglio 1688.Direct source1688
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla lettera del viceré di Napoli conte di Santisteban dell’11 giugno sui danni causati al castello di Sant’Elmo dal terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 9 luglio 1688.Direct source1688
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.Direct source1688
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 57 (1689), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla richiesta del Capitolo della Cattedrale di Salerno di sovvenzioni per il restauro della chiesa danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 30 marzo 1689.Direct source1689
Arcovito S.Memoria de’ fenomeni meteorologici, che ebbero luogo in Reggio nel corso dell’anno 1841, con un’appendice de tremuoti, in "Atti della Società Economica della Prima Calabria Ulteriore", vol.3, fasc.5, pp.17-37.Catalogue1843Reggio Calabria
Baglivi G.De progressione Romani terraemotus a Kalendis Martiis anni MDCCIII ad Kalendas Martias anni MDCCV, in "Opera omnia medico-pratica, et anatomica", pp.566-580.Indirect source1710Lyon
Baglivi G.Del Terremoto Romano e delle Città adiacenti dell’anno 1703, in "Opere complete medico-pratiche ed anatomiche", tradotte per la prima volta in italiano e commentate da R.Pellegrini, pp.596-607.Indirect source1842Firenze
Baglivi G.Storia del Terremoto Romano e delle Città adiacenti nell’anno infelicissimo 1703, in "Opere complete medico-pratiche ed anatomiche", tradotte per la prima volta in italiano e commentate da R.Pellegrini, pp.607-622.Indirect source1842Firenze
Baglivi G.Della progressione del romano terremoto dalle calende di marzo dell’anno 1703 fino alle calende di marzo dell’annno 1705, colla storia dei morbi e della epidemica costituzione, che in questi anni regnò in Roma, e la storia di molti effetti della natura ivi osservati in questo tempo, in "Opere complete medico-pratiche ed anatomiche", tradotte per la prima volta in italiano e commentate da R.Pellegrini, pp.642-657.Indirect source1842Firenze
Baratta M.Sul periodo sismico Garganico dell’aprile-giugno 1892, in "Annali dell’Ufficio Centrale Meteorologico e Geodinamico Italiano", s.II, vol.12, a.1890, parte 1, pp.39-65.Catalogue1893Roma
Baratta M.I terremoti in Italia, Pubblicazioni della Commissione Italiana per lo studio delle grandi calamità, vol.6.Scientific bibliography1936Firenze
Baratta M.I terremoti d’Italia. Saggio di storia, geografia e bibliografia sismica italiana (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1979).Catalogue1901Torino
Barra C.Partenope languente per l’accaduto terremoto a 5 giugno 1688.Indirect source1688Napoli
Baruffaldi G.Dell’istoria di Ferrara libri nove, ne’ quali diffusamente si narrano le cose avvenute in essa, dall’Anno MDCLV, fino al MDCC (ristampa anastatica, Bologna 1974).Generic information1700Ferrara
Basile S.Tre certificati medici per il Papa Orsini (1688), in "Samnium", a.63, n.1-4, pp.206-208.Historiographical study1990Benevento
Benigno F.Terra tremante. Le notizie dei terremoti nell’Italia meridionale del Seicento, in "La Sicilia dei terremoti. Lunga durata e dinamiche sociali", Atti del Convegno, Catania 11-13 dicembre 1995, a cura di G.Giarrizzo, pp.225-233.Historiographical study1996Catania
*Biblioteca Apostolica Vaticana, Manoscritti, Urbinati Latini, 1690, cc.133-134, Rellatione del tremoto di Napoli, Napoli 8 giugno 1688.Direct source1688
*Biblioteca Apostolica Vaticana, Manoscritti, Urbinati Latini, 1690, cc.135-136r, Altra rellatione del tremoto di Napoli, Napoli 29 giugno 1688.Direct source1688
*Biblioteca Civica di Cosenza, Rari A 4, Annotazioni (1685-1688).Generic information1688
*Biblioteca Comunale Classense di Ravenna, Manoscritti, 3.4.E, Cristoforo Abbocconi, Pezzo di cronaca ravennate dal 1651 al 1691, sec.XVII.Source chronologically near to the event0017
*Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio di Bologna, Manoscritti, B.80-91, Domenico Maria d’Andrea Galeati, Diario e memorie varie di Bologna dall’anno 1550 all’anno 1796, 12 voll., sec.XVIII.Indirect source0018
*Biblioteca Comunale "L.Parazzi" di Viadana, Manoscritti, E.14, Estratto di alcune memorie storiche manoscritte che si conservano nell’Archivio de’ RR. PP. Cappuccini di Vigoreto detti di Sabbioneta ricavate da me P. Ambrogio da Casalmaggiore, copia sec.XVIII.Source chronologically near to the event0018
*Biblioteca Comunale "L.Pascale" di Manfredonia, Dir.VII.1.10-13, Matteo, Memorie storiche dell’antica e moderna Siponto ordinatamente disposte in forma d’annali colle notitie delle convicine regioni e dell’istoria chiesastica e profana, 4 voll.Historiographical study1785
*Biblioteca dell’Accademia delle Scienze di Torino, Manoscritti, 315, G.A.De Morani, Notizie cronologiche degli anni che sono stati molto piovosi, secchi e freddi all’eccesso e ne’ quali si sono sentite scosse di terremoti successi incendi ed occorsi accidenti molto rimarchevoli in diverse parti del mondo sino al presente ricavati con somma diligenza da varii classici scrittori di cronologia e di storia, 1795.Repertory1795
*Biblioteca della Società Napoletana di Storia Patria di Napoli, Manoscritti, XXII A 10, A.Bulifon, Cronicamerone (1670-1706).Direct source1670
*Biblioteca Nazionale "Vittorio Emanuele III" di Napoli, Manoscritti, Fondo San Martino, 681-690, Diario della Casa di San Paolo di Napoli (1651-1856), 10 voll.Direct source1651
*Biblioteca Universitaria di Bologna, Manoscritti, 770, Antonio Francesco Ghiselli, Memorie antiche manuscritte di Bologna, raccolte, et accresciute sino à tempi presenti [origini-1729], 93 voll. + 2 di indici, sec.XVIII.Source chronologically near to the event0018
Bilfinger G.Die mittelalterlichen Horen und die modernen Stunden. Ein Beitrag zur Kulturgeschichte.Historiographical study1892Stuttgart
*Bologna, 1688.06.22.Indirect source1688Bologna
*Bologna, 1688.06.29.Indirect source1688Bologna
*Bologna, 1688.07.20.Indirect source1688Bologna
*Bologna, 1688.08.03.Indirect source1688Bologna
*Bologna, 1688.08.17.Indirect source1688Bologna
Bonito M.Terra tremante, o vero continuatione de’ terremoti dalla Creatione del Mondo sino al tempo presente (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1980).Repertory-source1691Napoli
Boschi E., Ferrari G., Gasperini P., Guidoboni E., Smriglio G. e Valensise G.Catalogo dei forti terremoti in Italia dal 461 a.C. al 1980, ING-SGA.Catalogue1995Bologna
Bottari G.G.Sopra il tremoto lezioni tre dedicate all’eminentissimo, e reverendiss. sig. cardinale Alamanno Salviati, in "Raccolta d’opuscoli scientifici e filologici", ed. A.Calogerà, tomo 8, pp.1-102.Repertory1733Venezia
Bulifon A.Lettera di Antonio Bulifon all’Eccellentiss[imo] Sig. D.Gio[vanni] Francesco Pacecco, Mendoza, e Sandoval, Duca d’Useda, Conte di Mont’Albano, Viceré, e Capitan Generale del Regno di Sicilia, &c. Si da pieno, ed accuratissimo ragguaglio del Tremuoto, successo li 5 Giugno 1688 in Napoli, in "Lettere memorabili, istoriche, politiche, ed erudite scritte, e raccolte da Antonio Bulifon", vol.3, pp.73-113.Direct source1693Napoli
Bulifon A.Lettera di Antonio Bulifon all’Altezza Serenissima di Cosimo III Gran Duca di Toscana, ragguagliandola d’alcune cose notabili avvenute nella fiorita Terra di Cerreto doppo il tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, in "Lettere memorabili, istoriche, politiche, ed erudite scritte, e raccolte da Antonio Bulifon", vol.2, pp.44-47.Direct source1693Napoli
Bulifon F.Lettera di Filippo Bulifon all’Illustriss[imo] e Reverendiss[imo] Monsignor D.Francesco Maria Pignatelli Arcivescovo di Taranto, inviandogli la narrazione de’ prodigj operati dal Glorioso S.Filippo Neri nella persona dell’Eminentiss[imo] Signor Cardinale Orsini, in "Lettere memorabili, istoriche, politiche, ed erudite scritte, e raccolte da Antonio Bulifon", vol.2, pp.30-43.Direct source1693Napoli
Camera M.Memorie storico-diplomatiche dell’antica città e Ducato di Amalfi, cronologicamente ordinate e continuate sino al secolo XVIII, 2 voll.Historiographical study1876Salerno
Cancani A.Sulla distribuzione dell’intensità delle repliche nei periodi sismici italiani, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.8 (1902-1903), pp.17-48.Scientific bibliography1903Modena
Capocci E.Catalogo de’ tremuoti avvenuti nella parte continentale del Regno delle Due Sicilie posti in raffronto con le eruzioni vulcaniche ed altri fenomeni cosmici, tellurici e meteorici, in "Atti del Reale Istituto d’Incoraggiamento alle Scienze Naturali di Napoli", tomo 9, pp.337-421; tomo 10, pp.293-327.Catalogue1861Napoli
Cardillo L.Dizionario corografico e storico e statistico della Capitanata e de’ luoghi più notevoli dell’antica Daunia.Historiographical study1885Altamura
Cavalletti G.B.M. e Lo Casale G.Fonti per la Storia di Montecalvo Irpino, 2 voll.Historiographical study1985Avellino
Cavasino A.Catalogo dei terremoti disastrosi avvertiti nel bacino del Mediterraneo dal 1501 al 1929, Pubblicazioni della Commissione Italiana per lo studio delle grandi calamità, vol.2, pp.25-60.Catalogue1931Roma
Cino G.Memorie ossia notiziario di molte cose accadute in Lecce dall’anno 1656 sino all’anno 1719, in Cronache leccesi, ed. P.Palumbo, pp.62-130, in app. a "Rivista Storica Salentina", a.2.Source chronologically near to the event1904Lecce
Coletti V.Indagini storiche sopra Lucera.Historiographical study1934Pompei
Colosimo V.Sul terremoto della Calabria avvenuto nella sera del dì 8 marzo 1832, con alcune riflessioni geologiche per lo suolo calabro, ed un prospetto cronologico de’ terremoti che hanno nelle diverse epoche scossa l’Europa ed altri luoghi lontani.Generic information1832Napoli
Conforto D.Giornali di Napoli dal 1679 al 1699.Historiographical study1930Napoli
Conforto D.Diarii [1688-1690], in Il terremoto del 1688, ed. G.De Blasiis, "Archivio Storico per le Province Napoletane", a.20 (1895), pp.749-769.Indirect source1895Napoli
Coppola G.Ragguaglio d’alcuni miracoli operati dal glorioso S.Filippo Neri fondatore della congregazione dell’oratorio in occasione di ruine di fabbriche e di tremuoti.Generic information1735Napoli
Costantini B.I terremoti d’Abruzzo, in "Rivista Abruzzese di Scienze, Lettere ed Arti", a.30 (1915), fasc.6, pp.281-295.Catalogue1915Teramo
Cotugno G.Memorie Istoriche di Venafro.Historiographical study1824Napoli
*Cronaca dell’anonimo aversano. Distinte notizie, e quanto di curioso vago e portentoso sia succeduto in questa città d’Aversa dal scorso secolo incominciando dal anno 1647 per quanto si è potuto raccogliersi con ogni più esatta diligenza, in G.Parente, "Origini e vicende ecclesiastiche della città di Aversa", vol.1, pp.335-416.Direct source1857Napoli
D’Aloe S.La Madonna di Atella nello scisma d’Italia.Historiographical study1853Napoli
D’Amelj G.Storia della città di Lucera.Historiographical study1861Lucera
De Ambrosio F.Memorie storiche della città di San Severo in Capitanata.Historiographical study1875Napoli
De Blasiis G.Il terremoto del 1688, in "Archivio Storico per le Province Napoletane", a.20 (1895), pp.748-749.Historiographical study1896Napoli
De Colaci O.Dialoghi intorno al tremuoto di questo anno 1783.Generic information1783Napoli
De Giorgi C.Ricerche su i terremoti avvenuti in Terra d’Otranto dall’XI al secolo XIX, in "Memorie della Pontificia Accademia dei Nuovi Lincei", vol.15, pp.95-154.Catalogue1898Roma
Del Bono M.Discorso sull’origine de’ tremuoti, in cui si esamina di proposito una nuova Opinione intorno alla Cagione di essi.Repertory1745Palermo
De Marco G.Montecassino illustrato nei tre regni della natura con altre descrizioni riguardanti lo stesso luogo.Catalogue1888Napoli
De Rossi M.S.Documenti raccolti dal defunto Conte Antonio Malvasia per la storia dei terremoti ed eruzioni vulcaniche massime d’Italia, in "Memorie della Pontificia Accademia dei Nuovi Lincei", vol.5, pp.169-289.Catalogue1889Roma
Di Sabato V.Storia ed arte nelle chiese e conventi di Lucera.Historiographical study1971Foggia
D’Onofrio A.Lettera ad un amico in provincia sul tremuoto accaduto a 26 Luglio, e seguito dall’Eruzione Vesuviana de’ 12 Agosto del corrente 1805 colla narrazione di tutti i più rilevanti fenomeni ch’esigon le vedute del Naturalista, in cui si dà conto delle cagioni di essi.Generic information1805Napoli
*Epigrafe commemorativa della ricostruzione della torre campanaria della cattedrale di Benevento voluta dal cardinale Orsini, in J.Ross, "La Puglia nell’800. (La terra di Manfredi)", a cura di V.Zacchino, pp.287-288.Direct source1978Cavallino
*Epigrafe posta nella basilica di S.Bartolomeo di Benevento in memoria della ricostruzione dopo il terremoto del 5 giugno 1688, 1701, in D.A.Parrino, "Efemeride del Nono orribil Tremuoto accaduto nella Città di Benevento Martedì 14 di Marzo dell’Anno corrente 1702", pp.10-12.Direct source1702Napoli
*Epigrafe posta nella cappella di S.Modestino della Cattedrale di Avellino in memoria del terremoto del 5 giugno 1688, 1697, in N.Gambino, "Cronistoria dei restauri nelle iscrizioni commemorative", p.84.Direct source1985Avellino
*Epigrafe posta nella cattedrale di Ariano Irpino in memoria dei danni causati dai terremoti dell’847, 1349, 1456, 1517, 1688, 1694, 1702 e 1732 (1736), in D.Pantosti e G.Valensise, Riconoscere il ‘terremoto caratteristico’: il caso dell’Appennino centro-meridionale, "I terremoti prima del Mille in Italia e nell’area mediterranea. Storia archeologia sismologia", a cura di E.Guidoboni, p.547.Indirect source1989Bologna
*Epigrafe posta nella chiesa di S.Sofia di Benevento in memoria della ricostruzione dopo il terremoto del 5 giugno 1688, in D.A.Parrino, "Efemeride del Nono orribil Tremuoto accaduto nella Città di Benevento Martedì 14 di Marzo dell’Anno corrente 1702", pp.15-17.Direct source1702Napoli
*Epigrafe posta nell’oratorio privato dedicato a S.Filippo Neri nell’Arcivescovado di Benevento a perenne gratitudine dello scampato pericolo del Cardinale Orsini uscito illeso dal terremoto del 5 giugno 1688, 1692, in V.Vari, "I terremoti di Benevento e loro cause", p.29.Direct source1927Benevento
Flammia N.Storia della città di Ariano dalla sua origine sino all’anno 1893.Historiographical study1893Ariano Irpino
Fodero J.Lettera del Clerico Jacopo Fodero al Molto Rev[erendo] D.Jacopo Fodero Preposito, Curato della Chiesa di S.Rocco in Girifalco, suo zio. Assegnasi la cagion del Tremuoto, secondo l’opinione del Gassendo, in "Lettere memorabili, istoriche, politiche, ed erudite scritte, e raccolte da Antonio Bulifon", vol.3, pp.113-119.Generic information1693Napoli
Fraccacreta M.Teatro topografico storico-poetico della Capitanata e degli altri luoghi più memorabili e limitrofi della Puglia, tomo 6.Historiographical study1828Napoli
Galanti G.A.Descrizione dello stato antico ed attuale del contado di Molise.Historiographical study1781Napoli
Gallo A.Lettere scritte da Andrea Gallo e dirizzate al signor Cavaliere N.N. delle Reali Accademie di Londra, Bordò e Upsal pelli terremoti del 1783 con un giornale meteorologico de’ medemi.Generic information1784Messina
