Header CFTI

The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence under the following heading

Date Time Lat Lon Rel Io Imax Sites Nref Me Rme Location Country
05 11 165922:1538.716.25b101012701446.6!Calabria centraleItaly

Comments

Space-time parameters

The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence
(under the following heading:
Date time lat long Io Imax sites ref Earthquake Location
1659 11 05 22 15 -- 38.70 16.25 0.0 10.0 0 144 Calabria centrale


The revision was based on 144 accounts:
The results are summarized by 143 synoptic comments.

Previous catalogues and reasons of the corrections

The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence
(under the following heading:
Date time lat long Io Imax sites ref Earthquake Location
CFT 1659 11 05 22:15 38.70 16.25 10.0 10.0 118 104 Calabria centrale
PFG 1659 11 05 00:30 38.75 16.25 10.0 - - - Pizzo Calabro


PFG = Catalogo dei terremoti italiani dall anno 1000 al 1980, PFG/CNR
ING = Catalogo dei terremoti italiani dal 1456 a.C. al 1980, ING

State of earthquakes review

È stata revisionata la bibliografia del Catalogo PFG (1985) ed è stata svolta un’ampia ricerca archivistica e bibliografica.
Per cogliere il maggior numero di elementi utili per valutare gli effetti di questo terremoto e per delinearne il contesto sociale, la ricerca è stata indirizzata a reperire i carteggi intercorsi tra le varie presenze istituzionali locali (pubbliche ed ecclesiastiche) e i poteri centrali. Per questa ragione le sedi privilegiate della ricerca documentaria sono state l’Archivo General de Simancas, l’Archivio di Stato di Napoli e l’Archivio Segreto Vaticano.
L’archivio di Simancas conserva i carteggi relativi ai rapporti politico-amministrativi intercorsi tra la Spagna e i suoi domini italiani. Nel fondo "Secretarías Provinciales" è stato reperito un documento di grande interesse. Si tratta del rapporto inviato alla corte spagnola il 29 novembre 1659 dal viceré di Napoli, conte di Peñaranda, a cui sono allegate le copie delle lettere spedite a Napoli dal padre generale del convento di S.Domenico di Soriano e dal preside della provincia di Calabria Ultra Francisco Velasquez. Quest’ultimo documento è accompagnato da una estesa relazione nella quale sono raccolte numerose e dettagliate notizie, tratte dai dispacci provenienti direttamente dai sindaci e dagli amministratori delle "università" colpite dal terremoto (1). Nello stesso fondo è inoltre conservato il carteggio relativo alla richiesta di aiuti economici presentata alla corte spagnola dai frati domenicani di Soriano per la ricostruzione del loro convento (2).
La ricerca condotta presso l’Archivio di Stato di Napoli ha riguardato i fondi documentari del Consiglio Collaterale, della Segreteria dei Viceré e della Regia Camera della Sommaria. Nell’archivio del Consiglio Collaterale è stato reperito il mandato relativo all’incarico conferito a Donato Antonio de Marinis, presidente della Regia Camera della Sommaria, di verificare "in loco" i danni causati dal terremoto e le conseguenze prodotte sulle popolazioni (3). Nello stesso fondo sono inoltre conservate le pratiche relative alle moratorie nei pagamenti fiscali richieste dai titolari dei feudi di Arena e Satriano (4).
L’archivio dei Viceré è stato distrutto quasi completamente durante la Seconda Guerra Mondiale; ciò che resta è una raccolta di suppliche, ordini e consulte estremamente eterogenea, in cui non c’è traccia delle relazioni settimanali che De Marinis avrebbe dovuto inviare al viceré; è stata reperita solo la lettera che egli spedì da Pizzo, appena giunto in Calabria, prima di iniziare la ricognizione vera e propria. Tra i documenti residui sono invece conservate le richieste di aiuti pervenute alla segreteria vicereale dal padre provinciale dei francescani riformati e dai frati del convento di Stignano e una consulta negativa della Camera della Sommaria sulla richiesta dell’università di Paola di dilazioni nei pagamenti fiscali (5).
Nell’archivio della Camera della Sommaria (serie "Consultationum") è stato rinvenuto un documento relativo al pagamento delle competenze spettanti a De Marinis per la sua missione in Calabria, ma non sono stati reperiti documenti attestanti provvedimenti generali di concessione di moratorie o esenzioni fiscali (6). Sono state anche analizzate le pratiche della serie Materia feudale relative alla Calabria Ultra, che contengono tutti gli atti preparatori per la determinazione della tassa della successione feudale. Alla morte del feudatario, colui che succedeva doveva pagare una tassa pari alla metà delle entrate del feudo durante l’ultimo anno di vita del suo predecessore, presentando tutti gli atti dimostrativi della rendita e degli eventuali danni o spese subiti in passato. La ricerca ha dato esito positivo per quanto riguarda il "relevio" presentato nel 1661 dal marchese Andrea Concublet alla morte del fratello Domenico sul feudo di Arena (7). Riferimenti ai danni causati dal terremoto sono inoltre contenuti nel "quindenio" pagato nel 1664 dai monaci di Santo Stefano del Bosco per la terra di Montepaone (8).
Presso l’Archivio Segreto Vaticano sono state vagliate le "relationes ad limina" relative alle diocesi calabresi conservate nel fondo della Sacra Congregazione del Concilio. Sono stati trovati riscontri positivi in varie relazioni dei vescovi di Catanzaro, Gerace, Isola di Capo Rizzuto, Mileto e Squillace (9). In particolare di grande valore attestativo è la relazione del vescovo di Squillace Rodolfo Dolcino, datata 20 giugno 1661, ma redatta nel corso dei mesi precedenti durante le visite effettuate nei paesi della diocesi, in cui sono descritti i danni riscontrati negli edifici ecclesiastici di Squillace e nelle varie sedi parrocchiali.
È stata inoltre analizzata la documentazione dell’archivio della Segreteria di Stato. Nella serie Vescovi sono state reperite due lettere del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti, datate 12 e 20 novembre 1659, che riferiscono dei danni a Catanzaro e riportano gli elenchi dei paesi più colpiti dal terremoto, desunti dalle notizie pervenute alla Regia udienza (10). Nella serie Nunziatura di Napoli sono stati reperiti numerosi dispacci del nunzio apostolico Giulio Spinola al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, in cui si riferiscono dettagliatamente le notizie pervenute a Napoli dalla Calabria e i provvedimenti adottati dal governo centrale per far fronte all’emergenza (11). Di notevole valore informativo sono risultate soprattutto le copie di due estese relazioni scritte dal padre priore dei carmelitani scalzi di Catanzaro e da un ecclesiastico di Nicastro che furono allegate ai dispacci del nunzio (12).
Tra le fonti inedite va infine ricordata una lettera scritta da un anonimo ecclesiastico di Terranova pochi giorni dopo il terremoto, conservata in un codice miscellaneo della Biblioteca Apostolica Vaticana (Vaticani Latini, 10444) (13).
La principale fonte edita, a cui fa riferimento direttamente o indirettamente tutta la tradizione della sismologia storica, è la relazione ufficiale di De Marinis (1660) (14). Questo documento, presentato al viceré al ritorno di De Marinis dalla Calabria nel marzo 1660 e pubblicato nell’aprile successivo, fornisce informazioni dettagliate sulle vittime e sui danni alle costruzioni: non solo case ed edifici di rilievo (chiese, monasteri, conventi, castelli, palazzi baronali), ma anche strutture produttive come mulini, "trappeti" (frantoi), "battendieri" (gualchiere). Il testo è inoltre corredato dai dati precisi sulla numerazione dei fuochi di tutte le località visitate e sulla situazione fiscale di ogni università, sia nei confronti dell’erario statale, sia nei confronti degli assegnatari.
Informazioni utili sono contenute nell’anonima "Brieve relatione" (1660) (15), stampata a Palermo sulla base di lettere provenienti dalle località calabresi, in cui sono state tra l’altro reperite notizie sui danni subiti da alcune località dell’area ionica che non furono visitate da De Marinis. Il terremoto è ampiamente ricordato nelle opere memorialistiche coeve di Lembo (1665) (16), D’Amato (1670) (17) e Martire (ed. 1973). Di scarso rilievo informativo sono invece i riferimenti al terremoto di Riccioli (1669) (18) e Mezzavacca (1672) (19).
È stata analizzata la bibliografia memorialistica e storiografica riguardante la Calabria a partire dalla fine del Seicento, che non ha prodotto su questo terremoto contributi significativi. Fanno eccezione gli studi di Occhiato (1976 (20), 1977 (21)) sulla chiesa dell’abbazia della SS.Trinità di Mileto, e di Zinzi (1991) (22) sulla cattedrale di Gerace, in cui si analizzano su base documentaria i danni causati dal terremoto e i conseguenti lavori di ricostruzione e di ripristino.
Il terremoto è ricordato nei repertori di eventi sismici pubblicati a partire dalla fine del XVII secolo (Magnati 1688 (23); Bonito 1691 (24); Uberte Balaguer 1697 (25)), e nei cataloghi moderni (Capocci 1861 (26); Mercalli 1883 (27), 1897 (28); Baratta 1901 (29)).

Note

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Lettera del viceré di Napoli conte di Peñaranda al Re di Spagna relativa ai danni causati nella provincia di Calabria Ultra dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 29 novembre 1659.

Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Lettera del preside della provincia di Calabria Ultra Francisco Velazquez al viceré di Napoli conte di Peñaranda relativa ai danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, Catanzaro 19 novembre 1659.

Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.

Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Relazione del padre generale del convento di San Domenico di Soriano Calabro al viceré di Napoli sui danni causati alla chiesa e al convento dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.

(2)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Lettera del reggente Jacome Capeche Galeota al Re di Spagna relativa alla richiesta di fondi per la ricostruzione del convento di San Domenico di Soriano Calabro danneggiato dal terremoto del 5 novembre 1659, Madrid 24 luglio 1660.

Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Copia di un capitolo della relazione del presidente Donato Antonio de Marinis al viceré di Napoli relativo ai danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659 a Soriano Calabro, luglio 1660.

Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla richiesta di fondi per la ricostruzione del convento di San Domenico di Soriano Calabro danneggiato dal terremoto del 5 novembre 1659, Madrid 24 luglio 1660.

(3)
Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Cancelleria, Partium, vol.533 (1659), Mandato del Consiglio Collaterale al presidente Donato Antonio De Marinis di recarsi con pieni poteri nella provincia di Calabria Ultra per verificare i danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659 e assumere i provvedimenti necessari, Napoli 29 novembre 1659.

(4)
Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Consiglio, Notamenti, vol.63 (1659), Notamento relativo alla richiesta del marchese di Arena di dilazioni nei pagamenti fiscali in seguito ai danni causati nel suo feudo dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 3 dicembre 1659.

Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Consiglio, Notamenti, vol.64 (1660), Notamento relativo alla richiesta del principe di Satriano di dilazioni nei pagamenti fiscali in seguito ai danni causati nel suo feudo dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 11 marzo 1660.

Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Consiglio, Notamenti, vol.64 (1660), Notamento relativo alla richiesta di Francesco Marzano affittuario del feudo di Arena di dilazioni nei pagamenti in seguito ai danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 8 giugno 1660.

Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Cancelleria, Partium, vol.538 (1660), Decreto del Consiglio Collaterale relativo alla concessione al principe di Satriano di un anno di dilazione nel pagamento dei suoi debiti in seguito ai danni subiti a causa del terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 8 aprile 1660.

Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Cancelleria, Partium, vol.537 (1660), Decreto del Consiglio Collaterale relativo alla concessione al marchese di Arena di un anno di dilazione nel pagamento dei suoi debiti in seguito ai danni subiti a causa del terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 16 aprile 1660.

Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Cancelleria, Partium, vol.538 (1660), Decreto del Consiglio Collaterale relativo alla concessione al capitano Francesco Marzano di un anno di dilazione nel pagamento dell’affitto del feudo di Arena in seguito ai danni subiti a causa del terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 16 giugno 1660.

(5)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 243 (1660), Supplica del provinciale dei Francescani di Calabria Ultra relativa alla richiesta di catene di ferro per riparare i dieci conventi dell’ordine danneggiati dal terremoto del 5 novembre 1659, gennaio 1660.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 243 (1660), Supplica dei Francescani di Stignano relativa alla richiesta di catene di ferro per riparare il convento gravemente danneggiato dal terremoto del 5 novembre 1659, 23 dicembre 1659.

Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 250 (1660), Consulta negativa della Camera della Sommaria sulla richiesta dell’Università di Paola di dilazioni nei pagamenti fiscali, Napoli 10 luglio 1660.