Gambino N.Cronistoria dei restauri nelle iscrizioni commemorative, in "La Cattedrale di Avellino", pp.83-88.Historiographical study1985Avellino
Gattula E.Historia abbatiae cassinensis per saeculorum seriem distributa, studio et labore d. Erasmi Gattula, caietani, abbatis Sancti Matthei servorum dei et celeberrimi cassinensis archivi custodis. Pars secunda ab octavo constructi monasterii saeculo quintum, seu ad annum Christi 1725.Indirect source1733Venezia
Gavini I.C.I terremoti d’Abruzzo ed i suoi monumenti, in "Rivista Abruzzese di Scienze, Lettere ed Arti", a.30 (1915), fasc.5, pp.235-240.Catalogue1915Teramo
Gentile E.Il Castello e la terra di Pontelandolfo.Historiographical study1905Trani
Gimma G.Elogj accademici della Società degli Spensierati descritti dal dottor signor D.Giacinto Gimma, 2 voll.Bulletin1803Napoli
Gregorovius F.Nelle Puglie.Historiographical study1882Firenze
Guerriero L.L’architettura irpina del Settecento. Materiali documentari, in "Rassegna Storica Irpina", a.1992, n.5-6, pp.253-275.Historiographical study1992Avellino
Guerriero L.Giovan Battista Nauclerio nella Cappella del Tesoro della Cattedrale di Avellino, in "Rassegna Storica Irpina", a.1990, n.1-2, pp.105-155.Historiographical study1990Avellino
Hoff K.E.A. vonChronik der Erdbeben und Vulcanausbrüche, erster Theil vom Jahre 3460 vor, bis 1759 unserer Zeitrechnung, in "Geschichte der durch Überlieferung nachgewiesenen natürlichen Veränderungen der Erdoberfläche", Theil 4.Catalogue1840Gotha
Iannacchino A.M.Storia di Telesia sua diocesi e pastori.Historiographical study1900Benevento
*I diari dei Lantieri de Paratico di Capriolo, in "Le cronache bresciane inedite dei secoli XV-XIX", ed. P.Guerrini, vol.2 (Fonti per la storia bresciana, vol.3).Generic information1927Brescia
*Individual, y verdadera relacion del horrible y espantoso Terremoto sucedido en Napoles, y mas partes del Reyno el dia 5 de Junio de 1688 con el numero de las Ciudades, tierras, y otros lugares arruinados, como tambien de los que quedaron muertos, y heridos en tan lastimosa tragedia.Indirect source1688Sevilla
Issel A. e Agamennone G.Intorno ai fenomeni sismici osservati nell’isola di Zante durante il 1893, in "Annali dell’Ufficio Centrale Meteorologico e Geodinamico Italiano", s.II, vol.15, parte I, a.1893, pp.65-264.Scientific bibliography1894Roma
La Sorsa S.Storia di Puglia.Historiographical study1955Bari
Lubrano G.Scintille Poetiche.Generic information
Lucatuorto G.Gravina Urbs Opulenta.Historiographical studyBari
Magliano G.Larino: considerazioni storiche sulla città di Larino. Manoscritti del barone Giandomenico Magliano completati, annotati e pubblicati da da suo nipote Alberto Magliano.Historiographical study1895Campobasso
Magnati V.Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.Direct source1688Napoli
Mallet R.Third Report on the Facts of Earthquake Phaenomena (Catalogue of recorded Earthquakes from 1606 B.C. to A.D. 1850), in "Report of the British Association for the Advancement of Science", a.1852, pp.1-176; a.1853, pp.117-212; a.1854, pp.1-326.Catalogue1853London
Manicone M.La fisica appula, tomo 1.Historiographical study1806Napoli
Margottini C. e Kozák J. (a cura di)Terremoti in Italia dal 62 A.D. al 1908. Frammenti di testimonianze storiche e iconografiche tratti dalla banca dati EVA dell’Enea sulle catastrofi naturali in Italia, ENEA.Scientific bibliography1992Roma
Masciotta G.Il Molise dalle origini ai nostri giorni, 4 voll.Historiographical study1952Napoli Cava Tirreni
Massa C.Bari nel secolo XVII. Discorso inaugurale dell’anno Accademico 1902-1903 letto nella R. Scuola Superiore di Commercio di Bari il 16 Novembre 1902.Historiographical study1903Bari
Masullo S.Memoria di Sabatino Masullo arciprete di Sassinoro sul terremoto del 5 giugno 1688, Sassinoro 9 giugno 1688, in A.Perrella, Memoria storica sul tremuoto del 5 giugno 1688, "L’antico Sannio e l’attuale provincia di Molise", pp.557-563.Direct source1889Isernia
Mazzacane V.Memorie Storiche di Cerreto Sannita.Historiographical study1911Cerreto Sannita
Mazzacane V.Il terremoto di Cerreto del 5 giugno 1688. Memoria di una suora del Monastero delle Clarisse, in "Samnium", a.25, n.4, pp.172-176.Historiographical study1952Napoli
Mazza F.Nota cronologica dei terremoti che hanno funestato Ariano dal 1125 al 1930.Catalogue1931Ariano Irpino
Mele G.F.Serenata per celebrare il patrocinio del glorioso appostol S.Matteo per la prodigiosa liberazione di Salerno dall’orribile tremuoto del 5 giugno dell’anno 1688.Indirect source1731Napoli
Mercalli G.Vulcani e fenomeni vulcanici in Italia (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1981).Catalogue1883Milano
Mercalli G.Le case che si sfasciano ed i terremoti, in "La Rassegna Nazionale", a.6, vol.21, pp.255-264.Scientific bibliography1885Firenze
Milano N.Modugno. Memorie storiche.Historiographical study1970Bari
Milne J.Catalogue of destructive earthquakes, in "Report of the Eighty-first meeting of the British Association for the Advancement of Science", Portsmouth 31 agosto-7 settembre 1911, pp.649-740.Catalogue1912London
Moroni G.Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da San Pietro sino ai nostri giorni specialmente intorno ai principali santi, beati, martiri, padri, ai sommi pontefici, cardinali e più celebri scrittori ecclesiastici, 103 voll. + 6 di indici.Historiographical study1840Venezia
Muratori L.A.Annali d’Italia dal principio dell’era volgare sino all’anno 1750, 12 voll.Historiographical study1762Lucca
Nigri V.La Capitanata. Foggia e il suo clima desunto da 30 anni di osservazioni sulla specola meteorico-sismica.Generic information1914San Severo
Origlia G.G.Istoria dello Studio di Napoli [] in cui si comprendono gli avvenimenti di esso più notabili da primissimi principi fino ai tempi presenti [ristampa anastatica, Bologna, 1973].Historiographical study1753Napoli
Orsini V.M.Declaracion fielmente traducida del Idioma Italiano, en el nuestro Castellano, publicada por el Em.mo Señor Cardenal Ursini, Arçobispo de Beneve[n]to, de los prodigios obrados por el Glorioso Patriarca S.Phelipe Neri, en su persona, en la ocasion de quedar sepultado en las ruìnas de su mismo Palacio, en el Terremoto que assolò aquella Ciudad en 5 de Iunio de 1688.Indirect source1688Madrid
Orsini V.M.Narrazione de’ prodigii operati dal glorioso S.Filippo Neri nella persona dell’Eminent[issimo] Sig. Cardinale Orsini Arcivescovo di Benevento. In occasione, che rimase sotto le rovine delle sue stanze nel Tremuoto, che distrusse quella Città a’ 5 di Giugno 1688.Direct source1688Napoli
Ottieri F.M.Istoria delle guerre avvenute in Europa e particolarmente in Italia per la successione alla Monarchia delle Spagne dall’anno 1696 all’anno 1725, 7 voll.Historiographical study1752Roma
Pacichelli G.B.Il Regno di Napoli in prospettiva, 3 voll. (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1979).Historiographical study1703Napoli
Pacichelli G.B.Memorie novelle de’ viaggi per l’Europa cristiana, parte I.Indirect source1691Napoli
Palestina C., Pietrafesa L. e Saraceno M.Il terremoto nel Vulture, immagini e ricordi di ieri e di oggi.Historiographical study1983Napoli
Paoloni B.M.Cronistoria sismica cassinese, in "Bollettino mensile dell’osservatorio metereologico aerologico geodinamico di Montecassino", vol.5, n.2, pp.11-12; n.3, pp.11-12; n.4, p.12; n.5, pp.15-16; n.6, pp.15-16; n.10, pp.15-16; vol.6, n.2, pp.14-15; n.5, pp.11-14.Indirect source1913Montecassino
Paragallo G.Ragionamento del signor G.Paragallo intorno alla cagione de’ tremuoti.Direct source1689Napoli
Parente G.Origini e vicende ecclesiastiche della città di Aversa, 2 voll.Historiographical study1857Napoli
Parrino D.A.Efemeride del Nono orribil Tremuoto accaduto nella Città di Benevento Martedì 14 di Marzo dell’Anno corrente 1702.Indirect source1702Napoli
Passaro G.I terremoti in Irpinia. Cenni storici, in "Civiltà Altirpina", dicembre 1980, pp.5-40.Catalogue1980Avellino
Perrella A.Memoria storica sul tremuoto del 5 giugno 1688, in Id., "L’antico Sannio e l’attuale provincia di Molise", pp.547-568.Historiographical study1889Isernia
Perrella A.Memorie storiche dei Vescovi di Bojano e di Sepino, in Id., "L’antico Sannio e l’attuale provincia di Molise", pp.457-499.Historiographical study1889Isernia
Perrey A.Mémoire sur les tremblements de terre de la péninsule italique, in "Mémoires Couronnés et Mémoires des Savants Étrangers de l’Académie Royale de Belgique", tomo 22 (1846-47).Catalogue1848Bruxelles
Perrotta G.La sede degli Aurunci popoli antichissimi dell’Italia. Storiografia della loro antica Città Arunca, e della Vice-Arunca Rocca Monfina.Historiographical study1737Napoli
Pescatori S.I terremoti dell’Irpinia, in "Rivista economica della provincia di Avellino", a.8, n.3, pp.15-18, n.4, pp.3-10, n.5, pp.3-10, n.6, pp.3-11, n.7, pp.3-7.Catalogue1915Avellino
Piedimonte G.Notizie civili e religiose di Lucito.Historiographical study1899Campobasso
Pilla L.Relazione de’ tremuoti che afflissero la città di S.Germano ed il monastero di Montecassino nella primavera del corrente anno 1837, in "Annali Civili del Regno delle due Sicilie", vol.14, fasc.28, pp.99-105.Catalogue1837Napoli
Piperni P.Benevento caduto nell’anno 1688 a Benevento risorto nel 1698.Indirect source1699Napoli
Pollastro E.Il Cardinale e i Viceré. Nuove fonti per l’episcopato beneventano di V.M.Orsini, in "Rivista Storica del Sannio", s.III, a.1 (1994), pp.167-240.Historiographical study1994Benevento
Priori D.Torino di Sangro: nihil dulcius sua patria.Historiographical study1957Lanciano
*Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.Direct source1688Napoli-Bologna
*Relatione vera e distinta dell’horribile, e spaventoso Terremoto accaduto in Napoli, e in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688, col numero delle città, terre e altri luoghi rovinati.Direct source1688Napoli
*Relation veritable de ce qui est arrivé à Naples & autres lieux circonvoisins, d’un prodigieux tremblement de Terre, le cinquiéme Juin presente Année.Indirect source1688s.l.
*Relazione della trasportazione delle monache dalla città di Muro e dalla terra di Calitri Diocesi di Consa in Benevento per cagione del tremuoto accaduto agli 8 settembre 1694.Indirect source1694Benevento
Remondini G.Della Nolana ecclesiastica storia.Historiographical study1757Napoli
Rezzadore P.Il mondo ne’ suoi fulgori e tremori.Catalogue1914Firenze
Ricciardi E.Terremoti in Calitri tra il Seicento e il Settecento, in "Il Calitrano", a.26, n.s., n.31 (gennaio-aprile 2006), pp.7-10.Historiographical study2006Firenze
Ricciardi E.Il castello e la cavallerizza di Calitri, in "Il Calitrano", a.19, n.s., n.10 (gennaio-aprile 1999), pp.12-15.Historiographical study1999Firenze
Roscitano D.P.Memoria istorico filosofica de’ terremoti della città di Reggio e di Calabria in occasione dello smisurato terremoto di quest’anno 1783.Generic information1783Messina
Rossi G.Della vita di monsignor D.Emilio Giacomo Cavalieri della congregazione de’ Pii Operarj Vescovo di Troia.Historiographical study1741Napoli
Ross J.La Puglia nell’800 (La terra di Manfredi), a cura di V.Zacchino [ed. inglese 1889].Historiographical study1978Cavallino (LE)
Salzillo T.Storia civile dell’antica città di Venafro.Historiographical study1877Isernia
Sarnelli P.Memorie cronologiche de’ Vescovi ed Arcivescovi della Santa Chiesa di Benevento colla serie de’ Duchi, e Principi Longobardi della stessa città.Indirect source1691Napoli
Sarnelli P.Lettere ecclesiastiche di monsignor Pompeo Sarnelli Vescovo di Bisceglie.Generic information1740Venezia
Sarnelli P.Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.Direct source1688Napoli
Scandone F.Storia di Avellino, vol.3 (Avellino moderna, 1501-1815).Historiographical study1950Avellino
Scapini G.Memorie storiche degli antichi terremoti riordinati cronologicamente con indice alfabetico delle principali città, luoghi ed autori che ne fanno menzione.Repertory1888Genova
Serva L.The earthquake of June 5, 1688 in Campania, in "Atlas of Isoseismal Maps of Italian Earthquakes", a cura di D.Postpischl, CNR-PFG, Quaderni de «La Ricerca Scientifica», n.114, vol.2A, pp.44-47.Scientific bibliography1985Roma
Serva L.Il terremoto del 1688 nel Sannio, in "Contributo alla caratterizzazione della sismicità del territorio italiano". Memorie presentate al Convegno annuale del Progetto Finalizzato "Geodinamica" del C.N.R. sul tema: "Sismicità dell’Italia: stato delle conoscenze scientifiche e qualità della normativa sismica", Udine 12-14 maggio 1981. Commissione ENEA-ENEL per lo studio dei problemi sismici connessi con la realizzazione di impianti nucleari, pp.209-249.Scientific bibliography1981Udine
Soldani A.Relazione del terremoto accaduto in Siena il dì 26 maggio 1798 divisa in sei lettere.Generic information1798Siena
Sportelli G.Napoli flagellata da Dio con l’horribilissimo Terremoto accaduto a’ cinque di Giugno ad hore vent’uno il giorno di Sabato vigilia della Pentecoste nell’anno 1688.Direct source1688Napoli
Strafforello G.La patria. Geografia dell’Italia. Provincie di Bari, Foggia, Lecce, Potenza.Generic information1899Torino
Tanzini P.Alcune notizie sui terremoti compilate da P.T.S.Catalogue1846Firenze
Tonini L.Storia civile e sacra riminese, 6 voll. (ristampa anastatica, Rimini 1971).Historiographical study1848Rimini
Ussoli Bianchi P.A.I diari dei Bianchi (1630-1743) [1630-1688], in "Le cronache bresciane inedite dei secoli XV-XIX", ed. P.Guerrini, vol.5 (Fonti per la storia bresciana, vol.7).Source chronologically near to the event1930Brescia
Vailati V. e Della Malva N.L’Arcidiocesi di Manfredonia e la Diocesi di Vieste. Guida storica anno santo 1975.Historiographical study1975Foggia
Vari V.I Terremoti di Benevento e loro cause.Catalogue1927Benevento
*Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.Direct source1688Napoli
*Vera, e distinta Relazione dello spaventoso Terremoto occorso nelle Città di Napoli, Benevento, e Salerno, con sua Castelli, e terre circonvicine. Seguito il dì 5, 6 e 7 Giugno 1688.Direct source1688Firenze
*Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.Direct source1688Napoli
Virgilio F.La terra di Bari sotto l’aspetto storico, economico, e naturale, vol.3.Historiographical study1900Trani
Vitale T.Storia della regia città di Ariano e sua diocesi.Historiographical study1794Roma
Vivenzio G.Istoria de’ Tremuoti avvenuti nella Provincia della Calabria ulteriore, e nella Città di Messina nell’anno 1783 e di quanto nella Calabria fu fatto per lo suo risorgimento fino al 1787 preceduta da una Teoria, ed Istoria Generale de’ Tremuoti, 2 voll.Repertory1788Napoli
Zazo A.Popolazione di alcune città del Sannio dopo il terremoto del 1688, in "Samnium", a.5, n.2, pp.132-133.Historiographical study1932Benevento
Zuccagni Orlandini A.Corografia fisica, storica e statistica dell’Italia e delle sue isole.Historiographical study1845Firenze