(6)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Ruote, Consultationum, vol.57 (1659-1660), Consulta relativa al pagamento delle competenze spettanti al presidente Donato Antonio De Marinis per la missione in Calabria per verificare i danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 1660.

(7)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Nota delle entrate del feudo di Arena denunciate alla Regia Corte dal marchese Andrea Concublet, Napoli 1662.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Nota delle spese sostenute per la manutenzione delle prorietà del feudo di Arena denunciate alla Regia Corte dal marchese Andrea Concublet, Napoli 1662.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Fede del tesoriere del feudo di Arena sulla diminuzione dei censi enfiteutici in seguito ai danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, Arena 12 agosto 1662.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Fede del sindaco e degli eletti di Arena sulla diminuzione dei censi enfiteutici in seguito ai danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, Arena 15 agosto 1662.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Liquidazione del relevio presentato dal marchese Andrea Concublet alla Camera della Sommaria sul feudo di Arena, Napoli 1662.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Comunicazione della Camera della Sommaria al marchese Andrea Concublet relativa al relevio presentato sul feudo di Arena, Napoli 1662.

Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Nota della Camera della Sommaria relativa alla liquidazione del relevio presentato dal marchese Andrea Concublet sul feudo di Arena, Napoli 1662.

(8)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.361, fasc.5 (1664), Deposizioni giurate di alcuni abitanti di Montepaone sulla diminuzione delle entrate del feudo in seguito ai danni causati dal terremoto del 27 marzo 1638 e del 5 novembre 1659, Montepaone 8 febbraio 1670.

(9)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.205 A, Catacensis I, Relatio status diocesis Catacensis, Catanzaro 23 settembre 1734.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.205 B, Catacensis II, Relatio status diocesis Catacensis, Catanzaro 19 maggio 1886.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.205 B, Catacensis II, Ristretto della Relatio status diocesis Catacensis, Roma 18 agosto 1886.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.390 A, Hieracensis I, Relatio status diocesis Hieracensis, 1744.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes, b.390 A, Diocesi di Gerace.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.401, Insulana, Relatio status diocesis Insulana, Isola di Capo Rizzuto 15 febbraio 1670.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.401, Insulana, Relatio status diocesis Insulana, Isola di Capo Rizzuto 28 marzo 1667.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.523 A, Miletensis I, Relazione del vescovo di Mileto Diego Castiglione Morelli alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Mileto 1º dicembre 1666.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.523 A, Miletensis I, Relazione del vescovo di Mileto Diego Castiglione Morelli alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Galatro 5 novembre 1663.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.523 A, Miletensis I, Relazione del vescovo di Mileto Diego Castiglione Morelli alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Mileto 25 aprile 1670.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.523 A, Miletensis I, Relazione del vescovo di Mileto Diego Castiglione Morelli alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Mileto 5 maggio 1673.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio status diocesis Squillacensis, Squillace 8 marzo 1668.

(10)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.

(11)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 15 novembre 1659.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 18 novembre 1659.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 25 novembre 1659.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 29 novembre 1659.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 6 dicembre 1659.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 9 dicembre 1659.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 13 dicembre 1659.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 30 dicembre 1659.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 F, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 17 gennaio 1660.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 F, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 13 marzo 1660.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 F, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 10 aprile 1660.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 G, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 7 agosto 1660.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 G, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 10 agosto 1660.

(12)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.

(13)
Biblioteca Apostolica Vaticana, Manoscritti, Vaticani Latini, 10444, c.32, Relazione sul terremoto della Calabria del 5 novembre 1659, Terranova 8 novembre 1659.

(14)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
(15)
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
(16)
Lembo A.
Cronica del convento di San Domenico in Soriano dall’anno 1510 fin al 1664.
Napoli 1665
(17)
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670
(18)
Riccioli G.B.
Chronologiae reformatae et ad certas conclusiones redactae, 4 voll.
Bologna 1669
(19)
Mezzavacca F.
De Terræmotu libellus in quo curiosa aperitur Terræmotus doctrina, & agitur de Terræmotu huius Anni 1672.
Bologna 1672
(20)
Occhiato G.
Cronologia, varianti e valori metrici della distrutta chiesa abbaziale della SS.Trinità di Mileto Vecchia in Calabria, in "Archivio Storico per la Calabria e la Lucania", a.43, pp.37-67.
Roma 1976
(21)
Occhiato G.
La Santissima Trinità di Mileto e l’architettura normanna meridionale.
Catanzaro 1977
(22)
Zinzi M.
Vicende costruttive della Cattedrale di Gerace: trasformazioni, alterazioni, restauri attraverso fonti archivistiche (secoli XVII-XX), in "Archivio Storico per la Calabria e la Lucania", a.58, pp.85-100.
Roma 1991
(23)
Magnati V.
Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.
Napoli 1688
(24)
Bonito M.
Terra tremante, o vero continuatione de’ terremoti dalla Creatione del Mondo sino al tempo presente (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1980).
Napoli 1691
(25)
Uberte Balaguer A.M.
Los estragos del temblor, y subterranea conspiracion.
Napoli 1697
(26)
Capocci E.
Catalogo de’ tremuoti avvenuti nella parte continentale del Regno delle Due Sicilie posti in raffronto con le eruzioni vulcaniche ed altri fenomeni cosmici, tellurici e meteorici, in "Atti del Reale Istituto d’Incoraggiamento alle Scienze Naturali di Napoli", tomo 9, pp.337-421; tomo 10, pp.293-327.
Napoli 1861
(27)
Mercalli G.
Vulcani e fenomeni vulcanici in Italia (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1981).
Milano 1883
(28)
Mercalli G.
I terremoti della Calabria meridionale e del messinese, in "Memorie della Società Italiana delle Scienze (detta dei XL)", s.III, tomo 11, pp.117-266.
Roma 1897
(29)
Baratta M.
I terremoti d’Italia. Saggio di storia, geografia e bibliografia sismica italiana (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1979).
Torino 1901

Effects in the social context

Il terremoto colpì la Calabria nel periodo di crisi più acuta di tutto il secolo. Al grave stato di involuzione sociale ed economica dei decenni precedenti, si erano infatti aggiunti i problemi derivati dalla rivolta del 1647-48 e la gravissima epidemia di peste del 1656-57.
I morti censiti ufficialmente furono 2.035, di cui: 496 a Panaia, 203 a Polia, 193 a Castelmonardo, 161 a Filogaso, 161 a Soriano Calabro, 71 a Gerocarne, 69 a Briatico, 67 a Chiaravalle Centrale, 66 a Olivadi, 64 a Stefanaconi, 63 a Vazzano e 53 a Vallelonga.
Le notizie delle distruzioni e delle vittime causate dal terremoto, giunte a Napoli con i dispacci del preside Francisco Velasquez, spinsero il viceré a inviare il presidente De Marinis nelle zone danneggiate per organizzare i soccorsi e informarlo sui danni verificati. L’inviato, giunto in Calabria alla fine di dembre, trovò in molti luoghi la popolazione ancora completamente sbandata che viveva in stalle o in ricoveri d’emergenza; le strade di molti paesi erano ancora ingombre di macerie e gli abitati del tutto inagibili.
Dalla sua relazione finale, stesa nel marzo 1660, non si evincono informazioni sugli interventi messi in atto per il soccorso della popolazione e il ripristino di condizioni minime di abitabilità. D’altra parte, l’analisi della documentazione amministrativa, non ha fatto emergere alcun provvedimento generale di esenzione fiscale, ma solo interventi parziali sollecitati dal principe di Satriano e dal marchese di Arena, e limitati ai loro rispettivi feudi. È probabile che concessioni analoghe fossero accordate ad altre "terre", ma la documentazione non ne conserva memoria.
I danni del terremoto, sommati alla grave crisi post epidemia, resero molto difficile la situazione delle poverissime economie locali che dovettero anche affrontare i costi della ricostruzione. Una certa ripresa delle dinamiche economiche si avviò solo a partire dai primi anni del Settecento.

Concurrent natural and man-induced destructive events

Negli anni che precedettero il terremoto la Calabria era stata colpita da gravi eventi distruttivi e calamità: la rivolta del 1647-48 e l’epidemia di peste del 1656-57.
L’insurrezione scoppiò in Calabria nel luglio 1647, seguendo di poco la rivolta di Masaniello a Napoli; riguardò inizialmente le città più grandi come Cosenza e Catanzaro, ma si estese in seguito a gran parte della regione assumendo i caratteri di una vera e propria rivolta popolare contro le vessazioni feudali. Gli ultimi focolai si spensero soltanto nove mesi dopo, nel marzo 1648, lasciando molte zone devastate dalle battaglie e dalle rapine dovute all’insorgere dei primi fenomeni di banditismo.
La pestilenza del 1656-57 colpì quasi tutte le regioni dell’Italia centro-meridionale. Raggiunse inizialmente Napoli via mare, e si diffuse poi in gran parte del Regno causando quasi un milione di vittime. Molte campagne risultarono quasi abbandonate, e le condizioni dell’economia meridionale, basata soprattutto sull’agricoltura, peggiorarono in modo drammatico. Anche il commercio fu quasi interrotto in seguito ai divieti imposti al trasporto delle merci. Nella Calabria Ultra i paesi più colpiti furono proprio quelli, che vennero in seguito danneggiati dal terremoto. A Squillace, Montepaone, Cardinale, Satriano e nelle zone circostanti il capo d’Angitola, in particolare nei paesi di Rocca Angitola, Francavilla, Polia, Monterosso e Filogaso l’epidemia causò un calo della popolazione superiore al 50%, ma anche in altre zone, come ad esempio Arena, Girifalco, Palermiti, i decessi furono molto numerosi (1).
Alcuni paesi avevano inoltre subito attacchi dei Turchi, con distruzioni dell’abitato. Ad esempio il casale di Stallettì fu incendiato e razziato due volte pochi anni prima del terremoto (2).

Note

(1)
Del Panta L.
Le epidemie nella storia demografica italiana (secoli XIV-XIX).
Torino 1980
(2)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.

Elements of the local buildings

I paesi della Calabria Ultra colpiti dal terremoto erano generalmente situati su rilievi di altezza variabile fra i 300 e gli 800 m. Gli abitati erano costituiti da agglomerati compatti di abitazioni le une addossate alle altre, in alcuni casi disposte in pianori su superfici quasi piane (Serra San Bruno, Brognaturo, Simbario), ma nella maggior parte erano sviluppati su sproni rocciosi o forti pendii, con strade fortemente inclinate, irregolari e tortuose. I centri più vicini alla costa, come Soverato, Monasterace o Riace, erano chiusi da cinte murarie di difesa contro gli assalti dei Turchi.
Le tecniche costruttive erano arcaiche e utilizzavano materiali poveri. Nella maggior parte dei paesi le case erano costruite con mattoni crudi di creta e fango, in qualche caso cementati con calce. Nei paesi della zona più alta delle Serre, vicini all’area dei boschi, come Brognaturo e Simbario, molte case erano in gran parte costruite in legno. Lo stato di conservazione di questo patrimonio edilizio, già di per sé vulnerabile, era alquanto precario. In alcuni paesi numerose abitazioni erano rimaste disabitate a causa della peste del 1656-57, e quindi prive di manutenzione. Situazioni particolari di degrado e fatiscenza degli edifici furono riscontrate da De Marinis nei paesi di Soriano Calabro e di Briatico.

Administrative historical affiliations

La Calabria Ultra era la provincia più meridionale del regno di Napoli, dominio diretto della corona spagnola retta dal re Filippo IV (1621-1665). Il re era rappresentato a Napoli da un viceré, all’epoca Gaspar de Guzmán di Bracamonte, conte di Peñaranda (1659-64). Il capoluogo provinciale era Catanzaro in cui risiedavano il preside, Francisco Velasquez, rappresentante locale del governo, e la regia udienza provinciale che era una magistratura periferica con funzioni amministrative e giudiziarie che procedeva ad atti istruttori per incarico degli organi centrali, in relazione agli interessi dei feudatari e delle università.

Social and economic effects

I morti censiti ufficialmente furono 2.035, di cui: 496 a Panaia, 203 a Polia, 193 a Castelmonardo, 161 a Filogaso, 161 a Soriano Calabro, 71 a Gerocarne, 69 a Briatico, 67 a Chiaravalle Centrale, 66 a Olivadi, 64 a Stefanaconi, 63 a Vazzano e 53 a Vallelonga.
Dopo la scossa distruttiva del 5 novembre la popolazione abbandonò i paesi semidistrutti, alloggiando a lungo in ricoveri di fortuna esposta alle intemperie e alle ruberie dei banditi. I danni economici a breve termine riguardarono soprattutto la perdita delle provviste di cibo ­ a Stefanaconi i superstiti poterono sfamarsi solo grazie al pane inviato loro dalla duchessa di Monteleone ­ e il blocco quasi completo delle attività legate alla produzione dell’olio e all’artigianato della seta (1).