Felt Localities (216)

Locality Province Lat Lon Intensity
Cerreto SannitaBN41.284414.5597XI

Distruzione quasi completa del paese con la morte di circa 3.000 persone (1); secondo Magnati (1688) (2) i morti sarebbero stati 4.000, su 8.000 abitanti: tuttavia dal testo non è chiaro se la cifra si riferisce solo al paese di Cerreto o, più verosimilmente, a tutta la contea. Infatti, in una lettera del vescovo di Telese al segretario dello Stato pontificio (3), scritta il 14 giugno, si affermava che il crollo della città era stato totale, e che solo tre piccole case erano rimaste in piedi, ma erano assai malridotte; i morti furono 2-3.000 su una popolazione di circa 4.000 abitanti (50-75%). Magnati (1688) (4), inoltre, menziona i seguenti danni a edifici ecclesiastici: crollo del monastero delle Francescane, con morte di 59 delle 80 monache che vi risiedevano; crollo del monastero dei frati Francescani, ex residenza angioina, con morte di 10 dei 12 frati che vi risiedevano; crollo del convento dei frati Cappuccini, di cui rimanevano solo e officine e qualche muro della chiesa.

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.
Napoli-Bologna 1688
Vera, e distinta Relazione dello spaventoso Terremoto occorso nelle Città di Napoli, Benevento, e Salerno, con sua Castelli, e terre circonvicine. Seguito il dì 5, 6 e 7 Giugno 1688.
Firenze 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688
(2)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(3)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 11 giugno 1688.
1688
(4)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

Civitella LicinioBN41.308914.5267XI

Secondo fonti autorevoli il paese fu completamente distrutto; degli abitanti si salvò solo chi era nei campi al momento della scossa (1).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688

Guardia SanframondiBN41.25514.5964XI

Distruzione quasi completa del paese. Secondo una relazione ufficiale, conservata all’Archivo General di Simancas (1), si riscontrò la morte di 1.100 abitanti, in gran parte donne e bambini. Magnati (1688) e una relazione coeva riferiscono che morirono moltissimi dei 1.200 abitanti (2); secondo un’altra fonte (3), si salvarono circa 800 abitanti dei 2.000 del paese. Le rovine furono così estese che appena erano riconoscibili i resti della chiesa e del monastero di S.Filippo Neri, i cui frati erano morti tutti tranne uno; si ricorda inoltre il crollo del monastero dei Francescani.

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688
(3)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 11 giugno 1688.
1688

AlifeCE41.327514.3303X

Crollo di pressoché tutte le case, degli edifici pubblici e privati; crollarono la chiesa cattedrale e il palazzo episcopale e nessun edificio sacro era più agibile; morirono 17 persone (1). Secondo un’altra fonte, i morti furono più di 30; viene segnalato il crollo del convento e della chiesa dei Francescani (2).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Alife Giuseppe de Lazara al papa Innocenzo XI, Piedimonte 15 luglio 1688.
1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688
(2)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

ApiceBN41.118314.9308X

Quasi interamente distrutta con la morte di 106-110 persone (1); secondo un’altra fonte i morti furono 230 (2). Magnati (1688) (3) ricorda il crollo del ponte Valentiniano, sulla via Appia.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
(3)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

CasalboreAV41.232215.0119X

Crollo di molte case con numerosi morti (1).

(1)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

CasalduniBN41.259714.695X

Crollo di gran parte delle abitazioni con molte vittime (1). Una supplica del conte di Casalduni, Michele Sariano, alla segreteria del viceré di Napoli riporta notizia della morte di 250 suoi vassalli e del ferimento di molte persone, nelle terre di Ponte e Casalduni (2).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 11 giugno 1688.
1688
(2)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.78, Lettera di supplica del conte di Casalduni Michele Sariano che sottoposto a giudizio su accusa di alcuni suoi vassalli chiede alla Segreteria del viceré che gli venga lasciato il tempo di recuperare i cadaveri e gli averi sepolti sotto le macerie dei suoi possedimenti di Ponte e Casalduni distrutti dal terremoto del 5 giugno 1688, Casalduni 26 giugno 1688.
1688

Fragneto l’AbateBN41.258914.785X

Crollo della maggior parte delle case; crollo di tre granai, del palazzo, della taverna e del forno di proprietà dell’Abbazia di S.Sofia di Benevento; crollo di metà della chiesa principale del luogo e gravi danni al campanile, rimasto pericolante in seguito alla scossa. Morte di 50 persone(1). Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (2) ricorda genericamente il crollo di case, con morte di alcune persone.

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, "Relatione de’ danni patiti in diversi corpi da’ beni dell’abbadia di S.Sofia di Benevento, per causa del orribil terremoto seguito li 5 del corrente mese di giugno del corrente anno 1688" allegata al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo del 22 giugno 1688.
1688
(2)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

Fragneto MonforteBN41.246114.7608X

Crollarono quasi tutti gli edifici e morirono 127 persone, 44 delle quali furono sepolte dal crollo di una chiesa (1). Un’altra fonte riporta 200 vittime (2). Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (3) ricorda genericamente il crollo di case, con morte di alcune persone.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
(3)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

MassaBN41.267514.5078X

Il centro rimase pressoché raso al suolo (1).