Note

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.

Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.

Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.

Institutional and administrative response

Le notizie delle distruzioni e delle vittime causate dal terremoto, giunte a Napoli con i dispacci del preside Francisco Velasquez, spinsero il viceré a inviare il presidente De Marinis nelle zone danneggiate per organizzare i soccorsi e informarlo sui danni verificati. L’inviato raggiunse la Calabria via mare sbarcando a Pizzo il 28 dicembre, dopo 24 giorni di navigazione. Trovò in molti luoghi la popolazione ancora completamente sbandata che viveva in stalle o in ricoveri d’emergenza; le strade di molti paesi erano ancora ingombre di macerie e gli abitati del tutto inagibili.
Dalla sua relazione finale, stesa nel marzo 1660, non si evincono informazioni sugli interventi messi in atto per il soccorso della popolazione e il ripristino di condizioni minime di abitabilità. D’altra parte, l’analisi della documentazione amministrativa, non ha fatto emergere alcun provvedimento generale di esenzione fiscale, ma solo interventi parziali sollecitati dal principe di Satriano e dal marchese di Arena, e limitati ai loro rispettivi feudi. È probabile che concessioni analoghe fossero accordate ad altre "terre", ma la documentazione non ne conserva memoria.

Reconstructions and relocations

Le fonti non forniscono indicazioni circa i tempi e i modi della ricostruzione che, probabilmente, fu interamente sostenuta dalle comunità locali e dai feudatari. Aceti (1737) riferisce, infatti, che il paese di Filogaso fu riedificato dagli stessi abitanti in un un sito poco lontano dal vecchio paese distrutto (1).
Anche la ricostruzione degli edifici ecclesiastici fu molto difficoltosa. Il Pontificio Collegio greco di Roma, a cui era da tempo aggregata l’abbazia della SS.Trinità di Mileto, avviò quasi immediatamente la ricostruzione della chiesa. Tuttavia, a causa degli enormi costi che l’opera comportava, fu deciso un drastico ridimensionamento delle dimensioni dell’edificio; cionostante i lavori si protrassero dal 1660 al 1698 (2). La ricostruzione della cattedrale e del palazzo vescovile di Mileto impegnarono direttamente il vescovo Diego Morelli, fino dalla sua nomina avvenuta nel 1662; ma ancora nel 1673 il vescovo segnalava alla Santa sede che i lavori non erano completati (3).
I Domenicani di Soriano Calabro si rivolsero direttamente alla Corte spagnola dichiarando che la ricostruzione del loro convento, crollato quasi interamente, avrebbe richiesto una spesa di circa 25.000 ducati, e chiedendo perciò di essere esentati dal pagamento della metà delle rendite che dovevano pagare ogni 5 anni sul feudo di Soriano (4). I Francescani Riformati di Stignano chiesero, invece, al viceré di potere avere una provvista di ferro dalla ferriera di Stilo per incatenare le murature del convento, gravemente lesionate dal terremoto (5).

Note

(1)
Aceti T.
Prolegomena, additiones, & notae, in "Gabrielis Barrii Franciscani De antiquitate et situ Calabriae libri quinque".
Roma 1737
(2)
Occhiato G.
Cronologia, varianti e valori metrici della distrutta chiesa abbaziale della SS.Trinità di Mileto Vecchia in Calabria, in "Archivio Storico per la Calabria e la Lucania", a.43, pp.37-67.
Roma 1976
Occhiato G.
La Santissima Trinità di Mileto e l’architettura normanna meridionale.
Catanzaro 1977
(3)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.523 A, Miletensis I, Relazione del vescovo di Mileto Diego Castiglione Morelli alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Galatro 5 novembre 1663.

Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.523 A, Miletensis I, Relazione del vescovo di Mileto Diego Castiglione Morelli alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Mileto 5 maggio 1673.

(4)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Relazione del padre generale del convento di San Domenico di Soriano Calabro al viceré di Napoli sui danni causati alla chiesa e al convento dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.

Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Lettera del reggente Jacome Capeche Galeota al Re di Spagna relativa alla richiesta di fondi per la ricostruzione del convento di San Domenico di Soriano Calabro danneggiato dal terremoto del 5 novembre 1659, Madrid 24 luglio 1660.

Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla richiesta di fondi per la ricostruzione del convento di San Domenico di Soriano Calabro danneggiato dal terremoto del 5 novembre 1659, Madrid 24 luglio 1660.

(5)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 243 (1660), Supplica dei Francescani di Stignano relativa alla richiesta di catene di ferro per riparare il convento gravemente danneggiato dal terremoto del 5 novembre 1659, 23 dicembre 1659.

Major earthquake effects

La scossa distruttiva avvenne alle ore 22:15 GMT circa (le ore 6 italiane della notte tra il 5 e il 6 novembre) ed ebbe una durata di circa 20 secondi. Colpì la zona centro-meridionale della Calabria compresa tra il golfo di Sant’Eufemia e il golfo di Squillace. Gli effetti più gravi riguardarono i paesi del versante occidentale compresi tra la piana dell’Angitola e la valle del fiume Mesima; danni gravissimi subirono anche tutti i centri abitati situati su entrambi i versati delle Serre.
Furono distrutti pressoché completamente i paesi di Castelmonardo, Chiaravalle Centrale, Filogaso, Panaia, Polia, San Demetrio e Stefanaconi. Altri 33 paesi subirono distruzioni estese a gran parte dell’abitato; crolli e gravi dissesti furono riscontrati in altre 70 località circa tra cui Catanzaro. La scossa causò danni leggeri a Reggio Calabria e fu avvertita fortemente fino a Paola a nord, e fino a Messina a sud.
Nel corso della sua missione De Marinis visitò 101 località annotando 6 paesi distrutti completamente o quasi; negli altri riscontrò oltre 3850 case crollate e gran parte delle altre gravemente danneggiate e inagibili; più di 50 tra mulini, frantoi, gualchiere e fondaci distrutti; 167 chiese, 20 conventi e 18 castelli o palazzi baronali crollati o gravemente danneggiati.
Il terremoto causò danni gravissimi al patrimonio artistico calabrese distruggendo o danneggiando gravemente opere insigni come l’abbazia della SS.Trinità di Mileto, il cui impianto originario risaliva all’XI secolo, la cattedrale normanna di Mileto e i conventi cinquecenteschi di S.Domenico di Soriano Calabro e della Certosa di Santo Stefano del Bosco.

Effects on the environment

Il terremoto causò l’apertura di profonde voragini in tre luoghi: fra Montesoro e Polia, nei monti della Ferriera (localizzabili pochi km a NE di Fabrizia), nei monti di San Giovanni Teresti, precisamente nei pressi dell’antico monastero basiliano di San Giovanni Vecchio (2 km circa a N di Stilo). A Polia franarono estese porzioni di terreno.

Sequence of the earthquake

Dopo la scossa distruttiva delle ore 22:15 del 5 novembre furono avvertite varie repliche più leggere, soprattutto nei giorni immediatamente successivi. Le più sensibili avvennero il 6 novembre, alle ore 22:15 GMT circa; il 10 novembre, alle ore 2:15 GMT e il 12 novembre alle ore 9:00 GMT circa.

Bibliography

Author Title Text Value Text Date Place of publ.
Aceti T.Prolegomena, additiones, & notae, in "Gabrielis Barrii Franciscani De antiquitate et situ Calabriae libri quinque".Indirect source1737Roma
Alfano G.B.Alcune osservazioni sugli epicentri sismici della Calabria e del Messinese, in "Rivista di Fisica, Matematica e Scienze Naturali", a.10, n.110 (febbraio 1909).Scientific bibliography1909Pavia
Alfano G.M.I terremoti della Calabria, in "Rivista di Scienze e Lettere", gennaio 1906, pp.1-25.Catalogue1906Napoli
*Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Cancelleria, Partium, vol.538 (1660), Decreto del Consiglio Collaterale relativo alla concessione al capitano Francesco Marzano di un anno di dilazione nel pagamento dell’affitto del feudo di Arena in seguito ai danni subiti a causa del terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 16 giugno 1660.Direct source1660
*Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Cancelleria, Partium, vol.533 (1659), Mandato del Consiglio Collaterale al presidente Donato Antonio De Marinis di recarsi con pieni poteri nella provincia di Calabria Ultra per verificare i danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659 e assumere i provvedimenti necessari, Napoli 29 novembre 1659.Direct source1659
*Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Cancelleria, Partium, vol.538 (1660), Decreto del Consiglio Collaterale relativo alla concessione al principe di Satriano di un anno di dilazione nel pagamento dei suoi debiti in seguito ai danni subiti a causa del terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 8 aprile 1660.Direct source1660
*Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Cancelleria, Partium, vol.537 (1660), Decreto del Consiglio Collaterale relativo alla concessione al marchese di Arena di un anno di dilazione nel pagamento dei suoi debiti in seguito ai danni subiti a causa del terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 16 aprile 1660.Direct source1660
*Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Consiglio, Notamenti, vol.63 (1659), Notamento relativo alla richiesta del marchese di Arena di dilazioni nei pagamenti fiscali in seguito ai danni causati nel suo feudo dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 3 dicembre 1659.Direct source1659
*Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Consiglio, Notamenti, vol.64 (1660), Notamento relativo alla richiesta di Francesco Marzano affittuario del feudo di Arena di dilazioni nei pagamenti in seguito ai danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 8 giugno 1660.Direct source1660
*Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Consiglio, Notamenti, vol.64 (1660), Notamento relativo alla richiesta del principe di Satriano di dilazioni nei pagamenti fiscali in seguito ai danni causati nel suo feudo dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 11 marzo 1660.Direct source1660
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Nota della Camera della Sommaria relativa alla liquidazione del relevio presentato dal marchese Andrea Concublet sul feudo di Arena, Napoli 1662.Direct source1662
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.361, fasc.5 (1664), Deposizioni giurate di alcuni abitanti di Montepaone sulla diminuzione delle entrate del feudo in seguito ai danni causati dal terremoto del 27 marzo 1638 e del 5 novembre 1659, Montepaone 8 febbraio 1670.Direct source1670
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Nota delle spese sostenute per la manutenzione delle prorietà del feudo di Arena denunciate alla Regia Corte dal marchese Andrea Concublet, Napoli 1662.Direct source1662
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Fede del tesoriere del feudo di Arena sulla diminuzione dei censi enfiteutici in seguito ai danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, Arena 12 agosto 1662.Direct source1662
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Fede del sindaco e degli eletti di Arena sulla diminuzione dei censi enfiteutici in seguito ai danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, Arena 15 agosto 1662.Direct source1662
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Liquidazione del relevio presentato dal marchese Andrea Concublet alla Camera della Sommaria sul feudo di Arena, Napoli 1662.Direct source1662
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Comunicazione della Camera della Sommaria al marchese Andrea Concublet relativa al relevio presentato sul feudo di Arena, Napoli 1662.Direct source1662
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Nota delle entrate del feudo di Arena denunciate alla Regia Corte dal marchese Andrea Concublet, Napoli 1662.Direct source1662
*Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Ruote, Consultationum, vol.57 (1659-1660), Consulta relativa al pagamento delle competenze spettanti al presidente Donato Antonio De Marinis per la missione in Calabria per verificare i danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 1660.Direct source1660
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 250 (1660), Consulta negativa della Camera della Sommaria sulla richiesta dell’Università di Paola di dilazioni nei pagamenti fiscali, Napoli 10 luglio 1660.Direct source1660
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 243 (1660), Lettera del presidente Donato Antonio De Marinis al viceré relativa al suo arrivo nelle zone della provincia di Calabria Ultra danneggiate dal terremoto del 5 novembre 1659, Pizzo 28 dicembre 1659.Direct source1659
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 243 (1660), Supplica dei Francescani di Stignano relativa alla richiesta di catene di ferro per riparare il convento gravemente danneggiato dal terremoto del 5 novembre 1659, 23 dicembre 1659.Direct source1659
*Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 243 (1660), Supplica del provinciale dei Francescani di Calabria Ultra relativa alla richiesta di catene di ferro per riparare i dieci conventi dell’ordine danneggiati dal terremoto del 5 novembre 1659, gennaio 1660.Direct source1660
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes, b.390 A, Diocesi di Gerace.Direct source
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.Direct source1661
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.390 A, Hieracensis I, Relatio status diocesis Hieracensis, 1744.Direct source1744
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.401, Insulana, Relatio status diocesis Insulana, Isola di Capo Rizzuto 28 marzo 1667.Direct source1667
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.401, Insulana, Relatio status diocesis Insulana, Isola di Capo Rizzuto 15 febbraio 1670.Direct source1670
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.205 B, Catacensis II, Ristretto della Relatio status diocesis Catacensis, Roma 18 agosto 1886.Direct source1886
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.205 B, Catacensis II, Relatio status diocesis Catacensis, Catanzaro 19 maggio 1886.Direct source1886
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.205 A, Catacensis I, Relatio status diocesis Catacensis, Catanzaro 23 settembre 1734.Direct source1734
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio status diocesis Squillacensis, Squillace 8 marzo 1668.Direct source1668
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.523 A, Miletensis I, Relazione del vescovo di Mileto Diego Castiglione Morelli alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Mileto 1º dicembre 1666.Direct source1666
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.523 A, Miletensis I, Relazione del vescovo di Mileto Diego Castiglione Morelli alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Mileto 5 maggio 1673.Direct source1673
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.523 A, Miletensis I, Relazione del vescovo di Mileto Diego Castiglione Morelli alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Mileto 25 aprile 1670.Direct source1670
*Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.523 A, Miletensis I, Relazione del vescovo di Mileto Diego Castiglione Morelli alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Galatro 5 novembre 1663.Direct source1663
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.Direct source1659
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 15 novembre 1659.Direct source1659
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 13 dicembre 1659.Direct source1659
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 9 dicembre 1659.Direct source1659
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 6 dicembre 1659.Direct source1659
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 29 novembre 1659.Direct source1659
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 25 novembre 1659.Direct source1659
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 18 novembre 1659.Direct source1659
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 30 dicembre 1659.Direct source1659
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.Direct source1659
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 F, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 17 gennaio 1660.Direct source1660
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 F, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 10 aprile 1660.Direct source1660
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 F, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 13 marzo 1660.Direct source1660
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 G, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 10 agosto 1660.Direct source1660
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 G, Lettera del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi, Napoli 7 agosto 1660.Direct source1660
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.Direct source1659
*Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.Direct source1659
*Archivio Storico Diocesano di Mileto, Relazione della Visitatio ad Limina del Vescovo di Mileto Diego Morelli, Mileto 1666.Direct source1666
*Archivio Storico Diocesano di Mileto, Relazione della Visitatio ad Limina del Vescovo di Mileto Diego Morelli, Mileto 1663.Direct source1663
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Lettera del preside della provincia di Calabria Ultra Francisco Velazquez al viceré di Napoli conte di Peñaranda relativa ai danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, Catanzaro 19 novembre 1659.Direct source1659
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Lettera del viceré di Napoli conte di Peñaranda al Re di Spagna relativa ai danni causati nella provincia di Calabria Ultra dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 29 novembre 1659.Direct source1659
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla richiesta di fondi per la ricostruzione del convento di San Domenico di Soriano Calabro danneggiato dal terremoto del 5 novembre 1659, Madrid 24 luglio 1660.Direct source1660
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Copia di un capitolo della relazione del presidente Donato Antonio de Marinis al viceré di Napoli relativo ai danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659 a Soriano Calabro, luglio 1660.Direct source1660
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Lettera del reggente Jacome Capeche Galeota al Re di Spagna relativa alla richiesta di fondi per la ricostruzione del convento di San Domenico di Soriano Calabro danneggiato dal terremoto del 5 novembre 1659, Madrid 24 luglio 1660.Direct source1660
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Consulta del Consiglio d’Italia relativa alla lettera del viceré di Napoli del 29 novembre 1659 sui danni causati nella provincia di Calabria Ultra dal terremoto del 5 novembre 1659, Madrid 29 gennaio 1660.Direct source1660
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Relazione del padre generale del convento di San Domenico di Soriano Calabro al viceré di Napoli sui danni causati alla chiesa e al convento dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.Direct source1659
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.Direct source1659
*Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Registros de órdenes, libro 328 (1659-60), cc.90-95, Consulta del Consiglio d’Italia e carteggio relativi al terremoto del 5 novembre 1659 nella provincia di Calabria Ultra, novembre 1659-gennaio 1660.Direct source1659
Baratta M.I terremoti di Calabria, in "Rivista Geografica Italiana", a.2, pp.4-20.Scientific bibliography1895Roma
Baratta M.Calabria sismica, in "Bollettino della Società Geografica Italiana", a.39, vol.42, pp.1074-1081.Scientific bibliography1905Roma
Baratta M.Le nuove costruzioni in Calabria dopo il disastroso terremoto dell’8 settembre 1905, in "Bollettino della Società Sismologica Italiana", vol.12 (1907), pp.249-338.Scientific bibliography1908Modena
Baratta M.I terremoti d’Italia. Saggio di storia, geografia e bibliografia sismica italiana (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1979).Catalogue1901Torino
Baratta M.I terremoti di Calabria, in "Bollettino della Società Geografica Italiana", a.40, s.IV, vol.7 (1906), pp.432-459.Scientific bibliography1906Roma
Baratta M.Il grande terremoto calabro dell’8 settembre 1905. Alcune considerazioni sulla distribuzione topografica dei danni, in "Atti della Società Toscana di Scienze Naturali in Pisa. Processi verbali", vol.16 (1906-1907), pp.13-18.Scientific bibliography1906Pisa
Baratta M.I terremoti in Italia, Pubblicazioni della Commissione Italiana per lo studio delle grandi calamità, vol.6.Scientific bibliography1936Firenze
Barilaro A.San Domenico in Soriano.Historiographical study1982Chiaravalle Centrale
*Biblioteca Apostolica Vaticana, Manoscritti, Vaticani Latini, 10444, c.32, Relazione sul terremoto della Calabria del 5 novembre 1659, Terranova 8 novembre 1659.Direct source1659
*Biblioteca Civica "U.Caldora" di Castrovillari, Manoscritti, G.De Rubeis, Vita del Beato Pietro da Santo Andrea della Marca, discepolo, e compagno del Patriarca San Francesco di Assisi, e cronica de’ Minori Conventuali nella Provincia de’ Sette Martiri nella Calabria, 2 voll., 1754.Historiographical study1754
*Biblioteca Regionale di Messina, Manoscritti, 14/1-4, G.Cuneo, Avvenimenti della Nobile Città di Messina occorsi dalli 15 Agosto 1695 nel qual giorno si promulgò la scala franca, 4 voll, ms. sec.XVIII.Generic information0018
Bonito M.Terra tremante, o vero continuatione de’ terremoti dalla Creatione del Mondo sino al tempo presente (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1980).Repertory1691Napoli
Boschi E., Ferrari G., Gasperini P., Guidoboni E., Smriglio G. e Valensise G.Catalogo dei forti terremoti in Italia dal 461 a.C. al 1980, ING-SGA.Catalogue1995Bologna
*Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.Indirect source1660Palermo
Calcagni D.Historia chronologica brevis abbatiae Sanctissimae Trinitiatis Mileti.Indirect source1699Messina
Cameli G.M.Contributo alle conoscenze sismotettoniche della regione istmica a sud di Catanzaro, in "Annali di Geofisica", vol.19 (1966), pp.243-258.Scientific bibliography1966Roma
Capocci E.Catalogo de’ tremuoti avvenuti nella parte continentale del Regno delle Due Sicilie posti in raffronto con le eruzioni vulcaniche ed altri fenomeni cosmici, tellurici e meteorici, in "Atti del Reale Istituto d’Incoraggiamento alle Scienze Naturali di Napoli", tomo 9, pp.337-421; tomo 10, pp.293-327.Catalogue1861Napoli
Cavasino A.Catalogo dei terremoti disastrosi avvertiti nel bacino del Mediterraneo dal 1501 al 1929, Pubblicazioni della Commissione Italiana per lo studio delle grandi calamità, vol.2, pp.25-60.Catalogue1931Roma
*Copia d’una lettera scritta da Monsignor Vescovo di Catanzaro in Calabria al M.R.P. Assistente d’Italia di S.Agostino in Roma, in ragguaglio delli Terremoti, che sono stati in Calabria alli 6 di Novembre MDCLIX.Indirect source1659Roma
Crema C.Le frane di Girifalco (Catanzaro) in "Bollettino del Regio Comitato Geologico d’Italia", vol.48, n.5 (1920-21), pp.1-10.Scientific bibliography1920Roma
D’Amato V.Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.Direct source1670Napoli
De Dolomieu D.Memoria sopra i tremuoti della Calabria dell’anno 1783.Generic information1785Napoli
De Leo P.Medioevo distrutto. Il terremoto calabrese del 1783, in "Miscellanea di Studi Storici", vol.3, pp.113-121.Historiographical study1983Cava dei Tirreni
Del Panta L.Le epidemie nella storia demografica italiana (secoli XIV-XIX).Historiographical study1980Torino
De Marinis D.A.Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.Direct source1660Napoli
De Stefano D.I terremoti in Calabria e nel Messinese.Scientific bibliography1987Napoli
Faggiotto A.La separazione della Sicilia dalla Calabria. Studio storico e geologico.Scientific bibliography1900Reggio Calabria
Fiore G.Della Calabria illustrata. Opera varia istorica, 2 voll. (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1980).Generic information1691Napoli
Gagliardi F.Storia di San Pietro in Amantea. Origine, storia, leggende, vita, personaggi noti e meno noti di un piccolo paese di provincia.Historiographical study1983Cosenza
Gambi L.Calabria (Le Regioni d’Italia, vol.16).Historiographical study1978Torino
Gemmellaro C.La vulcanologia dell’Etna che comprende la topografia, la geologia, la storia delle sue eruzioni, non che la descrizione e lo esame de’ fenomeni vulcanici (ristampa anastatica, Catania 1989).Scientific bibliography1858Catania
Grimaldi F.A.Descrizione de’ tremuoti nelle Calabrie nel 1783.Generic information1784Napoli
Hoff K.E.A. vonChronik der Erdbeben und Vulcanausbrüche, erster Theil vom Jahre 3460 vor, bis 1759 unserer Zeitrechnung, in "Geschichte der durch Überlieferung nachgewiesenen natürlichen Veränderungen der Erdoberfläche", Theil 4.Catalogue1840Gotha
*Il terremoto del 5-6 novembre 1659 in Calabria, in "Archivio Storico per la Calabria e la Lucania", a.5, pp.111-115.Historiographical study1935Roma
Ippolito F.Ragguagli intorno al tremuoto dei 28 marzo 1783, in Calabria, indirizzati al signor cavaliere Guglielmo Hamilton dal sig. conte Ippolito di Catanzaro, in "Compendio delle Transazioni Filosofiche della Società Reale di Londra", parte 1 (Storia Naturale), tomo 1 (Vulcani e Tremuoti), pp.296-304.Generic information1793Venezia
Lembo A.Cronica del convento di San Domenico in Soriano dall’anno 1510 fin al 1664.Indirect source1665Napoli
Leoni N.Studii istorici su la Magna Grecia e su la Brezia dalle origini italiche in fino a’ tempi nostri.Historiographical study1862Napoli
Ligresti D.Terremoto e società in Sicilia (1501-1800).Historiographical study1992Catania
Magnati V.Notitie istoriche de’ terremoti succeduti ne’ secoli trascorsi, e nel presente.Repertory1688Napoli
Mallet R.Third Report on the Facts of Earthquake Phaenomena (Catalogue of recorded Earthquakes from 1606 B.C. to A.D. 1850), in "Report of the British Association for the Advancement of Science", a.1852, pp.1-176; a.1853, pp.117-212; a.1854, pp.1-326.Catalogue1853London
Martire D.La Calabria sacra e profana, opera del secolo decimosettimo del sacerdote Domenico Martire cosentino, 2 voll. (ristampa anastatica, Roma 1973).Historiographical study1876Cosenza
Meli R.Notizie sismo-geologiche su Soriano Calabro, in "Atti della Pontificia Accademia Romana dei Nuovi Lincei", a.71 (1917-1918), pp.184-188.Scientific bibliography1918Roma
Mercalli G.I terremoti della Calabria meridionale e del messinese, in "Memorie della Società Italiana delle Scienze (detta dei XL)", s.III, tomo 11, pp.117-266.Catalogue1897Roma
Mercalli G.Vulcani e fenomeni vulcanici in Italia (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1981).Catalogue1883Milano
Mercalli G.I danni prodotti dai terremoti nella Basilicata e nelle Calabrie, in "Relazione della Sotto Giunta Parlamentare d’Inchiesta sulle condizioni dei contadini nelle provincie meridionali e nella Sicilia", vol.5, tomo 3 (Basilicata e Calabria).Scientific bibliography1910Roma
Mezzavacca F.De Terræmotu libellus in quo curiosa aperitur Terræmotus doctrina, & agitur de Terræmotu huius Anni 1672.Generic information1672Bologna
Misefari E.Storia sociale della Calabria. Popolo, classi dominanti, forme di resistenza dagli inizi dell’età moderna al XIX secolo.Historiographical study1976Milano
Mongitore A.Istoria cronologica de’ terremoti di Sicilia, in Id., "Della Sicilia ricercata nelle cose più memorabili", tomo 2, pp.345-445.Repertory1743Palermo
Mori A.I terremoti della Calabria e della Sicilia, in "Rivista Mensile del Touring Club Italiano", a.15, n.2 (febbraio 1909), pp.48-57.Generic information1909Milano
Moroni G.Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da San Pietro sino ai nostri giorni specialmente intorno ai principali santi, beati, martiri, padri, ai sommi pontefici, cardinali e più celebri scrittori ecclesiastici, 103 voll. + 6 di indici.Historiographical study1840Venezia
Mulè C.Una storia di Catanzaro.Historiographical study1982Chiaravalle Centrale
Naccari C.Cenni storici intorno alla città di Mileto.Historiographical study1931Laureana di Borrello
Napolione U.M.Le memorie di Uriele Maria Napolione.Historiographical study1984Reggio Calabria
Nisticò U.Storia delle Calabrie.Historiographical study1982Cosenza
Occhiato G.La Santissima Trinità di Mileto e l’architettura normanna meridionale.Historiographical study1977Catanzaro
Occhiato G.Cronologia, varianti e valori metrici della distrutta chiesa abbaziale della SS.Trinità di Mileto Vecchia in Calabria, in "Archivio Storico per la Calabria e la Lucania", a.43, pp.37-67.Historiographical study1976Roma
Pacichelli G.B.Viaggio in Calabria (A Monsignor Marcello Severoli), in "Lettere Familiari, Istoriche, & Erudite, tratte dalle Memorie Recondite dell’Abate D. Gio. Battista Pacichelli in occasione de’ suoi Studj, Viaggi, e Ministeri", ed. D.A.Parrino, vol.2.Historiographical study1695Napoli
Pacichelli G.B.Il Regno di Napoli in prospettiva, 3 voll. (ristampa anastatica, Sala Bolognese 1979).Historiographical study1703Napoli
Parisi A.Cronologia compendiata delle due Sicilie dai tempi antichi conosciuti sino a tutto l’anno 1830.Historiographical study1842Palermo
Perrey A.Mémoire sur les tremblements de terre de la péninsule italique, in "Mémoires Couronnés et Mémoires des Savants Étrangers de l’Académie Royale de Belgique", tomo 22 (1846-47).Catalogue1848Bruxelles
Pignatari F.J.Il terremoto di Calabria del 16 novembre 1894.Generic information1895Monteleone [Vibo Valentia]
Rezzadore P.Il mondo ne’ suoi fulgori e tremori.Catalogue1914Firenze
Riccioli G.B.Chronologiae reformatae et ad certas conclusiones redactae, 4 voll.Indirect source1669Bologna
Rizzo G.B.Contributo allo studio del terremoto della Calabria del giorno 8 Settembre 1905, in "Atti della Reale Accademia Peloritana", vol.22 (1907), pp.3-86.Scientific bibliography1907Messina
Russo F.Regesto vaticano per la Calabria.Historiographical study1974Roma
Salfi F.S.Saggio di fenomeni antropologici relativi al terremoto ovvero riflessioni sopra alcune opinioni pregiudiziali alla pubblica o privata felicità fatte per occasione de tremuoti avvenuti nelle Calabrie l’anno 1783 e seguenti.Generic information1787Napoli
Sarconi M.Istoria de’ fenomeni del tremoto avvenuto nelle Calabrie, e nel Valdemone nell’anno 1783 posta in luce dalla Reale Accademia delle Scienze, e delle Belle Lettere di Napoli.Generic information1784Napoli
Sarnelli P.Lettere ecclesiastiche di monsignor Pompeo Sarnelli Vescovo di Bisceglie.Generic information1740Venezia
Serrao G.A.Ricordi di Monsig. Gio. Andrea Serrao, e del mandamento di Castelmonardo nuovo o Filadelfia, in "Un terzo manipolo di monografie e memorie reggine e calabresi", a cura di A.De Lorenzo.Historiographical study1899Siena
Suess E.Die Erdbeben des südlichen Italien, in "Denkschriften der kaiserlichen Akademie der Wissenschaften. Mathematisch-naturwissenschaftliche Classe", vol.34, pp.1-32.Scientific bibliography1874Wien
Susanna G.Notizie ricavate da manoscritti veridici e fedeli che stanno in mio possesso, in G.B.Moio e G.Susanna, "Diario di quanto successe in Catanzaro dal 1710 al 1769", a cura di U.Ferrari, pp.239-248.Indirect source1977Chiaravalle Centrale (CZ)
Taccone-Gallucci D.L’azione del clero nei terremoti più famosi della Calabria.Historiographical study1906Napoli
Taccone-Gallucci D.Monografia della città e diocesi di Mileto.Historiographical study1881Napoli
Taramelli T.Dei terremoti di Calabria e Sicilia, in "Rivista di Fisica Matematica, e Scienze Naturali", a.10, n.109 (gennaio 1909), pp.1-28.Scientific bibliography1909Pavia
Tripodi A.La Madonna della Consolazione. Dasà: storia di cinque secoli di devozione mariana.Historiographical study1983Vibo Valentia
Uberte Balaguer A.M.Los estragos del temblor, y subterranea conspiracion.Repertory1697Napoli
Valente G.Storia della Calabria nell’età moderna, 2 voll.Historiographical study1980Chiaravalle Centrale
Vivenzio G.Istoria de’ Tremuoti avvenuti nella Provincia della Calabria ulteriore, e nella Città di Messina nell’anno 1783 e di quanto nella Calabria fu fatto per lo suo risorgimento fino al 1787 preceduta da una Teoria, ed Istoria Generale de’ Tremuoti, 2 voll.Repertory1788Napoli
Zappia C. e Catizzone A.Cronaca di Cristoforo Zappia e del decano Antonio Catizzone seniore (438-1718), in "Memorie da servire alla storia sacra e civile di Reggio e delle Calabrie", a cura di A.M.De Lorenzo, vol.1, parte 1, fasc.3, pp.66-108, parte 2, fasc.4, pp.109-152.Indirect source1874Reggio Calabria
Zinzi M.Vicende costruttive della Cattedrale di Gerace: trasformazioni, alterazioni, restauri attraverso fonti archivistiche (secoli XVII-XX), in "Archivio Storico per la Calabria e la Lucania", a.58, pp.85-100.Historiographical study1991Roma