(1)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688

Mirabella EclanoAV41.042214.9961X

Lesioni e crolli di case e chiese con morte di 500 persone (1). Secondo un’altra fonte rimanevano 25 case delle 450 (5,5%) che componevano il centro (2). Le proprietà del marchese di Mirabella risultavano particolarmente colpite, con il crollo del palazzo, del mulino e delle taverne di proprietà familiare; parenti e servitori erano morti in seguito all’evento (3).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.
Napoli-Bologna 1688
(2)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
(3)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.177, Memoriale in cui il Marchese di Mirabella scampato alla morte perché al momento del terremoto del 5 giugno 1688 era a Napoli chiede alla Segreteria del viceré di non essere molestato per debiti dato lo stato di povertà dovuto al terremoto che ha causato danni alle sue proprietà e la morte dei suoi parenti, Napoli 9 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.34, Memoriale in cui il Marchese di Mirabella chiede alla Segreteria del viceré di non essere molestato per debiti dato lo stato di povertà in cui versa a causa del terremoto che ha danneggiato le sue proprietà, Napoli 9 giugno 1688.
1688

PietrarojaBN41.346414.5492X

Il centro fu pressoché raso al suolo; morirono circa 300-400 persone, in gran parte donne e bambini (1). Secondo una relazione conservata all’Archivo General di Simancas i morti furono 150 (2).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688
(2)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

PontelandolfoBN41.285814.6928X

Distruzione quasi totale con morte di 80-100 abitanti sui 2.000 (4-5%) che si contavano prima del sisma (1); Magnati (1688) (2) precisa che il relativamente basso numero di vittime fu dovuto al fatto che la maggior parte delle persone, al momento della scossa, si trovava al lavoro nei campi.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
(2)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

San Giuliano del SannioCB41.455614.6394X

Crollo di 80 case, le 25 rimaste in piedi minacciavano di crollare. Morirono 10 donne (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

San LorenzelloBN41.276714.5428X

Distruzione quasi completa con morte di 400 abitanti sui 1.000 circa che il centro contava; il danno per lo più fu dovuto alla caduta di una frana di sassi e roccia dal monte Erbano sovrastante il paese (1). In una lettera (2) del 14 giugno al segretario di Stato, il vescovo di Telese, la cui sede era stata spostata da tempo a Cerreto, affermava che era morta più della metà della popolazione, che contava circa 1.000 persone. Una relazione ufficiale conservata all’Archivo General di Simancas riporta invece 150 vittime (3).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688
(2)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 11 giugno 1688.
1688
(3)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

San Lorenzo MaggioreBN41.250814.6258X

Tutte le fonti reperite riportano che il centro fu pressoché raso al suolo (1). Sono però contrastanti le cifre delle vittime: due relazioni riportano notizia di 200 morti (2); Magnati (1688) (3) riporta che su 2.500 abitanti ne morirono oltre 300; in una lettera del 14 giugno al segretario di Stato, il vescovo di Telese affermava invece che i morti erano stati 25 (4); una relazione ufficiale conservata all’Archivo General di Simancas riporta 28 vittime (5).

(1)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
(3)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(4)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 11 giugno 1688.
1688
(5)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

San LupoBN41.259714.6353X

Distruzione quasi completa con morte di 1100 persone (1). Secondo Magnati (1688) (2) il paese, al momento della scossa, contava 800 abitanti e ne morirono solo 30 (4%). Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (3) ricorda infine danni molto gravi agli edifici e poche vittime.

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
(2)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(3)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

CastelpotoBN41.1414.7044IX-X

Raso al suolo con morte di 32 (1) o 15 persone (2). Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (3) ricorda genericamente danni molto gravi agli edifici e poche vittime.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
(3)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

CastelvenereBN41.233914.5458IX-X

Il centro rimase pressoché raso al suolo (1).

(1)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688

Montecalvo IrpinoAV41.195815.0336IX-X

Il terremoto causò il crollo della maggior parte degli edifici: morirono 22 (1) o 30 persone (2). Secondo una fonte crollarono oltre 60 case (3). Nell’ottobre del 1693 il cardinale Orsini predisponeva provvedimenti (4) riguardanti alcuni edifici danneggiati dal terremoto, che ancora rimanevano in condizioni precarie: la chiesa di S.Nicola, l’Ospedale della SS.ma Annunziata, la chiesa di S.Bartolomeo, la chiesa di S.Giovanni Battista e quella di S.Vito.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
(3)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
(4)
Archivio della Chiesa Collegiata di S.Maria Maggiore di Montecalvo Irpino, Registro Sante Visite 1689-1706, Visita e decreti del cardinale V.M.Orsini arcivescovo di Benevento, ottobre 1693.
1693
Archivio della Chiesa Collegiata di S.Maria Maggiore di Montecalvo Irpino, Registro Sante Visite 1689-1706, Visita e decreti del cardinale V.M.Orsini arcivescovo di Benevento, ottobre 1695.
1695
Archivio della Chiesa Collegiata di S.Maria Maggiore di Montecalvo Irpino, Registro Sante Visite 1689-1706, Visita e decreti del cardinale V.M.Orsini arcivescovo di Benevento, novembre 1698.
1698

PaduliBN41.164214.8797IX-X

Il terremoto causò il crollo di quasi tutti gli edifici e la morte di 135 (1) o 150 persone (2). Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (3) ricorda genericamente danni molto gravi agli edifici e poche vittime.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 31 luglio 1688.
1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
(3)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

ReinoBN41.290814.8236IX-X

Distruzione quasi completa con morte di 10 persone (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

Tocco CaudioBN41.123614.6269IX-X

Il terremoto causò il crollo di quasi tutti gli edifici; vi furono 30 vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

AilanoCE41.389714.2039IX

Danni alle chiese e al palazzo baronale; crollo di molte case (1). La località è riportata dalle testimonianze come Aliano, ma dal contesto delle descrizioni si desume trattarsi dell’attuale paese di Ailano.

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

AlvignanoCE41.244714.3375IX

Crollo di molte case; molti morti; intorbidamento del fiume Volturno (1). Un’altra fonte riferisce inoltre il crollo del palazzo baronale, della taverna di S.Ferrante, della chiesa principale e del campanile, senza che vi fosse alcun morto: i pochi che non si trovavano nei campi a lavorare furono infatti estratti ancora in vita dalle macerie (2).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
(2)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

ArianoAV41.153115.0894IX

Crollo di molte case e morte di 20-30 persone, su 3.000 abitanti (1%) (1). Secondo Magnati (1688) (2), la popolazione non fu particolarmente colpita, nonostante la violenza della scossa, perché gli edifici della città erano bassi e il centro era situato sopra un colle, per cui bastava scendere nel territorio sottostante per non essere colpiti dai crolli. Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (3) riferisce di danni alle chiese e alle case, con morte di 10 persone; sono registrati inoltre gravi danni alla cattedrale, come ricordato anche da un’epigrafe che menziona i diversi terremoti verificatisi nella zona e che fu collocata nella chiesa nel 1736, anno della sua definitiva riedificazione, dopo l’ultimo sisma del 29 novembre 1732 (4).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.
Napoli-Bologna 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
(2)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(3)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
(4)
Epigrafe posta nella cattedrale di Ariano Irpino in memoria dei danni causati dai terremoti dell’847, 1349, 1456, 1517, 1688, 1694, 1702 e 1732 (1736), in D.Pantosti e G.Valensise, Riconoscere il ‘terremoto caratteristico’: il caso dell’Appennino centro-meridionale, "I terremoti prima del Mille in Italia e nell’area mediterranea. Storia archeologia sismologia", a cura di E.Guidoboni, p.547.
Bologna 1989

BeneventoBN41.128914.7769IX

La città fu danneggiata molto gravemente: gran parte degli edifici pubblici e privati crollarono o rimasero diroccati (1). Quasi tutti i piani superiori delle abitazioni crollarono o rimasero inabitabili; delle 1.607 abitazioni totali, solo 325 non crollarono (20%), ma di queste solo 285 risultavano ancora abitabili, sebbene necessitanti di restauri. Quindi 1.322 case (oltre l’80%) furono distrutte o gravemente danneggiate (2).
Il numero dei morti in città fu di circa 2.000 persone, in campagna di quasi 700. Chiese, conventi e palazzi subirono crolli e lesioni.
Le fonti (3) consentono di fornire il seguente elenco dei danni localizzati: crollo parziale del tetto della chiesa parrocchiale di San Salvatore Porta Somma; danni gravi al palazzo del governatore (o Apostolico) e agli edifici annessi della rocca; crollo del campanile e di parte del chiostro, con le celle dei monaci, dell’Abbazia di Santa Sofia e crollo dei piani superiori dell’abitazione dell’abate: una relazione ufficiale (4) registra danni gravi anche a magazzini, granai, un mulino e masserie di proprietà dell’abbazia.
Fenditure alle pareti del convento dei Padri Cappuccini e lesioni alla chiesa annessa; crollo di parte del tetto della chiesa parrocchiale di Sant’Angelo Porta Somma; crollo degli appartamenti dei novizi e delle volte superiori del chiostro del convento di S.Agostino, con danneggiamento delle sottostanti celle dei monaci; crollo della navata centrale, del coro e del campanile della chiesa del convento sopracitato; crollo pressoché totale del convento di S.Domenico e del tetto della chiesa ad esso annessa; crollo della volta e di parte della facciata della chiesa del monastero delle monache di San Vittorino, quasi del tutto crollato: si rileva anche il crollo di case di proprietà del monastero stesso; crollo di una parte consistente dell’ospedale e della chiesa della Santissima Annunziata: da un documento del 1710 (5) si ha testimonianza che per la riedificazione si spesero 1.000 ducati; crollo delle stanze superiori del monastero di Santa Caterina dei Padri Certosini e di parte della volta e dell’atrio della chiesa annessa; crollo o grave danneggiamento delle celle del convento di S.Maria del Carmine, danneggiamento della facciata del convento stesso e crollo della volta della chiesa annessa; gravi lesioni e crollo di parte della facciata del Collegio dei Padri Gesuiti (6); qualche danno al palazzo del Comune: tali danni però si aggravarono col passare del tempo. Infatti una perizia fatta eseguire dalle autorià comunali denunciava, nell’ottobre del 1697, la necessità di interventi per una spesa di 160-170 ducati circa (7). Gravi danni alla chiesa parrocchiale di San Marco dei Severiani, che doveva essere abbattuta e ricostruita; crollo parziale del campanile, del chiostro e dell’edificio della chiesa del convento di San Francesco; crollo di parte della facciata del seminario e della cupoletta della chiesa di Sant’Andrea ad esso annessa; gravi lesioni alla chiesa parrocchiale di San Donato (occorreva abbatterla quasi per intero per ristrutturarla); crollo dell’atrio e di un pezzo della volta della chiesa di San Lorenzo e danni gravi al chiostro e alle celle del convento annesso; crollo totale della chiesa parrocchiale di Santa Maria di Costantinopoli; crollo di gran parte del palazzo Arcivescovile e della chiesa attigua. Il Cardinale Orsini, rimasto sotto le macerie, uscì tuttavia illeso, come ricorda un’epigrafe (8) da lui fatta apporre nell’oratorio del palazzo nel 1692. Crollo della chiesa di San Bartolomeo, con l’eccezione della sagrestia; gravi danni al monastero e all’ospedale dei Padri Confratelli; gravi danni e crolli al monastero delle monache di San Pietro e alla chiesa attigua, quasi interamente crollata; crollo di una navata della chiesa parrocchiale di S.Pietro de Traseris; gravi danni alla chiesa parrocchiale di San Giacomo; gravi lesioni e crolli alla chiesa parrocchiale di S.Modesto e al monastero dei canonici regolari lateranensi; distruzione della chiesa e del convento di S.Maria degli Angeli e del conservatorio di S.Maria dei Martiri, dove molte delle 13 orfanelle ospitate erano rimaste vittime dei crolli; crollo di un casino di campagna fatto edificare nelle vicinanze della città dal cardinale Arcivescovo; crollo dei macelli pubblici (9).
Da una relazione ufficiale conservata all’Archivio Segreto Vaticano (10) è possibile fare la somma approssimativa dei danni subiti dalla città, pur tenendo presente che tale relazione pare essere stata stilata poco dopo l’evento e dunque le stime in esso contenute probabilmente non erano definitive. Per il restauro o la ricostruzione di chiese, monasteri e edifici pubblici si pensava necessario spendere circa 116.550 scudi, così ripartiti: 300 scudi per la chiesa di S.Salvatore Porta Somma; 500 scudi per il palazzo del governatore e la Rocca; 8.000 scudi per la chiesa e il monastero di S.Sofia e 7.000 per il palazzo dell Abate Commendatario; 800 scudi per il convento dei Cappuccini; 200 scudi per la chiesa di S.Angelo Porta Somma; 8.000 scudi per il convento e chiesa di S.Agostino; 7.000 scudi per il convento e chiesa di S.Domenico; 6.000 scudi per il convento di S.Vittorino delle Benedettine; 7.000 scudi per l’ospedale della Santissima Annunziata; 200 scudi per la chiesa di S.Pietro di Traseris; 2.300 scudi per la chiesa e il convento di S.Caterina dei padri Certosini; 1.300 scudi per il convento e la chiesa di S.Maria del Carmine; 8.000 scudi per il Collegio dei Gesuiti; 150 scudi per il palazzo Pubblico; 1.000 scudi per la chiesa di S.Marco dei Severiani; 3.000 scudi per il convento e la chiesa dei Francescani e 7.000 per il seminario; 300 scudi per la chiesa di S.Donato; 2.000 scudi per il convento e la chiesa di S.Lorenzo dei Padri Minori; 2.500 scudi per la chiesa di S.Maria di Costantinopoli; 20.000 scudi per la cattedrale e il palazzo Arcivescovile; 4.000 scudi per la chiesa di S.Bartolomeo; 3.000 scudi per la chiesa, ospedale e convento dei Padri confratelli; 10.000 scudi per il monastero di S.Pietro delle Benedettine; 1.000 scudi per la chiesa di S.Giacomo; 3.000 scudi per la chiesa e conservatorio di S.Maria delle Martiri; 3.000 scudi per la residenza dell’Arcivescovo detta "La Pace", fuori dalla città. Inoltre veniva ritenuto che il danno subito dai privati ammontasse a circa un milione di scudi.
Lo stato di molti edifici era ancora precario molti anni dopo l’evento sismico; le fonti (11) testimoniano nel 1700 danni gravi al ponte di S.Maria degli Angeli, sul fiume Sabato, che, in seguito al sisma aveva deviato il suo corso; nel 1701 il governatore V.Rota denunciava il cattivo stato di parti del palazzo Apostolico (12).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(2)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.
1688
(3)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.
1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Paragallo G.
Ragionamento del signor G.Paragallo intorno alla cagione de’ tremuoti.
Napoli 1689
Sarnelli P.
Lettere ecclesiastiche di monsignor Pompeo Sarnelli Vescovo di Bisceglie.
Venezia 1740
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 22 giugno 1688.
1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(4)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, "Relatione de’ danni patiti in diversi corpi da’ beni dell’abbadia di S.Sofia di Benevento, per causa del orribil terremoto seguito li 5 del corrente mese di giugno del corrente anno 1688" allegata al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo del 22 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 26 giugno 1688.
1688
(5)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Estratto redatto dal Cancelliere S.Schinosi della proposta del Governatore della chiesa e spedale della SS.ma Annunziata Giordano de Nicastro al General Consiglio della Città di Benevento del 29 settembre 1710.
1710
(6)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.
1688
(7)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio P.Marano della perizia dei maestri falegnami M.De Angelis e I.Manuto e del maestro fabbricatore P.De Toma dei lavori di restauro necessari nel palazzo della Comunità, Benevento 19 ottobre 1697.
1697
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.Degli Effetti al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 6 novembre 1697.
1697
(8)
Epigrafe posta nell’oratorio privato dedicato a S.Filippo Neri nell’Arcivescovado di Benevento a perenne gratitudine dello scampato pericolo del Cardinale Orsini uscito illeso dal terremoto del 5 giugno 1688, 1692, in V.Vari, "I terremoti di Benevento e loro cause", p.29.
Benevento 1927
(9)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Copia autentica redatta dal notaio A.Undina dell’istanza presentata al Governatore di Benevento da C.Coscia, A.Della Pagliara e altri appaltatori della gabella della carne, Benevento 12 giugno 1688.
1688
(10)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Relatione distinta delli danni causati nella città di Benevento tanto negli edificii publici, come privati dal terremoto successo il dì 5 di giugno 1688 e delle persone perite sotto le rovine di detta città, e de’ bisogni publici e privati.
1688
(11)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore G.Degli Effetti al Prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 10 aprile 1700.
1700
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Relazione dell’architetto G.De Nicastro sullo stato del ponte di S.Maria degli Angeli e sui lavori di riparazione necessari, Benevento 6 aprile 1700.
1700
(12)
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Lettera del Governatore V.Rota alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento 4 giugno 1701.
1701
Archivio di Stato di Roma, Congregazione del Buon Governo, serie II (Atti per luoghi), Benevento III, b.474 (1687-1718), Memoriale del Magistrato di Benevento alla Sacra Congregazione del Buon Governo, Benevento [1701].
1701