Felt Localities (127)

Locality Province Lat Lon Intensity
CastelmonardoVV38.770316.3031X

Il paese, censito per 205 fuochi, fu distrutto quasi completamente: rimasero in piedi solamente 23 case, tutte le altre crollarono così come le 7 chiese e il convento dei Domenicani; morirono 193 persone (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

Chiaravalle CentraleCZ38.680316.4122X

Il paese, censito per 68 fuochi, fu distrutto pressoché totalmente; rimasero in piedi soltanto alcune casematte costruite fuori dall’abitato dopo il terremoto del 1638 e da tempo utilizzate come stalle, in cui si rifugiarono gli abitanti. Crollarono il castello baronale, la chiesa madre, 2 altre chiese e il convento dei Cappuccini. Subito dopo il terremoto gli amministratori dell’università segnalarono 8 morti e molti feriti in pericolo di vita; nella relazione ufficiale del presidente De Marinis sono ricordate 67 vittime (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

FilogasoVV38.680616.2281X

Il paese, censito per 114 fuochi, fu totalmente distrutto: crollarono le case, il palazzo baronale, la chiesa madre e il convento dei Domenicani; i morti furono 161 (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

PanaiaVV38.679716.2344X

Il terremoto distrusse completamente il paese, censito per 139 fuochi: crollarono tutte le abitazioni, la chiesa parrocchiale e il convento dei Cappuccini; i morti furono 496 (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

Polia AnticaVV38.757816.3167X

Il paese, censito per 131 fuochi, fu distrutto quasi completamente: restarono in piedi soltanto 24 case quasi tutte gravemente danneggiate e inabitabili; tutte le altre abitazioni e le 3 chiese crollarono; i morti furono 203 (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

San DemetrioVV38.675316.1658X

Il paese, censito per 22 fuochi, fu completamente distrutto; i morti furono 16 (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

StefanaconiVV38.672516.1214X

Il paese, censito per 55 fuochi, fu distrutto quasi completamente: 82 case crollarono e le 16 rimanenti furono gravemente danneggiate e rese inabitabili; crollarono la chiesa madre, l’abitazione baronale e il frantoio; morirono 64 persone e molte altre furono gravemente ferite (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

MonasteraceRC38.452816.5514IX-X

Il paese era censito per 85 fuochi. Il terremoto distrusse gran parte dell’abitato, che divenne del tutto inagibile a causa delle macerie. Secondo il presidente De Marinis, crollarono 66 case e le poche rimaste in piedi subirono gravi danni; secondo la relazione inviata dagli amministratori del paese al preside della provincia, le case crollate furono 100 e tutte le altre furono gravemente lesionate. Crollò la chiesa madre e altre 2 chiese subirono gravi lesioni; il castello baronale subì gravissimi anni e crollò in gran parte così come le mura di cinta. Ci furono 17 morti. L’università stimò i danni in oltre 10.000 ducati (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

OlivadiCZ38.724416.4233IX-X

Il paese, censito per 72 fuochi, fu distrutto quasi completamente. Secondo la relazione ufficiale del presidente De Marinis, crollarono 85 case e la chiesa di S.Nicola; fu gravemente danneggiata la chiesa madre e vi furono 66 morti. La relazione inviata dall’università al preside della provincia segnalava invece 103 case cadute, le abitazioni rimanenti e le chiese gravemente lesionate, 47 persone morte e 17 ferite (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

VallelongaVV38.645816.2942IX-X

La "terra" di Vallelonga, con i suoi casali (Pizzoni, San Nicola da Crissa, Simbario, Torre di Ruggiero, Vazzano), era censita per 477 fuochi. Il terremoto distrusse quasi completamente l’abitato: 79 case crollarono e le poche rimaste in piedi furono gravemente lesionate e rese inabitabili; crollarono la chiesa parrocchiale e la torre baronale; i morti furono 53 (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

VazzanoVV38.631716.2467IX-X

Il paese era un casale della "terra" di Vallelonga. Il paese fu quasi totalmente distrutto e ridotto a un ammasso di macerie: crollarono 70 case e 4 chiese; i morti furono 63 (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

BadolatoCZ38.568116.5239IX

La "terra" di Badolato, insieme al casale di Isca, era censita per 499 fuochi complessivi. Il terremoto distrusse gran parte del paese, già gravemente colpito dal terremoto del 19 giugno 1640, i cui danni non erano mai stati adeguatamente riparati: 140 case crollarono e gran parte delle rimanenti divennero inabitabili; crollarono il castello baronale, la chiesa madre del Salvatore, le chiese parrocchiali di S.Maria in Grignetto e S.Nicola, la chiesa e il convento soppresso di S.Maria, le chiese di S.Maria della Misericordia, del Carmine, della SS.Annunziata e di S.Caterina. Ci furono 19 morti (1).

(1)
Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Cancelleria, Partium, vol.538 (1660), Decreto del Consiglio Collaterale relativo alla concessione al principe di Satriano di un anno di dilazione nel pagamento dei suoi debiti in seguito ai danni subiti a causa del terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 8 aprile 1660.
1660
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

BelforteVV38.648316.23IX

Il paese era censito per 11 fuochi. Il terremoto fece crollare 16 case e danneggiò gravemente le rimanenti, causando la morte di 6 persone. Crollò il convento degli Agostiniani, sotto le cui macerie morirono 4 frati (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

Briatico VecchioVV38.707216.0231IX

La città, insieme ai suoi numerosi casali (fra cui Conidoni, Favelloni, Paradisoni, San Costantino e San Leo), era censita per 618 fuochi complessivi. L’abitato, già in cattivo stato prima del terremoto, subì gravi distruzioni: 89 case crollarono e le altre 56 subirono gravi danni e divennero inabitabili. Crollarono il castello baronale, 4 chiese, un monastero, il convento dei Domenicani, 14 tra botteghe e magazzini, un frantoio; morirono 69 persone e molte altre furono gravemente ferite (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

CapistranoVV38.691716.2892IX

Il paese era un casale della "terra" di Rocca Angitola. Il terremoto fece crollare 46 case e la chiesa madre, causando la morte di 16 persone (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

DavoliCZ38.649416.485IX

Il paese era censito per 171 fuochi. Il terremoto fece crollare 62 case e quasi tutte le altre furono rese inabitabili; crollarono le chiese parrocchiali di S.Nicola e della Misericordia; furono gravemente danneggiate la chiesa madre e quella di S.Maria della Renella. Morirono 15 persone (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

FrancicaVV38.615816.0992IX

La "terra" di Francica, insieme ai suoi casali (Cramasta, Mutari, Pongadi, San Costantino), era censita per 226 fuochi complessivi. Il terremoto fece crollare 71 case, la chiesa parrocchiale di S.Antonio e le mura di cinta del paese, causando la morte di 19 persone (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

GerocarneVV38.586716.2189IX

Il paese era un casale della "terra" di Arena. Il terremoto distrusse gran parte dell’abitato: crollarono 131 case, la chiesa parrocchiale e 5 chiese devozionali, il palazzo del marchese Concublet proprietario del feudo, un mulino, 2 gualchiere, le attrezzature per la produzione dell’olio; fu gravemente danneggiato il convento del Carmine, che subì lesioni in varie parti e crolli parziali. Ci furono 71 morti (1).

(1)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Nota delle spese sostenute per la manutenzione delle prorietà del feudo di Arena denunciate alla Regia Corte dal marchese Andrea Concublet, Napoli 1662.
1662
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

GuardavalleCZ38.504716.505IX

Il paese era un casale della città di Stilo. Il terremoto causò il crollo di 110 case e rese inabitabili la maggior parte delle rimanenti. Crollarono una chiesa parrocchiale e le chiese di S.Maria del Castello, S.Antonio di Padova, S.Maria di Marasà e S.Caterina; cadde in gran parte il campanile della chiesa madre; furono distrutti 2 frantoi. Ci furono 11 morti (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

Isca sullo IonioCZ38.600316.5194IX

Il paese era un casale della "terra" di Badolato. L’abitato fu in gran parte distrutto e reso impraticabile dalle macerie: crollarono 67 case, la chiesa madre, la chiesa di S.Caterina e quella della SS.Annunziata. Secondo la relazione del presidente De Marinis ci furono 14 morti; il sindaco del paese segnalò invece 20 persone morte (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

Monterosso CalabroVV38.716716.2886IX

Il paese era censito per 72 fuochi. Il terremoto causò il crollo di 41 case e molte altre furono gravemente danneggiate; crollarono anche 4 chiese e l’edificio del soppresso convento del Carmine; morirono 16 persone (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

NicastrelloVV38.680816.2883IX

Il paese era censito per 12 fuochi. Il terremoto causò il crollo di 10 case e la morte di una persona (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

PiscopioVV38.661116.1131IX

Il paese era un casale della città di Monteleone. L’abitato subì gravi distruzioni: 135 case crollarono e le rimanenti furono gravemente lesionate; crollarono la chiesa parrocchiale, 6 frantoi e un mulino. Ci furono 3 morti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

San BasilioVV38.622516.2503IX

Il terremoto causò gravissimi danni all’abitato (1).

(1)
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

San FloroCZ38.836916.5192IX

Il paese era censito per 87 fuochi. L’abitato fu in gran parte distrutto e reso impraticabile dalle macerie: crollarono 55 case e la chiesa di S.Anna; il palazzo baronale e la chiesa di S.Caterina subirono gravi danni; ci furono 3 morti (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

San Gregorio d’IpponaVV38.642816.1044IX

Il paese era un casale della città di Monteleone. L’abitato subì gravi distruzioni: crollarono 252 case, tutte le chiese e i frantoi; morirono 6 persone (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

San Nicola da CrissaVV38.662516.2847IX

Il paese era un casale della "terra" di Vallelonga. Il terremoto fece crollare 93 case e causò il crollo parziale della chiesa madre; morirono 30 persone (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

San SosteneCZ38.635616.4867IX

Il paese era censito per 56 fuochi. Il terremoto causò il crollo di 36 case; il castello baronale fu gravemente danneggiato e reso inabitabile; crollarono la chiesa madre, le chiese di S.Caterina, di S.Giovanni e quella di Tutti i Santi; morirono 4 persone (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

Santa BarbaraVV38.638616.2089IX

Il terremoto causò gravissimi danni all’abitato (1).

(1)
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

Santa Caterina dello IonioCZ38.533616.5214IX

Il paese era censito per 294 fuochi. L’abitato fu in gran parte distrutto e reso impraticabile dalle macerie: crollarono 111 case e la maggior parte delle rimanenti subirono gravi lesioni e crolli parziali; furono gravemente danneggiati il castello baronale e le mura di cinta del paese, la chiesa della SS.Annunziata, le due chiese parrocchiali di S.Nicola e di S.Michele, la chiesa di S.Antonio Abate e il convento dei Cappuccini; morirono 26 persone (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

Sant’Andrea Apostolo dello IonioCZ38.621916.5281IX

Il paese era censito per 271 fuochi. L’abitato fu in gran parte distrutto: crollarono 91 case, il castello baronale, la chiesa madre, le chiese di S.Maria e di S.Barbara e la grangia dei monaci di S.Stefano del Bosco; morirono 8 persone (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

Sant’AngeloVV38.610816.1686IX

Il terremoto causò gravissimi danni all’abitato censito per 48 fuochi: 15 case crollarono e la maggior parte delle rimanenti, gravemente danneggiate, divennero inabitabili. Crollarono la chiesa dell’abbazia di S.Angelo, la chiesa madre e un mulino di proprietà baronale; morirono 13 persone (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

Sant’OnofrioVV38.694416.1433IX

Il paese era censito per 31 fuochi. Il terremoto fece crollare 36 case e molte altre furono gravemente danneggiate e divennero inabitabili; crollarono la chiesa parrocchiale e un monastero dell’ordine basiliano; morirono 9 persone (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

San Vito sullo IonioCZ38.710316.4078IX

La "terra" di San Vito era censita, insieme al casale di Cenadi, per 124 fuochi. L’abitato fu in gran parte distrutto: 58 case crollarono e molte altre furono rese inabitabili; crollò la chiesa madre. Ci furono 16 morti. I rappresentanti dell’università stimarono i danni in 20.000 ducati (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

SatrianoCZ38.666716.4817IX

La "terra" di Satriano era censita per 159 fuochi. Il paese fu in gran parte distrutto: 96 case crollarono e le rimanenti divennero in gran parte inabitabili; crollò quasi totalmente il palazzo baronale, caddero il campanile e il tetto della chiesa madre, crollò parzialmente una chiesa parrocchiale e totalmente le chiese del SS.Salvatore e del SS.Rosario. Ci furono 11 morti (1).

(1)
Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Consiglio, Notamenti, vol.64 (1660), Notamento relativo alla richiesta del principe di Satriano di dilazioni nei pagamenti fiscali in seguito ai danni causati nel suo feudo dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 11 marzo 1660.
1660
Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Cancelleria, Partium, vol.538 (1660), Decreto del Consiglio Collaterale relativo alla concessione al principe di Satriano di un anno di dilazione nel pagamento dei suoi debiti in seguito ai danni subiti a causa del terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 8 aprile 1660.
1660
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

Serra San BrunoVV38.576116.3297IX

La "terra" di Serra, insieme al casale di Spadola, era censita per 202 fuochi. Il terremoto fece crollare 87 abitazioni e lesionò gravemente la maggior parte delle altre; non furono segnalati morti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

SimbarioVV38.610616.3353IX

Il paese era un casale della "terra" di Vallelonga. Il terremoto causò il crollo di 60 case; ci furono 19 morti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

SorianelloVV38.591716.2325IX

Il terremoto causò gravissimi danni all’abitato (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659

Soriano CalabroVV38.597516.2297IX

Il terremoto distrusse gran parte dell’abitato censito per 379 fuochi: 112 case crollarono e la maggior parte delle rimanenti subirono gravi lesioni e crolli parziali. Furono distrutte o gravemente danneggiate 4 chiese parrocchiali (S.Giovanni Battista, S.Nicola, S.Maria del Soccorso, S.Martino) e 8 chiese di devozione (S.Francesco di Paola, S.Nicolello, S.Tommaso Apostolo, S.Giovannello, S.Biase, S.Maria delle Grazie, S.Maria degli Angeli, SS.ma Annunziata); morirono 151 persone. Fu quasi interamente distrutto il famoso convento di S.Domenico, così come la chiesa e gli edifici annessi: crollarono completamente due dormitori, le officine e parte del noviziato; cadde la navata della chiesa, di cui restarono in piedi soltanto i muri laterali, furono lesionati il presbiterio e la cupola, vennero danneggiati molti elementi decorativi; gravi lesioni subirono anche i due edifici che fungevano da foresteria; morirono 9 monaci e un domestico laico (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Relazione del padre generale del convento di San Domenico di Soriano Calabro al viceré di Napoli sui danni causati alla chiesa e al convento dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

StignanoRC38.417216.4708IX

Il paese era un casale della città di Stilo. Il terremoto distrusse gran parte dell’abitato: crollarono 68 case e la maggioranza delle altre fu resa inabitabile; caddero 2 chiese e altre 7, compresa la chiesa madre, furono gravemente danneggiate, così come il convento di S.Francesco dei Riformati; morirono 12 persone (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 243 (1660), Supplica dei Francescani di Stignano relativa alla richiesta di catene di ferro per riparare il convento gravemente danneggiato dal terremoto del 5 novembre 1659, 23 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

ArenaVV38.562216.2086VIII-IX

La "terra" di Arena, insieme ai suoi casali (Bracciara, Dasà, Gerocarne, Miglianò, Pronia, Simiatoni), era censita per 593 fuochi complessivi. Il terremoto causò il crollo di 109 case e lesionò gravemente la maggior parte delle abitazioni rimanenti. Crollarono 5 chiese parrocchiali; furono gravemente lesionati il convento di S.Francesco, di cui caddero il campanile e parte del dormitorio, e il massiccio castello baronale. Subirono gravi danni un mulino, due frantoi, una gualchiera e le strutture per l’allevamento dei bachi da seta di proprietà baronale. Non ci furono vittime (1).

(1)
Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Consiglio, Notamenti, vol.63 (1659), Notamento relativo alla richiesta del marchese di Arena di dilazioni nei pagamenti fiscali in seguito ai danni causati nel suo feudo dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 3 dicembre 1659.
1659
Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Consiglio, Notamenti, vol.64 (1660), Notamento relativo alla richiesta di Francesco Marzano affittuario del feudo di Arena di dilazioni nei pagamenti in seguito ai danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 8 giugno 1660.
1660
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.360, fasc.10 (1661), Fede del sindaco e degli eletti di Arena sulla diminuzione dei censi enfiteutici in seguito ai danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, Arena 15 agosto 1662.
1662
Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Cancelleria, Partium, vol.537 (1660), Decreto del Consiglio Collaterale relativo alla concessione al marchese di Arena di un anno di dilazione nel pagamento dei suoi debiti in seguito ai danni subiti a causa del terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 16 aprile 1660.
1660
Archivio di Stato di Napoli, Consiglio Collaterale, Cancelleria, Partium, vol.538 (1660), Decreto del Consiglio Collaterale relativo alla concessione al capitano Francesco Marzano di un anno di dilazione nel pagamento dell’affitto del feudo di Arena in seguito ai danni subiti a causa del terremoto del 5 novembre 1659, Napoli 16 giugno 1660.
1660
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

ArgustoCZ38.678916.4364VIII-IX

Il terremoto fece crollare 30 case e danneggiò gravemente le altre, causando il crollo di quasi tutti i tetti; molte persone furono ferite gravemente (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

BorgiaCZ38.825316.5103VIII-IX

Il paese era censito per 69 fuochi. Nella relazione ufficiale il presidente De Marinis annotò 24 case crollate e molte altre gravemente lesionate. Secondo gli amministratori del paese, più di 100 case risultarono semidistrutte e tutte le altre gravemente lesionate. Non ci furono morti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

BrognaturoVV38.601716.3414VIII-IX

Il paese era censito per 35 fuochi. Il terremoto causò danni molto gravi: 26 case crollarono e la chiesa madre fu gravemente lesionata; non furono segnalate vittime (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

CenadiCZ38.718316.4144VIII-IX

Il paese era un casale della "terra" di San Vito. Il terremoto causò il crollo di 13 case e lesionò gravemente la maggior parte delle rimanenti, rendendole inabitabili; non ci furono morti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

CentracheCZ38.728316.4297VIII-IX

Il paese era censito per 32 fuochi. Il presidente De Marinis nella sua relazione annotò 36 case crollate e gravi danni alla chiesa madre e alla chiesa di S.Onofrio. Gli amministratori dell’università segnalarono 12 case crollate e tutte le altre lesionate e inabitabili. Non ci furono morti (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

Certosa di Santo Stefano del BoscoVV38.564216.3186VIII-IX

Il terremoto causò il crollo di due quarti del convento e lesionò molto gravemente la chiesa; ci furono 5 morti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

DasàVV38.564216.1958VIII-IX

Il paese era un casale della "terra" di Arena. Il terremoto causò il crollo di 20 abitazioni e lesionò gravemente tutte le altre. Furono danneggiate la chiesa madre, la chiesa dell’Annunziata e quella di S.Giovanni con l’annesso edificio del monastero soppresso. Crollarono due frantoi, uno dei due mulini e la gualchiera della lana di proprietà baronale. Ci fu un morto (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

MiglianòVV38.591416.1967VIII-IX

Il paese era un casale della "terra" di Arena. Il terremoto fece crollare 22 case e danneggiò gravemente la maggior parte delle altre; la chiesa parrocchiale crollò quasi interamente, rimase in piedi soltanto il muro della facciata; morirono 13 persone (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

MontepaoneCZ38.722216.4969VIII-IX

Il paese era censito per 123 fuochi. Il terremoto fece crollare 60 case e gran parte delle altre furono gravemente lesionate; subì gravissimi danni la chiesa madre, che divenne inagibile; crollarono i frantoi di proprietà dei monaci di Santo Stefano del Bosco. Non furono segnalate vittime (1).