BonitoAV41.101715.0039IX

Secondo Magnati (1688) (1), vi furono gravi danni e crolli; la popolazione riuscì a mettersi in salvo, perché gli edifici erano bassi e il centro era collocato su un’altura, per cui bastava scendere nel territorio sottostante per non essere colpiti dai crolli. Tra gli edifici lesionati in modo particolarmente grave sono ricordati la chiesa e il convento dei padri Predicatori, il palazzo Ducale e una antica torre (2).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(2)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Pescatori S.
I terremoti dell’Irpinia, in "Rivista economica della provincia di Avellino", a.8, n.3, pp.15-18, n.4, pp.3-10, n.5, pp.3-10, n.6, pp.3-11, n.7, pp.3-7.
Avellino 1915

CalviBN41.071714.8656IX

Il terremoto causò 6 vittime; danni e crolli diffusi (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

CampolattaroBN41.286914.7322IX

Gravissimi danni con la morte di 7 persone (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

CastelpaganoBN41.399214.8064IX

Gravissimi danni e crolli con morte di 10 (1) o 20 persone (2). Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas ricorda il crollo della chiesa, del palazzo baronale e di settanta case, con il danneggiamento delle rimanenti (3).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(3)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

CeppaloniBN41.044414.76IX

Crollo pressocché totale degli edifici (1) con morte di 405 persone (compresi i casali) (2). Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (3) ricorda danni molto gravi agli edifici e poche vittime.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
(3)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

CiorlanoCE41.449414.1589IX

Crollo di alcune case con poche vittime, poiché la gente era a lavorare nei campi (1).

(1)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

CircelloBN41.356914.8081IX

Gravi danni e crolli (1); 15 vittime (2). Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (3) ricorda il crollo di 30 case e del convento di S.Francesco, 10 morti e molti feriti.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di un memoriale della principessa del Colle con cui si comunica la parziale distruzione delle terre di Colle e Circello a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 14 luglio 1688.
1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(3)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

Colle SannitaBN41.363914.8331IX

Il terremoto causò il crollo o il lesionamento di tutti gli edifici e la morte di 20-27 abitanti sui 2.000 (1-1,5%) che il centro contava prima dell’evento (1).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di un memoriale della principessa del Colle con cui si comunica la parziale distruzione delle terre di Colle e Circello a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 14 luglio 1688.
1688

FoglianiseBN41.164214.6667IX

Danni e rovine con la morte di 11 persone (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

FontegrecaCE41.456114.1847IX

Crollo di molte case (1).

(1)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

GuardiaregiaCB41.434714.5417IX

Danni gravi e crolli di molti edifici, specialmente nel contado, con morte di 70 persone (1). Tra le vittime vi fu il governatore del Molise (2).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
(2)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

MorconeBN41.3414.6636IX

Crollo di 100-200 case e lesionamento di tutte le altre; morte di 9 o 15 persone (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di una relazione del percettore di Contado di Molise con la quale si comunicano i danni subiti dalla terra di Morcone a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 novembre 1688.
1688

MoschianoAV40.873614.6586IX

Crollo di 50-70 case (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Pescatori S.
I terremoti dell’Irpinia, in "Rivista economica della provincia di Avellino", a.8, n.3, pp.15-18, n.4, pp.3-10, n.5, pp.3-10, n.6, pp.3-11, n.7, pp.3-7.
Avellino 1915
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

Pago VeianoBN41.247214.8714IX

Lesioni gravi agli edifici (1) con morte di 15 persone (2).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

PescolamazzaBN41.233614.8117IX

Il terremoto causò crolli diffusi e la morte di 9 (1) o 15-16 persone (2). Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (3) ricorda genericamente danni molto gravi agli edifici e poche vittime.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(3)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

PiedimonteCE41.353614.3711IX

Il terremoto causò il crollo di 30 case, della chiesa e del campanile della Santissima Annunziata e la morte di 15 persone (1). Secondo una relazione ufficiale conservata all’Archivo General di Simancas crollarono 10 case e morirono 10 persone (2).

(1)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
(2)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

PietrelcinaBN41.196914.8478IX

Il terremoto causò danni e crolli diffusi. Vi furono 27 (1) o 40 vittime (2). Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (3) ricorda danni molto gravi agli edifici e poche vittime.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
(3)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

San Gregorio MateseCE41.384714.3736IX

Crollo di alcune case, con pochi morti, poiché la gente era a lavorare nei campi (1).

(1)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

San Marco dei CavotiBN41.308314.8783IX

Il terremoto causò il crollo di 15 case con morte di 9-12 persone (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

San NazzaroBN41.050814.8564IX

Il terremoto causò il crollo di molti edifici e la morte di una persona (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

San Potito SanniticoCE41.336714.3925IX

Crollarono alcune case con pochi morti, poiché la gente era a lavorare nei campi (1).

(1)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

Santa Croce del SannioBN41.387214.7319IX

Crollo di 18 case e della torre del palazzo baronale; danni alla chiesa (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

Sant’AgneseBN41.063314.8586IX

Il terremoto causò danni e crolli diffusi; vi furono 6 vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Sant’Angelo a CancelliAV41.044414.8633IX

La scossa causò il crollo di molte abitazioni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Sant’Angelo a CupoloBN41.068914.8039IX

Il terremoto causò danni e crolli diffusi e la morte di 10 persone (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

SassinoroBN41.373614.6633IX

Ì ricordato il crollo di 16 case, del palazzo baronale, del campanile e della chiesa parrocchiale; le rimanenti case riportarono fenditure e lesioni; vi furono 11-12 morti e 21 feriti (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Masullo S.
Memoria di Sabatino Masullo arciprete di Sassinoro sul terremoto del 5 giugno 1688, Sassinoro 9 giugno 1688, in A.Perrella, Memoria storica sul tremuoto del 5 giugno 1688, "L’antico Sannio e l’attuale provincia di Molise", pp.557-563.
Isernia 1889
Perrella A.
Memoria storica sul tremuoto del 5 giugno 1688, in Id., "L’antico Sannio e l’attuale provincia di Molise", pp.547-568.
Isernia 1889
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

TeleseBN41.215814.5267IX

Distruzione quasi completa del centro, che però era in stato di decadenza già prima del terremoto (1).

(1)
Moroni G.
Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da San Pietro sino ai nostri giorni specialmente intorno ai principali santi, beati, martiri, padri, ai sommi pontefici, cardinali e più celebri scrittori ecclesiastici, 103 voll. + 6 di indici.
Venezia 1840
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

VitulanoBN41.173614.6456IX

Molti danni e crolli con morte di 34-40 persone (1). Secondo una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (2) il centro era composto da una trentina di casali, dove a causa dei danni morirono nel complesso 112 persone.

(1)
Sarnelli P.
Lettere ecclesiastiche di monsignor Pompeo Sarnelli Vescovo di Bisceglie.
Venezia 1740
Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.
Napoli-Bologna 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(2)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

AvellinoAV40.914214.7906VIII-IX

Danni gravi e crolli di abitazioni, con la morte di 25 persone (1). Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (2) riporta invece che non vi furono vittime.
Sono testimoniati danni al convento e chiesa di S.Francesco, alla chiesa di S.Maria di Costantinopoli, al palazzo vescovile e alla Cattedrale, per la quale un’epigrafe (3) posta nella cappella di S.Modestino testimonia l’esecuzione dei restauri nel 1697, in seguito ai danni causati dal terremoto del giugno 1688.

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Scandone F.
Storia di Avellino, vol.3 (Avellino moderna, 1501-1815).
Avellino 1950
Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.
Napoli-Bologna 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(2)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
(3)
Epigrafe posta nella cappella di S.Modestino della Cattedrale di Avellino in memoria del terremoto del 5 giugno 1688, 1697, in N.Gambino, "Cronistoria dei restauri nelle iscrizioni commemorative", p.84.
Avellino 1985

FaicchioBN41.277214.4789VIII-IX

Gravi danni a tutte le case con la morte di 5 persone (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.76, Lettera del vescovo di Telese Giovanni Battista Belli al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Cerreto Sannita 11 giugno 1688.
1688

Montoro InferioreAV40.819714.7592VIII-IX

Crollarono il palazzo baronale e più di 50 case. Non ci furono vittime (1).

(1)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

San Giorgio la MolaraBN41.270314.9186VIII-IX

Crollo di 12 case con morte di 4 (1) o 12 persone (2); alcuni edifici sprofondarono in voragini apertesi nel terreno (3).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
(3)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

San Giorgio la MontagnaBN41.062814.8544VIII-IX

Il terremoto causò gravi danni al palazzo del principe e a molte case; il numero delle vittime riportato dalle fonti è incerto tra 3 e 4 su una popolazione di 100 persone (3-4%) (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

ApollosaBN41.092814.7014VIII

Morte di 4 persone (1). Una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (2) ricorda danni molto gravi agli edifici e poche vittime.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

AtellaPZ40.877215.6531VIII

Crollo di alcune case (1). Secondo Magnati (1688) (2), in occasione del sisma si aprirono fenditure nel terreno da cui usciva un’aria calda e mefitica, che lasciava gli abitanti del luogo tramortiti; uno dei malcapitati morì in seguito al malessere.

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
(2)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

AtripaldaAV40.918614.835VIII

Il terremoto causò lesioni alle abitazioni e alcuni crolli, senza che si registrassero vittime (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

BaranelloCB41.526914.5544VIII

Crollo di metà del palazzo baronale: la metà rimasta minacciava a sua volta di cadere; crollo dei muri esterni della chiesa principale e morte di 5 bambini (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

BojanoCB41.484214.4686VIII

Danni gravi a tutti gli edifici pubblici e privati (1).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

CaccianoBN41.149714.6431VIII

Il terremoto causò molti danni agli edifici; non vi furono vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

CalitriAV40.915.4353VIII

Un’opera storiografica novecentesca ricorda che questa località subì ingenti danni al castello ed alle abitazioni (1).

(1)
Acocella V.
Storia di Calitri, 2ª ed.
Napoli 1951

CampobassoCB41.556714.6669VIII

Masciotta (1952) (1) riporta genericamente notizia di danni gravi alla chiesa di S.Bonaventura.

(1)
Masciotta G.
Il Molise dalle origini ai nostri giorni, 4 voll.
Napoli Cava Tirreni 1952

CampochiaroCB41.448614.5053VIII

Crollo di parte della chiesa di San Biagio e di altri edifici; alcune case rimasero lesionate, senza che vi fossero morti (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

CampodipietraCB41.556914.7481VIII

Secondo Sarnelli (1688) la scossa fu avvertita senza danni (1). Un’altra fonte diretta (2) riporta il crollo di parte della chiesa di S.Biagio e di altri muri e arcate del paese.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

Capriati a VolturnoCE41.467214.1483VIII

Crollo di alcune case, con pochi morti, poiché la gente era a lavorare nei campi (1).