(1)
Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Materia feudale, Relevi e informazioni, vol.361, fasc.5 (1664), Deposizioni giurate di alcuni abitanti di Montepaone sulla diminuzione delle entrate del feudo in seguito ai danni causati dal terremoto del 27 marzo 1638 e del 5 novembre 1659, Montepaone 8 febbraio 1670.
1670
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

MutariVV38.625316.14VIII-IX

Il paese era un casale della "terra" di Francica. Il terremoto causò il crollo di 20 case e di 2 chiese; fu gravemente danneggiata la grangia dei monaci di S.Stefano del Bosco. Non ci furono morti (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

PlacanicaRC38.413316.4506VIII-IX

Il paese era censito per 89 fuochi. Il terremoto causò il crollo di 25 case e molte altre furono lesionate e divennero inabitabili; crollarono il palazzo baronale, il convento dei frati Regolari e 2 chiese; la chiesa parrocchiale subì il crollo del tetto. Ci fu un morto (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

ProniaVV38.578316.1894VIII-IX

Il paese era un casale della "terra" di Arena. Il terremoto fece crollare 17 case, il frantoio e il mulino di proprietà del marchese feudatario; crollò quasi totalmente la chiesa madre di S.Michele Arcangelo e interamente la chiesa di S.Giovanni. Ci furono 3 morti (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

Sant’EliaCZ38.775316.4603VIII-IX

Il paese era censito per 87 fuochi. La relazione ufficiale del presidente De Marinis ricorda 21 case crollate e molte altre lesionate e rese inabitabili. Gli amministratori dell’università segnalarono 35 case crollate e le rimanenti rese inabitabili. Ci fu un morto (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

Torre di RuggieroCZ38.650616.3719VIII-IX

Il paese era un casale della "terra" di Vallelonga. Il terremoto causò il crollo di 37 case e lesionò gravemente gran parte delle rimanenti; gravi danni subirono il convento degli Agostiniani, il monastero di S.Basilio e una chiesa di devozione; i morti furono 3 (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

TriparniVV38.680316.0669VIII-IX

Il paese era un casale della città di Monteleone. Il terremoto causò il crollo di 37 case e lesionò gravemente molte delle rimanenti; crollarono la chiesa madre e due frantoi; non ci furono morti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

AmaroniCZ38.792216.4464VIII

Il paese, censito per 53 fuochi, fu danneggiato fortemente: la maggior parte delle case subì gravi lesioni; non ci furono vittime (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

BivongiRC38.482216.4528VIII

Il paese era censito per 134 fuochi. Il terremoto fece crollare 24 case e ne lesionò gravemente molte altre; subirono danni estesi la chiesa madre, di cui crollò quasi interamente la sagrestia, la chiesa di S.Elia, quella dei Sette Dormienti e quella di S.Nicolò. Non ci furono morti (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

BracciaraVV38.56516.1678VIII

Il paese era un casale della "terra" di Arena. Il terremoto fece crollare 17 case e causò gravi danni alla maggior parte delle rimanenti. Fu gravemente danneggiata la chiesa madre di S.Leone; crollarono il frantoio e il mulino di proprietà del feudatario. Non ci furono morti (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

CalabròVV38.612816.0758VIII

Il paese era un casale della città di Mileto. Il terremoto causò il crollo di 15 case e della chiesa madre; morì una persona (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

CaminiRC38.431416.4828VIII

Il paese era un casale della città di Stilo. Il terremoto fece crollare 11 case e rese inabitabili molte delle rimanenti; crollarono 3 chiese. Non ci furono vittime (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

Caraffa di CatanzaroCZ38.880316.4861VIII

Il terremoto causò gravi danni all’abitato: varie case crollarono, ma non ci furono danni alle persone (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659

CardinaleCZ38.641916.3872VIII

Il paese era censito per 138 fuochi. Il terremoto causò il crollo di 47 case e la maggior parte delle altre furono gravemente lesionate; subirono gravi danni la chiesa madre e le chiese di S.Giovanni, S.Fabiano, S.Maria e S.Caterina; non ci furono morti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

CaridàRC38.523116.1344VIII

La baronia di Caridà, che comprendeva anche i villaggi di San Pietro e Garopoli, era censita per 221 fuochi. Complessivamente, nei tre centri abitati, il terremoto causò il crollo di 25 case, ne danneggiò notevolmente alcune altre, in seguito riparate, e causò lesioni non gravi in tutte le rimanenti. Non ci furono morti (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

CastelvetereRC38.380816.4086VIII

Il paese era censito per 608 fuochi. Il terremoto fece crollare 67 case, il castello baronale, il monastero delle Carmelitane, la chiesa del convento di S.Domenico e gran parte del convento degli Agostiniani; morirono 14 persone (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

CatanzaroCZ38.914216.5858VIII

Il terremoto causò il crollo di 4 case e lesionò più o meno gravemente tutti gli altri edifici, alcuni in modo non riparabile. Nel Duomo si aprì una spaccatura nella parete della facciata larga circa 25 cm (un palmo) e fu danneggiato il tetto, di cui crollò la parte soprastante il coro sfondando una sagrestia; il palazzo vescovile fu lesionato in quattro diversi punti e subì il crollo del tetto, divenendo quasi inabitabile; nel convento dei Carmelitani fu gravemente danneggiato il campanile, che dovette essere demolito per motivi di sicurezza, e furono riscontrate lesioni nelle celle e nel dormitorio; in altri conventi furono rilevate cadute di soffitti e lesioni nelle murature (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

ConidoniVV38.697816.0347VIII

Il paese era un casale della città di Briatico. Il terremoto causò il crollo di 8 case e 12 delle rimanenti divennero inabitabili; crollò la chiesa madre; ci fu un morto (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

CotefoniVV38.600316.0742VIII

Il paese era un casale della città di Mileto. Il terremoto causò il crollo di 9 case e della chiesa parrocchiale; non ci furono morti (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

CramastaVV38.623916.1244VIII

Il paese era un casale della "terra" di Francica. Il terremoto causò il crollo di 5 case; non ci furono morti (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

DinamiVV38.527816.1472VIII

Il paese faceva parte, insieme a Melicuccà, della baronia di Soreto, censita complessivamente per 221 fuochi. Il terremoto causò il crollo di 19 case e lesionò gravemente la maggior parte delle abitazioni rimanenti e la cappella di S.Rocco; il palazzo baronale subì danni gravissimi e fu giudicato da demolire. Non ci furono vittime (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

FavelloniVV38.681416.0278VIII

Il paese era un casale della città di Briatico. Il terremoto causò il crollo di 2 case; non ci furono vittime (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

Francavilla AngitolaVV38.777216.2706VIII

Il paese, censito per 120 fuochi, subì gravi danni: il terremoto causò il crollo di 32 case e dell’ospedale; morirono 5 persone (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

GagliatoCZ38.675616.4619VIII

Il terremoto causò danni e dissesti a tutte le case del paese rendendole in gran parte inabitabili; fu gravemente danneggiata la grangia dei monaci di S.Stefano del Bosco. Ci fu un morto (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

GaropoliRC38.526416.1444VIII

Il paese faceva parte della baronia di Caridà, che comprendeva anche il villaggio di San Pietro, censita complessivamente per 221 fuochi. Complessivamente, nei tre centri abitati, il terremoto causò il crollo di 25 case, ne danneggiò notevolmente alcune altre, in seguito riparate, e causò lesioni non gravi in tutte le rimanenti; non ci furono morti (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

GeraceRC38.270616.2203VIII

Il terremoto causò crolli e gravi danni in metà degli edifici; nella cattedrale furono riscontrate numerose fessurazioni, soprattutto negli archi e nelle volte della crociera, della cupola e del coro (1).

(1)
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.390 A, Hieracensis I, Relatio status diocesis Hieracensis, 1744.
1744

GirifalcoCZ38.822216.4247VIII

Il paese era censito per 150 fuochi. Secondo la relazione ufficiale del presidente De Marinis, la parte nuova del paese, costruita dopo il terremoto del 4 aprile 1626, non subì danni mentre la parte vecchia fu quasi completamente distrutta: risultavano infatti crollate 96 case, la chiesa madre e parte del convento dei Domenicani situato poco fuori dall’abitato. In realtà gran parte degli edifici che De Marinis trovò distrutti erano crollati a causa del terremoto del 27 marzo 1638 e non erano mai stati ricostruiti. I rappresentanti del paese nella loro relazione al preside della provincia segnalarono invece il crollo di 25 case e delle chiese. Ci furono 2 morti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

MaieratoVV38.706116.1908VIII

Il paese era un casale della "terra" di Rocca Angitola. Il terremoto causò il crollo di 18 abitazioni e del convento dei Domenicani; non ci furono vittime (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

MelicuccàVV38.535616.1575VIII

Il paese faceva parte, insieme a Dinami, della baronia di Soreto, censita complessivamente per 221 fuochi. Il terremoto causò il crollo di 15 case e ne lesionò gravemente altre 15; fu danneggiata la chiesa madre di S.Nicola; non ci furono morti (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

Mileto VecchioVV38.593116.08VIII

La città era censita per 461 fuochi insieme agli 8 casali di Calabrò, Cotefoni, Comparni, Jonadi, Nao, Paravati, San Giovanni e San Pietro. Il terremoto causò il crollo di 77 case e di 4 frantoi. Crollarono 5 chiese, tra le quali la cattedrale e la celebre chiesa dell’abbazia benedettina della SS.Trinità, all’epoca dipendente dal Collegio greco di Roma. Ci furono 2 morti (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.523 A, Miletensis I, Relazione del vescovo di Mileto Diego Castiglione Morelli alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Mileto 1º dicembre 1666.
1666
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.523 A, Miletensis I, Relazione del vescovo di Mileto Diego Castiglione Morelli alla Congregazione del Concilio sullo stato della diocesi, Galatro 5 novembre 1663.
1663
Calcagni D.
Historia chronologica brevis abbatiae Sanctissimae Trinitiatis Mileti.
Messina 1699
Archivio Storico Diocesano di Mileto, Relazione della Visitatio ad Limina del Vescovo di Mileto Diego Morelli, Mileto 1663.
1663
Archivio Storico Diocesano di Mileto, Relazione della Visitatio ad Limina del Vescovo di Mileto Diego Morelli, Mileto 1666.
1666
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

MontauroCZ38.746916.5117VIII

Il paese era censito per 81 fuochi. Il terremoto causò il crollo di 15 case e danneggiò gravemente la maggior parte delle altre rendendole inabitabili; non furono segnalate vittime (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

MontesantoVV38.708116.2378VIII

Il paese era un casale della "terra" di Rocca Angitola. Il terremoto causò il crollo di 19 case e del convento dei Carmelitani; morirono 8 persone (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Lembo A.
Cronica del convento di San Domenico in Soriano dall’anno 1510 fin al 1664.
Napoli 1665

MontesoroVV38.816116.2922VIII

Il terremoto fece crollare 18 case e altre 35 furono lesionate e rese inabitabili; crollarono la chiesa madre e il convento di S.Francesco; non ci furono vittime (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

NaoVV38.627816.0622VIII

Il paese era un casale della città di Mileto. Il terremoto causò il crollo di 7 case e della chiesa madre; non ci furono vittime (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

PalermitiCZ38.7516.4539VIII

Il paese era un casale della città di Squillace. Il terremoto danneggiò gravemente l’abitato: 4 case crollarono totalmente e tutte le altre subirono crolli parziali e lesioni che costrinsero gli abitanti ad abbandonarle e a rifugiarsi in capanne di paglia (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

ParadisoniVV38.700616.0444VIII

Il paese era un casale della città di Briatico. Il terremoto fece crollare 16 case, la chiesa madre e 2 frantoi; ci fu un morto (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

ParavatiVV38.590816.06VIII

Il paese era un casale della città di Mileto. Il terremoto causò il crollo di 19 abitazioni; non ci furono vittime (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

PazzanoRC38.47516.4517VIII

Il paese era un casale della città di Stilo. Il terremoto causò il crollo di 12 case e danneggiò molto gravemente le chiese di S.Pietro e di S.Nicolò; non ci furono morti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

PetrizziCZ38.700616.4733VIII

Il paese era censito per 103 fuochi. Il terremoto fece crollare 8 case e ne danneggiò molte altre; fu lesionato il convento degli Agostiniani; ci fu un morto (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

PimeneVV38.726116.2133VIII

Il paese era un casale della "terra" di Rocca Angitola. Il terremoto causò il crollo di 6 case; non ci furono morti (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

PizzoniVV38.622516.2519VIII

Il paese era un casale della "terra" di Vallelonga. Il terremoto causò il crollo di 50 case; crollò parzialmente il convento di S.Maria del Soccorso dei Domenicani, la cui chiesa fu gravemente lesionata; subirono gravi danni la cartiera e il fondaco di proprietà baronale. Ci fu un morto (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

PongadiVV38.614716.1358VIII

Il paese era un casale della "terra" di Francica. Il terremoto causò il crollo di 9 case; non ci furono morti (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

RiaceRC38.417816.4819VIII

Il paese era un casale della città di Stilo. Il terremoto causò il crollo di 62 abitazioni, la maggior parte delle case rimanenti fu gravemente lesionata e resa inabitabile; furono notevolmente danneggiate la chiesa madre, la chiesa parrocchiale di S.Giacomo, le chiese di S.Caterina, di S.Francesco e quella dello Spirito Santo; crollarono in parte le mura di cinta. Ci fu un morto (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

Rocca AngitolaVV38.748316.2231VIII

La "terra" di Rocca Angitola, insieme ai casali di Capistrano, Maierato, Montesanto e Pimene, era censita per 150 fuochi. Il terremoto causò il crollo di 8 case e della chiesa madre; non ci furono vittime (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

San CostantinoVV38.705316.0019VIII

Il paese era un casale della città di Briatico. Il terremoto causò il crollo di 19 case e la morte di 4 persone (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

San Costantino CalabroVV38.630816.0731VIII

Il paese era un casale della "terra" di Francica. Il terremoto causò il crollo di 21 abitazioni e danneggiò gravemente 2 chiese; non ci furono vittime (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

San GiovanniVV38.584216.0839VIII

Il paese era un casale della città di Mileto. Il terremoto causò il crollo di 8 case; non ci furono vittime (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

San Leo VecchioVV38.710616.02VIII

Il paese era un casale della città di Briatico. Il terremoto fece crollare 7 case e lesionò gravemente la maggior parte delle rimanenti; non ci furono vittime (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

San PietroRC38.524416.1431VIII

Il paese faceva parte della baronia di Caridà, che comprendeva anche il villaggio di Garopoli, censita complessivamente per 221 fuochi. Complessivamente, nei tre centri abitati, il terremoto causò il crollo di 25 case, ne danneggiò notevolmente alcune altre, in seguito riparate, e causò lesioni non gravi in tutte le rimanenti; non ci furono morti (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

San PietroVV38.572816.0369VIII

Il paese era un casale della città di Mileto. Il terremoto causò il crollo di 9 case; non ci furono vittime (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

San Pietro di BivonaVV38.702516.1106VIII

Il paese era un casale della città di Monteleone. Il terremoto causò il crollo di 12 case e della chiesa madre; non ci furono morti (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

Siderno SuperioreRC38.289216.2694VIII

Il terremoto causò il crollo di alcune case e la morte di 3 persone (1).

(1)
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

SimiatoniVV38.557516.1792VIII

Il paese era un casale della "terra" di Arena. Il terremoto causò il crollo di 14 case e lesionò gravemente la maggior parte delle altre; cadde parte della chiesa madre di S.Nicola; il convento e la chiesa di S.Maria del Soccorso degli Agostiniani subirono gravissimi danni; crollarono i due frantoi e il mulino; non ci furono vittime (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

SoveratoCZ38.687216.5483VIII

Il paese era censito per 441 fuochi. Il terremoto causò il crollo di 25 case; furono gravemente danneggiati il palazzo baronale, le mura di cinta e la torre che difendevano l’abitato (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

SpadolaVV38.602816.3372VIII

Il paese era un casale della "terra" di Serra San Bruno. Il terremoto fece crollare 19 case e danneggiò gran parte delle rimanenti; crollarono la chiesa madre e la chiesa di S.Nicola; non ci furono morti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

SquillaceCZ38.780616.5189VIII

La città era censita, insieme al casale di Palermiti, per 327 fuochi. Il terremoto causò il crollo di 30 case e molte altre furono danneggiate; la cattedrale subì varie lesioni, che compromisero la stabilità dei tetti, della volta e delle absidi; varie fenditure furono riscontrate nelle pareti del palazzo vescovile (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

StalettìCZ38.764216.54VIII

Il paese era censito per 168 fuochi. Il terremoto danneggiò gravemente l’abitato, che già in precedenza era in cattivo stato a causa di un incendio seguito a un’incursione dei Turchi avvenuta pochi anni prima. Numerose abitazioni crollarono e la maggior parte delle rimanenti subirono gravi danni e dovettero essere demolite; crollò una chiesa; non ci furono morti (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

StiloRC38.476716.4678VIII

La città, con i suoi casali (Camini, Guardavalle, Pazzano, Riace, Stignano), era censita per 1.287 fuochi. Il terremoto causò il crollo di 17 case, altre 20 furono gravemente danneggiate e rese inabitabili, gran parte delle rimanenti subirono lesioni; crollarono le chiese parrocchiali di S.Maria, di S.Antonio e di S.Giorgio, e il monastero di S.Chiara; la chiesa madre collegiata e il convento dei Minori Conventuali subirono danni molto gravi e divennero pericolanti. Non furono segnalate vittime (1).

(1)
Archivo General de Simancas, Secretarías Provinciales, Nápoles, legajo 30 (1659-60), Consultas originales, Ristretto delle relazioni inviate dalle Università della provincia di Calabria Ultra sui danni causati dal terremoto del 5 novembre 1659, novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.764 A, Squillacensis I, Relatio de statu Ecclesiae Squillacensis, Roma 20 giugno 1661.
1661
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

GasperinaCZ38.738616.5075VII-VIII

Il terremoto danneggiò gravemente l’abitato (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659

GrotteriaRC38.364216.265VII-VIII

Il terremoto causò crolli e gravi danni in un quarto degli edifici (1).

(1)
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

MartoneRC38.353616.2875VII-VIII

Il terremoto causò crolli e gravi danni in un quarto degli edifici (1).

(1)
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

Roccella JonicaRC38.323616.4047VII-VIII

Il terremoto causò gravi danni all’abitato, non ci furono morti (1).

(1)
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

San Giovanni di GeraceRC38.364216.2783VII-VIII

Il terremoto causò crolli e gravi danni in un quarto degli edifici (1).

(1)
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

ComparniVV38.567816.0556VII

Il paese era un casale della città di Mileto. Il terremoto danneggiò molte abitazioni, ma non causò crolli totali, né vittime (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

CutroKR39.032516.9822VII

Il terremoto danneggiò notevolmente l’abitato e causò il crollo di un campanile (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

JonadiVV38.626416.055VII

Il paese era un casale della città di Mileto. Il terremoto danneggiò molte abitazioni, ma non causò crolli totali, né vittime (1).

(1)
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660

MonteleoneVV38.674716.1022VII

La città, insieme ai suoi numerosi casali (fra i quali Piscopio, San Gregorio d’Ippona, San Pietro e Triparni), era censita per 1.773 fuochi. Il terremoto non causò crolli totali, ma varie case furono lesionate e il castello dei duchi Pignatelli subì gravi danni. Non ci furono vittime (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Copia di lettera scritta dal priore dei Carmelitani Scalzi di Catanzaro al padre provinciale in Napoli, con relatione de’ danni grandi fatti da’ terremoti, e de’ luoghi danneggiati" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 29 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
De Marinis D.A.
Relatione fatta a S.E. sopra li danni che hanno patito molte Città, Terre, & Casali nella Provincia di Calabria ultra, per cagion del terremoto, che seguì la notte delli 5 di Novembre 1659.
Napoli 1660
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660

PizzoVV38.733316.1586VII

Il terremoto causò lesioni nelle abitazioni; fu gravemente danneggiato il convento dei Paolotti (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 20 novembre 1659.
1659
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
D’Amato V.
Memorie historiche dell’illustrissima, famosissima e fedelissima città di Catanzaro.
Napoli 1670

Castiglione MarittimoCZ38.980616.1586VI-VII

Il terremoto causò danni non precisati (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659

Isola di Capo RizzutoKR38.958917.0956VI-VII

Il terremoto danneggiò notevolmente il campanile e la sagrestia della cattedrale (1)

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.401, Insulana, Relatio status diocesis Insulana, Isola di Capo Rizzuto 15 febbraio 1670.
1670
Archivio Segreto Vaticano, Sacra Congregatio Concilii, Relationes dioecesium, b.401, Insulana, Relatio status diocesis Insulana, Isola di Capo Rizzuto 28 marzo 1667.
1667

MaidaCZ38.857516.3644VI-VII

Il terremoto causò qualche lesione nelle abitazioni e il crollo di alcuni vecchi muri (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659

NicoteraVV38.551415.9375VI-VII

Il terremoto causò danni non precisati (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659

Reggio di CalabriaRC38.108115.6469VI

Il terremoto fu avvertito molto fortemente, ma non causò danni di rilievo; è ricordato il crollo di 2 case fatiscenti e disabitate (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
Zappia C. e Catizzone A.
Cronaca di Cristoforo Zappia e del decano Antonio Catizzone seniore (438-1718), in "Memorie da servire alla storia sacra e civile di Reggio e delle Calabrie", a cura di A.M.De Lorenzo, vol.1, parte 1, fasc.3, pp.66-108, parte 2, fasc.4, pp.109-152.
Reggio Calabria 1874

Terranova Sappo MinulioRC38.320616.0067VI

Il terremoto fu avvertito molto fortemente, ma non causò danni di rilievo; il campanile del convento dei Celestini, già prima della scossa in cattive condizioni, risultò pericolante (1).

(1)
Biblioteca Apostolica Vaticana, Manoscritti, Vaticani Latini, 10444, c.32, Relazione sul terremoto della Calabria del 5 novembre 1659, Terranova 8 novembre 1659.
1659

CosenzaCS39.302816.2514V

Il terremoto fu avvertito fortemente, ma non causò danni (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659

MessinaME38.186915.5492V

Il terremoto fu avvertito fortemente, ma non causò danni (1).

(1)
Brieve relatione del Terremoto occorso nella Calabria e della rovina fatta in molte Terre, e Casali di essa Mercordì notte 5 di Novembre 1659 secondo gli avvisi venuti di colà.
Palermo 1660
Biblioteca Regionale di Messina, Manoscritti, 14/1-4, G.Cuneo, Avvenimenti della Nobile Città di Messina occorsi dalli 15 Agosto 1695 nel qual giorno si promulgò la scala franca, 4 voll, ms. sec.XVIII.
0018

NicastroCZ38.973916.3181V

Il terremoto fu avvertito fortemente, ma non causò danni (1).

(1)
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Napoli, vol.61 D, "Relatione delle notizie che sin’hora si hanno de’ danni del terremoto succeduto nella Calabria a dì 5 novembre 1659" allegata al dispaccio del nunzio apostolico Giulio Spinola arcivescovo di Laodicea al segretario di Stato cardinale Giulio Rospigliosi del 13 dicembre 1659.
1659

PaolaCS39.3616.0403IV-V

Il terremoto fu avvertito, ma non causò danni (1).

(1)
Archivio di Stato di Napoli, Viceré, Scritture diverse della Segreteria, fascio 250 (1660), Consulta negativa della Camera della Sommaria sulla richiesta dell’Università di Paola di dilazioni nei pagamenti fiscali, Napoli 10 luglio 1660.
1660
Archivio Segreto Vaticano, Segreteria di Stato, Vescovi e prelati, vol.44, Lettera del vescovo di Catanzaro Filippo Visconti al cardinale nipote Flavio Chigi, Catanzaro 12 novembre 1659.
1659