(1)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

Castello del MateseCE41.365814.3781VIII

Il terremoto causò danni e crolli diffusi; vi furono 3 vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

CautanoBN41.149214.6367VIII

Molti danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

CervinaraAV41.021114.6167VIII

Il paese comprendeva anche 18 casali; la scossa causò il crollo di alcune abitazioni; vi furono 15 vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

ChianchetelleAV41.038114.7856VIII

La scossa causò danni agli edifici, in particolare alla chiesa; vi fu un morto (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Conca CasaleIS41.495614.0061VIII

Il terremoto causò gravissimi danni alle abitazioni e la morte 6 persone (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688

Conca della CampaniaCE41.333613.9897VIII

Danni a tutte le case e le chiese con la morte di 6 persone (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688

CuccianoBN41.048914.8422VIII

Crollo di alcune case, nessuna vittima (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

Cusano MutriBN41.337814.5072VIII

Crollo di tre case; non ci furono vittime (1).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

FossacecaCB41.672214.545VIII

Il terremoto causò gravi danni alle abitazioni, ma non ci furono vittime, poiché la gente era al lavoro nei campi (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie cronologiche de’ Vescovi ed Arcivescovi della Santa Chiesa di Benevento colla serie de’ Duchi, e Principi Longobardi della stessa città.
Napoli 1691
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

FrigentoAV41.011415.0989VIII

Moroni (1840-1879) (1) riporta che la storica cattedrale di San Marciano a cinque navate fu danneggiata, per cui il capitolo dovette occuparsi della riparazione (2).

(1)
Moroni G.
Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da San Pietro sino ai nostri giorni specialmente intorno ai principali santi, beati, martiri, padri, ai sommi pontefici, cardinali e più celebri scrittori ecclesiastici, 103 voll. + 6 di indici.
Venezia 1840
(2)
Moroni G.
Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da San Pietro sino ai nostri giorni specialmente intorno ai principali santi, beati, martiri, padri, ai sommi pontefici, cardinali e più celebri scrittori ecclesiastici, 103 voll. + 6 di indici.
Venezia 1840

GalatinaLE40.17518.1681VIII

Bonito (1691) riporta la testimonianza oculare del nipote Andrea d’Afflitto, monaco olivetano, vicario del monastero di Santa Caterina Novella di Galatina. I monaci furono sorpresi dalla scossa durante la celebrazione del vespro e si arrestarono atterriti. Risultarono lesionati molti edifici, tra i quali il campanile della chiesa di Santa Caterina che crollò durante la notte successiva alla scossa (1).

(1)
Bonito M.
Terra tremante, o vero continuatione de’ terremoti dalla Creatione del Mondo sino al tempo presente (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1980).
Napoli 1691

Gallo MateseCE41.463914.2264VIII

Crollo del palazzo baronale, con la morte di 10 donne che vi si trovavano sotto (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

GalluccioCE41.351913.9544VIII

Crollo del campanile, del palazzo baronale e danni alle case (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

GildoneCB41.508914.7397VIII

Alcuni crolli causarono una vittima e alcuni feriti (1). Crollò parte del torrione del palazzo baronale, della sagrestia e del campanile della chiesa maggiore; rimasero danneggiati tutti gli edifici pubblici e privati, in particolare il convento dei Padri Agostiniani (2).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

Gioia SanniticaCE41.299214.4444VIII

Crollo di alcune case con pochi morti, poiché la gente era a lavorare nei campi (1).

(1)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

LimatolaBN41.1414.3928VIII

Crollo di quattro case, gravi danni agli edifici ecclesiastici; in paese non vi furono vittime, morirono tre persone nei casali dei dintorni (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

MoianoBN41.080314.5436VIII

Ì documentato il crollo della chiesa parrocchiale, che venne ricostruita in un’altra posizione e fu inaugurata nel 1717 (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.13 B, Sanctae Agathae II, Relatio ad Sacra Limina Apostolorum, Sant’Agata dei Goti 5 novembre 1874.
1874

MolinaraBN41.295314.9083VIII

Crollo di alcune case, danni alle rimanenti e morte di 3 persone (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

MonterocchettaBN41.056114.815VIII

Il terremoto causò danni diffusi e crolli senza vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

MontorsiBN41.072214.7989VIII

Il terremoto causò il crollo di alcuni edifici e la morte di 4 persone (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

NapoliNA40.855314.2603VIII

Ci furono 34-50 morti. Numerosi i crolli e i danni, sui quali danno un resoconto dettagliato diverse fonti dirette: opuscoli anonimi (1), relazioni (2), lettere dell’ambasciatore veneziano a Napoli, Antonio Maria Vincenti (3), lettere della Nunziatura Apostolica di Napoli alla Segreteria di Stato di Roma (4), lettere di nobili o prelati colpiti dall’evento (5), corrispondenza ufficiale del viceré o di alti fuzionari di Stato (6): di particolare rilievo risulta una relazione ufficiale conservata all’Archivo General di Simancas, che fornisce anche alcune stime dei danni (7). Un’importante fonte è costituita inoltre dall’opera di Magnati (1688) (8).
Vengono fornite notizie dettagliate sull’edilizia pubblica, mentre generici sono i riferimenti a crolli e danni subiti dall’edilizia privata: Magnati (1688) (9) riportava che ogni casa ed edificio aveva subito lesioni e che si camminava per le strade ingombrate da macerie, tra case semidistrutte e puntellate. Complessivamente sono ricordati, come gravemente danneggiati, 29 edifici religiosi e 6 edifici pubblici.
Molto danneggiata rimase la chiesa della Casa professa dei Gesuiti, detta il Gesù Nuovo: crollarono la cupola maggiore con le due laterali e tre cappelle, tra cui la volta della cappella di S.Ignazio e la cappella di S.Francesco Saverio. Tutta la navata a sinistra dell’altare rimase pressoché distrutta. La chiesa fu restaurata e aperta nuovamente al pubblico il 3 dicembre successivo (10).
Gravi lesioni subì anche il convento dei Gesuiti presso la Chiesa del Gesù Vecchio. Crollo dell’atrio e di quasi tutto il colonnato della facciata della chiesa di San Paolo dei Padri Teatini (il colonnato si diceva fosse parte dell’antico tempio di Castore e Polluce): questo crollo causò molte vittime tra coloro che partecipavano al mercato sottostante; crollo di un muro e del pulpito della Cattedrale; crollo dei dormitori, della Congregazione e di due campane del convento dei Santi Apostoli dei Padri Teatini: il crollo dei dormitori aveva ridotto in rovine un palazzo contiguo; crollo della chiesa di San Gaudioso; gravi danni alla chiesa di Santa Maria Maggiore; crollo di parte del dormitorio e del cornicione della chiesa di San Lorenzo Maggiore; fenditure alle pareti della chiesa di San Severo Maggiore e alle abitazioni dei Padri Domenicani; crollo del refettorio del convento di S.Domenico Maggiore; crollo della chiesa di S.Teresa dei padri Spagnoli; lesioni gravi alla chiesa di Santa Maria dei Monti dei Pii Operarii; lesioni non gravi alla chiesa di San Giorgio Maggiore dei Pii Operarii; lesioni alle chiese di San Nicola dei Pii Operarii, di San Martino dei Padri Certosini; di Santa Teresa degli Scalzi, di San Severino dei Benedettini, dell’Annunziata, della Sanità, di D. Alvina; di San Tomaso d’Aquino, di San Filippo e Giacomo; della Madonna della Pietà; rovina quasi totale della chiesa di Santa Maria della Verità, dell’infermeria e dei dormitori annessi; danni al campanile e alle mura del Carmine (11); danni alla chiesa e monastero di S.Chiara, alla chiesa di S.Ligorio, alla chiesa della Croce di Lucca; danni alla chiesa e al monastero di S.Maria del Soccorso, che fu evacuato.
Tra i palazzi privati si segnalano crolli di cornicioni e balconi al palazzo dei Macedonii, il crollo delle stanze superiori al palazzo di abitazione dell’ambasciatore di Venezia a Napoli e di un palazzo a S.Domenico (12). Per il palazzo dell’ambasciatore di Venezia fu fatta una stima sommaria del danno di circa trecento ducati (13).
Furono danneggiati il Castello Nuovo, quello di S.Elmo, la Vicaria, cioè Castel Capuano, da dove furono evacuati i Tribunali e le Carceri (14), la fortezza del Torrione del Carmine (15), la sala della Tesoreria (16), il palazzo Regio (17). Risultarono colpite anche alcune porte della città (18).
Il palazzo della Nunziatura Apostolica subì lievi danni, mentre si ha notizia di danneggiamenti a una casa di proprietà della Camera Apostolica (19).
Nella relazione reperita presso l’Archivo General di Simancas (20) si afferma che il danno a Napoli superava i 360.400 ducati, escludendo le case private, e venivano fornite le seguenti prime stime nel dettaglio: 15.000 ducati per la chiesa del Gesù Nuovo; 5.000 ducati per la chiesa di S.Paolo dei Teatini; 5.000 ducati per la Cattedrale; 10.000 ducati per il monastero e la chiesa di S.Chiara (si escludeva il tetto in piombo della chiesa); 1.500 ducati per il monastero e chiesa della SS.ma Annunziata; 40.000 ducati per il monastero dei Teatini (Convento Reale dei Santi Apostoli); 42.000 ducati per il monastero e la chiesa di S.Severino dei Padri Benedettini; 15.000 ducati per il monastero di S.Martino dei padri Certosini; 40.000 ducati per il convento di S.Teresa delle Carmelitane Scalze; 10.000 ducati per il convento di S.Maria Maggiore, chiamato la Pietra Santa; 3.000 ducati per il monastero di Donna Elvira delle Benedettine; 6.000 ducati per il convento della Sanità dei Domenicani; 5.000 ducati per i primi interventi sul monastero e chiesa di S.Maria della Verità degli Agostini Scalzi; 6.000 ducati per la chiesa e monastero della Trinità; 12.000 ducati per il complesso del Gesù Vecchio; 5.000 ducati per la chiesa reale di S.Lorenzo dei Francescani; 4.000 ducati per il convento del Carmine Grande; 1.500 ducati per il seminario della Pietà; 900 ducati per il convento della Concordia dei Carmelitani Calzati.

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
(2)
Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.
Napoli-Bologna 1688
Vera, e distinta Relazione dello spaventoso Terremoto occorso nelle Città di Napoli, Benevento, e Salerno, con sua Castelli, e terre circonvicine. Seguito il dì 5, 6 e 7 Giugno 1688.
Firenze 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Breve, però vera relatione del Terremoto succeduto nella Città di Napoli, et altre Parti del Regno il dì Sabato 5 di Giugno vigilia della Sant[issi]ma Pentecoste di quest’Anno 1688 verso le 20 hore, e mezza in 21 colla notitia delle volte, che hà replicato, e suoi effetti cagionati.
1688
(3)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.122, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 8 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.122, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 8 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.125, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 29 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.125, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 29 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.150, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 14 dicembre 1688.
1688
(4)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.114, Lettera del nunzio apostolico Lorenzo Casoni arcivescovo di Cesarea al segretario di Stato cardinale Fabrizio Spada, Napoli 30 maggio 1693.
1693
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 5 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 8 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 8 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 8 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 12 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 12 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 15 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 19 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 22 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 6 luglio 1688.
1688
(5)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.157, Lettera del preposto della Casa Professa della Compagnia del Gesù di Napoli alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di materiale per riparare la chiesa della Compagnia danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 16 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.130, Lettera del Procuratore del Collegio di Napoli della Compagnia di Gesù alla Segreteria del viceré relativo alla richiesta di sessanta cantara di ferro per riparare il collegio dalla rovina causata dal terremoto del 5 giugno 1688.
1688
(6)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.180, Lettera alla Segreteria del viceré relativa ai danni riportati dalla città di Napoli e dal palazzo della Vicaria a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.157, Lettera del presidente N.Grassia responsabile dell’Arsenale di Napoli alla Segreteria del viceré relativa alla richiesta di materiale per riparare la chiesa della Compagnia danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 18 giugno 1688.
1688
(7)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
(8)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(9)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(10)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.150, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 14 dicembre 1688.
1688
(11)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Presentazione di un memoriale del priore e dei padri del monastero del Carmine di Napoli al viceré con il quale si supplica per riparazioni alle mura della chiesa e del campanile danneggiati a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 20 settembre 1688.
1688
(12)
Biblioteca Nazionale "Vittorio Emanuele III" di Napoli, Manoscritti, Fondo San Martino, 681-690, Diario della Casa di San Paolo di Napoli (1651-1856), 10 voll.
1651
Baglivi G.
De progressione Romani terraemotus a Kalendis Martiis anni MDCCIII ad Kalendas Martias anni MDCCV, in "Opera omnia medico-pratica, et anatomica", pp.566-580.
Lyon 1710
Sarnelli P.
Lettere ecclesiastiche di monsignor Pompeo Sarnelli Vescovo di Bisceglie.
Venezia 1740
Vera, e distinta Relazione dello spaventoso Terremoto occorso nelle Città di Napoli, Benevento, e Salerno, con sua Castelli, e terre circonvicine. Seguito il dì 5, 6 e 7 Giugno 1688.
Firenze 1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.122, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 8 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.
1688
(13)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.122, Dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 8 giugno 1688.
1688
(14)
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.123, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 15 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.124, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 22 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Venezia, Senato, Dispacci degli ambasciatori e residenti, Napoli, filza 98, n.127, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del residente Antonio Maria Vincenti al Senato veneziano, Napoli 13 luglio 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 15 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Foglio di avvisi allegato al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 13 luglio 1688.
1688
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 696 (1688), n.93, Comunicazione alla Segreteria del viceré relativa alle carceri della Vicaria che danneggiate dal terremoto del 5 giugno 1688 non possono più custodire carcerati, Napoli giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di una relazione dell’ingegnere Luca Antonio Natale relativa alle riparazioni del Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 1 luglio 1688.
1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con il quale si ordina alla Camera di concludere le partite per le riparazioni necessarie al Castello nuovo in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 8 novembre 1688.
1688
(15)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.251, Lettera in cui Rodrigo Correa de Castelblanco Governatore del Torrione del Carmine di Napoli chiede alla Segreteria del viceré la riparazione dei danni causati dal terremoto del 5 giugno 1688 alla fortezza, Napoli 9 giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordinano riparazioni ai danni subiti dal torrione del Carmine a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 26 agosto 1688.
1688
(16)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.252, Lettera in cui si chiede alla Segreteria del viceré di provvedere al più presto alle riparazioni della sala della Tesoreria danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 9 giugno 1688.
1688
(17)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(18)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(19)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 15 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 22 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 27 luglio 1688.
1688
(20)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

OrchiCE41.320814.0017VIII

Il centro subì gravissimi danni (1).

(1)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688

OttavianoNA40.848614.4778VIII

Gravi danni al palazzo del principe, danni ai castelli dei dintorni (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

PagliaraBN41.065314.7922VIII

Il terremoto causò crolli e fessurazioni negli edifici; non furono segnalate vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

ParrelleAV40.823614.7564VIII

Pescatori (1915) (1) menziona genericamente la caduta di case; il centro era un casale di Montoro.

(1)
Pescatori S.
I terremoti dell’Irpinia, in "Rivista economica della provincia di Avellino", a.8, n.3, pp.15-18, n.4, pp.3-10, n.5, pp.3-10, n.6, pp.3-11, n.7, pp.3-7.
Avellino 1915

PaupisiBN41.194714.6661VIII

Crollo di edifici privati e della canonica, senza morti (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

RicciaCB41.484414.8356VIII

Tutti gli edifici furono considerati inabitabili (1).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

RoccamonfinaCE41.288313.9831VIII

Danni agli edifici; le case furono rese inabitabili; fu stimato un danno di 5.000 ducati. Non vi furono vittime (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688

San LeucioCE41.098914.3158VIII

Il terremoto causò pochi crolli e una vittima (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

San PietroBN41.208914.6383VIII

Il terremoto causò danni diffusi e crolli; vi furono 3 vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

San Pietro IndelicatoAV41.05514.8006VIII

Il terremoto causò il crollo di qualche edificio e la morte di una persona (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Santa Maria del MoliseIS41.551914.3678VIII

Crollo di alcune case con pochi morti, poiché la gente era a lavorare nei campi (1).

(1)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

SepinoCB41.406914.6189VIII

Crollo di parte del convento di San Francesco, danni alla chiesa principale e a numerose case, considerate per lo più irreparabili; i crolli continuavano anche nei giorni successivi (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

Sessa AuruncaCE41.235613.9339VIII

Gravi danni al castello, alla chiesa e ad altri edifici non specificati; morì una donna (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688

SolofraAV40.828314.8483VIII

Pescatori (1915) (1) riporta la distruzione del rione Santo.

(1)
Pescatori S.
I terremoti dell’Irpinia, in "Rivista economica della provincia di Avellino", a.8, n.3, pp.15-18, n.4, pp.3-10, n.5, pp.3-10, n.6, pp.3-11, n.7, pp.3-7.
Avellino 1915

SoraFR41.718313.6131VIII

La scossa causò una vittima e danni gravi al castello, alle chiese e a molte abitazioni (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

TeanoCE41.250614.0678VIII

La scossa causò danni gravi a molti edifici, in particolare al monastero delle monache benedettine di Santa Caterina e a quello della Vergine de’ Floris (1).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

ToccanisiBN41.045814.8172VIII

Il terremoto causò gravi danni con alcuni crolli e un morto (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

ToraCE41.337514.0225VIII

Danni alle chiese e al castello con la morte di 1 persona; danni alle case (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Notamento relativo a una relazione di Basilio Pironti di tutte le terre che hanno subito danni a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 settembre 1688.
1688

TorrecusoBN41.189214.6794VIII

Il terremoto causò danni e crolli diffusi; non ci furono vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, ruota II, reg.333 (1700), Notamento della Regia Camera della Sommaria relativo alla relazione del Percettore Provinciale del Principato Ultra sull’Università di Torrecuso danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 1 marzo 1700.
1700

TuoroAV41.023314.7267VIII

Crollarono molti edifici, tra cui 20 case, tutte le abitazioni furono lesionate; non ci furono vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688

Tuoro di TavolaCE41.291714.0125VIII

Molti danni e crolli di case senza vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Vigna VeteranaAV40.835314.7778VIII

Pescatori (1915) ricorda che crollarono delle case.

VinchiaturoCB41.493114.5872VIII

Danni alle chiese, alla torre del palazzo baronale e a molte case; la chiesa di S.Lucia minacciava il crollo (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

AterranaAV40.818314.8136VII-VIII

Pescatori (1915) (1) riporta in modo generico che i casali di Aterrana risentirono danni.

(1)
Pescatori S.
I terremoti dell’Irpinia, in "Rivista economica della provincia di Avellino", a.8, n.3, pp.15-18, n.4, pp.3-10, n.5, pp.3-10, n.6, pp.3-11, n.7, pp.3-7.
Avellino 1915

CasapesennaCE40.991114.1381VII-VIII

Bonito (1691) (1) riporta notizia del crollo del palazzo signorile di suo nipote.

(1)
Bonito M.
Terra tremante, o vero continuatione de’ terremoti dalla Creatione del Mondo sino al tempo presente (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1980).
Napoli 1691

Cava de’ TirreniSA40.700314.7061VII-VIII

Danni a edifici e chiese (1). Si ricorda il crollo parziale del duomo e della chiesa di S.Francesco (2).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Biblioteca Universitaria di Bologna, Manoscritti, 770, Antonio Francesco Ghiselli, Memorie antiche manuscritte di Bologna, raccolte, et accresciute sino à tempi presenti [origini-1729], 93 voll. + 2 di indici, sec.XVIII.
0018
Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.
Napoli-Bologna 1688
Vera, e distinta Relazione dello spaventoso Terremoto occorso nelle Città di Napoli, Benevento, e Salerno, con sua Castelli, e terre circonvicine. Seguito il dì 5, 6 e 7 Giugno 1688.
Firenze 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
(2)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

Foiano di Val FortoreBN41.351914.98VII-VIII

Il terremoto causò gravi danni agli edifici; non vi furono vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

GuardialfieraCB41.801114.7931VII-VIII

Piedimonte (1899) (1) e Magliano (1895) (2) riportano che il terremoto causò gravi danni.

(1)
Piedimonte G.
Notizie civili e religiose di Lucito.
Campobasso 1899
(2)
Magliano G.
Larino: considerazioni storiche sulla città di Larino. Manoscritti del barone Giandomenico Magliano completati, annotati e pubblicati da da suo nipote Alberto Magliano.
Campobasso 1895

LauroAV40.879214.6325VII-VIII

Danni alle abitazioni, ai casali, alle chiese e ai conventi resi inagibili (1). Magnati (1688) (2) riporta che rimasero particolarmente colpite le chiese parrocchiali e la chiesa di S.Maria della Strada; i campanili dovevano essere demoliti e riedificati; il monastero della Trinità delle monache benedettine fu reso inabitabile.

(1)
Pescatori S.
I terremoti dell’Irpinia, in "Rivista economica della provincia di Avellino", a.8, n.3, pp.15-18, n.4, pp.3-10, n.5, pp.3-10, n.6, pp.3-11, n.7, pp.3-7.
Avellino 1915
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
(2)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

MontefuscoAV41.036914.8547VII-VIII

Danni diffusi agli edifici (1), in particolare al palazzo del Tribunale (2); secondo una relazione reperita all’Archivo General di Simancas (3) solo tale edificio rimase danneggiato; vi fu una vittima (4). Una relazione ufficiale (5) registra il crollo dei muri e della cupola della chiesa principale e il crollo parziale del campanile; lesioni non gravi alla chiesa di S.Leonardo; il crollo di alcune case e due palazzi, con morte di poche persone. Magnati (1688) (6) riporta a sua volta che il centro fu gravemente danneggiato e non vi furono vittime.

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
(2)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordina al percettore di Montefusco un pagamento agli operai che riparano il palazzo della Regia Udienza lesionato in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 30 settembre 1688.
1688
(3)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
(4)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688
(5)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688
(6)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

PietrastorninaAV40.991114.7281VII-VIII

Danni gravi alla chiesa arcipretale (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

VenafroIS41.485314.0436VII-VIII

La città rimase pressoché indenne; si verificò solo il crollo della facciata della chiesa del Carmine (1).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

VenosaPZ40.961115.8183VII-VIII

Crollo parziale del palazzo episcopale e della cattedrale; crollo della chiesa e del convento di San Domenico (1).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.862 A, Venusina I, Relatio status diocesis Venusinae, Venosa 6 febbraio 1690.
1690

CasertavecchiaCE41.096714.3669VII

Ì documentato uno stanziamento di 1.500 ducati destinati alla riparazione degli edifici religiosi danneggiati dal terremoto in città e nella diocesi (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.114, Lettera del nunzio apostolico Lorenzo Casoni arcivescovo di Cesarea al segretario di Stato cardinale Fabrizio Spada, Napoli 30 maggio 1693.
1693

CercepiccolaCB41.458914.6664VII

La scossa danneggiò gravemente il palazzo baronale, causò un ferito e danni diffusi alle abitazioni (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

MontemilettoAV41.011414.9089VII

Danni diffusi agli edifici (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

PignanoAV40.872814.6181VII

Danni a molte case (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

QuindiciAV40.862214.6483VII

Gravi lesioni alla chiesa (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

RuvianoCE41.209414.4094VII

La scossa danneggiò in parte il castello (1). La località è riportata dalle testimonianze come Rayano, ma dal contesto delle descrizioni si desume trattarsi dell’attuale paese di Ruviano.

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

San Nicola ManfrediBN41.071114.8244VII

Il terremoto causò gravi danni agli edifici; non ci furono vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

San SeveroFG41.685315.3806VII

Crollo della chiesa di San Biagio, già in stato di abbandono (1).

(1)
Archivio della Parrocchia di S.Nicola di San Severo, Antonio Irmici, Storia della parrocchia, sec.XIX, copia dattiloscritta 1979.
1979

Torre le NocelleAV41.022514.9092VII

Il terremoto causò il crollo di un edificio, senza vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

CasacalendaCB41.7414.8483VI-VII

Masciotta (1952) (1) riporta genericamente notizia di danni.

(1)
Masciotta G.
Il Molise dalle origini ai nostri giorni, 4 voll.
Napoli Cava Tirreni 1952

Castello di BaiaNA40.810814.08VI-VII

Sono attestate lesioni al castello (1).

(1)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto del viceré con cui si ordinano riparazioni alle lesioni causate al castello di Baia e alle sue cisterne dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 13 luglio 1688.
1688

DomicellaAV40.878914.5864VI-VII

Danni alle case e alle chiese, in particolare a due chiese parrocchiali. Rimase danneggiata anche la Loggia degli antichi Conti di Nola (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

FossacesiaCH42.243314.4806VI-VII

La scossa causò danni non meglio specificati (1).

(1)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

IserniaIS41.593614.2306VI-VII

Perrella (1889) (1) riporta che il terremoto fu avvertito e vi furono danni.

(1)
Perrella A.
Memoria storica sul tremuoto del 5 giugno 1688, in Id., "L’antico Sannio e l’attuale provincia di Molise", pp.547-568.
Isernia 1889

LuceraFG41.507515.335VI-VII

Sono ricordati danni (1).

(1)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Notamentorum, fascio 133 (1688), Lettura di un biglietto con acclusa relazione dell’Udienza di Lucera relativa ai danni subiti dalle terre della provincia a causa del terremoto del 5 giugno 1688, Napoli 12 agosto 1688.
1688

MottaBN41.083914.7983VI-VII

La scossa causò danni non meglio specificati (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

PanelliBN41.079714.805VI-VII

La scossa causò danni non meglio specificati (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

PresenzanoCE41.375814.0753VI-VII

Danni generici agli edifici e alle case, non sono precisate le vittime (1).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

RoccabasceranaAV41.017214.7164VI-VII

La scossa causò danni non meglio specificati (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

San Giovanni in GaldoCB41.588114.7481VI-VII

Il terremoto fu avvertito con qualche danno (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 21 agosto 1688.
1688

San Marco ai MontiBN41.061414.8175VI-VII

Il terremoto causò danni agli edifici; non ci furono vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Santa Maria IngrisoneBN41.073114.8358VI-VII

Il terremoto causò qualche danno agli edifici (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Santa PaolinaAV41.02514.8469VI-VII

Il terremoto fu avvertito con qualche danno (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

SerinoAV40.852514.8728VI-VII

La fonte accenna genericamente a danni senza fornire una descrizione (1).

(1)
Vera, e distinta relatione dell’Horribile, e Spaventoso terremoto accaduto in Napoli, & in più parti del Regno il giorno 5 giugno 1688 co’l numero delle Città, Terre, & altri luoghi rovinati. Come anco delli morti, e feriti rimasti in così compassionevole tragedia.
Napoli 1688

SorrentoNA40.624214.3781VI-VII

La scossa causò danni non meglio specificati (1).

(1)
Bologna, 1688.06.29.
Bologna 1688

TerranovaBN41.057214.8406VI-VII

Il terremoto causò danni agli edifici; non ci furono vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

ToroCB41.5714.7661VI-VII

La scossa fu avvertita con qualche danno (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.103, "Relatione de’ danni patiti in diversi corpi da’ beni dell’abbadia di S.Sofia di Benevento, per causa del orribil terremoto seguito li 5 del corrente mese di giugno del corrente anno 1688" allegata al dispaccio del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo del 22 giugno 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 24 luglio 1688.
1688
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.104, Lettera del nunzio apostolico monsignor Carlo Francesco Muti al segretario di Stato cardinale Alderano Cybo, Napoli 21 agosto 1688.
1688

CapuaCE41.105614.2139VI

Il terremoto causò leggere lesioni agli edifici senza danno alla popolazione (1). Sono testimoniati danni al tetto del granaio del castello della città (2).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 695 (1688), n.79, Lettera del segretario di giustizia di Capua alla Segreteria del viceré sui danni del terremoto del 5 giugno 1688, Capua 10 giugno 1688.
1688
(2)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 694 (1688), n.156, Lettera del castellano di Capua alla Segreteria del viceré relativa ai danni riportati dal castello di Capua in seguito al terremoto del 5 giugno 1688, Capua 6 giugno 1688.
1688

Castellammare di StabiaNA40.714.4861VI

Lievi danni alla chiesa dei Gesuiti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Fondo Carpegna, vol.39, Breve, però vera relatione del Terremoto succeduto nella Città di Napoli, et altre Parti del Regno il dì Sabato 5 di Giugno vigilia della Sant[issi]ma Pentecoste di quest’Anno 1688 verso le 20 hore, e mezza in 21 colla notitia delle volte, che hà replicato, e suoi effetti cagionati.
1688

CercemaggioreCB41.4614.7217VI

La scossa fu sentita, si segnalarono pochi danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

ChietiCH42.351114.1683VI

Crollo dei merli del Campanile del Duomo (1).

(1)
Bonito M.
Terra tremante, o vero continuatione de’ terremoti dalla Creatione del Mondo sino al tempo presente (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1980).
Napoli 1691

MancusiBN41.066914.8272VI

Il terremoto fu avvertito e causò lievi danni agli edifici (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

MontecassinoFR41.489713.8136VI

Gattula (ed. 1733) (1) riporta che il terremoto fu avvertito; Paoloni (1913-1914) (2) riporta che la scossa durò circa 15 secondi (Avemaria) e fece cadere alcune pietre del chiostro del monastero di Montecassino; egli riporta inoltre una relazione anonima coeva, conservata in un codice cassinese, secondo la quale le persone percepirono le scosse con un senso di perdita della stabilità. Inoltre vengono menzionati particolari atti di devozione in varie località del circondario.

(1)
Gattula E.
Historia abbatiae cassinensis per saeculorum seriem distributa, studio et labore d. Erasmi Gattula, caietani, abbatis Sancti Matthei servorum dei et celeberrimi cassinensis archivi custodis. Pars secunda ab octavo constructi monasterii saeculo quintum, seu ad annum Christi 1725.
Venezia 1733
(2)
Paoloni B.M.
Cronistoria sismica cassinese, in "Bollettino mensile dell’osservatorio metereologico aerologico geodinamico di Montecassino", vol.5, n.2, pp.11-12; n.3, pp.11-12; n.4, p.12; n.5, pp.15-16; n.6, pp.15-16; n.10, pp.15-16; vol.6, n.2, pp.14-15; n.5, pp.11-14.
Montecassino 1913

PasteneBN41.084414.8139VI

Il terremoto causò lievi danni agli edifici (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

PerilloAV40.92515.0442VI

Il terremoto causò lievi danni agli edifici (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

PietradefusiAV41.036414.8889VI

Lievi lesioni alle abitazioni, non sono segnalate vittime (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

SalernoSA40.678614.7653VI

Danni non gravi; furono lesionati la cattedrale, il suo campanile e qualche casa privata (1). Un documento (2) datato 30 marzo 1689 attesta che il Capitolo del Duomo di Salerno inoltrò alle autorità spagnole una richiesta di fondi per riparare la cattedrale.

(1)
Bologna, 1688.06.29.
Bologna 1688
Biblioteca Universitaria di Bologna, Manoscritti, 770, Antonio Francesco Ghiselli, Memorie antiche manuscritte di Bologna, raccolte, et accresciute sino à tempi presenti [origini-1729], 93 voll. + 2 di indici, sec.XVIII.
0018
Relatione dell’orribile terremoto seguito nelle Città di Napoli, Benevento, et altri Luoghi. Il Giorno delli 5 Giugno 1688.
Napoli-Bologna 1688
Vera, e distinta Relazione dello spaventoso Terremoto occorso nelle Città di Napoli, Benevento, e Salerno, con sua Castelli, e terre circonvicine. Seguito il dì 5, 6 e 7 Giugno 1688.
Firenze 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(2)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 57 (1689), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla richiesta del Capitolo della Cattedrale di Salerno di sovvenzioni per il restauro della chiesa danneggiata dal terremoto del 5 giugno 1688, Madrid 30 marzo 1689.
1689

San Salvatore TelesinoBN41.235814.4986VI

Danni e lesioni ad alcune case; 14 abitanti morirono perché si trovavano a Benevento (1).

(1)
Vera fedele, e distintissima relazione di tutti i danni, così delle fabriche come delle Persone morte per cagione dell’occorso Terremoto accaduto alli 5 di Giugno 1688, tanto in questa Città di Napoli, quanto nel suo Regno.
Napoli 1688
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 56 (1688), Consultas originales, Relazione dei danni causati nella città di Napoli e nel Regno dal terremoto del 5 giugno 1688, Napoli giugno 1688.
1688

Santa Maria a ToroBN41.069714.8158VI

Il terremoto causò lievi danni agli edifici (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

TorrioniAV41.032514.8122VI

La scossa causò pochi danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

TufaraCB41.480814.9481VI

La scossa causò pochi danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

TufoPZ40.051116.0594VI

La scossa fu sentita con lievi danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

CirignanoBN41.079714.6364S

La scossa fu avvertita senza danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

AversaCE40.973614.2067V

Il terremoto fu avvertito fortemente e causò molto spavento (1).

(1)
Cronaca dell’anonimo aversano. Distinte notizie, e quanto di curioso vago e portentoso sia succeduto in questa città d’Aversa dal scorso secolo incominciando dal anno 1647 per quanto si è potuto raccogliersi con ogni più esatta diligenza, in G.Parente, "Origini e vicende ecclesiastiche della città di Aversa", vol.1, pp.335-416.
Napoli 1857
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

NolaNA40.925614.5286V

Non si registrarono danni (1).

(1)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688

Altavilla IrpinaAV41.006414.7789F

La scossa fu avvertita senza danno (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

BagnaraBN41.052814.7917F

La scossa fu avvertita senza danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

BaseliceBN41.393114.9728F

La scossa fu avvertita senza danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

BoneaBN41.075314.6181F

La scossa fu avvertita (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

CampolietoCB41.632814.7661F

La scossa fu avvertita senza danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Casalnuovo di NapoliNA40.914714.3528F

La scossa fu avvertita (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

CastelmozzoAV41.013614.8506F

Il terremoto fu avvertito (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Castelvetere in Val FortoreBN41.441714.94F

La scossa fu avvertita (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

ChiancheAV41.046414.7892F

Non furono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Chiusano di San DomenicoAV40.932214.9167F

La scossa fu avvertita senza danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

DentecaneAV41.035814.8939F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

GambatesaCB41.508914.9133F

Il terremoto fu avvertito, ma non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

GinestraPZ40.929715.7342F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

GreciAV41.250315.1692F

Il terremoto fu avvertito senza danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

GrottolellaAV40.971914.7869F

Il terremoto fu avvertito senza danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

JelsiCB41.517814.7956F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

LapioAV40.981114.9492F

La scossa fu avvertita (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

L’AquilaAQ42.355813.3956F

Moroni (1840-1879) (1) riporta che la scossa fu avvertita senza danno.

(1)
Moroni G.
Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da San Pietro sino ai nostri giorni specialmente intorno ai principali santi, beati, martiri, padri, ai sommi pontefici, cardinali e più celebri scrittori ecclesiastici, 103 voll. + 6 di indici.
Venezia 1840

LentaceBN41.059714.8303F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

LesinaFG41.863615.3528F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

LimosanoCB41.67514.6214F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

MaccabeiBN41.087814.7772F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Macchia ValfortoreCB41.592514.9114F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

MatriceCB41.611714.7114F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

MonacilioniCB41.609414.8092F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

MontapertoAV41.006714.8881F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

MontefalcioneAV40.960614.8831F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

MontesarchioBN41.064214.6394F

Il terremoto fu avvertito; non sono segnalati danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

PannaranoBN41.009714.7036F

Il terremoto fu avvertito senza danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

PaolisiBN41.036114.5797F

Il terremoto fu avvertito senza danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Petruro IrpinoAV41.030814.7958F

La scossa fu avvertita ma non causò danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

PietracatellaCB41.580314.8722F

Il terremoto fu avvertito (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

RomaRM41.895312.4822F

De Rossi (1889) (1) registra che la scossa fu avvertita.

(1)
Ussoli Bianchi P.A.
I diari dei Bianchi (1630-1743) [1630-1688], in "Le cronache bresciane inedite dei secoli XV-XIX", ed. P.Guerrini, vol.5 (Fonti per la storia bresciana, vol.7).
Brescia 1930

RotondiAV41.030814.5967F

La scossa fu avvertita senza danni (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

San Martino Valle CaudinaAV41.023114.6631F

Il terremoto fu avvertito (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Sant’Angelo a ScalaAV40.974214.7403F

Il terremoto fu avvertito (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Sant’Angelo LimosanoCB41.691714.6036F

Il terremoto fu avvertito (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Sant’Elia a PianisiCB41.620314.8744F

Il terremoto fu avvertito (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

Savignano IrpinoAV41.227815.1811F

Il terremoto fu avvertito (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

VaroniBN41.068114.6272F

La scossa fu avvertita (1).

(1)
Sarnelli P.
Memorie dell’insigne Collegio di S.Spirito della Città di Benevento dall’anno della fondazione 1177 infino al tremuoto de’ 5 di Giugno 1688, che si descrive.
Napoli 1688

ArienzoCE41.021714.4989NC

In uno studio novecentesco (1) questa località viene indicata con danni simili a Benevento, Vitulano, Mirabella e Cerreto. Si tratta di un evidente errore di lettura delle fonti antiche per Ariano.

(1)
Conforto D.
Giornali di Napoli dal 1679 al 1699.
Napoli 1930

BonefroCB41.703614.9353NC

Masciotta (1952) (1) riporta genericamente notizia di distruzioni alla badia e al villaggio di S.Vito.

(1)
Masciotta G.
Il Molise dalle origini ai nostri giorni, 4 voll.
Napoli Cava Tirreni 1952

CarpinoneIS41.591914.3253NC

Perrella (1889) verificò, consultando i registri dei defunti a Carpinone, che non ci furono vittime e non ebbe conferma che il terremoto fosse stato avvertito in questa località (1).

(1)
Perrella A.
Memoria storica sul tremuoto del 5 giugno 1688, in Id., "L’antico Sannio e l’attuale provincia di Molise", pp.547-568.
Isernia 1889

MaddaloniCE41.038114.3867NC

Baglivi (1710) (1) e Colosimo (1832) (2) riportano la quasi totale distruzione del centro; in realtà le fonti coeve fanno riferimento al patrimonio del duca di Maddaloni, che possedeva la contea di Cerreto in cui erano situate Pietraroja, S.Lorenzo, S.Lorenzello, Guardia Sanframondi, Civitella, Ponte Landolfo e San Lupo.

(1)
Baglivi G.
De progressione Romani terraemotus a Kalendis Martiis anni MDCCIII ad Kalendas Martias anni MDCCV, in "Opera omnia medico-pratica, et anatomica", pp.566-580.
Lyon 1710
(2)
Colosimo V.
Sul terremoto della Calabria avvenuto nella sera del dì 8 marzo 1832, con alcune riflessioni geologiche per lo suolo calabro, ed un prospetto cronologico de’ terremoti che hanno nelle diverse epoche scossa l’Europa ed altri luoghi lontani.
Napoli 1832

TorremaggioreFG41.689215.2919NC

Baratta (1893) (1) genericamente non esclude danni.

(1)
Baratta M.
Sul periodo sismico Garganico dell’aprile-giugno 1892, in "Annali dell’Ufficio Centrale Meteorologico e Geodinamico Italiano", s.II, vol.12, a.1890, parte 1, pp.39-65.
Roma 1893

PomaricoMT40.514216.5489EE